Crea sito

brevi dai media (42)

  1. Il tradizionale Concerto del Primo Maggio a Roma sarà condotto da Camila Raznovich e Clementino.
  2. Il TIM MTV Awards 2017, invece, avrà luogo sabato 27 maggio, sempre a Roma; la diretta televisiva sarà condotta da Francesco Gabbani e trasmessa in diretta a partire dalle ore 21.00 su MTV (canale 133 di Sky), MTV Music (canale 708 di Sky) e su VH1 (canale 67 fta), con possibilità di fruizione anche su Sky Go e Now Tv.
  3. Il film ‘l’Accabadora’ si basa su una tradizione sarda, su una figura che, come spesso si dice, “affonda le sue radici” nella tradizione rurale e nel mito. Era, l’Accabadora, la portatrice della “buona morte”, non dava il colpo di grazia ma elargiva, piuttosto, un gesto di carità ad un malato incurabile. Il film è di Enrico Pau ed è interpretato da Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Carolina Crescentini, Sara Serraiocco e Anita Kravos; coprodotto da Film Kairos (Italia) e Mammoth Films (Irlanda), distribuito da Koch Media, è basato su una sceneggiatura originale firmata dallo stesso Pau e da Antonia Iaccarino.
  4. Il Nastro d’Argento 2017 per il Miglior cortometraggio di fiction è stato assegnato a ‘Moby Dick’, di Nicola Sorcinelli, con Kasia Smutniak; il Nastro d’Argento per il miglior corto animato è andato a ‘Life sucks! But at least I’ve got elbows’ di Nicola Piovesan, già diventato una serie web. Assegnati premi speciali a Chiara Caselli per il suo ‘Molly Bloom’, a Pivio autore con Marcello Saurino di ‘It’s Fine Anyway’ e al corto di produzione italiana ‘Il silenzio’, di Farnoosh Samadi e Ali Asgari, iraniani che risiedono nel nostro Paese. Un riconoscimento speciale è andato anche a Gabriele Mainetti ”per la sperimentazione eccezionale” di ‘Ningyo’, ideato e scritto con Nicola Guaglianone; menzione speciale per la particolare attenzione all’attualità a ‘No Borders – la crisi dei migranti a 360°’, primo documentario italiano in realtà virtuale, narrato da Elio Germano e diretto da Haider Rashid, già vincitore del Premio MigrArti come Miglior Documentario alla 73esima Mostra del Cinema di Venezia. Vogliamo ricordare che questo documentario, girato a 360 gradi, permette allo spettatore di esplorare in prima persona il centro Baobab di Roma e il presidio No Borders di Ventimiglia, con il mouse se lo si guarda al computer, con degli schermi maschera alle proiezioni cinematografiche dedicate.
  5. Torna in edicola ‘Dragon Ball’; il primo volume della nuova serie, edita in Italia da Star Comics in occasione dei trent’anni di attività, sarà disponibile dal prossimo 26 aprile. La nuova serie è stata disegnata da Toyotaro, che sarà ospite d’onore di Star Comics al Salone internazionale del fumetto “Napoli Comicon 2017” dal 29 aprile al 1° maggio. È opportuno ricordare che ‘Dragon Ball’, creato nel 1995 in Giappone da Akira Toriyama e pubblicato da Shueisha Inc., è uno dei manga piú amati al mondo, tanto d’aver venduto nella sola Italia oltre dodici milioni di copie in poco piú di vent’anni anni. A breve, peraltro, dovrebbe tornare in onda la seconda stagione televisiva, contestualmente ad una campagna per il rilancio del brand con figurine, materiale scolastico, abbigliamento e prodotti alimentari.
  6. Avrà luogo dal 3 al 6 maggio 2017 alla Mole Vanvitelliana di Ancona il festival ‘Art+Business=Love (?), dedicato alla relazione tra arte e impresa. In quattro emozionanti giornate, si rifletterà sul dialogo tra competenze tecniche e umanistiche, all’insegna di un nuovo Rinascimento. In programma esposizioni multimediali e performance, formazione, vetrine per i migliori progetti che legano l’arte alle nuove tecnologie, testimonianze di art&business, pillole d’interventi live tra artisti e startup, conferenze con esperti, momenti di informazione sulle agevolazioni nell’applicazione dell’arte in impresa. L’iniziativa è di Sineglossa Creative Ground, organizzazione formata da artisti, sociologi, comunicatori ed economisti.
  7. Già in corso il diciannovesimo Far East Film Festival, il maggiore festival europeo del cinema asiatico, a Udine fino al 29 aprile. Nel Teatro Nuovo Giovanni da Udine, trasformato in una gigantesca sala cinematografica da 1.200 posti, sfileranno 83 titoli, selezionati su circa mille visioni, che includono quattro anteprime mondiali, dodici anteprime internazionali,dieci International Festival Premiere, venticinque anteprime europee, un European Festival Premiere e ventidue anteprime italiane. Tra i Paesi rappresentati, ci sono Giappone, Cambogia, Cina, Corea del Sud, Filippine, Hong Kong, Indonesia, Malesia, Taiwan, Thailandia, Vietnam e, da quest’anno, il Laos.
  8. A Torino, a Palazzo Cisterna, fino al 12 maggio, si tiene la mostra ‘Il libro ritrovato, letture per l’infanzia di inizio secolo da Ciriè a Torino’: 1600 pezzi tra fumetti e giornalini, dalle edizioni degli anni Quaranta di Topolino a quelle del Giornale dei Piccoli, da grandi classici come i romanzi di Jules Verne ai ‘viaggi di Gulliver’ di Swift, all’immancabile Pinocchio di Collodi e ad una versione a fumetti di Cabiria. Il materiale proviene da alcune collezioni private, è stato raccolto e catalogato in due anni di lavoro da Vanna Corghi e Maria Melis, curatrici della mostra.
  9. Mamma Rai corre il rischio di non poter mandare in onda le Olimpiadi 2018. Come si ricorderà, nel giugno 2015 il gruppo Discovery ha acquistato i diritti dei giochi olimpici per quattro edizioni (2018, 2020, 2022 e 2024), per una cifra complessiva di 1,3 miliardi di euro; rientrerebbe nelle sue prerogative la possibilità di cedere i diritti alla Rai in sublicenza ma, come intuibile, sarebbe altrettanto interessante trasmettere tutto sui propri canali free, tra cui quel Nove che, Maurizio Crozza a parte, stenta a decollare. Secondo il Corriere della Sera, oltre ad essere a rischio Discovery i Giochi di Pyeongchang 2018, lo sono anche quelli dell’Olimpiade estiva di Tokyo 2020 perché le cifre chieste a viale Mazzini sarebbero esorbitanti. Giovanni Malagò, presidente del Coni, ha dichiarato: «Sappiamo benissimo che c’è una trattativa che va avanti da molto tempo con la Rai, ma che finora non ci sono soluzioni in termini economici fra la richiesta del gruppo Discovery e l’offerta Rai. Dico con franchezza che mi auguro che questa cosa si sistemi e si chiuda perché se la Rai che è servizio pubblico non trasmette le Olimpiadi, ora parliamo solo di quelle invernali ma poi ci sarà anche il tema di Tokyo 2020, la cosa a noi non va bene. Poi è chiaro che ogni azienda deve fare i propri conti, ma ho apprezzato che il dg Dall’Orto abbia messo come priorità assoluta dell’azienda Mondiali di calcio e Olimpiadi. Ci auguriamo in una conclusione positiva di questa vicenda, nel caso contrario credo che il gruppo Discovery si attrezzerà per mettere in chiaro il prodotto all’interno di qualche suo canale».
  10. Rimangono in Rai, invece, le emozioni del Giro d’Italia; dal 5 maggio ci saranno 170 ore di diretta televisiva, su Rai 2 e Rai Sport HD.
  11. In tema di 25 aprile, ricordate tutti Fabio Guadagnini e la sua, di Resistenza? Ebbene, il neocinese Milan ha comunicato d’aver affidato proprio al resistente giornalista la guida del Dipartimento di Comunicazione con l’incarico di Chief Communications Officer. A lui faranno capo la Comunicazione Istituzionale e Relazioni Esterne, la Comunicazione Sportiva, la “Milan Media House”, Milan TV.  Guadagnini ha gestito la start up di sette canali televisivi differenti, è stato vicedirettore di Sky Sport, direttore di Fox Sports, responsabile comunicazione del Comitato Olimpico per Roma 24.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: