Crea sito

Posts tagged “Corea del Sud

Cannes 2016 e altri demoni

  • aggiornamento 20 aprile 2016: oltre a Virzí, saranno presentati alla Quinzaine des Réalisateurs anche ‘Fai bei sogni’, di Marco Bellocchio e ‘Fiore’, di Claudio Giovannesi, una storia d’amore che si dipana attraverso le sbarre di un carcere.
    Il festival di Cannes 2016 si terrà dall’11 al 22 maggio. Nessun film italiano è in gara, ce n’è qualcuno nelle sezioni parallele: nella Quinzaine des Réalisateurs sarà presentato ‘La pazza gioia’, di Paolo Virzí, scritto con Francesca Archibugi, con Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti mentre nella sezione Un Certain Regard avrà modo di esprimersi ‘Pericle il Nero’, di Stefano Mordini con Valeria Golino e Riccardo Scamarcio, tratto dal romanzo di Giuseppe Ferrandino. È inoltre presente, nelle proiezioni speciali, il documentario italo-greco ‘L’ultima spiaggia’. Quanto a Cannes nel suo complesso, l’apertura è affidata a ‘Café Society’, di Woody Allen;  per la chiusura, è prevista la proiezione del film che avrà vinto la Palma d’oro.

La detta Palma sarà contesa da: (more…)


War & Peace in the international cinema

The cinematographic relationships between East and West are very topical at this time, no doubt about it. If North Korea, whose computers still work hiccups, called ‘monkey’ Barack Obama, even the writers, the director and producers of ‘Exodus – Gods and Kings‘ do not fare much better. Apparently the film by Ridley Scott enjoyed very little to the competent Egyptian authorities, that stigmatize the poor historical correctness of some details, like the fact that the Jews are presented as the builders of the pyramids and Moses a general rather than a prophet, together with the problem of the impossibility to represent the prophets and religious figures in the Muslim Nations. Even the Egyptian Coptic Orthodox Church, in its own small way, expressed its opinion and has hinted a possible boycott of the film.
Moreover, it is from another country of Islamic culture, Pakistan, that comes the attack on the television series ‘Homeland‘, aired on Showtime, centered on a CIA agent suffering for bipolar disorder. According to the government of Islamabad, the series, winning in the West Global Award and Emmy, gives an image of Pakistan that is not correct at all to the truth, by representing the capital as a chaotic babel devoid of green and the entire country a kind of hell hole, inhabited only by rude, unpleasant and ignorant people, as well as terrorists. Terrorists, however, that would be inserted in series with the sole purpose of endorsing the cliché according to which Pakistan protects them, whereas, on the contrary, the sacrifice of those who work for the security of the country. should be praised Islamabad, moreover, is linked to the United States from many years of friendship and it is paradoxical, according to the Pakistani diplomacy, that the scenes that are in the movie were filmed in South Africa, in Cape Town.
As for Italy and its relationship with China, it is instead to detect a fruitful exchange of amorous feelings. At this time Italy, particularly Puglia, Tuscany and Lombardy are subject of a special attention but also of concrete initiatives by an Hong Kong production, on which reigns absolute secrecy. It seems that in the last two years, at least 14 Indian films and two blockbuster Chinese have been shot in Milan, and one under construction, to release in the spring of 2015, is also presented as a potential blockbuster, with a couple strolling so pleasant in the midst of boutique of the fashion and have a strictly oriental toast of tea against the backdrop of the Duomo.
The Chinese market is huge and you can bet that a film made in Milan, home of Expo 2015, by the way, may constitute a promotion strategy with outstanding performance and an attractive asset for the city’s economy which grossed in 2014 only 11 EUR 205 million for the film.
Alberto Contri, former head of Lombardia Film Commission, told the ‘Corriere della Sera’:
“The classic comedies and Oriental love stories provide continuous shifts then replicated by viewers fans. A typical example? Poor chasing him for the world the beloved woman, usually rich or vice versa. Movements that often are due also to the cachet that the same city are willing to offer: I saw the film on paper ambientati the sea change plot and be filmed in the mountains just to get more money. Films like the Chinese one are extraordinary opportunities not only to attract tourists. But also for product placement of Italian excellence or the linked activities in the city. Now equipment and workers are always choosen directly in Italy. As last item in the chapter “linked activities” there is the shopping of the troupe: the protagonists of a mysterious film are told to have spent in via Montenapoleone 40 000 euro in two hours. Nothing to do with five Indian gourmet documentary filmmakers, able to leave in the ‘quadrilateral of fashion’ 600 000 euro in a single afternoon”
Le relazioni cinematografiche tra Oriente e Occidente sono di grande attualità, in questo periodo, non c’è che dire. Se la Corea del Nord, i cui computer funzionano ancora a singhiozzo, ha dato della scimmia a Barack Obama, non se la passano molto meglio nemmeno gli sceneggiatori, il regista e i produttori di ‘Exodus – Dei e Re‘. Pare che il film di Ridley Scott sia piaciuto ben poco alle competenti autorità egiziane, che stigmatizzano la scarsa correttezza storica di alcuni particolari, come il fatto che gli Ebrei vengano presentati come i costruttori delle piramidi e Mosè un generale piuttosto che un profeta, unitamente al problema di non poter rappresentare profeti e figure religiose nelle Nazioni di fede musulmana. Anche la Chiesa ortodossa copta egiziana, nel suo piccolo, si è fatta sentire e ha lasciato intendere un possibile boicottaggio della pellicola.
Da un altro Paese di cultura islamica, il Pakistan, proviene peraltro l’attacco alla serie televisiva ‘Homeland‘, in onda sul canale Showtime, incentrata su un agente della Cia affetto da disturbi bipolari. Secondo il governo di Islamabad, la serie, premiata in Occidente con Global Award ed Emmy, restituisce un’immagine del Pakistan che non rende punto giustizia alla verità dei fatti, con una capitale che viene rappresentata come una caotica babele priva di verde e l’intero Paese una sorta di buco infernale, abitato solo da gente rozza, sgradevole e ignorante, nonché da terroristi. Terroristi, peraltro, che sarebbero inseriti nella serie al solo scopo di avallare il luogo comune secondo il quale il Pakistan li protegge, laddove, al contrario, andrebbe elogiato il sacrificio di chi lavora per la sicurezza del Paese. Islamabad, oltretutto, è legata agli Stati uniti da pluriennale amicizia ed è paradossale, sempre secondo la diplomazia pakistana, che le scene che la rappresentano nel film siano state girate in Sudafrica, a Città del Capo.
Quanto all’Italia e al suo rapporto con la Cina, è invece da rilevare un proficuo scambio d’amorosi sensi. In queste ore l’Italia, in particolare Puglia, Toscana e soprattutto Lombardia sono oggetto di attenzioni ma anche di concrete iniziative da parte da parte di una produzione di Hong Kong, sulla quale regna assoluto riserbo. Pare che negli ultimi due anni, iano stati girati a Milano almeno 14 film indiani e due kolossal cinesi e quello in fase di realizzazione, in uscita nella primavera del 2015 presentato come un potenziale blockbuster, con una coppia che passeggia in modo ameno in mezzo alle boutique del quadrilatero della moda e pasteggia tè e sakè rigorosamente orientali sullo sfondo del Duomo.
Il mercato cinese è vastissimo e c’è da scommettere che un film realizzato a Milano, peraltro sede di Expo 2015, possa costituire una strategia di promozione di rara efficacia ed un interessante asset per l’economia della città che ha incassato nel solo 2014 11 milioni di euro per 205 film.
Alberto Contri, già responsabile della Lombardia Film Commission, ha dichiarato al Corriere:
“Lo schema classico delle commedie e delle storie d’amore orientali prevede continui spostamenti poi replicati dagli spettatori appassionati. Un esempio tipico? Lui povero che insegue per il mondo la donna amata, di solito ricchissima o viceversa. Spostamenti che spesso sono dovuti anche ai cachet che le stesse città sono disposte a offrire: ho visto film sulla carta ambientati al mare cambiare trama ed essere girati in montagna solo per ottenere più denaro. Pellicole come quella cinese sono occasioni straordinarie non solo per attirare turisti. Ma anche per il product placement delle eccellenze italiane o per l’indotto cittadino. Ormai e attrezzature e maestranze sono sempre scelte direttamente in Italia. Per ultima voce al capitolo «indotto» c’è lo shopping della troupe: i protagonisti del misterioso film avrebbero speso in via Monte Napoleone la bellezza di 40 mila euro in due ore. Niente a che vedere con cinque documentaristi enogastronomici indiani, capaci di lasciare nel Quadrilatero 600 mila euro in un solo pomeriggio.”

tra Coree litiganti… (3)

Sony Entertainment has decided to allow the distribution of ‘The Interview‘, the film at the middle of the (pseudo?)diplomatic issue between North Korea, South Korea and digital pirates beautifully called “Guardians of Peace”. According to the latest news, the film will be screened in the US today, Christmas, at least at the Northwest Washington West End Cinema, and will remain so twice a day, at least until the New Year. The same will happen in Texas, regarding the Alamo Drafthouse Cinema theater chain, but also in the theatres of Loudoun county and Baltimore Eastpoint.

Michael Lynton, CEO of Sony Entertainment, said:

“We never gave up with the release of ‘The Interview’ and we are glad that the film will be in some theatres (…) at the same time we continue our efforts to ensure more platforms and more salt, so that the film reaches the largest audience possible. “

There is also the online distribution, on a autonomous site, on Microsoft Xbox video but also on the Google Play Store  and YouTube, rental for $ 5 and 99, buy for 16; Netflix would still be dealing with.

Barack Obama, on behalf of the entire White House has welcomed the decision of Sony as a victory over terrorism, but there are those who suspect that all this brawl was just the clever strategy of a communications expert.

In fact, a kind of cyber war seems really going on, because in North Korea the Internet has suffered a break of nine hours and continues to operate intermittently;  statements, claims and silences frantically follow each other.

reread tra Coree litiganti la Sony non gode (2)

and tra Coree litiganti la Sony non gode

 Sony Entertainment ha deciso di consentire la distribuzione del film ‘The Interview‘, la pellicola al centro della (pseudo?)questione diplomatica tra Corea del Nord, Corea del Sud e pirati digitali bellamente denominati “Guardiani della Pace”. Stando alle ultime informazioni, il film sarà proiettato negli Stati Uniti oggi, Natale, almeno al West End Cinema di Washington – Northwest, e continuerà ad esserlo due volte al giorno, almeno fino a Capodanno. Altrettanto avverrà in Texas, per quanto riguarda la catena di sale Alamo Drafthouse Cinema, ma anche nelle sale della Loudoun county e Baltimora Eastpoint.
Michael Lynton, CEO of Sony Entertainment, ha dichiarato:

“Non abbiamo mai rinunciato all’uscita di ‘The Interview’ e siamo contenti che il film sarà in alcune sale (…) allo stesso tempo continuiamo i nostri sforzi per assicurarci piú piattaforme e piú sale, in modo che il film raggiunga la piú grande audience possibile”.

È prevista anche la distribuzione on line, su un sito autonomo, su Microsoft Xbox video ma anche sul Play Store di Google e su YouTube, a noleggio per 5 dollari e 99, in vendita per 16; Netflix starebbe ancora trattando.
Barack Obama, a nome dell’intera Casa Bianca ha plaudito la decisione della Sony come vittoria sul terrorismo ma c’è chi sospetta che tutta questa bagarre fosse solo l’abile strategia di un esperto di comunicazione.
In realtà, una sorta di cyber guerra sembra davvero in corso, perché in Corea del Nord la rete internet ha subito un interruzione di nove ore e continua a funzionare in modo discontinuo; si susseguono freneticamente dichiarazioni, rivendicazioni e silenzi.

e tra Coree litiganti la Sony non gode


tra Coree litiganti la Sony non gode (2)

Just the time to celebrate Italian winners at European Film Award, Pif & Rak (‘La mafia uccide solo d’estate’, ‘L’arte della felicità‘) and a new piece of information makes us go back in the fear. The North Korean hackers who cracked computers of Sony, stealing five entire films, also stole a first version of the screenplay of ‘Spectre’, James Bond’s last adventure, starred by Daniel Craig, Monica Bellucci, Ralph Fiennes and Cristoph Waltz. According to some rumours, the shooting of the film, to be released in October 2015, was about to be stopped but a Sony manager said it is not true. They only hope the script will be not published in the web.
About Sony again, to be complete, and for a more pleasant one. It seems that a cross-over between the ‘Fantastic 4’ and ‘X – Men’ could be going to be realized. An e-mail of the producer Michael De Luca, head of Amy Pascal Studios, found during the investigations on the Korean scandal, seems to deal with a film starring by X Men and Fantastic 4 together.                           Update on December, the 17th: hackers group ‘Guardian of Peace’ has threatened Sony, going as far as to state “Remember 9/ 11” and warn of “stay away” from the places where the film “The Interview” will be screened . The film was scheduled for December the 25th, but Sony, facing threats so heavy, had to cancel the first release, scheduled for Thursday; James Franco and Seth Rogen have canceled all the interviews and, according to the Wall Street Journal, the Japanese were given the option to choose whether to cinemas screen the film or not. More recently, Sony announced to have definitely retired the film from the entire international distribution.
Giusto il tempo di festeggiare i vincitori italiani dello European Film Award, Pif e Rak (‘La Mafia uccide solo d’estate’, ‘L’arte della felicità‘) e una nuova notizia ci fa tornare al timore. Gli hacker della Corea del Nord che hanno crackato i computer della Sony, rubando cinque interi film, hanno rubato anche una prima versione della sceneggiatura di ‘Spectre‘, l’ultima avventura di James Bond, interpretato da Daniel Craig, Monica Bellucci, Ralph Fiennes e Cristoph Waltz. Secondo alcune indiscrezioni, le riprese del film, che uscirà nel mese di ottobre 2015, stavano per essere bloccate ma un manager della Sony ha detto che non è vero. La loro unica speranza è che lo script non venga pubblicato sul web.
Ancora sulla Sony, giusto per essere completi e per qualcosa piú gradevole. Sembra possa essere in fase di realizzazione un cross-over tra i ‘Fantastici 4‘ e gli ‘X – Men‘. Un’e-mail del produttore Michael De Luca, responsabile degli Amy Pascal Studios, trovata nell’ambito delle indagini sullo scandalo coreano, sembra trattare un film interpretato dagli X Men e dai Fantastici 4 insieme.
 Aggiornamento del 17 dicembre: il gruppo di hacker “Guardians of Peace” ha minacciato la Sony arrivando addirittura a dichiarare «Ricordatevi dell’11 settembre» e ad ammonire di «stare lontani» dai luoghi dove verrà proiettato il film «The Interview». Il film era previsto per il 25 dicembre ma la Sony, di fronte a minacce cosí pesanti, ha dovuto cancellare la prima, prevista per giovedí; James Franco e Seth Rogen hanno annullato tutte le interviste e, stando al Wall Street Journal, i giapponesi hanno dato la possibilità ai cinema di scegliere se proiettare il film oppure no. Più di recente, Sony ha annunciato di aver ritirato definitivamente il film dall’intera distribuzione internazionale.

 

 


tra Coree litiganti Sony non gode

It is my heavy concern that certain North Koreans louts  may have drawn on a blog like the mine for their misdeeds; it seems, in fact, that the computers of Sony Pictures, often mentioned by experts for its interesting film activities, have been the subject of pernicious initiatives by some hackers, who stole five films and left, as a mocking seal of the initiative, a red skull with the words “Hacked by #GOP“. Stolen films, including ‘Fury‘, with Brad Pitt, were distributed illegally on the net, causing  to the Sony a damage difficult to quantify; employees of Sony, as a further shame of their professionalism, they could not even use the PC for the other activities, even for corporate email. 

The motivation of the felon gesture could be a revenge against the film ‘The Interview‘, in which two Americans, played by James Franco and Seth Rogen, interview the dictator Kim Jong-un and he is killed, just during the interview,within a plot hatched by CIA. It seems that, even after the release of the trailer, the Pyongyang regime had shown undisguised disappointment, calling the film “an operation of war” and coming to ask the UN to block a “totally unacceptable” programming.

A partial endorsement of this hypothesis is a statement issued by South Korea, which claims to have suffered an attack of cyber-war on the part of northern cousins last year, with the total disappearance of the television signal of the national broadcaster.

What may sound strange is that the offending film, ‘The interview‘, is not among those hacked neither it is programmed in South Korea cinemas because it shows Kim Jong-un in a positive way; Pyongyang’s ambassador to the UN, asked on the question if the initiative is the flour of a North Korean lot, laconically replied, “The hostile forces are relating everything to the DPRK (North Korea). I kindly advise you to just wait and see“.

Today, it became known that the nice young man who created the malware used the Korean language pack, probably using bootleg computers in Thailand, Poland and Italy, making use of the Windows Management Instrumentation, a tool used to manage Windows computers on a large scale.

The FBI, in its own small way, recommends to ordinary mortals extreme caution because the malware crafted by knaves GOP (“Guardians of Peace”), if loaded on your computer, can burn all the memory.

È mia greve preoccupazione che taluni gaglioffi nord-coreani possano aver attinto a blog come il mio per le loro malefatte; sembra, infatti, che i computer della Sony Pictures, spesso ricordata dagli addetti ai lavori per le sue interessanti attività cinematografiche, siano stati oggetto di perniciose iniziative da parte di alcuni hacker, che hanno rubato cinque film e lasciato, quale irridente suggello dell’iniziativa, un teschio rosso con la scritta «Hacked by #GOP»Le pellicole rubate, tra cui ‘Fury’, con Brad Pitt, sono state distribuite illegalmente in rete, causando alla Sony un danno difficilmente quantificabile; i dipendenti della Sony, a ulteriore onta della loro professionalità, non hanno potuto usare i pc nemmeno per le altre attività, nemmeno per la posta elettronica aziendale. La motivazione dello scellerato gesto potrebbe essere una vendetta nei confronti del film ‘The Interview’, nel quale due  americani, interpretati da James Franco e Seth Rogen, intervistano il dittatore Kim Jong-un e questi viene ucciso, proprio contestualmente all’intervista, nell’ambito di un complotto ordito dalla Cia. Pare che, già dopo la diffusione del trailer, il regime di Pyongyang avesse manifestato malcelato disappunto, definendo la pellicola “un’operazione di guerra” e arrivando a chiedere all’ONU il blocco di una programmazione “assolutamente intollerabile“.

A parziale avallo di questa ipotesi c’è una dichiarazione rilasciata dalla Corea del Sud, che afferma d’aver subito un attacco di cyber-guerra da parte dei cuginetti settentrionali l’anno scorso, con totale scomparsa del segnale televisivo dell’emittente nazionale.

Quello che può suonare strano è che il film incriminato, ‘The interview’, non è tra quelli hackerati né sarà programmato nelle sale cinematografiche della Corea del Sud perché rappresenta Kim Jong-un in modo positivo; l’ambasciatore di Pyongyang all’ONU, alla domanda se l’iniziativa sia farina di un sacco nord coreano, ha laconicamente risposto «Le forze ostili (si) stanno relazionando (in) tutto alla Corea del nord. Vi consiglio gentilmente di aspettare e stare a vedere».

In data odierna, si è saputo che quel bravo giovane che ha creato il malware ha usato il language pack coreano, usando probabilmente computer taroccati in Thailandia, Polonia e Italia, facendo uso della Windows Management Instrumentation, uno strumento usato per la gestione degli elaboratori Windows su ampia scala.

La FBI, nel suo piccolo, raccomanda ai comuni mortali la massima prudenza perché il malware creato ad arte dai bricconi del GOP (“Guardians of Peace”), se caricato sul computer, può bruciare tutta la memoria.

 < - http://recode.net


Venezia, the day after

È un bel periodo per la Corea del Sud: sta molto migliorando il suo posizionamento nella classifica internazionale dei Paesi piú ricchi del pianeta e la sua cinematografia ottiene il Leone d’oro, com’è avvenuto alla 69° Mostra d’arte cinematografica di Venezia.

Qualcuno ha detto che il conferimento di un premio secondario e non dell’aureo felino a ‘Bella addormentata’ sia un “quasi insulto”; i sedici minuti di applausi e i pareri della gran parte dei critici sembrerebbero confermare.

Quanto a ‘L’Homme qui rit’, la cui proiezione ha chiuso la rassegna, è sembrato in molti punti frettoloso e approssimativo, a dispetto dell’interpretazione di un Gerard Depardieu in ottima forma.


Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: