Crea sito

cosa ci riserva il 2015 (3)

Aggiornamento del 10 gennaio: purtroppo è venuto a mancare il regista Francesco Rosi ed è d’obbligo ricordarlo, in un post sul nostro cinema. R.I.P.

Aggiornamento dell’11 gennaio: ha deciso di lasciarci anche Anita Ekberg; svedese, ha ricoperto un ruolo di spicco nel nostro cinema come la Anitona de ‘La dolce vita‘.

È d’uopo gettare uno sguardo d’insieme sull’offerta che il cinema italiano riserva ai propri adepti in questo 2015, almeno per le pellicole che sono già calendarizzate:

  • il 15 gennaio è prevista l’uscita di ‘Hungry Hearts’, di Saverio Costanzo  (il regista e la protagonista Alba Rohrwacher hanno ricevuto oggi a Roma, proprio al termine della presentazione del film, il terzo premio Pasinetti, assegnato dai giornalisti del SNGCI a Venezia 2014, per la migliore interpretazione femminile e la miglior regia; la Rohrwacher e Adam Driver avevano già ricevuto la Coppa Volpi a Venezia);

  • e di ‘Italo’, di Alessio Scarso;

  • il 22 gennaio ‘Sei mai stata sulla luna?’, di Paolo Genovese (giornalista in carriera, frequentatrice del jet set, s’innamora di un contadino e del suo mondo; con Raoul Bova, Liz Solari, Sabrina Impacciatore, Neri Marcorè, Giulia Michelini, Sergio Rubini, Emilio Solfrizzi, Pietro Sermonti, Nino Frassica e Paolo Sassanelli. Distribuito da 01, tanto d’inedito del cantautore Francesco De Gregori nella colonna sonora);

  • nonché ‘Il nome del figlio’, di Francesca Archibugi;

  • il 26, 27 e 28 gennaio, in occasione del Giorno della memoria, arriva nelle sale ‘Corri ragazzo corri’, di Pepe Danquart,  ispirato all’omonimo romanzo di Uri Orlev (bimbo di otto anni fugge dal ghetto di Varsavia e cerca di sopravvivere fingendo d’essere un orfano polacco e lavorando come bracciante);

  • il 29 gennaio ‘Italiano medio’, di Maccio Capatonda e ‘Fino a qui tutto bene’, di Roan Johnson;

  • il 5 febbraio ‘Leoni’, di Pietro Parolin e ‘Ma che bella sorpresa’, di Alessandro Genovesi;

  • il 12 febbraio ‘Romeo & Juliet’, di Carlo Carlei e ‘La prima luce’, di Vincenzo Marra;

  • il 19 febbraio ‘Noi e la Giulia’, di Edoardo Leo e ‘Non c’è 2 senza te’, di Massimo Cappelli;

  • il 26 febbraio ‘Ho ucciso Napoleone’, di Giorgia Farina e ‘Le leggi del desiderio’, di Silvio Muccino;

  • il primo, di marzo verrà ricordato Dalla, con ‘Senza Lucio’, di Mario Sesti;

  • il 5 marzo ‘Nessuno si salva da solo’, di Sergio Castellitto e ‘Soldato semplice’, di Paolo Cevoli;

  • il 19 marzo ‘Latin Lover’, di Cristina Comencini e ‘La prima volta di mia figlia’, di Riccardo Rossi;

  • il 9 aprile ‘Uno, anzi due’, di Francesco Pavolini;

  • il 16 aprile ‘Chiamatemi Francesco’, di Daniele Lucchetti;

  • il 30 aprile ‘Solo per il weekend’, di Gianfranco Gaioni;

  • il 14 maggio ‘Il racconto dei racconti’, di Matteo Garrone;

  • il 21 maggio ‘La giovinezza’, di Paolo Sorrentino.

Ecco, invece, alcuni film che non hanno ancora una data d’uscita:

  • ‘Mia madre’, di Nanni Moretti;

  • Maraviglioso Boccaccio, di Paolo e Vittorio Taviani (insigniti del Pegaso d’oro a Firenze);

  • ‘La corrispondenza’, di Giuseppe Tornatore;

  • ‘Patria’, di Felice Farina;

  • ‘Suburra’, di Stefano Sollima;

  • ‘Fathers and Daughters’, di Gabriele Muccino;

  • ‘Nomi e cognomi’, di Sebastiano Rizzo;

  • ‘La grande seduzione’, di Massimo Gaudioso;

  • ‘La scelta’, di Michele Placido;

  • ‘La felicità è un sistema complesso’, di Gianni Zanasi;

  • ‘La macchinazione’, di David Grieco;

  • ‘L’attesa’, di Piero Messina;

  • ‘L’anima attesa, lo sguardo, di Don Tonino Bello’, di Edoardo Winspeare;

  • ‘L’amico, di scorta’, di Gennaro Nunziante;

  • ‘Storie sospese’, di Stefano Chiantini;

  • ‘Torno in, dietro e cambio vita’, di Carlo Vanzina;

  • ‘Tempo instabile con probabili schiarite’, di Marco Pontecorvo;

  • ‘Vergine giurata’, di Laura Bispuri.

Questa è l’offerta del cinema italiano. Si è nel frattempo saputo che quello statunitense, temendo scarso riscontro per la Notte degli Oscar, ha in programma una campagna pubblicitaria da milioni di dollari e mezzo, pianificata sui canali via cavo, su quelli satellitari ma soprattutto sui social network com Facebook, Twitter e Instagram.

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: