Crea sito

interviste a confronto

Due signore della televisione, i cui destini si sono incrociati solo a causa di un’edizione di X Factor, hanno rilasciato in queste ore interessanti interviste.

Claudia Mori, moglie di Adriano Celentano e patron della Ciao Ragazzi, ha dichiarato al Fatto Quotidiano di essere stata boicottata nel suo intento di realizzare una fiction su papa Francesco.La miniserie (ma anche un film), per la regia di Liliana Cavani, realizzata da partire dal libro di Nello Scavo nel quale sono raccontate le vicende di cardinal Bergoglio quando, in Argentina, metteva in salvo i desaparecidos, era già arrivata al castingMolte sue fiction sono state approvate e mandate in onda dalla Rai ma, di recente, sembra che qualcosa abbia rallentato:

“Negli ultimi anni si è spesso verificata una situazione strana: prima un grande interesse della Rai verso i miei progetti e poi una sorta di eccesso di difficoltà che porta al blocco delle mie produzioni.

Non mi risulta che il Vaticano tema questa fiction: io sono stata intervistata da Radio Vaticana e Liliana Cavani dall’Osservatorio Romano e Avvenire. Da Caruso in poi non ho piú lavorato con la Rai, nonostante i progetti che ho presentato inizialmente fossero stati accolti positivamente. È possibile che io e Adriano paghiamo il fatto di essere persone veramente libere e quindi non allineate. Questo può incidere: non sto parlando del direttore di Rai Fiction, ma in generale. Non sono mancati i momenti di tensione e siamo stati a un passo dal fare saltare la produzione di San Francesco“.

Eleonora Andreatta, responsabile di Rai Fiction, il progetto su san Francesco lo ha accolto ma sembra aver respinto altre idee, come  la serie ‘Storia dei Papi‘ (40 docu-drama da 60’ e due fiction da 120’), la miniserie ‘Gioco d’azzardo‘, due miniserie o tv movie sul tema della violenza alle donne (‘Portava la minigonna’ e ‘Non possiamo chiamarlo amore’), una fiction su Giorgio Gaber, una sulla Milano degli anni settanta.

Non è stata garantita la messa in onda, inoltre,  del documentario che Liliana Cavani ha dedicato all’ordine delle Clarisse, vincitore del premio Pasinetti al Festival di Venezia nel 2012.

Qualcuno le attribuisce un Ego sconfinato. Lucia Ocone, con intento faceto, le diceva “A’ falsa, a’ bugiarda”.Quel che certo è che Simona Ventura è in procinto di condurre l’edizione 2014 di miss Italia e, a seguire, ‘Il contadino cerca moglie‘ su Fox.

Ha rilasciato un’intervista al settimanale femminile Grazia,

con tanto di figlia adottiva immortalata da adeguato servizio fotografico:

“Ho una gran voglia di tornare alla conduzione. E sono grata al mio intuito che mi fa rischiare, sempre: anche affrontando progetti molto innovativi come quello di Fox. Quanto a Miss Italia, ho una predilezione per le giovani donne: sono tostissime. 

Adesso, anche dal punto di vista professionale, non ho nessuna garanzia: ho deciso di non legarmi a un contratto in esclusiva. Vado sul mercato. È uno dei privilegi dell’età: essere consapevoli del proprio lavoro e saper gestire l’ansia.

L’attesa di risposte sul lavoro, per esempio. Scegliere la libertà vuol dire anche restare appese al filo del precariato, seppur di lusso (rileggistasera si conduce a progetto‘). Non ho certezze. Conto solo sulla mia storia, su quello che ho fatto fin qui. Ma ho preso una decisione e non torno indietro. Mai piú, mai piú, dare tutto il tempo alla carriera e sottrarlo ai miei figli e al mio uomo. Non mi ritocco piú. Basta, basta. Sono come sono. Ho già avuto 20 anni e pure 30. Ho deciso di avere una faccia adatta alla situazione. Il corpo che ho avuto non lo avrò mai piú. È meglio che mi sbrighi ad avere il viso che la mia età mi concede. Ho smesso di resistere, adesso accetto”.

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: