Crea sito

(contro)riforma

“Il Presidente del Consiglio aveva promesso di togliere la Rai ai partiti e restituirla ai cittadini. E invece l’ha messa alle dirette dipendenze del governo. Con un doppio colpo, Palazzo Chigi ha portato sotto il proprio diretto controllo i 2 pilastri dell’autonomia e dell’indipendenza dei Servizi Pubblici: fonti di nomina e finanziamenti. Da oggi la Rai sarà guidata da un amministratore delegato, quindi da un capo azienda con molti più poteri, scelto direttamente dal governo. Allo stesso tempo, con la Legge di Stabilità, il governo si prende il controllo anno per anno anche dei finanziamenti del Servizio Pubblico, uno degli strumenti più forti per condizionare la gestione e le scelte editoriali della Rai. L’Italia è già da troppo tempo in fondo alle classifiche mondiali per la libertà d’informazione. Ora c’è il concreto rischio di scivolare ancora più in basso.”

Il Segretario generale e il Presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti
Il Segretario dell’Usigrai, Vittorio di Trapani

“La legge Gasparri resta in vigore. Si modifica, in termini incostituzionali, la nomina dei vertici Rai. Comanda tutto un Amministratore Delegato scelto dal Governo, negando quattro sentenze della Corte Costituzionale. Una leggina che sarà stracciata per la sua palese illegalità. Un atto di protervia che sarà la Corte ad abolire.”

Maurizio Gasparri (FI)

“Non esiste nessuna riforma della Rai. Quella approvata poco fa al Senato è una Gasparri 2.0. È la peggiore legge che si potesse congegnare per il servizio pubblico. Renzi vuole una Rai legata a doppio filo al potere esecutivo con la nomina dell’amministratore delegato da parte dello stesso governo. In qualunque democrazia sarebbe impensabile. Una Rai fortemente lottizzata dai partiti che avranno ancora voce in capitolo nella scelta dei vertici e continueranno a spartirsi incarichi e poltrone. L’indipendenza dell’azienda dalla politica sarà, così, sempre più fragile”.

Roberto Fico (M5S)

“Poteva essere la grande riforma del governo Renzi. Quella che poneva la parola fine all’occupazione dei partiti in Rai. Quella con un vertice nominato a maggioranza da componenti della società e dell’industria audiovisiva, abolendo la Vigilanza. La scelta del Governo è caduta su un provvedimento dai tempi rapidi di attuazione, con la parola d’ordine della Rai “azienda normale”. Il dg prende i poteri dell’ad e nomina tutti i dirigenti (finora poteva solo proporli al cda prima e al presidente poi). Per quelli editoriali deve sentire il parere del cda, decisivo se espresso a maggioranza dei due terzi per i soli direttori di testate, non per reti e canali.”

Aldo Fontanarosa, Repubblica

Poiché molti, in queste ore, stanno trattando la riforma della Rai, è forse opportuno che se ne faccia un piccolo sunto anche in questa sede. La riforma è stata votata per alzata di mano, senza registrazione dei voti. Nessuno infatti ha chiesto di votare con procedimento elettronico. Il Ddl era già stato approvato dalla Camera e ora il Senato ha confermato lo stesso testo senza apportare modifiche.
Cosa è stato deciso?

  • L’Amministratore durerà in carica tre anni, nominerà tutti i direttori di rete e i manager di prima fascia e firmerà da plenipotenziario tutti i contratti che abbiano un valore fino a dieci milioni di euro. Il dettato dell’articolo 2 prevede infatti che l’ad, nominato dal cda (che lo può anche revocare) su proposta dell’assemblea dei soci (dunque del Tesoro), resta in carica per tre anni, può nominare i dirigenti ma, per le nomine editoriali, deve avere il parere del cda (che, nel caso dei direttori di testata, è vincolante se fornito a maggioranza dei due terzi). Assume, nomina, promuove e stabilisce la collocazione anche dei giornalisti, su proposta dei direttori di testata e nel rispetto del contratto di lavoro giornalistico. Ha la massima autonomia nella gestione economica. Gli spetta anche l’approvazione del piano per la trasparenza e la comunicazione aziendale, con la pubblicazione degli stipendi dei dirigenti. È prevista l’incompatibilità con cariche di Governo, anche se ricoperte nei dodici mesi precedenti alla data della nomina; deve essere nominato tra coloro che non abbiano conflitti di interesse e non cumulino cariche in società concorrenti.
  • In fase di prima applicazione della legge, il direttore generale gode dei poteri dell’amministratore delegato; un emendamento dei relatori specifica che il dg mantiene anche le attuali competenze.
  • Il Presidente di garanzia sarà nominato dal Consiglio, scelto tra i sette (non piú nove) membri del medesimo, se ne parla nel 2018. Si occuperà solo di coordinamento interno, relazioni esterne ed istituzionali.
  • I Consiglieri, come detto, diventano sette: quattro eletti da Camera e Senato, due nominati dal governo e uno designato dall’assemblea dei dipendenti. Arriveranno a guadagnare fino a 240 mila euro contro gli attuali 66 mila.
  • La Vigilanza dà un’approvazione alla scelta del presidente di garanzia e riceve una relazione semestrale sulle attività del servizio radiotelevisivo e un elenco degli ospiti nelle trasmissioni.
  • È prevista una delega per il riordino e la semplificazione dell’assetto normativo; in prima lettura al Senato è stata ridotta la sua ampiezza con la soppressione del riferimento all’evoluzione tecnologica e di mercato.
  • L’articolo 1 prolunga a cinque anni la disciplina dei contratti per lo svolgimento del servizio pubblico e potenzia il ruolo del Consiglio dei ministri, che delibera indirizzi prima di ciascun rinnovo del contratto nazionale.
  • L’articolo 3 detta norme sulla responsabilità dei componenti del cda e prevede la deroga, rispetto all’applicazione del codice dei contratti pubblici, per i contratti aventi per oggetto l’acquisto e lo sviluppo di programmi radiotelevisivi. Alla Camera è stato ridotto l’ambito di applicazione della deroga.

Fonti: Rai News, Ansa,

One Response

  1. in data 28 dicembre 2015 i lavoratori Rai scrivono e trasmettono la seguente lettera aperta indirizzata al presidente Mattarella:

    “Gentile Presidente Mattarella,
    dopo decenni di critiche trasversali e di annunci sulla Riforma della Rai, siamo dunque arrivati all’anno della svolta: quello che avrebbe portato a ridefinire un nuovo modello di servizio pubblico radiotelevisivo: capace di garantire una informazione libera, indipendente e plurale, governato con criteri di efficienza e trasparenza, espressione della ricchezza della società civile italiana. Valori di primaria importanza per il nostro Paese se, nel Suo discorso d’insediamento, anche Lei ha ritenuto opportuno fare un richiamo al pluralismo e all’autonomia dell’informazione quale presidio della Democrazia e del rispetto della Costituzione. Mai come ora la Rai avrebbe bisogno di un cambiamento radicale per tornare a essere centro di eccellenza, al servizio del Paese, arginando le spinte che hanno progressivamente eroso il sistema pubblico radiotelevisivo: l’omologazione dei contenuti, l’ingerenza della politica, la distrazione di fondi, la mancanza di autonomia finanziaria, la scarsa pianificazione strategica nella gestione delle risorse economiche e umane, la disaffezione dei cittadini.

    Invece, rileggendo la Riforma della Rai approvata di recente dal Parlamento, sembra di trovarci di fronte a una sorta di Bignami della Legge 112/2004, quella che a suo tempo fu rinviata alle Camere dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, con condivisibili motivazioni. Siamo molto lontani da quanto da Lei auspicato e dalle aspettative. Dopo una sommaria discussione di otto mesi scarsi, il Senato ha varato un testo deludente, all’insegna della restaurazione. Una “controriforma” che sembra avere un solo obiettivo: portare la Rai sotto il controllo esclusivo del Governo, trasformando il Direttore Generale in un Amministratore Delegato con poteri assoluti. Estromesso di fatto il Parlamento, ovvero l’unico potere espressione diretta dei cittadini. Ignorato il ruolo di garanzia del pubblico Bene Comune.

    Una non-Riforma che non solo mantiene la logica spartitoria della precedente legge ma apre una fase più centralistica e conservatrice, in un momento storico in cui sono continui gli attacchi censori dei partiti verso la stampa libera. Cinque articoli (di cui due di delega al Consiglio dei Ministri) che sembrano aggirare la Costituzione – così rigorosa e chiara nell’affermare i principi di indipendenza, autonomia e pluralismo dell’informazione pubblica – ignorando la sentenza n. 225/74 e la recente direttiva del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa del 16 febbraio 2012 che invita gli Stati membri a modernizzare il quadro di governance dei media di servizio pubblico, emancipandoli dal controllo dei Governi. La Riforma della Rai doveva essere un’occasione straordinaria per coinvolgere fattivamente i cittadini, il mondo della cultura e gli operatori dell’informazione, come sta accadendo nel Regno Unito per il rinnovo della Royal Charter. Un percorso che sarebbe stato possibile prendendo spunto dalle proposte alternative presentate in Parlamento, frutto di un lungo lavoro di confronto con la società civile avviato da associazioni e movimenti quali MoveOn Italia, Articolo 21, Indignerai. Proposte ignorate dalla maggior parte delle forze politiche. Noi in realtà pensiamo che qualcosa ancora si possa e si debba fare.

    Per questo ci appelliamo a Lei, in qualità di garante della Costituzione. Memori del fatto che fu proprio Lei, Presidente Mattarella, a dimettersi da Ministro nel 1990, in dissenso dall’insostenibile pesantezza della Legge Mammì sull’emittenza pubblica radiotelevisiva. Lei ha la sensibilità e il ruolo per sollecitare una ulteriore riflessione sulla Riforma della Rai, facendone una questione democratica e culturale che riguarda tutti i cittadini, non solo gli operatori dell’informazione. La Rai deve tornare a essere un Servizio Pubblico, un Bene Comune patrimonio di tutti i cittadini, e garantire la libertà dell’informazione come fondamento della democrazia. Certi che la nostra richiesta non resterà inascoltata, l’occasione ci è lieta per porgerLe i nostri migliori auguri per le festività in corso.
    MoveOn Italia, Articolo 21, Indignerai”

    29/12/2015 at 12:31

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: