spicchi di made in Italy e gesta d’Alessandro Magno

  • aggiornamento ulteriore: è stata comunicata la short list dei film che possono sperare nella candidatura all’Oscar 2021. Tra gli italiani, oltre a ‘Notturno’ di Gianfranco Rosi tra i documentari, è stato selezionato il Pinocchio di Matteo Garrone per la categoria Trucco e acconciature;  la canzone ‘Io sí’ interpretata da Laura Pausini per il film di Edoardo Ponti con Sophia Loren ‘La vita davanti a sé’ nella categoria Colonna sonora; ancora Sophia Loren nella categoria dei documentari brevi con ‘What Would Sophia Loren Do?’ di Ross Kauffman; Filippo Meneghetti nella categoria Miglior Film internazionale per ‘Due’, che uscirà in Italia con Teodora. La rosa definitiva delle candidature sarà resa nota il 15 marzo. In bocca al lupo a tutti e Viva l’Italia!
  • aggiornamento 10 febbraio: ricorre oggi la Giornata del ricordo dei martiri delle foibe; a questo link il comunicato della Rai sulla programmazione dedicata.
  • Sono stati assegnati a Gianfranco Rosi per ‘Notturno’ e a Luca Guadagnino per ‘Salvatore – Shoemaker of Dreams’, entrambi presentati all’ultima Mostra di Venezia, i primi Nastri d’argento 2021, che inaugurano il palmarès del Premio che giunge quest’anno alla settantacinquesima edizione.
  • Sono in corso ad Orvieto (Terni) le riprese del film tv ‘Carla’, dedicato a Carla Fracci. A prescindere dalle imitazioni di Virginia Raffaele, Anele srl e Rai Fiction hanno ben pensato di tributare un omaggio alla danzatrice piú fulgida della danza italiana, interpretata da Alessandra Mastronardi. Per la verità, il libro è liberamente ispirato al libro ‘Passo dopo passo – La mia storia’ (Mondadori), scritto dalla signora Fracci in persona. La regia del film è di Emanuele Imbucci, la messa in onda è prevista a breve su Rai 1.
  • Una nuova promettente produzione hollywoodiana, una serie su Alessandro Magno, che ripercorre la vita del piú grande condottiero del mondo antico, è stata annunciata dai creatori di ‘Vikings’ e sarà girata in Grecia. ‘Alexander the Great’ nasce come una collaborazione tra Ben Silverman e Propagate, con il gruppo greco Antenna come co-produttore ma anche G5 Fiction e ZDF Enterprises coinvolte nel progetto; il pilot è stato scritto da Michael Hurst. Come si ricorderà, la società madre di Starlings TV, Starlings entertainment, che è un gruppo multimediale lanciato quasi tre anni fa da Mediabiz e DMH Holdings, ha cofinanziato il recente biopic su Elton John ‘Rocketman’ e quattro progetti televisivi stanno andando avanti, anche in tempi cosí difficili.
  • Domani, 10 febbraio, dopo oltre tre mesi di chiusura, riapre tra gli altri il Museo nazionale del Cinema di Torino, per restare aperto fino al 5 marzo. Riapre anche l’ascensore della Mole Antonelliana. Oltre alla collezione permanente i visitatori potranno godere della mostra ‘Cinemaddosso: i costumi di Annamode da Cinecittà a Hollywood’, a cura di Elisabetta Bruscolini, in programma fino all’11 aprile. Ogni giorno, inoltre, il Museo propone la nuova iniziativa ‘Backstage’, con incontri con i conservatori e i curatori di alcune sezioni del museo. 
  • Venerdí 12 febbraio, invece, si ricorderanno i settant’anni dalla prima sfilata di moda, organizzata da Giovan Battista Giorgini, nella sala da ballo della sua casa in via dei Serragli a Firenze, Villa Torrigiani. Per ricordare questo anniversario, unitamente ai cinquant’anni dalla scomparsa di Giorgini, è stata organizzata

una conferenza internazionale, promossa dall’Archivio Giorgini insieme all’Università di Bologna e in collaborazione con Associazione Oma (Osservatorio dei Mestieri d’Arte), con docenti ed esperti collegati da vari Paesi. Al centro del confronto l’esportazione dell’artigianato artistico (di cui Giorgini si occupava fin dal 1923) e l’immediato successo della moda italiana il cui export, in un solo anno, passò dai 125 mila dollari del 1950 a 1.5 milioni del 1951. Non solo, nel decennio 50/60 l’esportazione di maglieria crebbe da 364mila a oltre 18 milioni di dollari e il settore delle calzature salì da 125mila dollari a più di 23 milioni. Si parlerà inoltre della competizione con la Francia per la conquista del mercato americano e di temi ancora poco trattati dagli storici, come l’influenza italiana nella formazione della moda in Brasile.
Tra gli interventi figurano quelli di Antonella Mansi, presidente del Centro di Firenze per la moda italiana, Luigi Salvadori, presidente di Fondazione CR Firenze, e Mario Boselli, presidente onorario della Camera nazionale della moda italiana.
L’iniziativa è la prima della serie prevista per celebrare i due anniversari, che coincidono con la centesima edizione di Pitti Uomo che si terrà a giugno prossimo. In quell’occasione verrà presentata la prima biografia di Giorgini e realizzata una mostra.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: