Crea sito

Posts tagged “scuola

il futuro della scuola (3)

È in corso di valutazione, in questi giorni, la possibilità di far usare lo smartphone in classe, agli studenti. Se fossi nei panni del Ministro della Pubblica Istruzione lo impedirei con la massima fermezza, per i seguenti motivi: (more…)


giornata dell’autismo in televisione, a scuola e… nel nuoto!

La settimana dal 27 al 31 marzo 2017 è stata dedicata all’autismo; domenica 2 aprile ricorre, per il decimo anno, la Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo, promossa dall’ONU; il colore scelto per sottolineare e identificare le iniziative volte a sensibilizzare l’opinione pubblica, promuovere una maggiore conoscenza e a ricordare la delicatezza di questo argomento è il blu. Il ministero della Pubblica istruzione, dell’Università e della Ricerca, nella nota n.495 del 23/03/2017, ha auspicato un’occasione di “confronto tra le scuole e una possibilità per lavorare con enti, associazioni delle persone con autismo e dei loro familiari o  associazioni scientifiche di settore, per interventi informativi e/o  formativi sul tema, agevolando la collaborazione e suscitando attenzione intorno all’argomento. Le tematiche, su cui focalizzare le attività suddette, sono svariate: innovazione metodologico-didattica inclusiva; ricerca e sperimentazione di modelli di cooperazione dei team docenti anche in collaborazione con università, centri di ricerca, associazioni e terzo settore; partenariati, anche in ambito europeo, caratterizzati da scambi e  confronti di esperienze di didattica; condivisione di programmi  di utilità sociale, finalizzati a migliorare l’inclusione scolastica”.
Per sostenere #sfidautismo17 si può inviare un sms al 45541, fino all’8 maggio. Per le iniziative organizzate da mamma Rai, con la sua programmazione, si può andare a fine post.
Sabato 1° aprile, e domenica 2 ha luogo l’“Ab-bracciata collettiva”. Manifestazione tra le piú meritorie, (more…)


il Collegio

Con la puntata di lunedí 23 gennaio 2017*, si può definire conclusa l’avventura de ‘il Collegio’, riuscito docu – reality di Rai 2 che ha messo a confronti alcuni adolescenti d’oggi con i sistemi educativi degli anni Sessanta. Se i nostri figli e nipoti sono spesso smidollati, debosciati, neghittosi e riottosi, è colpa della società o della scuola? In che misura quest’ultima è messa davvero nelle condizioni di funzionare? Essa stessa crede ancora in sé?
Erano questi, d’altra parte, gli obiettivi del format inglese ‘That’ll Teach ‘Em’, adattato e mandato in onda in molti Paesi prima che in Italia?
Dubbio non v’è che i giovani concorrenti, tutti, abbiano dimostrato simpatia e ci siano entrati nel cuore; strano, anzi, che non siano in circolazione figurine, gadget e (more…)


che ve ne farete del latinorum? (3)

A volte facciamo fatica a chiudere le iscrizioni alla magistrale
la stessa classicista dell’altra volta

Le lauree predisposte, se non abilitanti, all’insegnamento sono state prospettate ma non ancora aperte. Chissà, se esistesse una laurea magistrale mirata all’attività didattica nelle scuole, otterrebbe migliori riscontri: (more…)


che ve ne farete del latinorum? (2)

Il latino ed il greco per come li abbiamo studiati fino ad oggi non interessano a nessuno
una classicista che ho ascoltato di recente

‘Il mio professore di greco pretendeva che conoscessi il greco’
Luca Laurenti

Lo studio del latino e del greco antico è indispensabile. Esso ci consente di uscire dai nostri ambiti professionali per ribadire l’importanza di alcune chiavi di lettura necessarie a comprendere la lingua, la cultura, la simbologia. La cultura classica deve essere finalizzata alla consapevolezza nell’uso della terminologia scientifica e filosofica, alla conoscenza delle categorie mentali che sono nate nel mondo greco-romano (la democrazia, il teatro ecc.), alla consapevolezza delle tecniche e buone prassi che a noi sono pervenute attraverso un processo di stratificazione durato secoli. La stessa mitologia è fondamentale, per capire le metafore usate nel linguaggio quotidiano, la letteratura, la storia dell’arte, l’astronomia, i simboli.
Ad aprile 2017 avrà luogo un seminario, (more…)


Internet e Infernet: due facce della stessa medaglia

Era il 30 aprile 1986: dal Centro universitario per il calcolo elettronico (CNUCE) di Pisa partiva un segnale diretto a Roaring Creek, in Pennsylvania. In Italia s’accendeva Internet.
Il 29 aprile 2016, a trent’anni quasi esatti, tutto il Paese festeggia l'”Italian Internet Day” e, a fine post, si rende esaustiva disamina di tutti gli eventi previsti.
Manco a farlo apposta, il giorno prima, giovedí 28, esce nei cinema, per la precisione in quaranta cinema, il film ‘Infernet’, di Giuseppe Ferlito, con Roberto Farnesi, Ricky Tognazzi, Remo Girone, Daniela Poggi, Andrea Montovoli. Pellicola tra le piú attuali, intende indagare il rapporto che intercorre tra la rete e alcuni problemi d’oggi, come la pedopornografia, il cyber-bullismo, la dipendenza dal gioco on line, alcune forme di prostituzione. Il regista Ferlito, autore del soggetto insieme con Farnesi, dichiara:

“I giovani spesso non distinguono tra reale e virtuale e pensano di essere sempre in un videogioco. Il web non va demonizzato ma nelle mani di una persona cattiva può diventare letale”.

Adesso, come anticipato, gli eventi dell’Italian Internet Day: (more…)


spicchi d’arte tra baffi di storia (2)

  • Un primo pensiero va al grande Riccardo Garrone, uomo sensibile e colto, protagonista in Teatro, in Televisione, al Cinema, nel Doppiaggio. Il grande pubblico lo ricorda con particolare immediatezza nei panni richiesti da una nota campagna pubblicitaria ma la semplicità non sarà mai un difetto, anzi, ennesima conferma di grandezza.
  • Nell’appropinquarsi del 23 aprile 2016, quattrocentesimo anniversario della morte di William Shakespeare, Sky Arte HD (canali 120 e 400) propone, già da stasera, ‘Inseguendo Shakespeare’, nuova serie della BBC in cui, in sei emozionanti puntate, artisti quali Joely Richardson, Ethan Hawke, David Tennant, Derek Jacobi, Trevor Nunn e Jeremy Irons tenteranno di scoprire i segreti che si celano in alcune delle opere piú conosciute del Bardo, come La Tempesta, l’Amleto, il Riccardo II, quel Macbeth che, citato da Curatola, può solo portare fortuna. La prima puntata, in onda questa sera, è per la verità dedicata a due commedie: ‘La Dodicesima Notte‘ e (more…)

il primo (digitale) giorno di scuola

Oggi è stato il primo giorno di scuola per molti bambini italiani. Le tecnologie digitali, come avviene con sempre maggiore frequenza, hanno consentito ai discenti di presentarsi a scuola equipaggiati in modo avveniristico e ai genitori d’improvvisarsi cinematografari e documentaristi da Istituto Luce o Luce Cinecittà che dir si voglia; par di sentire il ritmico e nostalgico cantilenare dello speaker dei citati documentari, mentre declama:

«Ecco i freschi germogli, nuove promesse della società, fare il loro ingresso negli istituti dove dovranno compiere il loro dovere per diventare i cittadini e le cittadine che il mondo s’attende. Ehi, tu, piccolo, hai acquistato penna e calamaio? Lei, signora, tale vezzoso grembiulino lo ha confezionato da sé o lo ha acquistato presso un fornitore?»

L’occasione ci è gradita, in realtà, per tornare alle tecnologie che viepiú affiancano la didattica tradizionale; in una puntata di SuperQuark andata in onda poche settimane fa, si è parlato di una scuola in cui le lezioni dei professori vengono caricate su internet come video e a scuola si va per esercitarsi e fare i compiti.

Sembra innovazione tra le piú interessanti, per i seguenti motivi:

(more…)


il futuro della scuola (2)

La chiamata diretta dei docenti da parte dei dirigenti scolastici era prevista durante il regime fascista (regio decreto 1054/1923). Ecco come un vecchio numero di Topolino trattava la questione:


santi, poeti, navigatori, analfabeti

“L’unico pericolo sociale è l’ignoranza.”

Victor Hugo

Quattro italiani su dieci sono privi di titoli di studio o hanno conseguito la sola licenza elementare, tre su dieci soltanto la media inferiore. Ad essere precisi, è analfabeta o semianalfabeta il 39, 2% degli italiani, corrispondente a ventidue milioni e mezzo di persone; alcune regioni del Paese sono particolarmente a rischio, soprattutto al Sud, dove la percentuale si arrotonda ad un inquietante 40%. La Calabria, pur figurando tra le regioni “a rischio”, vanta un numero di laureati superiore a quello del Veneto e della Valle d’Aosta, praticamente pari al Piemonte (5,1% contro 5, 4,2 e 5,5).

Rispetto ad altri trenta Paesi del mondo civilizzato, (more…)


Dante, i fumetti e la Russia

Nel 2015 ricorre, come si ricordava in un precedente post, anche  il 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri. Anche a prescindere da questo, mi è particolarmente gradito segnalare una lodevole iniziativa, un concorso per ricordare Dante, la sua importanza nella cultura italiana e in quella mondiale, con particolare riguardo a quella russa. Il tutto, però, con il linguaggio dei fumetti.

Ecco il testo del comunicato, da Orizzonte Scuola: (more…)


Asinelli dietro la lavagna. Multimediale.

La scuola, secondo molti, deve fare uso massiccio, forse anche esclusivo delle tecnologie digitali. Bando a quaderni, astucci e libri cartacei, benvenuto a tablet, lavagne interattive e cloud.

È in corso una disputa tra operatori della scuola proprio su questo punto e non pochi sono i docenti che già si rivolgono spocchiosamente ai propri allievi dicendo che non vogliono vedere carta in classe ma solo tecnologie digitali. Lezione da imparare? Sul tablet! Assenze da registrare? Sulla lavagna multimediale!

A me sembrano piú i rischi. Pur non essendo un operatore della scuola, mi è sempre appartenuta una discreta sensibilità verso il mondo dell’insegnamento perché ad esso attiene una responsabilità immensa, quella di formare le nuove generazioni. Proprio in virtú di tale sensibilità, forse anche a dispetto delle specializzazioni professionali, a me sembra rischioso allontanare i ragazzi dall’approccio al cartaceo fondamentalmente per due ordini di ragioni:

  1. l’approccio al testo scritto e allo scrivere mette in funzione ed educa una serie di funzioni che la tecnologia digitale non prevede;

  2. prima i poi i ragazzi un testo scritto complesso dovranno leggerlo comunque e, in assenza di un’adeguata educazione al suo approccio, potrebbero incontrare gravi difficoltà.

La scuola deve aprirsi alla realtà e le tecnologie ne costituiscono parte integrante (per non parlare del risparmio economico, dei libri che devono diventare gratuiti e del vantaggio ecologico).

L’italiano e la matematica, però,  si possono imparare solo in un modo. Secondo me.


Lettera di Abramo Lincoln al maestro di suo figlio il primo giorno di scuola

“Il mio figlioletto inizia oggi la scuola: per lui, tutto sarà strano e nuovo per un po’ e desidero che sia trattato con delicatezza. È un’avventura che potrebbe portarlo ad attraversare continenti, un’avventura che, probabilmente, comprenderà guerre, tragedie e dolore.

Vivere questa vita richiederà Fede, Amore e Coraggio.

Quindi, maestro caro, la prego di prenderlo per mano e di insegnargli le cose che dovrà conoscere. Gli trasferisca l’insegnamento, ma con dolcezza, se può. Gli insegni che, per ogni nemico c’è un amico. Dovrà sapere che non tutti gli uomini sono giusti, che non tutti gli uomini sono sinceri.

Gli faccia però anche comprendere che, per ogni farabutto c’è un eroe, che per ogni politico disonesto, c’è un capo pieno di dedizione.

(more…)


essere in Carrozza

La password per aprire i plichi elettronici con le tracce dei temi per la maturità non poteva essere piú semplice:

64WLMI3Z2GTDYTMSUJAZUQEYH

In bocca al lupo a tutti!

Tracce:

Tema generale: «La vita non è solo lotta di competizione ma anche trionfo di cooperazione e creatività»;
Tema letterario: relazione tra individuo e società di massa attraverso testi di Pasolini, Canetti, Montale, ecc…;
Tema storico: i Paesi emergenti nell’economia internazionale, i “Brics” (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica);
(more…)


ovidio al posto di plauto

Ovidio è stato uno degli autori latini piú letti e amati nella storia della cultura occidentale, ne andava matto anche Shakespeare. La lettura delle sue Metamorfosi consente una visione d’assieme su buona parte della mitologia antica, l’Ars amatoria o altri suoi scritti sono di sicura bellezza.
La domanda, pertanto, sorge spontanea: perché non mettere la lettura e lo studio di Ovidio come classico al posto di Plauto in terza liceo (i programmi delle altre scuole dove si fa latino al momento non mi sovvengono)?
Con tutto il rispetto per l’autore dei Menaechmi, sembra che le sue problematiche possano essere affrontate in modo esaustivo durante il primo anno di corso, con letture mirate, mentre lo studio del Miles gloriosus in terza liceo sottrae spazio ad argomenti piú interessanti e formativi, che sarebbero utili ad una migliore consapevolezza del mondo antico.

W la scuola! (2)

“La società nasce dalla scuola”

una prof

La preparazione dei cittadini di uno Stato dovrebbe essere la piú omogenea possibile, pur con le dovute specializzazioni. È inammissibile, infatti, che cittadini della stessa nazione sappiano scrivere, leggere, far di conto o ragionare in maniera diversa sol perché hanno frequentato istituti diversi nel ciclo della scuola media superiore.

Poiché, a dispetto della passione massmediale che copre, in effetti, la gran parte dei miei interessi, mi è sempre appartenuta una discreta sensibilità verso il mondo dell’istruzione, mi è riuscita la formulazione di una teoria che, a mio avviso, risolverebbe molti dei problemi che affliggono il mondo nella scuola e, a integrazione di quanto già scritto in W la scuola!, sarebbe articolata nel modo seguente:

  • ripotenziare le scuole elementari, con esami alquanto seri al termine delle tre classi finali;

  • far durare le medie cinque anni, assorbendo gli attuali bienni;

  • cominciare il latino in prima media, sacrificando solo un’oretta di educazione tecnica e di educazione musicale (fatte bene già alle elementari) e, opzionalmente, il greco in quarta media;

  • studiare all’ultimo triennio delle superiori Italiano, Storia, Matematica, Lingue, Economia politica e aziendale, Informatica, Diritto e materie d’indirizzo.

rileggi W la scuola!

e tre modeste proposte


il futuro della scuola

concorso personale docente, esempio di domandaconcorso per il personale docente esempio di domanda 2


l’ora (multietnica) di religione

Uno dei quesiti oggetto d’interesse da parte dell’opinione pubblica riguarda, in queste ore, l’insegnamento della religione cattolica.

Ci si chiede se non sia giusto, in una società multietnica come la nostra, dedicare spazio non solo al cattolicesimo ma anche alle altre religioni praticate nel Paese.

Chi scrive ha sempre ritenuto che la religione a scuola non andrebbe insegnata per niente, essendo altre le sedi che possono tranquillamente farsi carico di questo compito.

Se cosí non può essere, che si riconosca, almeno, che le religioni chiamano in modo diverso un Dio che con ogni probabilità è lo stesso per tutti.

E che non compete alla religione di fare politica!


la pioggia (d’Agnese) nel pineto (2)

La cara Agnese, Pasqual friend da alcuni anni nonché motivata  insegnante d’italiano e latino, ha messo nuovamente mano all’immortale ‘Pioggia nel pineto’ di Gabriele D’Annunzio e ne ha ricavato un’attuale, quanto insolita rivisitazione:

ascolta…piove…

su questo quadro,

sul triste mezzadro e sul governo ladro…

piove…

su questi compiti sparsi, sui nostri occhi stanchi e riarsi…

piove sui nostri registri, sui rumori sinistri del soffitto

di crepe trafitto che gronda di lacrime amare…

men rare più rare…

e piove…

nel bagno della scuola nell’aula sola, sulla nostra parola…

piove nel bagno e me ne lagno…

piove nel corridoio e me ne annoio…

NON piove dell’aula magna che MAI si bagna…

e dunque non piove sul collegio docenti…

perciò stringiamo i denti e andiamo…

PASTORI! E’ TEMPO DI MIGRARE!

© Agnese M., 2012

rileggi La pioggia (d’Agnese) nel pineto


la società nasce dalla scuola

o è la scuola che nasce dalla società?

vignetta di Antonio Petruccelli su Facebook


la pioggia (d'Agnese) nel pineto

La cara Agnese, Pasqual friend da alcuni anni nonché motivata  insegnante d’italiano e latino, ha messo mano all’immortale ‘Pioggia nel pineto’ del Vate D’Annunzio e ne ha ricavato un’attuale, quanto insolita rivisitazione:

Piove…sulle relazioni finali,

sui programmi stanchi,

sui nostri fianchi piegati a far medie…

e che medie…

e piove sulle sedie…

consunte dalle ossa stanche a corregger prove temi versioni...

che…coj…oti che ululano da lontano…

sembra inverno…

sembra eterno questo inverno…

e piove…

sulle penne rosse,

sui voti (silvani?)

sulle nostre mani callose …

piove su tutte le cose…

© Agnese M., 2011


i bambini e (il giorno del)la memoria

La speranza in un mondo migliore passa sempre attraverso le nuove  generazioni.

Oggi, Giorno della Memoria, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano premierà gli alunni delle classi IV A/B del III circolo didattico “G. Mazzini” di Bari, che hanno realizzato il cartone animato vincitore del concorso nazionale “I Giovani ricordano la Shoah”.

I bambini, guidati dalle maestre  Domenica Danisi e  Rosa De Feo hanno fatto prima una ricerca di carattere storico, poi hanno creato un diario, disegnato le scene e inserito foto, immagini e documenti, animando il tutto con il sofware “I cartoon” e dando voce ai personaggi con dialoghi scritti da loro.

Nel racconto si narra la storia di un giovane di Ferrara, “Franco S.”, deportato prima a Fossoli e poi a Buchenwald.

Un'immagine del cartone animato

click on the picture for video


Milan per la scuola

È bello quando il calcio depone i colori del fanatismo e riscopre la sua funzione di palestra di valori.

Ieri ha avuto luogo a Milanello la conferenza stampa di

 “Milan per la scuola. Tutti i colori del gioco”,

un progetto che, assieme a numerosi altri, testimonia e concretizza una sensibilità mai sopita nei confronti degli aspetti educativi dello sport (click on the picture for details).
A
presentare l’iniziativa Adriano Galliani, Vice Presidente Vicario e Amministratore Delegato del Milan, Laura Masi, Direttore Marketing del Club, Winand Krawinkel, Direttore Marketing di adidas Italia e Fabio Guadagnini, Direttore SKY Sport 24  (SKY e adidas sono i partner tecnici dell’iniziativa, realizzata in collaborazione con La Fabbrica, agenzia di comunicazione specializzata in iniziative educational per grandi aziende e istituzioni, e patrocinata da Fondazione Milan, istituzione che promuove i diritti fondamentali della persona e diffonde la cultura e la pratica dell’attività sportiva come mezzo finalizzato alla salute psicofisica, all’integrazione e al miglioramento della qualità della vita).

Il numero 22 del team rossonero, Kaká, ha svolto funzione di testimonial, dimostrando come i valori suoi e dei suoi compagni di squadra possano essere sicura garanzia del successo dell’iniziativa.

Il goleador ha inoltre risposto, con simpatia e disponibilità, alle domande che i bambini (ma non solo!) interessati all’iniziativa gli hanno formulato, intervistati nelle loro scuole.

aggiornamento: Il 1° agosto 2009 il direttore di SKY Sport 24 è diventato Massimo Corcione, proveniente da Mediaset. Fabio Guadagnini è ora direttore di SKY Sport.


la notte della civetta

La civetta, animale sacro della dea Athena, è da sempre simbolo d’Intelligenza e Istruzione.

Qualcuno ha detto che è solita volare sul far della sera.

In alcuni momenti della storia, quando la luce della Ragione ha squarciato le tenebre dell’ignoranza, ha volato con fierezza, compiendo suberbe evoluzioni in cielo.

Ma il dibattito sull’istruzione in questi giorni è decisamente aspro.

Si parla di “scuola ammortizzatore sociale”, di “blocco del turn over”, di epurazione etnica dei “fannulloni”.

Si legge (Panorama della scorsa settimana, ad esempio) di atenei indebitati che foraggiano aziende agroalimentari, assumono al di là del possibile, aprono sedi succursali non necessarie e gestiscono corsi di laurea per 1 o addirittura 0 iscritti.

Si teme per il diritto allo studio, all’istruzione pubblica, alla promozione sociale.

Si combatte per la dignità del posto di lavoro, per il riconoscimento della propria missione sociale, contro lo spettro di un riposizionamento lavorativo difficile (andiamo, cosa può fare un laureato in Lettere di quarant’anni, se non insegnare?).

Ricordo che anche i miei professori delle medie, illo tempore, temevano i decreti “mangiaclassi”, c’erano scioperi e manifestazioni.

Stavolta, però, le istanze relative all’istruzione si sono mescolate ai problemi di un intero sistema sociale, e la lucidità del dialogo si è persa nella confusione degli interessi e nel rumore delle piazze.

La civetta, credo, è rannicchiata nel suo nido, tremolante e impaurita, forse anche disgustata…


Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: