Latest

noi (& i) robot (2)

Giovedí scorso, la commissione giuridica del Parlamento europeo ha approvato una relazione «recante raccomandazioni alla Commissione concernenti norme di diritto civile sulla robotica»; si ritiene necessario, dunque, che, nel momento stesso in cui una tecnologia come quella robotica viene progettata, alte siano le garanzie sulla sicurezza e sull’incolumità degli uomini. La paura che la tecnologia, soprattutto quella informatica, possa prendere il sopravvento e soggiogare gli stessi esseri umani che l’hanno concepita ha attraversato la mente di molte persone, letterati e comuni mortali. Usu docendi, i docenti d’informatica dicono che, quando le macchine avranno imparato a leggere l’ambiente e ad autoprogrammarsi, gli esseri umani potranno cominciare a spaventarsi. All’immagine del robot – automa, semplice pupazzo meccanico che sa fare solo ciò per cui è programmato, si è spesso sostituita, e viepiú si sostituisce, quella di un robot che possa fare “di testa sua” o, addirittura, sottomettere il genere umano.
Il dio Efesto aveva degli automi, si dice, che Read the rest of this page »

Vivendi e Biscione, la saga continua

Aggiornamento 18 gennaio: ha avuto luogo a Londra la presentazione del piano triennale di Mediaset. Ecco come i contenuti venivano anticipati dalle linee guida del CdA:

“(…) La crescita futura sarà costruita sia attraverso lo sviluppo di contenuti locali e internazionali, innovative partnership internazionali come la recente Studio 71, nuovi contenuti “online first” e il lancio di una piattaforma OTT AvoD* di nuova generazione, sia attraverso lo sviluppo anche digitale dell’offerta pubblicitaria Mediaset. Sul lato delle efficienze, due gli ambiti di azione principali. Da un lato sono già operative le attività con Mediaset España per la coproduzione internazionale di contenuti, attività estendibili anche ad altri broadcaster europei. Dall’altro, oltre alle fisiologiche efficienze frutto dell’ottimizzazione dovuta al pieno utilizzo delle opportunità tecnologiche, una rifocalizzazione dell’area pay tv organizzata su due piani. Rendere disponibili i canali pay prodotti da Mediaset anche ad altri operatori, e contemporaneamente aprire la piattaforma tecnologica Premium – unica esistente in Italia sul digitale terrestre – a tutti i produttori di contenuti interessati a un’offerta pay. Un nuovo assetto che consentirà a Premium di partecipare alle aste per i diritti del calcio con un approccio orientato alle reali opportunità di business. Tutte queste attività produrranno una crescita della quota di mercato pubblicitario totale di Mediaset dal 37,4% di oggi a oltre il 39,0% nel 2020. Con un miglioramento, sempre al 2020, dell’Ebit delle attività media italiane atteso per 468 milioni di euro.”

Ed ecco, invece, i contenuti della presentazione di Londra. Read the rest of this page »

silence…

No title could ever be better than ‘Silence’ for Martin Scorsese’s ‘Silence’.

Throughout the history, when the gods decided to be silent, it was not a good sign, and human beings had to Read the rest of this page »

Mary e il Vento

La Disney è sempre stata sensibile alle tematiche ambientali e Mary Poppins, di recente, lo ha ben dimostrato. Ha spiccato il volo, al suo solito, nei cieli di Londra, armata, però, oltre che d’ombrello, d’un Read the rest of this page »

waiting for 007, what of 00pasqual?

Who will be the new James Bond? Taken for granted Daniel Craig’s refuse, and not a strategy to earn more, many actors are said as possible ‘007 of the future’: Tom Hiddleston, Idris Elba, Read the rest of this page »

Sanremo 2017: il disgelo è avvenuto

Il gelo su Sanremo 2017, almeno con riguardo alla co-conduzione, sembra in procinto di sciogliersi e la conferenza stampa ufficiale di domani lo suggellerà definitivamente. Oggi anche l’Ansa, dopo le indiscrezioni girate negli ultimi giorni, riprende il settimanale ‘Chi’ e riferisce che a condurre il festival accanto a Carlo Conti ci sarà Read the rest of this page »

Golden Globe Awards 2017

Herafter the list of 2017 Golden Globes; winners underlined.

Read the rest of this page »

sindacare sulla sindaca…

Coloro che la pensano diversamente non me ne vogliano ma regna in me assoluta perplessità, mista a difficoltà d’utilizzo, riguardo alla forma femminile nelle cariche e nelle professioni.
Il rispetto verso le donne, messo duramente alla prova dalla cronaca e dalle valutazioni sul merito, non si esprime torturando la grammatica: Read the rest of this page »

a volte ritornano (10): le epifanie nell’Epifania

Aggiornamento 9 gennaio: Nove, il canale che ospiterà le prossime fatiche di Maurizio Crozza, trasmette da qualche giorno alcuni promo sul programma che andrà in onda sulla rete, probabilmente tra fine febbraio e primi di marzo, dopo la capatina al festival di Sanremo.
‘Siamo fatti cosí’, ‘Dynasty’, Maurizio Crozza, Duck Tales e ‘Giochi senza frontiere’: è bello, nel giorno dell’Epifania, trattare le “epifanie” di alcuni appuntamenti cult nella storia dei media.

  • Tutti ricordiamo Alexis, Blake Carrington e gli altri personaggi di ‘Dynasty’, soap opera ABC che andava in onda su Canale 5 e Rete 4 negli anni Ottanta e Novanta; il suo rifacimento è in fase di sviluppo a The CW, per mano, tra gli altri, di Sallie Patrick, sceneggiatrice di ‘Revenge’, nonché di Josh Schwartz e Stephanie Savage, ideatori di ‘Gossip girl’. I tre ne saranno inoltre i produttori esecutivi accanto agli ideatori della serie originale, i coniugi Richard ed Esther Shapiro. Alcune cose saranno diverse, per esempio, al posto di Krystle, secondo Deadline, ci sarà l’ispanica Cristal Jennings, moglie di Blake e matrigna di Fallon. (Fonte: Deadline, attraverso badtv.it)
  • Abbiamo tutti meraviglioso ricordo di globuli rossi, globuli bianchi, piastrine, virus simili a Paolo e Luca… era ‘Siamo fatti cosí’, anche nota come ‘Esplorando il corpo umano’ o Read the rest of this page »

a mille ce n’è, nella storia, di fiabe da narrar…

Qual è la verità storica che si nasconde dietro le fiabe? Chi erano esattamente Cenerentola, Biancaneve, la Bella e la Bestia, lo stesso Maui di ‘Oceania’? Roberto Giacobbo, che salutiamo caramente, se n’è occupato in una delle recenti puntate di ‘Voyager’ e noi, nel nostro piccolo, vogliamo offrire un modesto contributo. Sí, ma Read the rest of this page »

2017: anniversaries to keep in mind

In 2017 many anniversaries must be remembered and taken into consideration:
17 C.E. the historian Titus Livius dies (‘Ab Urbe condita libri CXLII’);
117  C.E. Hadrian becomes emperor; also known for his relationship with Antinous and the Marguerite Yourcenar’s novel ‘Les mémoires d’Hadrien’ (‘Memoirs of Hadrian’);
317 C.E. in China, Sima Rui, becomes the first emperor of the eastern Jin, taking the name of Jin Yuandi. His capital was Jiankang, the future Nanjing;
417 C.E. Galla Placidia, daughter of Theodosius the Great, gets married with the general Flavius Costantius; their child is Valentinianus III; Read the rest of this page »

2017: year of the Rooster, the sustainable tourism and many films

According to the Chinese astrology, 2017 is the year of the Rooster. Not the crazy rooster of Disney’s ‘Oceania’, of course, but an awake and energetic symbol of the Good Fortune and Vitality. As for environment, 2017 will be Year of Sustainable Tourism; the assembly of the United Nations (UN) has ratified that such appointment is of utmost importance “for the development, in promoting the issue among as many people as possible, to spread awareness of the great heritage of various civilizations and in bringing about a better appreciation of the inherent values of different cultures, thereby helping to strengthen peace in the world.” Tourism is included as a target of three of the Sustainable Development Goals (SDG):
• SDG 8: Promote sustainable economic growth, inclusive and sustainable, full and productive employment and decent work for all
• SDG12: Ensuring sustainable consumption and production patterns
• SDG 14: Safeguarding the oceans, seas and marine resources for their sustainable development.
Hope for the best.
Secondo l’astrologia cinese, il 2017 sarà l’anno del Gallo. Non il galletto pazzerello di ‘Oceania’, certo, ma un desto ed energico simbolo di Fortuna e Vitalità. Dal punto di vista ambientale, il 2017 sarà Anno del Turismo Sostenibile; l’assemblea delle Nazioni Unite (ONU) ha ratificato che tale designazione riveste la massima importanza “per lo sviluppo, nel promuovere il tema fra il maggior numero di persone possibile, nel diffondere consapevolezza della grande patrimonio delle varie civiltà e nel portare al riguardo un miglior apprezzamento di valori intrinsechi delle diverse culture, contribuendo così al rafforzamento della pace nel mondo”. Il turismo è incluso come target di tre degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS):
• OSS 8: Promuovere una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, la piena e produttiva occupazione e un lavoro decoroso per tutti
• OSS 12: Garantire modelli di consumo e produzione sostenibili
• OSS 14: Salvaguardare gli oceani, i mari e le risorse marine per un loro sviluppo sostenibile
Speriamo in bene.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Per quanto riguarda le uscite cinematografiche in Italia, davvero numerosi gli appuntamenti in sala. Tra i tanti, ricordiamo: Read the rest of this page »

caro Fabiano, ti scrivo… (2)

In queste ore si rincorrono indiscrezioni sul palinsesto 2017 di Rai 1, con particolare riguardo alla fascia post prandiale (che, chiamata cosí, fa venire in mente le prescrizioni mediche degli antibiotici, o la pennichella che talvolta coglie dopo il pasto di mezzogiorno): dal 2 gennaio, ‘Torto o ragione – il verdetto finale’ andrà in onda alle 14; seguirà, alle 15.30 circa, ‘Vita in diretta’, diviso in due parti separate dal telegiornale delle 16.30, la prima piú leggera, con uno spazio dedicato a ‘Ballando on the road’, la seconda versata piú specificamente sulla cronaca.
Il vostro blogger preferito, partendo dalla considerazione che buona parte del pubblico, dopo aver seguito il Tg1 delle 13.30, preferisce spostarsi su Rai 3 per i telegiornali regionali, aveva cavalcato un’ipotesi già congetturata: posizionare i tg regionali, almeno per l’edizione delle 14, su Rai 1. Al netto del fatto che la rete piú seguita, nella fascia oraria in oggetto, rimarrebbe Canale 5. Alle 20.30, al posto del consueto programma di access, sarebbe interessante pure, in un’ottica di servizio ma paralizzerebbe la fisionomia dell’emittente.
A quando, piuttosto, proprio, in un’ottica di tv di Stato e di servizio, un canale dedicato solo alle attività parlamentari e al Question Time?

PS: complimenti, Alberto!

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: