Get a site

Shakespeare, Plauto, Proietti, Avati e… altri demoni…

  • Con riguardo a ‘Tenet’, di Christopher Nolan, Warner Bros. ha finalmente confermato che uscirà in Italia (e in altri Paesi) prima che negli Stati Uniti. Per questa e altre rivelazioni sulle uscite in sala, si può rileggere la versione aggiornata del post apposito. Sulle ultime novità riguardo al Festival di Venezia v. oltre.
  • Prende il via il 29 luglio la nuova stagione estiva del ‘Silvano Toti Globe Theatre’, il palcoscenico shakespeariano nel cuore di Villa Borghese. Gigi Proietti, che da diciassette anni lo guida, non ha voluto alcuna “stagione a metà” ma un cartellone di ben sette titoli, “tra spettacoli con un impegno produttivo maggiore e altri minore, ma sempre ricchi di contenuti”. Oggi i giuochi s’aprono con ‘Venere e Adone’, il poemetto che Shakespeare scrisse durante una pestilenza a Londra, a fine ‘500, in scena per la regia di Daniele Salvo, con Gianluigi Fogacci, Melania Giglio e Riccardo Parracini protagonisti. Intervistato dall’Ansa, Proietti ha dichiarato: «Chiudere per una stagione un teatro come il Globe, che ha una sua fragilità mi sembrava come chiuderlo per sempre. Piuttosto, dovremmo prendere la palla al balzo e chiederci se il Teatro è qualcosa da continuare a fare. Da tempo auspico gli Stati Generali. Bisogna ripensare bene a cosa costano uno spettacolo e una tournée, rivedere i rapporti tra privato e istituzioni. Qui c’è qualche privato che dal ministero prende più soldi del pubblico. Ma io queste cose le dicevo anche prima del Covid». Dopo ‘Venere e Adone’, uno dopo l’altro fino a fine settembre, ecco il ‘Sogno di una notte di mezza estate’, appuntamento fisso per il Globe, nella versione dello scomparso Riccardo Cavallo; lo spettacolo ‘Canzoni’, con i piú bei brani scritti per il palcoscenico da Germano Mazzocchetti, che firma insieme a Nicola Fano; le risate del trio Andreoli, Checcacci, Degl’Innocenti con ‘Le opere complete di Shakespeare in 90 minuti’; ‘I due gentiluomini di Verona’ per Andrea Baracco con i giovani dell’Accademia Silvio D’Amico; ‘Shakespeare Re di Napoli’ di Ruggero Cappuccio e la ‘Dodicesima notte’ di Loredana Scaramella, cui si aggiunge il ‘Mumart Short Festival’ e due appuntamenti per i bimbi.
  • Da quest’oggi, 28 luglio, fino al 1° agosto, il bacino dell’Arsenale di Venezia ospiterà le cinque serate di ‘Barch-In’, il primo cinema drive-in italiano in barca. Organizzato dall’associazione FEMS di Cinéma, con il supporto di Comune di Venezia, VeLa spa e della Marina Militare, l’originale drive-in “barcaiolo” è strutturato in cinque serate, gratuite ma con prenotazione obbligatoria (sul sito www.barch-in.it) perché aperte ad un massimo di cinquanta barche e duecento persone. Le pellicole oggetto di proiezione sono state scelte tra quante hanno trattato il rapporto tra l’uomo, l’acqua e l’arte marinaresca. La partenza, questa sera alle 20.45, è affidata a ‘The prestige’, di Christopher Nolan. Nel corso della serata, sarà peraltro possibile ordinare anche la cena, direttamente dalla barca.
  • Chi ha dimenticato Ronn Moss, il mascelluto attore che interpretò per primo il ruolo di Ridge in ‘Beautiful’? Ebbene, il mascelluto, in attesa di cominciare le riprese di un film che si girerà in Italia a breve (‘Surprise Trip’ – ‘Viaggio a sorpresa’), sarà ospite al Magna Graecia Film Festival il 2 agosto, per

     

    una master class sulla serialità televisiva.

  • Anche Kevin MacDonald, nel suo piccolo, vuol raccontare la pandemia e intende farlo con ‘Life in a day 2020’, film collettivo prodotto da Ridley Scott, creato con il contributo di quanti, in tutto il mondo, hanno filmato la propria giornata tipo lo scorso 25 luglio. Come si ricorderà, anche Gabriele Salvatores ha invece in cantiere ‘Viaggio in Italia’, prodotto da Indigo e Rai Cinema, costruito con le immagini girate dagli italiani durante la quarantena, passibile di partecipazione alla prossima Mostra del cinema di Venezia.
  • Pupi Avati tornerà a settembre per la terza volta a Mangiacinema, Festa del cibo d’autore e del cinema goloso, in programma dal 16 al 23 settembre a Salsomaggiore Terme (Parma). Ospite d’onore della serata di chiusura, presenterà ‘Il signor Diavolo’, sua ultima fatica cinematografica, ed il cult ‘La casa delle finestre che ridono’, del 1976, per il quale è considerato il maestro del gotico padano. Ad Avati sarà assegnato un riconoscimento che nasce proprio per lui, il Premio “Mangiacinema-Creatore di Incubi”.
    L’evento speciale di questa edizione della rassegna riguarderà invece “Il cinema di Lino Banfi”.
  • Il testé citato Pupi Avati tornerà sulla sedia da regista ben presto, tuttavia, per ‘Lei mi parla ancora’, film liberamente ispirato al romanzo autobiografico di Giuseppe Sgarbi.
  • Torna invece a Sarsina, dal 1° al 18 agosto, per la sua sessantesima edizione, il ‘Plautus Festival’. Sei appuntamenti con il Teatro, in particolare con il teatro classico. In scena sabato 1° agosto Massimo Venturiello in ‘Aulularia’; martedí 4 ‘Il borghese gentiluomo’, da Molière, con Vito (Stefano Bicocchi); l’8 la ‘Lysistrata’ di Aristofane con Marisa Laurito; il 10 ‘Nerone’, di Massimo Boncompagni; il 12 il ‘Prometeo’ di Eschilo, con Edoardo Siravo; infine, il 18 agosto, ‘La locandiera’ di Carlo Goldoni, con Amanda Sandrelli.
  • Venetia in fundo, saranno quattro le pellicole italiane in concorso alla settantasettesima edizione della mostra internazionale d’arte cinematografica: ‘Le sorelle Macaluso di Emma Dante, ‘Miss Marx’ di Susanna Nicchiarelli, ‘Padrenostro di Claudio Noce prodotto e interpretato da Pierfrancesco Favino, ‘Notturno di Gianfranco Rosi sul conflitto in Siria.
    • ‘Salvatore Ferragamo: The Shoemaker of dreams’ è invece il “biopic spericolato”, fuori concorso, che Luca Guadagnino ha dedicato a Salvatore Ferragamo, affettuosamente soprannominato “il ciabattino delle star”.
    • Tra i titoli non fiction sono stati annunciati, per la stessa sezione fuori concorso, ‘Greta su Greta Thunberg’ di Nathan Grosmann, ‘La verità sulla Dolce vita’ di Giuseppe Pedersoli, ‘Paolo Conte, via con me’ di Giorgio Verdelli.
    • È invece fiction ‘Lasciami andare’ di Stefano Mordini, girato durante l’acqua alta a Venezia, che chiuderà fuori concorso il festival. Nella stessa sezione, tra i vari titoli Barbera ha definito “da non perdere” ‘Assandira’, di Salvatore Mereu, interpretato da quel Gavino Ledda autore, all’epoca, del romanzo ‘Padre Padrone’.
    • La Giuria ‘Venezia 77’ (presidente Cate Blanchett) assegnerà ai lungometraggi in Concorso il Leone d’Oro per il miglior film e poi ancora il Leone d’Argento – Gran Premio della Giuria, Leone d’Argento – Premio per la migliore regia, le due Coppe Volpi per gli attori, il premio per la migliore sceneggiatura, Premio Speciale della Giuria, Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente.
    • La parigina Claire Denis, regista, sceneggiatrice e attrice francese, guiderà la giuria di ‘Orizzonti’, di cui faranno parte la regista Francesca Comencini, il regista spagnolo Oskar Alegria, il produttore israeliano Katriel Schory, la produttrice americana dei film di Todd Haynes Christine Vachon.
    • Il regista Claudio Giovannesi presiederà la giuria del premio Venezia Opera Prima ‘Luigi De Laurentiis’ – Leone del Futuro, composta anche dal direttore del festival di Marrakech Remi Bonhomme e dalla produttrice tunisina Dora Bouchoucha.
    • La giuria della sezione ‘Venice Virtual Reality’ sarà presieduta dall’americana Celine Tricart regista e sceneggiatrice, esperta di Realtà virtuale e 3D, con il regista inglese Asif Kapadia (suoi i bellissimi documentari su Amy Winehouse e Maradona) e Hideo Kojima (Giappone) autore di videogiochi noto in tutto il mondo per ‘Death Stranding’.
    • L’attrice britannica Tilda Swinton e la regista di Hong Kong Ann Hui sono i Leoni d’oro alla carriera 2020.
    • L’apertura del festival con ‘Lacci’ di Daniele Luchetti con Alba Rohrwacher, Luigi Lo Cascio, Laura Morante, Silvio Orlando esemplifica la voluta valorizzazione del cinema italiano, la qual cosa non avveniva da undici anni.
    • Madrina di questa settantasettesima edizione della Mostra, lo ricordiamo, sarà Anna Foglietta.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: