Get a site

brevi dai media (77)

  • Lucia Bosé e Raffaella Carrà sono state insignite dell’onorificenza di Dama “al Orden del Mérito Civil” dall’ambasciatore di Spagna in Italia Alfonso Dastis, a nome e per conto del Re di Spagna Felipe VII. La cerimonia si è svolta all’Auditorium Parco della Musica di Roma; in Spagna e Argentina il riconoscimento conferito a Raffaella Carrà, icona della televisione in tutti e tre questi Paesi, è stato il pretesto per un ricco talk show con ospiti di prestigio. Per l’Italia c’era Gabriella Carlucci. L’evento che ha coinvolto Carrà e Bosé rientra nell’ambito del programma ‘Pop y Protesta’, presentato dal Consigliere Culturale dell’Ambasciata di Spagna in Italia, Ion de la Riva, dall’amministratore delegato della Fondazione Musica per Roma, José R. Dosal, dal direttore dell’Instituto Cervantes, Juan Carlos Reche e dalla direttrice della Real Academia de España a Roma, Ángeles Albert; attraverso l’iniziativa, l’ambasciata di Spagna in Italia, in collaborazione con Fondazione Musica per Roma, la redazione di Spagna Contemporanea e l’Istituto di studi storici Gaetano Salvemini di Torino, commemora il 50º anniversario del ’68, che provocò profondi mutamenti culturali, politici e sociali in Italia, Spagna e America Latina.
  • Ricordate tutti He-Man? E She-Ra? Bene, sarà su Netflix dal 16 novembre prossimo venturo ‘She-Ra and the Princesses of Power’, una produzione DreamWorks Animation, diretta da Noelle Stevenson. I doppiatori Aimee Carrero (Adora / She-Ra), Karen Fukuhara (Glimmer) e Marcus Scribner (Bow), invitati al Comic con di New York, si sono lasciati scappare che un personaggio, Bow, ha due padri.
  • La versione in live action di ‘Aladdin’, diretta da Guy Ritchie, sarà nelle sale cinematografiche di tutto il mondo il 22 maggio. Il fortunato Aladino sarà interpretato da Mena Massoud, Jasmine avrà le fattezze di Naomi Scott, il genio della lampada, un tempo impersonato dall’indimenticabile Robin Williams, stavolta sarà interpretato dal simpaticissimo Will Smith.
  • Molti artisti, tra cui Fiorello, Giovanni Allevi, Emma Muscat, Antonello Venditti, Red Canzian, Nesli, Federica Carta, Biondo, Gianna Nannini, Piero Pelù, Gino Paoli, hanno firmato una petizione per “equiparare il videoclip, forma d’espressione artistica sempre più diffusa ed importante, agli altri audiovisivi che beneficiano del tax credit”. La proposta al governo è stata lanciata da IMAGinACTION, il Festival internazionale dedicato ai videoclip musicali giunto alla seconda edizione, in corso a Cesena, e FIMI. La questione è legata alla legge n. 220 del 14 novembre 2016 in tema di “Disciplina del cinema e dell’audiovisivo”, secondo la quale i video privati sono considerati “a carattere promozionale di un artista”, dunque alla stregua di uno spot pubblicitario.
  • In realtà, Il Presidente dell’Apt Giancarlo Leone, a margine della presentazione del quindicesimo Rapporto Censis sulla comunicazione, ha dichiarato “Stiamo organizzando un presidio mediatico che sfocerà in alcune iniziative tra le quali la pubblicazione di una pagina sui principali quotidiani, per segnalare che il tax credit per i prodotti audiovisivi e cinematografici non è operante da mesi a causa di un cavillo burocratico che è il paradigma del Paese. La filiera produttiva è in questo momento ostaggio del cosiddetto ‘codice tributo’ che dovrebbe essere comunicato dalla Agenzia delle Entrate al Mibac e senza il quale non è possibile accedere al credito d’imposta che può arrivare fino al 30% del valore di produzione. Ho scritto ai Ministri Bonisoli e Tria ed al neo Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Antonino Maggiore per segnalare questa gravissima situazione che sta di fatto mettendo in seria difficoltà la regolare attività di produzione di serialità e film. Il codice non c’è, si deve essere perso in qualche oscuro corridoio. I danni potrebbero essere incalcolabili e la nostra reputazione a livello internazionale potrebbe risentire in modo irreversibile. I coproduttori esteri non capiscono che cosa stia succedendo. La crescita di questo sistema potrebbe arrestarsi e quanto di importante avvenuto finora rischia di disperdersi in poco tempo. Mi auguro davvero che la situazione trovi subito la giusta risposta, altrimenti questo Paese continuerà ad essere forte negli annunci ed inesistente nel momento di fare sistema”.
  • Molti sono anche stati gli artisti, da Valerio Mastandrea a Paolo Taviani, da Isabella Ragonese a Bernardo Bertolucci, da Mario Martone a Carlo Chatrian, da Alberto Barbera a Elio Germano a Giuliano Montaldo, che hanno lanciato la campagna #iostoconBakri, in segno di solidarietà con l’attore e regista palestinese di cittadinanza israeliana Mohammad Bakri, di nuovo sotto processo in Israele. Il regista, autore del docufilm ‘Jenin Jenin’, sulla distruzione del campo profughi di Jenin da parte dell’esercito israeliano, “ha subito un processo per vilipendio e diffamazione. Nel 2006 è stato assolto, ma la sua odissea non è finita. Nel 2016 è stato denunciato di nuovo e il 3 gennaio 2019 dovrà affrontare una nuova udienza. La storia di Jenin deve poter essere raccontata da ogni punto di vista, senza preclusioni o censure”.
  • Il regista e scrittore gallese Peter Greenaway sarà insignito del premio ‘Città di Palermo’ il prossimo 10 novembre al Cinema De Seta, ai Cantieri Culturali alla Zisa, nell’ambito della quarantesima edizione dell’Efebo d’Oro. Greenaway incontrerà il pubblico il 9 novembre, prima della proiezione del film ‘The Greenaway Alphabet’, diretto da Saskia Boddeke, moglie del regista, presente all’incontro insieme alla figlia Zoe co-protagonista del documentario. L’Efebo d’Oro è realizzato con il contributo del ministero dei Beni culturali e della Regione Sicilia, nell’ambito del programma ‘Sensi contemporanei, per Palermo 2018 – Capitale italiana della cultura’.
  • Iab Italia, l’associazione che raggruppa gli operatori della pubblicità digitale, ha annunciato la nascita dell’Advisory Board, che l’affiancherà nelle sue attività di promozione del mercato digitale, sia a livello imprenditoriale, sia istituzionale. L’Advisory Board di Iab Italia avrà la funzione di un organo consultivo, composto da personalità di rilievo appartenenti al mondo dell’industria, dell’impresa e della cultura come Ferruccio De Bortoli scelto per ricoprire il ruolo di presidente del board, Elisabetta Ripa, amministratore delegato di Open Fiber, e Antonio Campo Dall’Orto; il suo principale compito sarà quello di contribuire con riflessioni e linee guida strategiche al dibattito sui grandi temi della comunicazione digitale. Un’attenzione particolare sarà rivolta alla qualità dei servizi, alla trasparenza della filiera del comparto dell’adv digitale e all’equità concorrenziale per uno sviluppo sostenibile dell’economia digitale nel suo complesso.
  • Giovanni Tria, ministro dell’Economia, sarà audito dalla Commissione di Vigilanza Rai martedí 16 ottobre, alle 14.
  • ‘Music farm’, il programma trasmesso da Rai 2 dal 2004 ed il 2006, potrebbe tornare in onda su Canale 5, a primavera. È un’indiscrezione rilasciata dagli amici di TvBlog
  • ‘Miracle Tunes’ è l’adattamento europeo dell’omonima serie televisiva giapponese, diventata a quelle latitudini un vero e proprio fenomeno pop. Lo spettacolo è incentrato sulle gesta di tre ragazzine destinate a salvare il mondo, è diretto da Roberto Cenci e prodotto da Showlab, vanta guest star quali Michelle Hunziker ed il comico Angelo Pintus. La serie tv, per bambini dai 4 ai 12 anni, arriverà anche nelle piazze italiane con le esibizioni live delle Miracle. L’anteprima è andata in onda sabato 13 ottobre alle 21.00 su Boing e il 14 ottobre su Cartoonito; approderà poi in esclusiva Prima TV su Cartoonito dal 19 ottobre, in onda ogni venerdí, sabato e domenica alle 21.00. Per Cartoonito è la prima serie in live action; Enrico Preziosi, patron dell’omonima azienda di giocattoli, ha creduto nel progetto fin dalle primissime battute.
  • Anche Samantha Cristoforetti è una donna destinata a grandi cose fin dall’età piú tenera; la bambola Barbie diventa astronauta in suo onore, e in onore di tutte le donne che sono andate oltre nei loro rispettivi settori, modello per le future generazioni di ragazze. Una new entry lanciata, infatti, nella Giornata Mondiale delle Bambine e delle Ragazze.
  • È stato costituito ufficialmente l’11 ottobre il comitato per ‘Parma 2020’. L’atto, firmato dal sindaco Federico Pizzarotti, dal presidente di ‘Parma, io ci sto!’, Alessandro Chiesi e da Annalisa Sassi, presidente dell’Unione Parmense Industriali, sancisce il sostegno istituzionale al progetto e agli obiettivi del dossier per la candidatura della città emiliana a ‘Capitale Italiana della Cultura’ nel 2020.
  • Il ministro per i Beni Culturali Alberto Bonisoli ha dichiarato in un video: “Il ministero non farà mancare il supporto alle fondazioni lirico – sinfoniche ma servono piani industriali credibili nei numeri, chiari nella visione strategica e affidabili. Non dobbiamo più gestire emergenze. È un tema molto alto nella lista delle mie priorità. La lirica è un vanto per il nostro Paese, qualcosa che dobbiamo preservare e aiutare a raggiungere livelli di qualità ottimi e rendere più possibile accessibile a un vasto numero di persone. L’obiettivo che mi sono posto è mettere questo sistema in una condizione stabile”. Il responsabile MiBact si è già occupato del teatro di Cagliari e dell’Arena di Verona, ha incontrato Chiara Appendino ed il sovrintendente del Teatro Regio di Torino, William Graziosi, dopo il taglio del Fus che ha rischiato di fare saltare la prima nel capoluogo sabaudo; nei prossimi giorni si occuperà del Teatro lirico di Genova.
  • Il presidente dell’Autorità per le comunicazioni, Angelo Marcello Cardani, parlando al Senato della ripartizione delle frequenze, che vedrà la riduzione dello spettro riservato alle tv, in particolare sulla banda 700 mhz, per far posto agli operatori telefonici per il 5G, ha dichiarato che, nell’attuale ripartizione dello spettro frequenziale ci sono «tv locali che si limitano a trasmettere un “periscopio” (monoscopio? nda), che – avendo una risorsa preziosa – non la sanno né la vogliono utilizzare ma la occupano sperando di poterla utilizzare o di poterla rivendere» in seguito. È chiaro che dire ‘chi non trasmette ruba risorse alla comunità’ è uno statement politico e io voglio astenermi; non capisco perché l’Agcom dovrebbe ergersi a giudice in modo negativo o positivo, questo lo devono fare le autorità politiche (…) In nome dell’efficienza allocativa abbiamo chiesto una piú meditata riflessione sul criterio di riparto delle risorse frequenziali tra operatori nazionali e locali, ricordando come da tempo l’Autorità ritiene non piú attuale il vincolo normativo della riserva di 1/3 delle frequenze per l’emittenza locale. (…) Nel medesimo documento abbiamo altresí sollevato alcune perplessità in ordine ai criteri di conversione dei diritti d’uso delle frequenze degli operatori di rete nazionali in diritti d’uso di capacità trasmissiva in tecnologia DVB-T2 e alle soluzioni per stimolare partnership tra operatori per la realizzazione della rete. (…)l’Autorità è parte attiva del Tavolo di coordinamento denominato TV 4.0, istituito presso il Mise per assicurare la piena realizzazione dell’importante processo di riassetto richiesto dalla legge e lavora in collaborazione con il Mise per rendere operativo il percorso di liberalizzazione».
  • Istituto Luce Cinecittà – Filmitalia ha annunciato che sono tre i film con una direzione femminile al Festival del cinema di Londra, organizzato dal British Film Institute (Bfi), realizzato nella capitale britannica dal 10 al 21 ottobre. Si tratta di Alice Rohrwacher con ‘Lazzaro felice’, vincitore del premio per la migliore sceneggiatura al Festival di Cannes, Laura Bispuri con ‘Figlia mia’, che vede protagoniste Valeria Golino e Alba Rohrwacher, e Laura Luchetti con ‘Fiore gemello’. Però ci sono anche ‘Dogman’, di Matteo Garrone, il rifacimento di ‘Suspiria’ diretto da Luca Guadagnino, ‘Il vizio della speranza’, di Edoardo De Angelis e il documentario ‘Che fare quando il mondo è in fiamme’, di Roberto Minervini. Sarà anche presentato il cortometraggio ‘Monelle’, di Diego Marcon.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: