Latest

Rai, Mediaset e il Nuovo Mondo

Rai World, controllata da RaiCom, gestisce in Europa tutti i canali Rai, nel resto del mondo Rai Italia, Rai World Premium e Rai News 24; da lunedí prossimo, 1° giugno, i segnali di Rai World non passeranno piú dal Fucino ma saranno trasportati dalla società israeliana RR Media negli Stati Uniti, da dove saranno “up-linkati” sui satelliti Intelsat 21 e Galaxy 23 (i primi per tutto il Nuovo Mondo, i secondi per il solo Nord America). Il marketing di questo poderoso network sarà affidato a Condista, che è già responsabile di sedici canali in lingua spagnola (←articolo di Dom Serafini su Millecanali).

E Mediaset? Illo tempore, il sottoscritto ha proposto all’azienda di Cologno una politica d’espansione in America Latina, partendo dal semplice presupposto Read the rest of this page »

un (piccolo) Buddha per il Nepal

Nella giornata di giovedí, 28 maggio 2015, sarà organizzata una proiezione speciale di ‘Piccolo Buddha’, di Bernardo Bertolucci, per aiutare il Nepal; avrà luogo nella sala santa Cecilia dell’Auditorium di Roma, gentilmente concessa dalla Fondazione ‘Musica per Roma’ e dall’Accademia di Santa Cecilia, grazie a Lucky Red. L’iniziativa nasce nell’ambito di ‘Emergency per il Nepal’ e ‘Children Village’ ed è stata presentata da Bertolucci, Keanu Reeves, Cecilia Strada di Emergency e Patrizia Bisi, coordinatrice per l’Italia del progetto Children Village.

Il maestro Bernardo Bertolucci, che diresse il bellissimo film nel 1993, ha dichiarato: Read the rest of this page »

i sogni (e la follia?) di Miyazaki

È nelle sale italiane in questi giorni ‘Il regno dei sogni e della follia’ (夢と狂気の王国 Yume to kyôki no ôkoku), documentario di Mami Sunada dedicato ad Hayao Miyazaki e alla sua équipe, il mitico Studio Ghibli. 

In Giappone è uscito nel novembre 2013, è stato presentato in anteprima mondiale al Festival International du Film d’Animation d’Annecy nel 2014  ed è disponibile anche in dvd o video on demand.

Read the rest of this page »

Cannes 2015, qu’est-ce qu’il est passé?

“Sapete, con un’altra giuria, con un altro gruppo di persone, sarebbe finita in modo diverso. Ma noi ci siamo entusiasmati per film in cui ci siamo riconosciuti, ed è proprio questa la natura del nostro compito.  (…) Abbiamo giudicato come artisti, non come critici. Non potevamo premiare tutti, da una selezione perfetta abbiamo tirato fuori un verdetto imperfetto. Alcuni dei film eliminati avremmo voluto rivederli piú di una volta ma è stato impossibile.”

i fratelli Coen (da Repubblica)

Gli stupendi film di Garrone, Moretti e Sorrentino che erano in concorso a Cannes meritano ogni possibile elogio ed è stata mia cura vederli tutti e tre prima di potermi esprimere in merito.

Ovvio che il criterio adottato dalla giuria di Cannes sia stato quello dell’attualità e chi rimprovera al nostro cinema la poca aderenza ai problemi del presente starà forse sorridendo.

Read the rest of this page »

la guerra dell’Italia

Oggi, 24 maggio 2015 alle ore 15 l’Italia osserva un minuto di silenzio. Cento anni fa, infatti, l’Italia sceglieva di entrare nel tunnel della Prima guerra mondiale, dal quale sarebbe uscita solo dopo il sacrificio di 650 mila caduti militari e 600 mila vittime civili.
Si partirà da Roma, dal cannone del Gianicolo; un salve d’onore, cui se ne aggiungeranno altri, in ventiquattro diverse città, presso i monumenti ai Caduti. Gli studenti delle scuole primarie recheranno, quale delicato ma simbolico omaggio, delle stelle alpine fatte di carta. Prevista l’emissione di quattro francobolli celebrativi e l’apertura gratuita dei Musei militari e dei luoghi della Memoria, fino al 2 giugno.
Negli stadi, si osserverà un raccoglimento particolare; i calciatori scenderanno in campo indossando una maglia fregiata della scritta “Ricorda“, dai versi di Giuseppe Ungaretti, la medesima al braccio di seicento podisti militari alle prese con la staffetta “L’Esercito marciava“.
Dal punto di vista comunicativo, l’importante ricorrenza è suggellata dalle seguenti iniziative: Read the rest of this page »

Palermo chiama Italia

‘Palermo chiama Italia è il titolo della manifestazione organizzata dalla fondazione ‘Giovanni e Francesca Falcone’ in collaborazione con la Direzione Generale per lo Studente del Ministero dell’Istruzione che commemora la strage di Capaci (23 maggio 1992). Quest’anno la città di Palermo (aula bunker) sarà collegata con le città di Rosarno (con Adriana Musella), Milano (Nando Dalla Chiesa), Firenze (Betta Caponnetto), Corleone (associazione ‘Addio Pizzo’), Gattatico (vittime di Pizzolungo) e Napoli; sette città, dunque, unite nel ricordo e nella speranza, con la partecipazione attiva degli studenti calabresi, lucani e delle altre realtà. Rai 1 segue l’evento in diretta, a partire dalle 10.50 e, nel giorno della legalità, prevede la programmazione in prima serata del film ‘La mafia uccide solo d’estate‘; Rai Storia dedica alla legalità l’intera programmazione della giornata: Read the rest of this page »

à Victor Hugo

“L’aube parut et fit le jour. Un rayon blanc pénétra dans la chambre et en même temps entra dans l’esprit de Gwynplaine.
-Et Dea! lui dit la clarté.”

Victor Hugo, L’Homme qui rit

“Ce n’est rien de mourir, C’est affreux de ne pas vivre.”

Victor Hugo, Les Misérables

“L’alba apparve e si fece giorno.
Un raggio bianco entrò nella stanza e, contemporaneamente, nello spirito di Gwynplaine.

E la luce gli disse: E Dea?”.

Victor Hugo, l’Uomo che ride

Morire è nulla.
È spaventoso il non vivere”

Victor Hugo, I Miserabili

Statue de Victor Hugo à Hauteville House, sa maison de St Peter (GUERNESEY)

Besançon, le 26 février 1802 – Paris, le 22 mai 1885

brevi dai media (5)

Cosa passa nella testa delle famiglie Berlusconi e Murdoch?  Secondo le indiscrezioni piú recenti (Corriere della Sera et alt.), si starebbe lavorando ad una società in grado di consentire a Sky e a Mediaset di coabitare nella pay tv, unendo gli asset e i sette milioni di clienti delle  rispettive piattaforme. Sarebbero stati i figli di Berlusconi a scongiurare la vendita totale dell’azienda. In ogni caso, il monopolio che verrebbe a crearsi, pur con dei precedenti in Europa, dovrebbe passare il vaglio dell’Antitrust. Che poi, a pensarci… già Fox Sports è una bella forma di partnership… Quanto agli interessi di Berlusconi in Europa, si è saputo che las hermanitas di Telecinco (rileggi), cioè le emittenti spagnole del Biscione, sono aumentate; Mediaset España Comunicación, ha acquisito il 40% di Godo Group, il gruppo a capo di Digitals de Catalunya e 8 Tv, proprietario di quattro frequenze televisive e del quotidiano La Vanguardia (Huffington Post).

Cosa passa nella testa di chi cura la programmazione Mediaset? Molti reality show, a quanto sembra. La prossima stagione televisiva vedrà il ritorno dell’Isola dei famosi (11) e del Grande fratello (14) ma, per la prima volta in Italia, andrà in onda anche ‘Grande Fratello VIP’, probabilmente nella prima parte della stagione, quella autunnale. Secondo Dagospia, potrebbe tornare in onda anche ‘La Talpa’ (4), il fortunato programma che ha costituito uno dei cavalli di battaglia di Italia 1.

Cosa passa nella testa dei responsabili di Sanremo? Secondo TvZoom la conduzione del festival nel 2016, che sarà rivelata ufficialmente i prossimi 29 e 30 giugno, è “un segreto di Pulcinella” giacché Carlo Conti, che salutiamo caramente, ha già cominciato a girare per le case discografiche per annusare e subodorare le novità e gli umori. Questo, secondo la testata, significa che Carletto sarà nuovamente il conduttore della kermesse anche se, a rigore, il suo girare per le case discografiche potrebbe dipendere dal ruolo di direttore artistico. Si è vociferato della possibile co-conduzione di Maria de Filippi, anche per una sola serata e con “ruoli distinti”. Read the rest of this page »

brevi dai media (4)

  • I palinsesti (televisivi e pubblicitari) della Rai saranno svelati il prossimo 29 giugno a Milano, capitale europea della comunicazione e italiana della pubblicità; tra le ghiotte anticipazioni, le conferme di Carlo Conti alla guida di ‘Tale e Quale Show’, Antonella Clerici che ritorna con ‘Ti lascio una canzone’, Massimo Ranieri e, udite, udite, la conduzione del festival di Sanremo 2016.
  • Ha avuto luogo il 2 aprile un’iniziativa nobile e visionaria: alcuni genitori di bimbi autistici sono stati al MAXXI di Roma e hanno consentito alla loro esperienza di diventare arte, nella prospettiva di creare un vero e proprio film sull’autismo (www.miofiglioautistico.it; http://www.zoofactory.it/; https://www.youtube.com/watch?v=mI3IfikXlIk&feature=youtu.be).
  • L’archivio digitale europeo del cinema mondiale, dal 1895 ai giorni nostri, è finalmente in rete e consta di cinquantamila schede di film (con trama, trailer, cast artistico e tecnico, recensioni), duecentoventi mila nomi di personaggi, centomila biografie, sette mila locandine, programmazione quotidiana di quattromila sale cinematografiche italiane. 
  • È stato presentato all’Italian Pavillion di Cannes il Mercato internazionale dell’Audiovisivo (MIA per gli amici), iniziativa che avrà luogo durante la prossima Festa del Cinema di Roma (16 – 23 ottobre, però il MIA finisce il 20). Nelle suggestive cornici del Boscolo Exedra Hotel, del museo Terme di Diocleziano, dei cinema Fiamma e Quattro Fontane ci saranno dibattiti, conferenze, proiezioni, workshop, incontri per agevolare lo scambio ed il confronto di film, documentari e videogiochi. L’interessante iniziativa nasce per volere di Anica, APT, doc/it e Fondazione Cinema per Roma, con il sostegno di MiSE, Agenzia ICE, la promozione della Direzione generale Cinema del MiBACT e di Luce Cinecittà, le adesioni di The Business Street, New Cinema Network, Film Financing Forum, Italian Doc Screenings, TV Days e Doc&Factual Agora.
  • È nato venerdí scorso “CNLive! cinema” canale web nato dalla partnership tra Rai Cinema e gruppo Condé Nast, ospitato dalla piattaforma CNLive! Si occupa di curiosità sul mondo del cinema, dietro le quinte, contenuti inediti, indiscrezioni ma anche segreti professionali sulle magie tecniche che consentono al cinema di prendere forma e respirare.
  • Secondo uno studio della Digital Tv Research, l’arrivo di Netlix in Italia non comporterà un passaggio drastico e definitivo dal cavo tradizionale della televisione alla tv on demand (cosiddetto cord – cutting, già avvenuto in America). Secondo le proiezioni dello studio, che copre diciotto Paesi tra cui l’Italia, la pay tv raggiungerà il 60,4% della popolazione nel 2020 (l’anno scorso era al 56,7%); nel periodo 2014-2020 ci saranno circa venti milioni di nuovo sottoscrittori alla pay tv digitale, di cui oltre undici profughi da canali che, per allora, potrebbero essere passati a miglior vita.

Read the rest of this page »

nove anni

Pasquale Curatola’s Blog is today celebrating 9th anniversary; born in a quite casual way just to manage an on line diary – zibaldone (Giacomo Leopardi‘s hotchpotch), then changed into a more articulated structure, which deals with reflections, pieces of information, references to my own fields, pieces of humour.
Thank you so much for reading, please do it again!

Someone does not know what a blog actually is (and there are millions).Someone else believes, however, it is not to advertise other people’s activities.

It is a kind of logic.
The aknowledgement of our own merits does not pass through the disavowal of the others’ones.
Another, perhaps less visionary, logic

Il Pasquale Curatola’s Blog festeggia oggi il nono anniversario; nato in modo quasi casuale per tenere on line un diario – zibaldone, è poi evoluto in una struttura piú articolata, che ospita riflessioni, frammenti d’attualità, riferimenti ai propri ambiti d’interesse, note d’umorismo.
Grazie di cuore a chi lo legge, con preghiera di continuare a farlo.
Qualcuno non sa che cos’è un blog (e ce ne sono milioni). Qualcun altro ritiene che, comunque, non si deve fare pubblicità ad altri.

È una logica.
Il riconoscimento dei propri meriti non passa attraverso il disconoscimento dei meriti altrui. Un’altra logica, forse meno visionaria,

 

Read the rest of this page »

adrianoooo (3), ovvero lo gnomo e il molleggiato

Ricordi cosa ci ha raccontato lo gnomo Ronald riguardo a quel minerale trovato una volta, per puro caso, dai Puffi? Quel minerale i cui campioni funzionavano come monitor o telecamere, a seconda di come venissero guardati? (…) Dietro quell’episodio, come anche lo gnomo Ronald probabilmente sa, si cela un codice criptato, un antico idioma comprensibile solo agli iniziati ai misteri dell’Etere. Una sorta di Sacro Graal per chi fa televisione!”

P. Curatola, Il Codice Peyo

Due personaggi della fantasia e dell’immaginario collettivo sembrano in procinto di tornare alla ribalta: Adriano Celentano e David Gnomo.

La lunga odissea del cartone Adrian è stata trattata piú volte in questo blog: serie animata con un Celentano per protagonista, adeguatamente trasformato in personaggio di fantasia, altrettanto molleggiato e sentenzioso ma piú colorato. In principio doveva essere una produzione Mondo TV per Sky, poi ci sono stati dei problemi e adesso alcune indiscrezioni vogliono che la serie in ventisei puntate, disegnata da Milo Manara, con testi di Vincenzo Cerami, musiche di Nicola Piovani e dello stesso Celentano, stia per approdare sulle reti Mediaset.

La Weinstein Company, nel suo piccolo, ha invece rilevato i diritti per i rifacimenti di David Gnomo, insieme ad altre due serie poco note (Spy Kids e ReBoot). Secondo Hollywood Deadline, lo studio ha messo in cantiere SpyKids e ReBoot in collaborazione con la canadese Rainmaker mentre, per quanto attiene al piccolo abitante della foresta, la Weinstein (TWC) sembra in affari con la spagnola BRB Internacional. Read the rest of this page »

i numeri del cinema (italiano) (2)

Audimovie ha pubblicato i dati relativi agli spettatori che hanno frequentato i cinema italiani nel primo quadrimestre di quest’anno (per film italiani e non). Sono stati staccati quaranta milioni di biglietti, 9,9% in piú rispetto allo stesso periodo del 2014. Su 40.689.324 di biglietti, ad Audimovie risulta che 32.539.037 (’80%) sono stati emessi nelle biglietterie delle sale delle concessionarie a lei aderenti: Rai Pubblicità, Moviemedia, International Cinemamedia UCI, PRS; per andare nel dettaglio, i grandi multisala con piú di sette schermi hanno attratto il 64,8% delle presenze, quelli con sei o sette schermi il 14,0%,  quelli con tre, quattro o cinque schermi il 16,3%, quelli con due schermi il 3,2%, i monosala l’1,7%.Positivo anche il numero di spettatori nelle grandi città, che segna un +0,2% a Roma, +7,4% a Milano, +7,9% a Torino, +9% a Firenze, addirittura +15,3% a Napoli. La media delle presenze cresce a 15.309 spettatori, segnando un incoraggiante 10% in piú.

Quanto alla quota di programmazione televisiva, il direttore di Rai 1, Giancarlo Leone ha annunciato che i film italiani programmati dalla sua emittente in prima serata:

Read the rest of this page »

lo spartito di Cannes 2015

Il cinematografico concerto di Cannes 2015 comincia oggi e la sua ouverture sembra avvenire sotto i migliori auspici. Si è già parlato dell’italico terzetto Garrone – Sorrentino – Moretti che si contenderà la palma al miglior Film e si vuol ricordare come ‘Il racconto dei racconti’, del detto Garrone, uscirà in sala domani, lo stesso giorno della sua presentazione al festival francese  (per non parlare di Roberto Minervini ed il suo ‘Louisiana (the Other Side)’ nella sezione Un certain regard).

Italiane anche molte delle voci dell’ultima riduzione cinematografica del ‘Piccolo Principe‘ di Saint-Exupéry, diretta da Mark Osborne, presentata a Cannes in questi giorni ma in sala a dicembre: Micaela Ramazzotti (la Rosa), Stefano Accorsi (la Volpe), Paola Cortellesi (la Mamma), Toni Servillo (l’aviatore), Alessandro Gassmann (il Serpente), Giuseppe Battiston (l’Uomo d’affari), Pif (il Re) e Alessandro Siani (il Vanitoso).

Né ha senso tacere che proprio a Cannes sarà presentata la versione restaurata dell’immortale ‘Rocco e i suoi fratelli’ di Visconti, realizzata dalla Cineteca di Bologna (L’immagine ritrovata), in collaborazione con Titanus, TF1, The film foundation di Martin Scorsese e Gucci.

Non si può omettere, tuttavia, la copiosa percentuale di pellicole in odor di palma che la Francia si è assicurata, cinque su diciannove (‘La loi du marché, di Stéphane Brizé, ‘Dheepan’, di Jacques Audiard, ‘The Valley of Love’, di Guillaume Nicloux, ‘Marguerite et Julienne’, di Valerie Donzelli, ‘Mon Roi’, di Maïwenn). 

Da ricordare anche, tra le altre cinematografie partecipanti, ‘The Lobster’ di Yorgos Lanthimos, ‘The Sea Of Trees’ di Gus Van Sant, ‘Carol’ di Todd Haynes, ‘Sicario’ di Denis Villeneuve.

Read the rest of this page »

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: