Crea sito

un tuffo nel passato? No!

“Si possono ingannare poche persone per molto tempo

oppure molte persone per poco tempo.

Non si possono ingannare molte persone per molto tempo”

Abraham Lincoln

A mio avviso si doveva votare No, come espresso in altre sedi, ed è davvero difficile trattenere l’entusiasmo per il responso delle urne. Non si cambia una delle migliori Costituzioni del mondo con una riforma frettolosa e mal scritta, che avrebbe corroso la sovranità popolare e cristallizzato alcuni poteri piú di quanto già non siano. Né era concepibile che un consigliere regionale, eletto nei modi piú diversi, fosse automaticamente senatore, in sovrapposizione, logistica e di merito, con le sue responsabilità amministrative locali. A voler tacere altro.

Certo, le letture politiche e sociologiche sono possibili.

La strategia piú bieca e subdola, però, è quella di chi tenta d’ingannare il popolo.
PS: anche stavolta i contenuti hanno vinto sulla forma e alcuni strumenti di comunicazione hanno rivelato dei limiti.

2 Responses

  1. Concordo sul “No” e sui “potivi per cui” (e infatti così ho votato)… e nonostante non sono contenta, non vedo in questa doverosa e dovuta vittoria del buon senso e della democrazia nessun motivo per esultare.
    O meglio, contenta lo sono perchè quella che ha vinto è la democrazia a dispetto delle troppe cattiverie, mezogne, bufale e paure messe in campo da entrambre le parti.
    Esultante no perchè quest’Italia più spaccata che mai a mio avviso non è da festeggiare.
    Ora non resta che sperare che “i bambini” la smettano di litigare per chi deve tirare i calci alla palla… ma perchè non ci credo?

    07/12/2016 at 12:47

    • Cara, grazie per il commento! La speranza in un mondo migliore non dev’essere mai abbandonata! 🙂

      08/12/2016 at 10:54

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: