Crea sito

Posts tagged “Fox

il Cavallo ed il Biscione (2)

Si è appena concluso, in quel di Dogliani, provincia di Cuneo, il festival della televisione, al quale hanno preso parte, tra gli altri, il presidente della Rai, Monica Maggioni, Andrea Zappia di Sky, Fabrizio Salini di La7, Marinella Soldi di Discovery, Kathryn Fink di Fox.
Nel corso della manifestazione, sono sembrate di particolare interesse alcune posizioni: Fabrizio Salini ha dichiarato:

«Quella del canone in bolletta è un’operazione che porterà nelle casse della Rai trecento milioni. Cosí si crea uno squilibrio di mercato!»

Monica Maggioni gli ha risposto: (more…)


Barbie Channel e Bordertown, gli estremi dell’animazione

Barbie e Bordertown, cartoni animati a confronto. Domenica prossima ricorre la Festa della Mamma ed il gruppo De Agostini intende celebrarla con uno speciale “Barbie Channel”, in onda su DeAKids e DeAKids+1 dal 7 al 13 maggio (canali 601 e 602 di Sky). Come intuibile, questo temporary channel è dedicato a Barbara Millicent Robert, in arte semplicemente Barbie, la bambola icona di molte generazioni, nota anche per le sue apparizioni cinematografiche e televisive.
Ecco alcuni appuntamenti:

‘Barbie e il tesoro dei cuccioli’, in onda il 7 maggio alle ore 20.00 (Prima tv SKY)
‘Barbie Squadra Speciale’ in onda domenica 8 maggio alle ore 20.00
‘Barbie e le scarpette Rosa’ martedí 10 maggio alle ore 20.00
‘Barbie Super Principessa’ giovedí 12 maggio alle ore 15.00
‘Barbie e il cavallo leggendario’ mercoledí 11 maggio alle ore 15.00
‘Barbie Super Principessa’ giovedí 12 maggio alle ore 15.00
Il 7 maggio, oltre al Barbie Channel, partirà su DeAKids la serie ‘Mia and Me’; in prima tv su Sky, la serie, già trasmessa in oltre cinquanta Paesi e settanta canali, unisce animazione e live action. È la storia della dodicenne Mia, che si trasferisce in collegio dopo la morte dei genitori, con la sola compagnia di un vecchio libro sugli unicorni e di un braccialetto che le consente di raggiungere il mondo parallelo di Centopia.
Decisamente piú birichina la serie ‘Bordertown’, che la political correctness sembra averla (more…)


#HomerLive

Il prossimo 15 maggio i Simpson andranno in onda in diretta, almeno negli Stati Uniti. Gli ambiziosi e visionari produttori della Fox hanno deciso di consentire agli spettatori del programma di rivolgersi direttamente ad Homer Simpson, formulando i loro quesiti su Twitter, con l’hashtag #HomerLive.
Il buon vecchio Homer, tra un D’eh-eh-ih-oh e l’altro, sarà ben lieto d’adeguare le risposte, con un piccolo aiuto da parte della motion capture. Tutto avverrà nell’ambito del penultimo appuntamento della ventisettesima stagione, in onda negli States, appunto, il 15 maggio. (⇐ Variety)
Alla mia elefantesca memoria risulta (more…)


brevi dai media (8)

Aggiornamento: in data 13 settembre 2015 Rai 4 ha conquistato la posizione 104 di Sky Italia; l’accordo è di durata triennale, con possibilità di retrocedere alla posizione 199. Pare che nessuna transazione economica sia stata prevista. Prevista entro l’anno, inoltre, la versione HD di Rai 4, con delle modifiche di programmazione già allo studio.

Rupert Everett è in procinto di dirigere un’opera cinematografica sulla vita e sulla figura di Oscar Wilde, che s’intitolerà ‘the Happy Prince’, come una delle novelle piú conosciute dello scrittore, poeta e drammaturgo irlandese (rileggi il post); il set dovrebbe partire la prossima estate, per la produzione della Palomar di Carlo degli Esposti con Eurimages e il Fondo Bavarese FFF- Bayern e avere luogo in Italia (Napoli), Germania (Baviera), Francia e Belgio. La distribuzione è affidata a realtà di sicuro prestigio, quali BBC Films, Lionsgate UK, Concorde Filmverleih, Beta Cinema per le vendite all’estero.

La Fabbrica dei sogni apre nuovamente alla televisione; questa mattina ‘La prova del cuoco’ e, la settimana prossima, ‘L’Eredità’ ricominciano a vivere a Cinecittà, almeno per la stagione in corso (‘Tale e Quale Show’ lascia invece la Dear alla De Paolis). Dal 27 settembre andrà in onda da Cinecittà anche ‘Domenica in’.

Sky Italia non ha accettato la richiesta di pagamento di Mediaset e quest’ultima ha criptato i suoi canali sulla piattaforma satellitare di Murdoch; Sky Uno HD occupa (anche) la posizione 105, Super Fox HD fa altrettanto con la 106 in attesa di Super Fox mentre, per la 104, fatto salvo un temporaneo Sky Info, si sta ancora aspettando la conferma di una ricorrente indiscrezione: il possibile arrivo di Rai 4.

Oggi, 7 settembre 2015, Rebekah Brooks, “la rossa”, torna in News Corp., con la carica di amministratore delegato di News Uk, che include Sun, Times e Sunday Times; Tony Gallagher, già direttore del Daily Telegraph, subentra a David Dinsmore, già direttore del Sun, e questi diventa direttore operativo.

Il Museo del Cinema e la Cineteca Nazionale, in concomitanza con il restauro del film ‘i Mostri’, presentato a Venezia, propongono a Torino, dal 4 al 12 settembre, “Alfabeto italiano”, serie di nove proiezioni di pellicole girate da Dino Risi.

In un comunicato stampa, Vivendi ha dichiarato di essere

«in trattativa esclusiva per diventare azionista di minoranza del futuro terzo gruppo mondiale del produttore di contenuti televisivi che nascerà dalla fusione tra Banijay e Zodiak»;

tale ingresso consentirebbe ai francesi di allargare il proprio business, integrandolo ad asset già consolidati, come la televisione, la produzione di film e serie, la musica, gli spettacoli. Previsto un miliardo di fatturato.

Mediaset España ha qualcosa in pentola;

(more…)


21st Century Fox and Apollo acquire Endemol, Shine Group & CORE Media

21st Century Fox and Apollo Announce Agreement to Create a Leading Global Multi-Platform Content Provider, Bringing Together Endemol, Shine Group and CORE Media

NEW YORK– 21st Century Fox (NASDAQ: FOXA, FOX) and funds managed by affiliates of Apollo Global Management, LLC (NYSE:APO) today announced a final agreement to create a leading global multi-platform content provider, bringing together Endemol, Shine Group and CORE Media. Under the terms of the agreement 21st Century Fox and Apollo will jointly manage the newly created group, with each owning 50 per cent. The group’s businesses will have creative operations in over 30 markets, with a diverse portfolio of over 600 formats, both scripted and non-scripted, coupled with digital, gaming, and distribution operations. (more…)


#redbandsociety (braccialetti rossi negli States)

Braccialettirossi‘, oltre ad essere stata una fiction di successo in televisione, un fenomeno interessante sui social network e un evento graditissimo negli spettacoli dal vivo, è un prodotto di sicuro interesse anche dal punto di vista commerciale.

La serie Polseres Vermelles , tratta da un libro autobiografico di Albert Espinosaè nata in Spagna, adattata in Italia dalla Palomar di Carlo Degli Esposti per Rai Fiction, in procinto adesso di conquistare gli Stati Uniti. Steven Spielberg, infatti, già titolare dei diritti acquistati a suo tempo nella terra di Miguel de Unamuno, farà un remake della serie che s’intitolerà Red Band Society e andrà in onda su Fox la prossima stagione, ventidue puntata prodotte da ABC Studios.

Il piccolo Charlie, interpretato da Griffin Gluck, in coma, racconterà le vicende delle altre persone e degli altri mondi che gli respirano attorno, con particolare riguardo a Leo Roth (Charlie Rowe), Dash Hosney (Brian Bradley), Emma Chota (Ciara Bravo), Kara Sounders (Zoe Levin), Jordi Palacios (Nolan Sotillociara).

Quanto all’Italia, si vuol ricordare che sono previste una seconda e una terza serie e che, proprio in questi giorni, è in corso un casting a Palermo;  è già in cantiere, inoltre, un nuovo evento -concerto #BraccialettiLive, con tanto di pagina Facebook Vorrei#BraccialettiLive a… che consente di scegliere dove organizzare l’evento tra le seguenti città: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bologna, Genova, Firenze, Reggio Calabria e altre.


Fabio e la resistenza

La Gazzetta dello Sport aveva anticipato che Mediaset pagherà a Murdoch tra i dieci e i quindici milioni di euro ogni anno per mandare in onda i programmi di Fox Sports HD anche su Mediaset Premium. La notizia è stata confermata: dal 17 agosto il canale sarà visibile anche alla posizione 382 di Mediaset Premium, senza costi aggiuntivi, anche se, con riguardo ai campionati inglese, francese e spagnolo, saranno trasmessi solo i 2/3 degli incontri.

Quali e quante siano le piattaforme interessate, il direttore di Fox Sports HD sarà Fabio Guadagnini, già responsabile di Sky Sport e Sky Sport Channel nonché conduttore di molti programmi di successo (questo blog lo ha già ospitato qui , qui e qui).

Sembra simpatica iniziativa, volendo preferire il faceto alla seriosità spesso eccessiva con cui si tratta lo sport, riprendere un aneddoto raccontato dal detto Guadagnini nell’ambito di un’intervista radiofonica (non mi sovviene la testata ma, si sa, si dice l’intervista ma non l’intervistatore).

Un tempo Fabio era in Stream e gli capitò la telecronaca di una gara sciistica; gli atleti scivolavano dolcemente lungo i pendii, le bandierine si piegavano flessuose al loro passaggio, le emozioni si susseguivano in modo costante.

(more…)


ci stupisce da dieci anni

Secondo la fondazione Rosselli, Sky rappresenta il piú grande investimento estero in Italia degli ultimi dieci anni; dal punto di vista mediatico, soprattutto riguardo alla pay tv, il suo impatto è stato proporzionale.

Qualche cifra:

  • Oltre 10 miliardi di euro: il valore delle risorse investite da Sky nel sistema economico italiano fino al 2012

  • Oltre 20 miliardi di euro: gli effetti diretti e indiretti prodotti dalla spesa cumulata per investimenti effettuati fino al 2012

  • 1 miliardo di euro: l’investimento destinato a tecnologia e innovazione fino al 2012

  • Oltre 39 mila ore di programmi originali autoprodotta dai canali della piattaforma nel 2012

  • 148,5 milioni di euro: l’investimento destinato alle produzioni di programmi originali su reti Sky nell’ultimo anno

  • 700 milioni di euro: investiti da Sky nel sistema cinematografico italiano tra fino al 2012

  • Oltre 3 miliardi di euro: investito da Sky per l’acquisto dei diritti di canali terzi fino al 2012

  • 5 miliardi di euro: totale investito da Sky nel calcio italiano dalla sua nascita (fino alla stagione 2014/15)’

  • Oltre 6800 dipendenti e collaboratori, con un indotto stimato di 13.500 lavoratori

  • 35 anni: l’età media dei dipendenti Sky, equamente divisi tra uomini e donne

Né il futuro è scevro di novità! Come anticipato, nascerà ad agosto Fox Sports HD e cominceranno le trasmissioni in alta definizione anche di Sky Tg24.

Nascerà ‘Crime & Investigation’, ennesimo canale dedicato alla fiction dei crimini e dei delitti.

Il canale ‘Classica’ , oltre a trasmettere in alta definizione, diventerà visibile a tutti ed è facile immaginare la gioia del presidente di Mediaset Fedele Confalonieri che, tra l’altro, è un grandissimo appassionato di musica e ha sempre sognato un canale analogo anche sulle sue frequenze.

Quanto ai programmi, vedremo nuovamente ‘X-Factor e ‘Masterchef’, corroborate dalle loro versioni junior, per non parlare di produzioni firmate  Fox Life quali ‘The Apprentice 2’, ‘Hell’s Kitchen’, ‘Cucine da incubo’.

La serie a puntate diGomorra’, ‘I delitti del bar Lume’ e ‘1992’ saranno le produzioni fiction.

Cliccando sul poster sottostante, sarà possibile leggere i comunicati stampa della piattaforma, che festeggia il decennale con una serie di bilanci qualitativi e quantitativi.

sky 10 anni

(more…)


gli hard del satellite

La pornografia in televisione è un asset che garantisce sicuri riscontri e, dopo aver annunciato “gli hard del Biscione”, è forse il momento di parlare dell’arrivo, proprio oggi, di Playboy.tv su Sky.

Il magazine arriva, infatti, in Italia ma solo per i clienti MySky e SkyGo che fruiscono di Sky On Demand.

Stando a quanto programmato dalle altre realtà che, all’estero, fanno capo a Playboy, il palinsesto dovrebbe comprendere, in chiave hot, rubriche, trasmissioni, fiction e interviste, magari con una differenziazione che preveda contenuti piú leggeri fino alle 23 e piú forti durante le ore notturne.

Quanto alla piattaforma italiana di Murdoch, si vuol fare un cenno anche al calcio che, per la stagione 2013 -2014, offrirà la Serie A italiana e quella tedesca su Sky, quelle francese, spagnola e inglese su Fox Sport, che nascerà ad agosto alla posizione 205 e trasmetterà oltre 2.900 incontri, con una finestra interattiva per scegliere.

Su Sky sarà possibile seguire anche la Champions, l’Europa League e la Serie B ma l’allargarsi del marchio Fox è argomento che non può certo passare inosservato.


six Media – lions

Six companies take the lion part in the world of Media and then they can be considered ‘the Lions’ of this professional field:


Currently, Hollywood Studios manage the 80% of the Audio – visual Market in the world and are an important asset for USA economy (10% is shared among  “mini – majors”, like Fremantle Media, Starz, Lionsgate, ecc. and another 10% or less is for 500 little  companies).

Italy is one of the 8 best buyers for Californian Studios, and gains 20 millions  from the international selling of contents (soccer not included).

There are, moreover, other  six principalities located just 400 miles north of Los Angeles, in the Silicon Valley, and each with highest market capitalization of the Hollywood principalities. Hollywood wants the money of the principles of the valley (also to replace the moribund market for DVDs) and in fact they need for their products. Content that, anyway, not everyone in Hollywood want to give “Incos”…

 At Cannes, while at Mipcom, NetFlix top manager Ted Sarandos, complaint that some companies, like Hbo or Starz Media, do not want to sell their products to him. Situation will change early, however. Currently, some studios sell very expensively their library products to not damage cinema or pay TV. Otherwise, Incos will start to make contents on their own, like studios do, and they will not need an intermediation  any more, as digital technology makes possibile to reach the consumer directly.

Then, Incos manage trade channels (IpTv, streaming, download) but not yer high values products, whereas Studios surely have high level contents but also need intermediation for trading.

We must remember that, until recently, the studios have always used intermediaries to distribute their products (movies, TV networks, shopping for home videotapes and DVDs and, ultimately, the Incos). But now that digital technology, broadband and reduced regulation have revolutionized the entire distribution system, the studios have bought the first TV networks to broadcast and cable distribution and are now preparing to deploy broadband.

For now, however there is an armed truce, which is to create a new distribution system called UltraViolet, the studios have developed together with Inco for a more effective selling online contents.


nasce il 4 di luglio

Comincia a delinearsi la fisionomia di Italia 2, che dovrebbe cominciare le trasmissioni a luglio, forse il 4.

Con un focus target costituito da maschietti tra i 15 e i 35 anni (già aggredito da Rai 4 e Fox), Italia 2 sarà caratterizzata da telefilm, film, cartoni animati e sit-com.

L’innovazione sarà quella di creare slot da un’ora, per rendere più dinamica la fisionomia dell’emittente e la sua fruizione.

Prime time alle 22, con due serate cinema (una la domenica), una dedicata ai cartoni e una alle sit- com.

rileggi

date random,

                gli extra di Pier Silvio,

    femminili e non solo.

PS: secondo alcune indiscrezioni, SyFy Universal, altro mondo pronto ad aprire i battenti, non nascerà il prossimo 1° luglio, né si sa altro sul suo futuro.


femminili e non solo…

La gestione di una rete televisiva presenta analogie con la gestione di un punto vendita. Sai cosa la gente vuole e glielo proponi.

La differenza è principalmente una: una rete televisiva fornisce prodotti mediali, impalpabili, mentre il POP  (= point of purchasing, punto di vendita) gestisce prodotti materiali, distribuendoli tra “gondole”, “isole” ed espositori invece che su un palinsesto.
Va poi chiarito quale tipo di punto vendita può essere assimilato a quale tipo di emittente televisiva.
Una grande rete generalista può essere accostata ad un grande magazzino, con reparti diversi che soddisfano bisogni diversi. un gruppo di emittenti ad un centro commerciale
Una piccola rete tematica può somigliare ad un negozio specializzato, una boutique d’alta moda, un negozio d’articoli sportivi, forse perfino il negozio per mancini gestito da Flanders a Springfield.
Massimo Comun Divisore vs. Minimo Comune Multiplo, mi è stato insegnato.
Aggregare il maggior numero possibile di mondi o agganciare target specifici, che sanno di potersi fidare di te 24 ore su 24 per guardare ciò che interessa maggiormente.
Nasce oggi, 12 maggio 2010 (san Pancrazio martire), La5, costola femminile e singolare dell’ammiraglia del Biscione, canale tematico gratuito del digitale terrestre. Se preferite quanto scritto all’inizio, reparto femminile aggiunto al supermercato già esistente.
I testimonial, tutti azzeccatissimi,  hanno fatto simpatico capolino
per alcune settimane dagli schermi televisi, salutando con le 5 dita della mano o addirittura chiedendoci se le cose dovessimo capirle con la musica.
Rispetto alle satellitari Fox Life, Fox Life +1 o Lei channel, anch’esse tematiche e femminili, La5, essendo canale slave gratuito di un’emittente commerciale generalista, raggiungerà un target più ampio.
Tornando al digitale terrestre,
entro la fine dell’anno vedranno la luce in casa Mediaset un canale all news e Italia 2, rete che dovrebbe declinare la verve e la velocità neurotrasmissiva di Italia 1 in chiave estrema e un po’ birichina.
Per la par condicio dobbiamo ricordare che, visto il successo di
Rai 4, l’azienda di viale Mazzini sta per lanciare Rai 5. L’azienda di viale Mazzini, inoltre, toglierà la parte “sat”  alla denominazione dei canali DTT che la contenevano (RaiSat Premium e RaiSat Yoyo diventano Rai Premium e Rai YoYo) mentre, dal 18 maggio, per la gioia dei sostenitori del confusing marketing, ci sarà l’introduzione di un nuovo logo, uniforme per tutti i canali, con un quadrato al posto dell’attuale farfalla.
Telecom Italia Media ha partorito nei mesi scorsi La7 D (anch’essa a target femminile) ma stanno per nascere MTV + e La 7 on demand.
Si tratta di iniziative che consentono alle aziende televisive di strizzare l’occhio alla frammentazione e alla specializzazione del mercato, in una prospettiva di avvicinamento sempre maggiore ai gusti del pubblico (Berlusconi già negli anni ’80 immaginava la TV del futuro come una gigantesca edicola alla quale chiedere ciò che interessa).
Non c’è che dire, il bouquet che avremo a disposizione nei prossimi anni sarà sempre più allettante!

S.O.S. Tata!

S.O.S. Tata (Fox Life, La7) è universalmente considerato un reality.

Ma ha il plus, a mio avviso immenso, di essere utile ed educativo, di presentare spaccati  credibili e situazioni concrete, fornendo chiavi di lettura e soluzioni.

In ogni puntata una compita Specialista di pedagogia e problematiche infantili si reca a casa di una famiglia bisognosa e, dopo attento monitoraggio, aiuta la citata famiglia a sanare i conflitti che la dilaniano.

La settimana scorsa una di queste novelle Charlie’s Angels ha avuto il coraggio di incatenare i televisori di un intero appartamento, per consentire ai suoi occupanti di recuperare gli spazi dell’affetto e del dialogo.

E lo ha fatto in prima serata!

La tata di ieri sera ha aiutato due genitori a ritrovare la propria dimensione di coppia e a creare serenità nelle relazioni tra i figli, due pestiferi gemellini e una sorellina – vicemamma.

Come ho già scritto una volta, il genere televisivo del reality non è da demonizzare a priori.

Ha grandi potenzialità, che talvolta fruttificano in modo interessante. 


Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: