Latest

tarantino’s jewels…

Quentin Tarantino’s “the Hateful Eight’ is mainly based on the search of the Truth. And the Truth has a price.
Those ones who love the Truth are perfectly aware of the risks they run and the ancients used to swear on their genitals.
In Latin the word TESTIS, -IS meant at least two different things: witness and testicle, as well as in Old Greek, with the word ὅρκος (pron. horkos, “oath”), which was at the origin of the verb ὁρκόω (pron horkòo, “to swear”) and of the current English word “orchitis” (an illness).
High school professor of Latin acted as if not aware of but, when a character of the Plautus’ play ‘Miles Gloriosus’ used the word “testis”, he meant more than “witness”…
Read the rest of this page »

W la scuola! (3)

La scuola è il “meccanismo” che il Sistema prevede per formare i suoi cittadini. Potrà essere “sano” e “ben funzionante”, dunque, nella stessa misura in cui sarà “sano” e “ben funzionante” il Sistema di cui è parte.
Alcuni hanno parlato di “fine dell’utopia della scuola pubblica”, altri paventano che siano la società e le famiglie a non credere piú nell’istituzione.
Sarebbe bello creare Read the rest of this page »

a volte ritornano (3)

  • Il 2016, anno del trentennale dell’arrivo nel nostro Paese di David Gnomo e del ventennale dei Pokemon, sarà anche l’anno del rilancio di Cristina d’Avena. È stata infatti ufficializzata, anche sul sito della cantante, la partecipazione a Sanremo della Cristinona nazionale, record -woman delle sigle dei cartoni animati sull’intero globo terracqueo; sarà ospite ad una delle serate, forse l’ultima, e in rete c’è già chi progetta uno spazio, magari l’intera serata cover, da dedicare alle canzoni che hanno accompagnato la nostra catodica infanzia (né si potrà mai affermare che, quanto a qualità, la sigla di un cartone animato sia inferiore a talune canzoni di musica leggera…). Una sigla tra le cover è prevista già quest’anno, per la verità, non la ricordiamo per non influenzare…
  • Nel suo piccolo, Bruno Vespa ha rinnovato il contratto, in virtú di un’opzione che ha consentito alla Rai di esercitare il diritto d’opzione per un altro anno. Tutto è avvenuto nell’ambito del consiglio d’amministrazione di mercoledí, il medesimo che ha deciso la nomina di Antonio di Bella alla direzione di RaiNews24 e ha ratificato ad Antonio Campo Dall’Orto i poteri di amministratore delegato. Fino al 2017, però, il compenso di Vespa è ridotto del 15 per cento: circa 1,08 milioni di euro per 100 puntate di ‘Porta a Porta’, piú gli extra per gli speciali in prima serata. (<- il Giornale)
  • Il vampiro Nosferatu tornerà invece in auge grazie alla Cineteca di Bologna, nell’ambito del progetto Read the rest of this page »

brevi dai media (16)

  • Gli analisti di Mediobanca Securities hanno avuto un incontro con alcuni dirigenti Mediaset e sembrano aver riportato rassicuranti riscontri , sia sull’andamento del mercato pubblicitario, sia sulla pay tv. Secondo una nota Reuters, ripresa da Digital – Sat, i citati attendono un avvio positivo del 2016 soprattutto in virtú dei dati macroeconomici; con riguardo alla pay tv dichiarano:

    “la nostra sensazione è che il management sia fiducioso sull’obiettivo di 2 milioni di abbonati a fine 2015, mentre l’incremento dei prezzi per Premium ha avuto per ora un impatto migliore delle attese sulle sottoscrizioni, anche se solo nei prossimi mesi il quadro sarà più chiaro (…) “sembra che la penetrazione della pay Tv nel nostro Paese sia stabile; non ci sono discussioni in corso in termini di M&A”.

    (Reuters attraverso Digital -Sat)

  • Avrà luogo dal 9 al 12 febbraio, presso la stazione Leopolda di Pisa, la seconda edizione del ‘Pisa Chinese Film Festival’, iniziativa organizzata dall’istituto Confucio della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e dalla società di produzione Polis s.r.l., in collaborazione con l’amministrazione comunale della città toscana e con la citata istituzione ferroviaria. Il festival è dedicato a tre maestri tra i piú in vista del cinema dagli occhi a mandorla, professionisti del calibro di Wong Kar Wai, Diao Yinan, e Zhang Yimou; le proiezioni sono in cinese, con i sottotitoli in italiano. (Ansa)
  • Avrà luogo presso il Museo del Cinema di Torino, invece, dal 25 a 28 febbraio, la seconda edizione di ‘Seeyousound’, festival cinematografico dedicato ai film che parlano di musica (ed il direttore Barbera si stupisce che non ve ne siano altri animati dal medesimo intendimento). In programma quattrocento lavori, tra cui diverse anteprime e alcune chicche di raro interesse, come ‘Low’, di Renaud Cojo, sulla figura di David Bowie, e ‘Danny Collins’, di Don Fogelman, con Al Pacino. Previste tre sezioni di concorso, lungometraggi, cortometraggi e videoclip. (Ansa)
  • Steven Soderbergh, a un anno dall’annuncio dal suo ritiro dal mondo del cinema, starebbe per girare ‘Lucky Logan’, film del quale Read the rest of this page »

the curious case of (Benjamin) Pasqual

* mental age (according to a Facebook application): 22;
* age related to the profundity of thought (according to the friends): 70;
* spiritual age (that one he feels he has): 5;
* chronological age: Read the rest of this page »

piccolo dubbio accademico

Una volta i futuri dentisti si laureavano in Medicina e Chirurgia e si specializzavano poi in Odontoiatria e protesi dentaria. A un certo punto, la laurea in Odontoiatria è diventata autonoma ed è diventato possibile conseguirla senza far prima i sei anni di Medicina.
Il vostro blogger preferito di tutto si è occupato fuorché di ambiti medici ma una domanda gli è sorta spontanea: cosí com’è autonoma Odontoiatria, non potrebbero esserlo, ad esempio,

* Oculistica,
* Psichiatria,
* Otorinolaringoiatria, Read the rest of this page »

disegno di legge su cinema e audiovisivo

È stato approvato in Consiglio dei Ministri il Disegno di legge sul Cinema, che passerà adesso all’esame delle Camere.
I punti nevralgici sono: Read the rest of this page »

ultime dalla Rai

aggiornamento 29 gennaio: con riguardo alla bestemmia di Capodanno, al festivo sacramentare, Agcom si è espressa quest’oggi, dicendo di non ravvisare gli estremi della violazione del Testo unico sulla televisione. Invita però la Rai a voler adottare in futuro ogni idoneo accorgimento per impedire il reiterarsi di simili episodi. (⇐Prima on line)

Lo scorso 31 dicembre della Rai è passato alla storia per una bestemmia e per un espediente, quello di “anticipare” il conto alla rovescia nello stesso stile del veglione di Fantozzi. Antonio Azzalini, dirigente responsabile del fantozziano accorgimento, che aveva addirittura argomentato che tale procedura era nella prassi, è stato rimosso e Monica Maggioni, presidente della Concessionaria di Stato ha commentato:

“Dopo un’attenta riflessione la Rai ha deciso di interrompere il rapporto di lavoro con il dirigente che ha deciso di anticipare il countdown di Capodanno. Abbiamo un’altra idea di servizio pubblico. Non si può dire che ‘si è sempre fatto così’, perché dall’istruttoria emerge che non si faceva sempre così.”

Cosí nell’audizione tenutasi il 27 di gennaio*.
Monica Maggioni ha affrontato anche altri temi, nel corso dell’audizione; con riguardo all’acquisto dei diritti di dieci Gran Premi di Formula 1 in diretta e undici in differita, ha dichiarato che si tratta di “un segno di quanto lo sport sia un pezzo centrale dell’azione della Rai”. Con riguardo ad altri eventi, agli Europei di calcio e alle Olimpiadi, ha invece affermato “anche lo sci alpino avrà il suo spazio” e che si sta “lavorando molto per la prossima estate”. Per quanto riguarda l’organigramma Rai nel suo complesso, Read the rest of this page »

Giorno della Memoria 2016: pittura, scultura, mass media

“Vorrei che i giovani s’interessassero a questa storia per pensare, oltre a quello che è successo,
a quello che potrebbe succedere, e saper opporsi a violenze del genere”

(Giorgio Perlasca)

Il 27 gennaio 2016 ricorre il sedicesimo Giorno (o Giornata) della Memoria, che ogni anno ci ricorda una delle pagine piú atroci e assurde della storia affinché siano per noi di perpetuo memento. Come doveroso, le varie arti dispongono le loro energie al fine e noi, doverosamente, tentiamo di gettare un rapido affresco. Il sito ufficiale www.governo.it ci ricorda:
Read the rest of this page »

#OscarsSoWhite, a diatribe on ethnic diversity management

The world of Cinema is currently interested by a diatribe on the criteria of representation and voice -sharing of the different cultures, mainly regarding 2016 Oscars and, more, in general, the composition of the Jury of the Academy of Motion Picture Arts and Sciences. The first thing I realized when I got into some professional fields is that Cinema, Communication, Marketing, Arts cannot be provincial or culturally limited. To be white, to be black, to be yellow, to be man, to be woman, should not be relevant at all.
And a diatribe on the racism in Cinema and in Oscars management really makes you suffer and worry about.
Everything started on January 18, Martin Luther King Day, when Spike Lee declared on Instagram he will be not at the 2016 Oscars Ceremony as a form of protest for the absolute absence of ethnic diversity among the nominated actors and actresses. The hashtag #OscarSoWhite was born and has become more powerful day by day; after Spike Lee, other professionals moved in favor of the cause, such as Michael Moore, Will Smith, his wife Jada Pinkett, David Oyelowo. Mark Ruffalo firstly agreed and changed mind in a second time.
Michael Caine told it is not possible to give an actor an Oscar just for being black, whereas Charlotte Rampling firstly defined Spike Lee’s initiative as a sort of “racism on the contrary, against the white ones” and then declared:

“I was misunderstood, I want to mean that in an ideal world any human being should have the same opportunities”.

George Clooney told a Variety journalist: Read the rest of this page »

le figlie son pezzi di cuore

Ettore Scola ha deciso di lasciarci da qualche ora ma le sue figlie avevano pensato in tempo a un documentario che, ridendo e scherzando, lo facesse ricordare. ‘Ridendo e scherzando’ è proprio il titolo del detto documentario, scritto e diretto da Paola e Silvia Scola, già presentato alla Festa del Cinema di Roma lo scorso autunno. I figli sono spesso discreti conoscitori dei genitori, meno vero il contrario, ed è probabile che questo lavoro, oltre ad essere un interessantissimo excursus nella storia del cinema italiano, ci aiuti a toccare le corde personali di uno dei maggiori maestri della settima arte. La tecnica Read the rest of this page »

50 shades of bear…

Alejandro G. Iñárritu’s ‘The Revenant’ is a wonderful film, without any doubt. Exquisitely cinematic aspects aside, according to my humble opinion it has not been appreciated the skill of the Bear. Yes, seriously: the Bear! Where did they find a plantigrade able to get into the scene in the perfect moment, beating the protagonist according to its natural instinct and manner, and leave him alive enough to deal with the rest of the picture? (And please remember that trying to shoot a bear’s cubs near to the mother is a particularly dangerous idea and Leo did not use any stuntman). DiCaprio’s bravura is beyond dispute and Alejandro G. Iñárritu told he will never reveal how actually managed to make that incredible scene. Director,  actor, make up artists worthy for the Oscar. However, the Bear too deserves our estimation. And this must be the place to recall the importance of the bears throughout the entire history of cinema. Hanna & Barbera’s Yoghi &
‘The Revenant’, di Alejandro G. Iñárritu, è un film meraviglioso, senza alcun dubbio. Aspetti squisitamente cinematografici a parte, non è stata ancora valorizzata, a mio modesto parere, la bravura dell’Orso. Sí, sul serio: l’Orso! Dove hanno trovato un plantigrado in grado di entrare in scena al momento giusto, battendo il protagonista secondo il suo istinto e le sue naturali maniere, lasciandolo vivo abbastanza per affrontare il resto del film? Si consideri che tentar di sparare ai cuccioli di un orso vicino alla madre è un’idea particolarmente pericolosa e Leo non ha fatto uso di controfigure. La bravura di DiCaprio è fuor di discussione e Alejandro G. Iñárritu ha detto che non rivelerà mai come in realtà sia riuscito a girare quell’incredibile scena. Regista, attore, truccatori, tutti meritevoli di Oscar. Tuttavia, anche l’Orso merita la nostra stima. E questo sembra essere il posto giusto per ricordare l’importanza degli orsi in tutta la storia del cinema. Yoghi e

Read the rest of this page »

brevi dai media (15)

  • Il Rischiatutto di Fazio fa una ritirata strategica, che rimanda al prossimo autunno la resurrezione del popolare quiz di Mike Bongiorno. Si sperava di cominciare il 18 febbraio, stando alle interviste di Duccio Forzano all’Ansa ma, stando a fonti non smentite, l’apertura ufficiale avrà luogo dopo l’estate.  Come si ricorderà, chi scrive dubitava, insieme ad altri, anche sulla rete di messa in onda, dato che i budget piú ambiziosi normalmente competono a Rai 1; adesso il blog Cave Visioni scrive:

“Dopo il Festival di Sanremo, su Raitre andrà in onda una striscia quotidiana dal lunedì al venerdì con il casting dei concorrenti, un po’ in stile reality. L’orario previsto è quello attualmente occupato da Sconosciuti. Sarà certamente una strategia per alimentare l’attesa, in verità già lunga, e fidelizzare il pubblico più giovane che di Rischiatutto ha sentito parlare dai nonni. In primavera Raiuno trasmetterà un’unica puntata, per dare appuntamento al prossimo autunno quando, nella tradizionale serata del giovedì, il nuovo Rischiatutto diventerà appuntamento fisso di Raitre”.

  • Si ricorderà anche dell’esodo dei canali Mediaset dalla piattaforma satellitare Sky verso Tivùsat; in realtà, in questi mesi Rete 4, Canale 5 e Italia 1 si son potute vedere ancora su Sky, con il semplice espediente di cercarle alle posizioni 5004, 5005, 5006, previo decoder integrato o smart key. Mediaset decide soltanto adesso di muovesi legalmente e, come riportato dal quotidiano Repubblica, cita Sky in tribunale per “ritrasmissione dei canali ex analogici di Rti via satellite”. Il Biscione rimprovera a santa Giulia di avere ritrasmesso i canali in modo illegale, Sky risponde a Mediaset di aver soltanto lasciato libera la fruizione di canali comunque gratuiti e senza abbonamento. Mediaset non ha quantificato la richiesta ma valuta i diritti in circa 40-45 milioni di euro.
    L’ultima parola spetterà al tribunale di Milano, sentenza fissata per maggio. Fonte: Repubblica Economia e Finanza
  • Federico Fellini è sempre attuale: ‘Giulietta degli spiriti’, del ’65, sarà proiettata domani, 20 gennaio, nella versione fresca di restauro presso la Sala Cineteca del Comune di Rimini, in occasione dell’anniversario della nascita del regista. L’operazione di restauro è stata possibile in virtú di una collaborazione tra la Cineteca Nazionale ed il Torino Film Festival.
  • Spike Lee ha dichiarato che, per il secondo anno consecutivo, le candidature ai premi Oscar non contemplano un solo  professionista nero. Ieri, nel giorno in cui si ricorda Martin Luther King, il regista ha annunciato:

“Com’è possibile che per il secondo anno consecutivo tutti i candidati sotto la categoria attore sono bianchi? E non entriamo neanche negli altri settori. 40 attori bianchi in due anni e nessuna diversità. Per caso non siamo in grado di recitare? Che cavolo!”. #OscarsSoWhite

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: