Crea sito

brevi dai media (45)

  • In queste ore si discute molto sui diritti televisivi legati al calcio, con particolare riguardo alla Serie A e al fatto che Mediaset non ha presentato alcuna proposta e Sky molto meno dell’auspicato. È la televisione ad aver bisogno del calcio o il calcio ad aver bisogno della televisione?
    Un po’ l’una, un po’ l’altra cosa, se si considera che le trasmissioni sportive ottengono gli ascolti piú alti ma, al contempo, che gli introiti da stadio contribuiscono solo al 10% delle entrate delle squadre di calcio. Si è spesso ventilata la possibilità di un canale di proprietà della Serie A, nel quale mandare in onda un po’ tutto senza cedere a terzi. Chissà, che non sia davvero questo l’uovo di Colombo… Le reti televisive competerebbero ad armi pari e la Lega sarebbe in grado di gestire i propri interessi come meglio crede! Al momento, l’amministratore delegato di Infront, Luigi De Siervo, ha affermato «È in fase di definizione la situazione complessa di Vivendi, Telecom e Mediaset: a un certo punto al colosso Sky si contrapporrà quello Vivendi-Mediaset-Telecom. Quindi non sono preoccupato»; Carlo Tavecchio, presidente della Federcalcio e commissario della Lega di A, ha invece dichiarato: «Il calcio italiano, in questo caso, la serie A, ha un suo valore, una sua dimensione che devono essere rispettate con offerte congrue. Quelle di ieri non lo sono state. La Lega non è certo obbligata a svendere il suo prodotto di alto valore, considerato in tutto il mondo. In Spagna, in Inghilterra, in Germania, i diritti tv hanno una forbice che va da 1 a 2 miliardi. Il miliardo complessivo da noi valutato ha quindi una sua forte motivazione, basi logiche. Per questo riteniamo che le offerte pervenute non rappresentino il valore reale del massimo campionato». Massimo Ferrero, intervistato dall’Ansa, cosí si è espresso: «Le società di A sono tutte allineate, adesso valuteremo se procedere con il canale della Lega che al momento ci sembra la soluzione più rispondente alla situazione di mercato dei broadcaster (…) Chi troppo vuole, nulla stringe. Non devono dimenticare che grazie al calcio guadagnano circa 3 miliardi di euro»
  • È cominciata oggi l’edizione 2017 di ‘Ciak Junior’, la cinefila kermesse ideata ventotto anni fa dal gruppo Alcuni. In onda su Canale 5 per quattro domeniche alle ore 11, l’iniziativa nasce con l’intento di avvicinare ai fanciulli il mondo dell’audiovisivo con riflessioni mirate sul bullismo, la salvaguardia dei mestieri antichi e la nomofobia, ovvero la paura di non essere raggiungibili al cellulare.
  • Ci ha lasciati Adam West, il Batman piú iconico della storia dei media. RIP, Batman, possano tuoi epigoni cinematografici ma anche i telespettatori delle tue gesta seguire il tuo esempio sulla strada della Verità e della Giustizia!
  • È uscito il primo trailer italiano di ‘Black Panther’, uno dei nuovi eroi che animeranno il grande schermo per conto della Marvel Studios.  Il film, diretto da Ryan Coogler e interpretato da Chadwick Boseman, arriverà nelle sale italiane il 14 febbraio 2018, anche in 3D.
  • Ben poco si sa sulla stagione televisiva 2017 – 2018 ma molto si pronostica. Previsti, su Rai 1, un evento dedicato a Luciano Pavarotti e uno ad Andrea Bocelli, realizzati rispettivamente all’Arena di Verona e al Colosseo; previsto anche un one woman show di Fiorella Mannoia e, forse, degli eventi con Roberto Bolle. Confermati ‘Tale e Quale Show’ e ‘I soliti ignoti’ nello slot che precede la prima serata, un tempo occupato da ‘Affari tuoi’.
  • Su Rai 2 dovrebbero essere confermati ‘il Collegio‘, ‘Nemo – nessuno escluso’, ‘Pechino Express’.
  • Rai 3 dovrebbe essere in grado di confermare ‘Chi l’ha visto’ e i programmi di Alberto Angela; nulla si sa su ‘#cartabianca’, ‘Report’ e, soprattutto, sui programmi di Fabio Fazio, che potrebbe abbandonare il Cavallo di viale Mazzini portandosi via ‘Che tempo che fa’ e ‘Rischiatutto‘. Diego Bianchi, in arte Zoro, ha già lasciato la terza rete per approdare a La7.
  • A Mediaset si danno per scontati ‘il Grande Fratello Vip’, ‘Tú sí que vales’, i programmi di Maria De Filippi, le ‘Iene’ con l’arrivo di Nicola Savino.

2 Responses

  1. Con riguardo ai diritti televisivi per il calcio, Tim ha di recente emanato il seguente comunicato:

    “In relazione a indiscrezioni di stampa, TIM precisa di non avere mai neppure ipotizzato né discusso una partecipazione assieme ad altri soggetti ai bandi per i diritti della Serie A, essendoci peraltro un pacchetto dedicato alla banda ultralarga.
    La società ha più volte ribadito nei mesi scorsi, anche direttamente all’Amministratore Delegato di Infront, che i pacchetti per il digitale, per come erano strutturati dal punto di vista dell’offerta e dei costi, non erano interessanti per TIM. I risultati dell’asta confermano la sproporzione della richiesta.
    La società ricorda inoltre di avere più volte dichiarato il proprio interesse per i diritti sportivi in un’ottica di sostenibilità economica – tenuto conto che ai costi dei diritti stessi si aggiungono, fra gli altri, quelli di segnale e di produzione – e coerentemente con l’avanzamento della copertura del Paese in fibra ottica, pari oggi al 65%.
    Ricostruzioni diverse da questa realtà sono quindi frutto di fantasia e TIM tutelerà i suoi interessi nelle sedi più appropriate.”

    11/06/2017 at 22:50

  2. Aggiornamento 14 giugno: Andrea Zappia, amministratore delegato Sky Italia, comunica che la sua piattaforma trasmetterà tutte le partite della UEFA Champions League e della UEFA Europa League nel nostro Paese nel triennio 2018 – 2021:

    “(…) Per la prima volta la UEFA Champions League e la UEFA Europa League saranno insieme in un’esclusiva offerta integrata, che permetterà agli appassionati di seguire fino a 7 squadre italiane, mai così tante prima d’ora, impegnate nelle sfide con i migliori club europei. Due tornei con oltre 340 partite entusiasmanti, nei migliori stadi continentali, con i più grandi calciatori del pianeta. Continueremo a fare innovazione, trasmettendo le partite più importanti anche in 4K HDR. Quest’offerta senza precedenti rafforza la posizione di Sky come leader della programmazione sportiva in Italia ed è anche un altro passo importante di sostegno al calcio italiano, un impegno che continuerà a vederci protagonisti anche nel futuro bando sui diritti della Serie A”.

    Mediaset, in un suo comunicato stampa, ha cosí replicato:

    Il Consiglio di Amministrazione Mediaset il 12 giugno ha deliberato di presentare un’offerta per l’assegnazione dei diritti tv Champions League 2018-2021 coerente con le linee guida e gli obiettivi economico-finanziari Mediaset. Tre considerazioni a seguito dell’avvenuta assegnazione.
    1.Mediaset ha fatto la cosa giusta: ha presentato un’offerta importante ma razionale. Un’offerta più elevata rispetto a quella precedente in ragione della partecipazione al torneo di quattro squadre italiane. Un’offerta comunque formulata seguendo la nostra visione di evoluzione del mercato pay. Una visione che ci vede impegnati nella digital transformation dell’offerta che diventerà più leggera e più moderna.
    2. Altri operatori hanno invece attribuito alla competizione europea un valore molto più elevato a cui evidentemente è stato aggiunto un maxi-premio extra con l’obiettivo di ottenere una posizione di dominio sul mercato della pay tv.
    3. La partecipazione convinta all’asta Champions dimostra che non c’è nessuna volontà da parte di Mediaset di far saltare le aste del calcio come qualche operatore concorrente ha provato a lasciar credere. Al contrario, in occasione della prossima gara per la Serie A Mediaset si muoverà per garantire ai tifosi la migliore offerta televisiva.
    Infine, al di là dei cambiamenti futuri, ricordiamo a tutte le testate di informare correttamente il pubblico: per tutta la prossima stagione, da agosto 2017 a maggio 2018, la Champions League sarà visibile in esclusiva su Mediaset.

    14/06/2017 at 19:54

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: