Get a site

spicchi d’arte tra baffi di storia (58)

Aggiornamento 3 giugno 2019: l’Academy of Motion Picture Arts & Sciences ha annunciato che tra gli Academy Honorary Awards (anche noti come Oscar alla carriera) assegnati quest’anno ce n’è uno per la regista italiana Lina Wertmüller. Novant’anni, Lina Wertmüller è stata la prima donna candidata all’Oscar come miglior regista, per il film ‘Pasqualino Settebellezze’, nel 1977; l’Oscar alla carriera è stato auspicato dalla figlia Maria all’ultimo festival di Cannes e prospettato da Leonardo DiCaprio. I quattro premiati (Lina Wertmüller, David Lynch, Wes Studi e Geena Davis) saranno presentati il 27 ottobre agli undicesimi Annual Governors Awards dell’Academy.

  • È in corso al teatro Massimo di Torino il ventiduesimo ‘CinemAmbiente’, festival cinematografico dedicato all’ecologia e al rapporto tra Uomo e Natura. Tra le tante proiezioni, da segnalare ‘Terre di cannabis’, di Gianluca Marcon, storia di una campagna abbandonata che risorge con le coltivazioni di canapa recentemente legalizzate e il lavoro degli immigrati, e film cult come ‘The Cove. La baia dove muoiono i delfini’, di Richard O’Barry, nonché ‘#SaveGorillas’, documentario di Chef Rubio sulle campagne per salvare i gorilla. Il festival prosegue fino a mercoledí prossimo, 5 giugno, con 140 film da 28 nazioni.
  • È stato assegnato all’attrice premio Oscar Vanessa Redgrave il premio ‘Eschilo d’oro’, promosso dalla Fondazione Inda; l’attrice lo riceverà il 12 giugno al Teatro Greco di Siracusa. L’ha reso noto il sovrintendente dell’Inda Antonio Calbi.
  • Protagonista al Festival della Parola per parlare di Lucio Dalla e altri argomenti, Pupi Avati ha dichiarato: Ho sentito che vogliono fare un film sulla vita di Totti io ci ho messo 18 anni per farne uno sulla vita di Dante. Stiamo scrivendo questo film che racconterà la vita di Dante Alighieri coinvolgendo tutti i dantisti italiani. Protagonista sarà Giovanni Boccaccio, colui che scrisse la biografia di Dante, che mi piacerebbe venisse interpretato da Al Pacino, attore oltre che bravo, colto. Spero possa uscire nel 2021“. Quanto al ‘signor Diavolo’, sua più recente fatica, Avati ha detto: “L’uscita estiva (22 agosto, ndr) mi preoccupa ma è un esperimento. In America funziona cosí, proviamo anche qui“.
  • A dir poco interessante si presenta l’edizione 2019 del Verona Opera Festival, in vita dal 21 giugno al 7 settembre. In programma Franco Zeffirelli, alle prese con la sua dodicesima ‘Traviata’, con Anna Netrebko e coreografie di Giuseppe Picone; Daniel Oren come direttore musicale sul podio per venticinque serate; il gala per i cinquant’anni anni di Placido Domingo all’Arena, c’è ‘Bolle and Friends’, che raddoppia con due serate, a indicare il nuovo corso sotto la guida del sovrintendente e direttore artistico Cecilia Gasdia. Per la prima volta da anni,  alcune serate hanno già registrato il tutto esaurito.
  • Si tiene invece a Sestri Levante (Genova), dal 6 al 9 giugno, la cinquantaduesima edizione del festival Andersen. La kermesse è quest’anno dedicata a David Bixio che nel 1967 ha ideato il premio Andersen-Baia delle Favole e ad Antonello Pischedda, che nel 1997 ha fatto nascere il Festival, scomparsi entrambi quest’anno. Il Festival si aprirà come da tradizione giovedì 6 con il tradizionale corteo dei bambini. Oltre alla novità in giuria, con la presidenza di Lidia Ravera, ospite d’onore della kermesse sarà il pianista Giovanni Allevi che inaugurerà venerdì 7 i Racconti della Baia del Silenzio con voce e pianoforte assieme alla vice direttrice generale di Save the Children, per raccontare la quotidianità anche di sofferenza dei bambini in molte parti del mondo. Sul palcoscenico attesi poi Corrado Augias, Diodato, Elio Germano e Omar Rashid, con il jazz-pop di Raphael Gualazzi al sabato sera. Poi ancora Janusz Gawronski e Paolo di Giannantonio, Lidia Ravera e Laura Morante con Antonio Farò Trio. Per il teatro di strada, schierati artisti anche da Cile, Argentina, Uruguay, e poi laboratori, teatro per bambini e racconti. Nel migliaio di elaborati inviati, spicca quest’anno la quantità di fiabe russe. Al Festival Andersen è stata quest’anno conferita la Medaglia del Presidente della Repubblica e il prestigioso premio Hans Christian Andersen Award, assegnato in Danimarca agli eventi nel mondo che si distinguono per qualità e opera di promozione dedicata al favolista danese.
  • È in programma per questa sera, 2 giugno, su Tv2000, ‘La casa degli italiani’, documentario che, dopo un anno di ricerche e tre mesi di riprese, presenta il Quirinale, il piú grande palazzo presidenziale storico, residenza del Capo dello Stato e, prima di lui, di papi e monarchi. Il programma è condotto da Paola Saluzzi ed è stato concepito con l’intento di svelare i segreti di un complesso unico al mondo, al di là dei percorsi normali di visita al pubblico.
  • Bononia in fundo, si terrà dal 7 al 17 giugno a Bologna il Biografilm festival; il regista Asif Kapadia presenterà in anteprima italiana ‘Diego Maradona’, il film sull’asso del calcio argentino; Antoine Fuqua farà altrettanto con ‘Whats’ my name-Muhammad Ali’, documentario Hbo sul mito del pugilato. Il 13 giugno sarà proiettato in piazza Maggiore il film di Werner Herzog dedicato a Michail Gorbaciov. La rassegna, sostenuta da Regione Emilia-Romagna e Comune, oltre a Hera e Unipol, ospiterà anche l’artista Christo, protagonista di ‘Walking on water’ di Andrey Paounov, la fotografa Letizia Battaglia che riceverà il premio del festival ‘Celebration of lives awards; il focus sul cinema francese, con diversi titoli provenienti da Cannes e la partecipazione di Fabrice Luchini; l’omaggio all’ex sindaco di Bogotà Antanas Mockus e molto altro ancora.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: