Get a site

brevi dai media (61)

Aggiornamenti:

  • secondo il New York Post, ripreso in Italia da Ansa.it, nel sequel di ‘Frozen’, previsto per il 2019, Elsa potrebbe avere una compagna dello stesso stesso. Elementi saffici sono stati percepiti anche nel primo film e noi, nel nostro piccolo, avevamo previsto qualcosa
  • Sky e Netflix hanno annunciato una nuova grande collaborazione per raggruppare l’intero servizio Netflix all’interno di un nuovo pacchetto d’abbonamento Sky TV. Questa partnership, prima al mondo nel suo genere, offrirà a milioni di clienti Sky accesso diretto a Netflix attraverso la piattaforma Sky Q.
  • Il Ceo di The Walt Disney Company, Robert A. Iger, dopo aver incontrato il presidente francese Macron, ha annunciato che la Disney investirà due miliardi di euro per ampliare Disney Paris, trasformando il Parc Walt Disney Studios per includere tre nuove aree tematiche dedicate a Marvel, La Regina delle Nevi (‘Frozen’) e ‘Star Wars’. I lavori cominceranno nel 2021. Nel frattempo, in Italia potremo ammirare Topolino, Paperino, Minnie, Pippo, Sebastian e le Figlie del Re Tritone da ‘La Sirenetta’, i briganti della taverna di ‘Rapunzel’, i servitori de ‘La Bella e la Bestia’, Anna ed Elsa di ‘Frozen’ nelle loro evoluzioni sul ghiaccio; prodotto da Feld Entertainment, presentato da Applauso in collaborazione con The Base, ‘Disney on Ice presenta Le Fiabe Incantate’ sarà in Italia per sedici spettacoli, a Milano (Mediolanum Forum) dal 29 novembre al 2 dicembre, a Roma (Palalottomatica) dal 6 al 9 dicembre. Con precipuo riguardo a ‘Frozen’, peraltro, bisogna ricordare che esso è anche un musical di Broadway, con apertura ufficiale prevista a marzo; i responsabili della promozione stanno diffondendo, per il momento, le canzoni dello spettacolo, che si aggiungono a quelle che abbiamo già ascoltato nel film. La prima canzone diffusa su YouTube è stata ‘Monster’, un assolo in cui Elsa si chiede se sia davvero un mostro, cosa si possa fare per far terminare l’inverno o se, addirittura, non sia opportuno togliersi la vita. Il tutto mentre quel vigliacco di Hans sta arrivando con le guardie!
  • La Paramount è una delle case cinematografiche piú importanti degli Stati Uniti, molto attiva anche in Italia; ‘The Italian Jobs: Paramount Pictures e l’Italia’ è il documentario nel quale tale attenzione è raccontata e dimostrata, in un lungometraggio scritto e diretto da Marco Spagnoli, prodotto da Ascent Film, da un’idea di Luca Cadua per Kenturio, realizzato in collaborazione con Cinecittà Luce e Centro Sperimentale di Cinematografia. Prima produzione orginale del brand, è in concorso al David di Donatello 2018 nella categoria Miglior Documentario e Finalista nella Selezione 2018 ai Nastri d’Argento. È stato trasmesso in prima visione assoluta su Paramount Channel, il canale visibile sul tasto 27 del digitale terrestre e sul 27 di Tivùsat, in occasione del suo secondo compleanno.
  • Quanto ai David, assegnati il prossimo 21 marzo, Stefania Sandrelli riceverà il David Speciale alla carriera.
  • L’Arabia Saudita ha deciso di investire nello spettacolo sessantaquattro miliardi di dollari nei prossimi dieci anni. A dicembre è stato rimosso il divieto per i cinema e le prime sale apriranno a marzo. Le donne potranno recarsi allo stadio. Solo quest’anno sono programmati cinquemila eventi, dal concerto dei Maroon 5 al Cirque du Soleil; in futuro sarà costruito, tra l’altro, un teatro operistico a Riyadh, insieme a una città simile a Las Vegas. Il soggetto promotore della riforma che va sotto il nome di Vision 2030 è la General Entertainment Authority; l’intento del principe Mohammed bin Salman, secondo quanto riporta la Bbc, è quello di diversificare l’economia oltre la produzione di petrolio, in un Paese dove il 70% della popolazione è al di sotto dei trent’anni.
  • I fumetti sono una forma culturale che ben poco ha da invidiare alle altre e l’iniziativa ‘Fumetti nei Musei’ ben lo dimostra. Collana tra le piú interessanti, è stata pensata dal MiBact e consta di una raccolta di graphic novel per bambini e ragazzi, per far loro conoscere le opere d’arte conservate nei musei in un modo innovativo e accattivante. A Reggio Calabria, per esempio, la ‘Teoria degli opposti’ si chiede chi fossero davvero i Bronzi di Riace. Ed essi lo raccontano.
  • L’edizione 2018 dei Nastri d’Argento ‘Doc’ sarà dedicata a Folco Quilici, il grande regista e documentarista scomparso in questi giorni, autore, tra l’altro, del mio libro di geografia delle medie. Quest’anno i titoli in corsa sono stati cento, è prevista l’assegnazione di un Nastro speciale alla carriera e di premi e menzioni speciali che saranno resi noti successivamente.
  • Un gruppo di scrittori, intellettuali, registi ha rivolto un appello al prossimo governo: “Restituiamo all’Italia il suo ruolo di culla della cultura e della civiltà. Rilanceremo l’Europa guidandone la rifondazione, restituendo non solo dignità ai cittadini, ma futuro a chi sente di esserne privo. A chiunque, dopo il 4 marzo, avrà responsabilità al governo o all’opposizione. Abbia cura della cultura e dei diritti dei cittadini’”. Tra i firmatari, Cristiana Comencini, Vera Slepoj, Paolo Portoghesi, Massimo Bottura, Raffaele La Capria, Carlo Verdone e molti altri.
  • Comcast corporation, il piú grande operatore televisivo via cavo degli Stati Uniti, proprietario di Nbc e Universal Pictures, ha lanciato un’Opa da 22,1 miliardi di sterline sul gruppo europeo Sky. Con ogni evidenza, l’iniziativa è una sfida a 21st Century Fox, che aveva offerto 11,7 miliardi di sterline per acquisire il 61% della società ma si era vista congelare dall’Antitrust britannica.
  • La città di Napoli ricorderà Massimo Troisi a ventiquattr’anni dalla morte e a quaranta dalla formazione del trio ‘La Smorfia’. La celebrazione, nata da un’idea di Lello Arena e Mario Esposito cui si sono uniti Enzo De Caro e Stefano Veneruso, regista e nipote di Troisi, si terrà dal 18 al 24 giugno in piazza Plebiscito; la piazza accoglierà i film di Troisi, alcuni brani della Smorfia ma anche immagini inedite dell’indimenticato attore messe a disposizione dalla famiglia.
  • Muhammar Gheddafi, invece, sarà trattato in una produzione originale Palomar e Sky Italia, distribuita nel mondo da Entertainment One (eOne). La serie, scritta e creata da Roberto Saviano in collaborazione con Nadav Schirman (‘The Green Prince’) e Clive Bradley (‘Trapped’, ‘City of Vice’), racconta la vita di una delle figure piú ingombranti degli ultimi sessant’anni, da beduino idealista figlio del deserto a spietato dittatore di un Paese con uno dei piú ricchi giacimenti petroliferi del mondo.
  • Magdalena in fundo, dovrebbe essere nelle sale il 15 marzo il film dedicato alla prima tra i discepoli, ‘Maria Maddalena’, con Rooney Mara nel ruolo della Santa, Joaquin Phoenix in quello di Gesú, Chiwetel Ejiofor, Ariane Labed e Tahar Rahim e Tahar Rahim. Il film è diretto da Garth Davis ed è scritto da Helen Edmundson e Philippa Goslett, doveva uscire in autunno ma, essendo una pellicola firmata dalla Weinstein Company, ha subito uno strategico ritardo.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: