Get a site

spicchi d’arte tra baffi di storia (44)

  • ‘7 Miracles’, del brasiliano Rodrigo Cerqueira e dell’italiano Marco Spagnoli, ha vinto il Raindance Film Festival, il festival di cinema indipendente piú grande del Regno Unito. È il primo lungometraggio della storia completamente in Vr ed è una coproduzione tra la casa di produzione Americana Panogramma, FPC e, per la prima volta in Italia, Vive Studios, braccio creativo di HTC Vive e riferimento elettivo del produttore Enzo Sisti, responsabile di film come la ‘Passione di Cristo’ di Mel Gibson, ‘Wonder Woman’ di Patty Jenkins, ‘le Avventure Acquatiche di Steve Zissou’ di Wes Anderson  e molti altri. È la prima volta che il Raindance Film Festival è vinto da un italiano. Il film sarà fruibile su HTC Vive e altre piattaforme commerciali VR nel 2019, raggiungendo un pubblico potenziale di tre miliardi di persone. Attraverso un visore lo spettatore potrà calarsi completamente nella realtà filmica scegliendo il punto di vista da cui osservare gli eventi.
  • In televisione e al cinema è tempo di regine, non c’è che dire. Sebbene ‘Victoria’, la ben fatta serie in onda su Canale 5, ottenga ascolti non entusiasmanti,
    l’entusiasmo non manca certo a chi si è occupato o si occuperà di Caterina di Russia, Isabella di Castiglia, Elisabetta I, Maria Stuarda, la stessa Elisabetta II. Nasce concepita per Netflix ‘The Crown’, con Claire Foy nel ruolo di Elisabetta II Tudor e Matt Smith in quello di Filippo di Edimburgo, la coppia reale che, a tutt’oggi, è in carica nel Regno Unito. È in onda da domenica 7, su Rai Premium, ‘Isabel’, serie spagnola dedicata a Isabella di Castiglia, interpretata da Michelle Jenner (‘Julieta’, di Pedro Almodóvar). Sono apparse di recente in rete le prime immagini di ‘Caterina la Grande’, serie in quattro parti che in Italia vedremo nel 2019, su Sky Atlantic; in essa, Helen Mirren (Oscar nel 2006 per ‘The Queen’), indossa gli imperiali panni di Caterina di Russia, in una san Pietroburgo ricostruita in modo filologico negli stessi palazzi che ospitarono le vicende della storia. Accanto a lei Jason Clarke nel ruolo di Potëmkin,  statista preferito di Caterina, comandante militare e amante; Gina McKee nel ruolo della Contessa Bruce, amica e confidente, Rory Kinnear in quello del ministro Panin, uomo politico e consigliere di Paolo I, figlio ed erede di Caterina. Il 17 gennaio arriverà al cinema ‘Maria Regina di Scozia’, basato sull’inquieta esistenza di Maria Stuarda (Saoirse Ronan), nel conflittuale confronto con Elisabetta I, interpretata da Margot Robbie.
  • John Lennon nasceva il 9 ottobre 1940; per celebrare l’anniversario arriva in sala per tre giorni, 8, 9 e 10 ottobre, con Nexo Digital, ‘Imagine’, il film del ’72 restaurato ed interamente rimasterizzato agli Abbey Road Studios in Dolby Atmos. Il film è stato prodotto e diretto da John e Yoko, con numerose guest star tra cui George Harrison, Fred Astaire, Andy Warhol, Dick Cavett, Jack Palance e Jonas Mekas; unisce momenti di finzione a scene della vita reale di John Lennon e Yoko Ono, mescolate alle musiche dello storico album ‘Imagine’, di John Lennon. È accompagnato da 15 minuti di contenuti inediti.
  • Il consorzio UniCi (Unione cinema) unisce in Italia 77 sale indipendenti per un totale di 410 schermi in quasi tutta Italia, coprendo il 15% del box office nazionale, terzo gruppo di esercenti dopo The Space e Uci Cinemas; il presidente Andrea Malucelli ha dichiarato: “In attesa di nuove regole, le nostre sale non proietteranno film in contemporanea con Netflix. Non siamo contro le multinazionali né la nostra è una crociata contro Netflix, ma il problema è la contemporaneità.”. È auspicata una “Carta del Cinema” che scriva nuove regole per affrontare il futuro e non essere travolti dalle piattaforme web, coinvolgendo tutti i soggetti, dall’Anica all’Anec, Anem e agli altri, dialogando con il MiBact, il Ministero dei Beni culturali. I cinque punti salienti della Carta dovrebbero essere:
    • la non contemporaneità di diffusione,
    • il “cinema tutto l’anno” quindi con una migliore distribuzione dei titoli sui dodici mesi;
    • il Mibact come “presidio di garanzia” sulle nuove regole;
    • “Uniti si vince” , per chiamare al tavolo tutte le associazioni di categoria;
    •  l’innovazione tecnologica della “sala del futuro” .

    Della Carta si riparlerà a Mantova la prossima settimana, alle giornate sul cinema d’essai

    • Le riprese di ‘Rambo 5’ sono ufficialmente partite; nelle riprese già disponibili Sylvester Stallone si è ritirato in Arizona per curarsi da un forte stress e indossa abiti da cowboy.  ‘Rambo 5’ è diretto da diretto da Adrian Grunberg e dovrebbe uscire nell’autunno 2019; nel frattempo gli ammiratori di Sylvester Stallone lo potranno apprezzare in ‘Creed II’, la cui uscita in Italia è prevista per il prossimo 29 novembre.
    • Netflix svilupperà nuovi film e serie tv originali tratti dall’amata saga fantasy ‘Le cronache di Narnia’, di C.S. Lewis. L’accordo con The C.S. Lewis Company è pluriennale, nuovi film e serie per la televisione saranno disponibili in esclusiva per gli utenti di tutto il mondo. I titoli generati da questa collaborazione saranno produzioni originali Netflix; Mark Gordon di Entertainment One (eOne), Douglas Gresham e Vincent Sieber saranno produttori esecutivi delle serie e produttori dei film.
    • È partita giovedì 4 ottobre la produzione e la distribuzione dell’Audiweb Database basato sulla nuova metodologia Audiweb 2.0, con i profili socio-demografici degli utenti  non solo per genere ed età ma con riguardo anche al livello d’istruzione, alla condizione professionale, al tipo di occupazione, al numero dei componenti in famiglia, al reddito familiare, all’area geografica, alla regione di provenienza, al responsabile d’acquisto, arrivando a una rappresentazione dei comportamenti di fruizione per fascia oraria giornaliera di 3 ore. Inoltre, per la prima volta, l’audience on line sarà rappresentata con una vista più dettagliata per mezzo, grazie alla distinzione dei dati di consumo da smartphone e da tablet. In base ai nuovi dati della prima rilevazione Audiweb 2.0, nel giorno medio a luglio sono stati 34 milioni gli utenti online, il 56,2% della popolazione dai 2 anni in su. Dai dati di dettaglio sui dispositivi usati per accedere a internet nel giorno medio, risulta che 28,9 milioni di utenti hanno navigato da smartphone (il 63% degli italiani di 18-74 anni), 5,5 milioni di utenti da tablet (il 12% degli italiani di 18-74 anni), 12,9 milioni da computer (il 21,3% degli italiani dai due anni in su). L’audience on line nel mese di luglio è rappresentata da 41,9 milioni di utenti complessivi, raggiungendo una quota di circa il 70% della popolazione italiana dai 2 anni in su. L’Audiweb Database sarà prodotto tutti i mesi e distribuito in forma completa alle software house per la consultazione da parte degli operatori iscritti al servizio; entro fine anno saranno pubblicati e distribuiti sia i dati mensili dell’offerta completa sia i dati Audiweb Database degli editori iscritti nei mesi di aprile, maggio e giugno.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: