23 aprile: Libri, diritto d’autore… biblioteche

Il 23 aprile, giorno del simultaneo, pio transito di Shakespeare, Cervantes e Garcilaso (Indio) de la Vega*, è riconosciuto a livello internazionale come Giornata del Libro e Giornata del Diritto d’Autore. (*con piccolo adeguamento di calendario)
Ci permettiamo di segnalare alcune interessanti iniziative:

  • Per celebrare la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, Biblioteche di Roma, nel suo 25simo compleanno, in collaborazione con l’Associazione Italiana Editori (AIE), organizza in diretta streaming Leggere sempre, festival in due giorni il 23 e il 24 aprile dedicato al piacere del leggere e alle biblioteche di pubblica lettura. Una due giorni con incontri e approfondimenti che ci condurranno in un viaggio tra i libri, le biblioteche e la città di Roma attraverso numerose letture realizzate in collaborazione con Romaeuropa Festival e che si inserisce all’interno dell’iniziativa Maggio dei Libri, organizzata dal Centro per il Libro e la Lettura (CEPELL). “Leggere, sempre” – afferma Lorenza Fruci, Assessora alla Crescita Culturale – non è solo il bel titolo di questo festival ma anche la motivazione per cui in tutti i nostri quartieri c’è una Biblioteca, fondamentale presidio di conoscenza. Leggere rappresenta la voglia di conoscere, la possibilità di scoprire il mondo. Crescita culturale e personale. La rete delle Biblioteche a Roma racconta tanti punti di luce, per accendere il maggior numero possibile di intelligenze. La giornata mondiale del libro e del diritto d’autore è la giornata di tutti coloro che amano leggere, che credono nello scambio di pensieri fra esseri umani, una giornata che celebra la libertà.” Tante sono le testimonianze in programma: dall’argentino Alberto Manguel, bibliofilo cosmopolita, vicino a Jorge Luis Borges, al Direttore della Biblioteca Bodleiana dell’Università di Oxford Richard Ovenden e ancora Marino Sinibaldi, autore dello storico format Fahrenheit e Presidente del Centro per il Libro e la Lettura; dalle accademiche Lina Bolzoni, Nadia Fusini, Letizia Muratori e Daria Galateria a scrittori che negli ultimi anni hanno conquistato lettori e riconoscimenti in tutto il mondo: Manuel Vilas, Melania Mazzucco, Nadia Terranova e Lidia Ravera. E poi tante letture di testi sul libro: Gustave Flaubert, Marguerite Yourcenar, Romano Guardini, Virginia Woolf, Herman Hesse, Isaac Asimov, Alberto Vigevani, Giuseppe Pontiggia e tanti altri. “La Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore – dichiara Vittorio Bo, Commissario Straordinario Istituzione Biblioteche Centri Culturali di Roma Capitale – rappresenta prima di tutto la difesa e la libertà del sapere dell’uomo. I libri sono, da secoli, il deposito delle memorie e delle storie dell’umanità e attraverso di essi conosciamo mondi, passioni, idee che ci vengono tramandate per essere interpretate da noi e portate nelle nostre vite, per consegnarle al futuro. Un concetto espresso chiaramente dalle recenti misure governative che consentono alle librerie e alle Biblioteche di restare aperte, anche nelle zone rosse, stabilendo un principio di non poco conto nel nostro Paese. E cioè il fatto che i libri, in Italia, costituiscono un bene essenziale al pari dei generi di prima necessità, fondamentali come un farmaco o un alimento. Una cura e una commestibilità ritenute risorse primarie”. “Per le Biblioteche di Roma quest’anno la giornata del 23 aprile – prosegue Bo – è ancora più significativa perché celebriamo un importante anniversario della nostra Istituzione, consapevoli del cammino percorso con le nostre biblioteche sul territorio e nelle carceri e con i nostri BiblioPoint. Con le sue quaranta biblioteche e un’ampia rete di strutture associate Biblioteche di Roma garantisce, infatti, libero accesso all’informazione e alla conoscenza, arrivando anche nelle zone più periferiche della città e costituendo un presidio di cultura e di socializzazione”. “Siamo particolarmente lieti della collaborazione con AIE anche in questa occasione, che consolida ulteriormente un’unione di intenti per la promozione del libro e della lettura, nel segno di un impegno comune per la cultura e la crescita del nostro Paese”, conclude Bo. “Come editori, siamo felici di festeggiare la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore accanto a una istituzione come Biblioteche di Roma che da 25 anni porta i libri in ogni angolo della nostra Capitale, la più grande e popolosa metropoli italiana. Insieme ad editori e librai, le biblioteche hanno reagito prontamente durante la pandemia per preservare la centralità del libro nel nostro Paese e lo hanno fatto adeguando la loro offerta culturale attraverso il potenziamento dei canali digitali. Ci auguriamo che il loro ruolo continui a essere valorizzato, come lo è stato nel 2020, da tutte le istituzioni del nostro Paese e che venga confermato e stabilizzato anche per gli anni a venire il finanziamento per gli acquisti di libri nelle librerie di prossimità, misura proposta, richiesta e sostenuta da tutto il mondo del libro (Associazione Italiana Biblioteche, Associazione Italiana Editori e Associazione Librai Italiani), apprezzata e imitata in Europa, che ha contribuito a rafforzare il ruolo delle biblioteche e a sostenere la domanda”, dichiara Ricardo Franco Levi, Presidente di AIE.
    Durante la manifestazione sarà premiato il vincitore del concorso fotografico Leggere in uno scatto e si terrà l’inaugurazione della mostra allestita nella galleria della Casa delle Letterature Trame della lettura di Luisa Longo. L’artista, che opera nell’ambito della Fiber art, presenta una collezione di 20 opere dipinte su organza che rappresentano le biblioteche pubbliche e private del mondo e che raccontano i luoghi che custodiscono parte del patrimonio culturale dell’umanità.
    #leggeresempre #laculturaonline #CultureRoma #25anniinsieme
    Info culture.roma.it aie.it ilmaggiodeilibri.it
    youtube Biblioteche di Roma fb @biblioteche.roma [email protected]

  • Riparte oggi, 23 aprile, il “Maggio dei Libri”, giunto alla sua undicesima edizione.

    Nata nel 2011 con l’obiettivo di sottolineare il valore sociale dei libri quale elemento chiave della crescita personale, culturale e civile, Il Maggio dei Libri è una campagna nazionale che invita a portare i libri e la lettura anche in contesti diversi da quelli tradizionali, per intercettare coloro che solitamente non leggono ma che possono essere incuriositi se stimolati nel modo giusto. Tutti possono contribuire organizzando iniziative che si svolgano fra il 23 aprile e il 31 maggio e registrandole nella banca dati della campagna, sul sito ufficiale. Nella sua missione, Il Maggio dei Libri coinvolge in modo capillare enti locali, scuole, biblioteche, librerie, festival, editori, associazioni culturali e i più diversi soggetti pubblici e privati. In Italia ma non solo: ogni anno, infatti, la campagna varca i confini nazionali unendo nella comune passione per la lettura anche alcune scuole italiane all’estero. Grazie alla collaborazione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, nel corso delle edizioni si sono svolti appuntamenti in: Argentina (Buenos Aires e Morón), Belgio (Liegi e il sito UNESCO Blegny-Mine), Brasile (San Paolo), Canada (Toronto), Croazia (Albona e Zara), Francia (Lione e Parigi), Germania (Berlino), Grecia (Atene), Perù (Lima), Romania (Bucarest), Slovenia (Pirano), Spagna (Barcellona), Svizzera (Lugano e Poschiavo) e Turchia (Smirne).

    Oltre 2300 le iniziative organizzate, molte in chiave dantesca. A questo link l’offerta complessiva della kermesse.

  • Le case editrici, neanche a dirlo, vanno visitate singolarmente. Ci permettiamo a ricordare quanto proposto da Feltrinelli nell’ambito della categoria “Se son libri fioriranno” ed in occasione, giustappunto, di questa “Giornata mondiale del Libro”: «per celebrare l’amore per i libri, abbiamo pensato a un regalo speciale per i nostri lettori: un segnalibro ispirato alle rose con una citazione tratta da Il Piccolo Principe. Questo è il nostro modo per omaggiare la tradizione catalana da cui è nata la Giornata mondiale del libro, in cui i librai abitualmente regalano una rosa insieme ai libri venduti.» Necessario un ordine di almeno 35€, da fare sul sito dell’editore.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: