Crea sito

Dubbing, a Museum

Cinema is the Seventh Art without any doubt; another art, however, accompanies it and wrote an important page in the history of Entertainment: the dubbing.

Someone said Italians are the best ones and perhaps it is true. Anyway, a definitively important initiative has been realized in Japan: a museum of the dubbing!

The Seiyuu Museum (seiyū means voice actor) is located at Shibuya Ward, Sasazuka 1-52-18, Tokyo, west of Harajuku, and it is open from 11 AM to 4 PM from Tuesdays to Saturday. It is affiliated with the voice acting studio 81produce and commemorates its 35th anniversary.

Il cinema è senza alcun dubbio la settima arte; un’altra arte, però, lo accompagna e ha scritto un’importante pagina nella storia dello Spettacolo: il doppiaggio.

Qualcuno ha detto che gli italiani sono i migliori e forse è vero. Comunque, un’iniziativa davvero importante è stata realizzata in Giappone: un museo del doppiaggio!

Il Seiyuu Museum (seiyū significa doppiatore) si trova a Shibuya Ward, Sasazuka 1-52-18, Tokyo, a ovest di Harajuku, ed è aperto dalle 11 alle 16, dal martedì al sabato. È affiliato allo studio di doppiaggio ‘81produce‘ e commemora il suo trentacinquesimo anniversario.

It is an anime-related one. Getting inside, anime fans can enjoy an emotional trip throughout five decades of Japanese TV animation, from Mobile Suit Gundam, to One Piece, to Chibi Maruko-chan, and so on; there are too autographed (and sometimes illustrated) papers and voice actors’ chronology. (Also possible to have a look at the Japanese versions of international productions, such as the Simpsons, e.g.)

The museum also sells voice actor-related merchandise, like CDs and books, or T-shirts with original drawings by Takuya Eguchi.

At the sixth floor of the same building (museum is on the 2nd), 81produce has opened ’81 Live Salon’, a performance space for voice actors to deliver script readings in. On August 8 and 9, it kicked off with a performance by Aimi Tanaka (Umaru from Himōto! Umaru-chan), Satowa Tanaka (Choroma and Masuyo in Kill la Kill), Katsuhiro Tokuishi, Yūki Yonai and Arthur Lounsbery (Kaito in High School Star Musical).

It is even possible to pray for becoming a professional dubber, thanks to the ema, typical Japanese wooden prayer tablets put into the shrine’s walls… No God of Dubbing is known yet but, who knows, maybe an already existing can be enough…

A question spontaneously arises:

When in Italy?

È legato al mondo degli anime. Entrando, gli appassionati di anime possono godere un emozionante viaggio attraverso cinque decenni di animazione giapponese per la TV, da Mobile Suit Gundam a One Piece, a Chibi Maruko-chan, e cosí via; ci sono anche documenti autografati (e talvolta illustrati) e la cronologia dei doppiatori. È anche possibile, dare un’occhiata alle versioni giapponesi di produzioni internazionali, come i Simpson, per esempio)

Il museo vende anche merchandising legato al doppiaggio, come CD e libri, oppure magliette con disegni originali di Takuya Eguchi.

Al sesto piano dello stesso edificio (il museo si trova al secondo), 81produce ha aperto ‘81 live Salon‘, un “performance space” dove si possono lasciare i testi da far leggere ai doppiatori. L’8 ed il 9 agosto, ha preso il via con una performance di Aimi Tanaka (Umaru di Himoto! Umaru -chan), Satowa Tanaka (Choroma e Masuyo in Kill la Kill), Katsuhiro Tokuishi, Yūki Yonai e Arthur Lounsbery (Kaito in High School Star Musical).

È possibile perfino pregare per diventare un doppiatore professionista, grazie agli ema, caratteristiche tavolette giapponesi di legno per la preghiera collocate nelle mura del santuario… Nessun Dio del Doppiaggio è ancora noto ma, chi lo sa, magari uno già esistente può bastare…

Una domanda sorge spontanea:
Quando in Italia?

Fonte: http://www.animenewsnetwork.com [Via Kai-You]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Source: http://www.animenewsnetwork.com [Via Kai-You]

 

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: