Get a site

Posts tagged “Elio Germano

per grandi e per piccini (8)

Aggiornamento 17 marzo: da oggi fino al 25 marzo DeAKids+1 (602 di Sky) diventa Winx Club Channel, un canale pop up interamente dedicato alle avventure delle Winx; l’iniziativa segue l’annuncio dell’adattamento di Winx Club in una serie Tv live action, di cui si tratta nel post.

  • Hitler contro Picasso’, nelle sale 13 e 14 marzo, è stato trattato in altra sede.
  • ‘Alice nella città’, sezione indipendente del Festival del cinema di Roma, ha ideato l’iniziativa ‘Scelte di classe – Il cinema a scuola’, un percorso interattivo di educazione all’immagine costruito grazie a una nuova piattaforma web su una selezione di ventotto film e una serie d’incontri resi disponibili in streaming.  Parte in questi giorni in via sperimentale in cinque città, Roma, Firenze, Pisa, Cagliari e Bologna, coinvolgendo in ognuna venti istituti scolastici e quattro Istituti Penali Minorili: il Meucci di Firenze, il Quartucciu di Cagliari, il Pratello di Bologna e il Casal del Marmo di Roma. Tra i titoli ci sono anche i dieci selezionati per il Ciak Alice Giovani 2018, quali ‘Chiamami col tuo nome’ di Luca Guadagnino, ‘Il ragazzo invisibile- Seconda generazione’ di Gabriele Salvatores, ‘Tutto quello che vuoi’ di Francesco Bruni, ‘I figli della notte di Andrea de Sica, ‘My Name Is Adil di Adil Azzab, Andrea Pellizzere Magda Rezene, ‘Sicilian Ghost Story’ di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, ‘Il cratere’ di Luca Bellino e Silvia Luzi, ‘Balon’ di Pasquale Scimeca, ‘Cuori puri’ di Roberto De Paolis, ‘A ciambra’ di Jonas Carpignano. Tra gli artisti, Michela Cescon, Paola Minaccioni, Paola Cortellesi, Michele Riondino, Riccardo Milani, Claudio Amendola, Matteo Garrone, Paolo Genovese, Jonas Carpignano, Massimiliano Bruno, Thomas Trabacchi hanno già aderito agli appuntamenti in sala e nelle carceri minorili. Quanto al Ciak Alice Giovani 2018, i lettori di Ciak ed il pubblico di Alice nella città potranno votare fino al 21 maggio nelle scuole, il vincitore riceverà la targa durante la cerimonia di premiazione dei Ciak d’oro.
  • La filosofia come materia di studio alle scuole elementari è già praticata in una cinquantina di scuole inglesi e alcune in Italia; dallo scorso 12 marzo è anche su Rai Gulp, con (more…)

il sogno (eliaco) di Francesco

È gradito, nel giorno di san Francesco d’Assisi, trattare l’ultimo film che gli è stato dedicato, per la regia di Renaud Fely e Arnaud Louvet e l’interpretazione di Elio Germano. Sebbene pochi ci riflettano, “Elio Germano” significa proprio “Fratello Sole”* e, almeno dal punto dal punto di vista esoterico, la scelta del protagonista è perfettamente giustificata. Intervistato dal Corriere della Sera, l’attore che recita “come Dio Comanda” ha dichiarato (more…)


brevi dai media (27)

  • L’Auditel ha annunciato oggi d’aver completamente rinnovato il campione (panel) usato per i sondaggi: si tratta di 5.700 famiglie, per un totale di 14.000 individui. Si ricorderà da quali problemi fosse scaturita la necessità dell’aggiornamento; Auditel comunica adesso che

“Il Consiglio d’Amministrazione (…), nella sua riunione di martedì 28 giugno, ha valutato lo stato di avanzamento dell’operazione “Panel Replacement” prendendo atto del pieno raggiungimento dell’ambizioso obiettivo fissato. In poco più di un semestre Auditel ha ultimato l’installazione delle ultime famiglie necessarie per il completamento del nuovo campione che ha sostituito il panel precedente. Con un piano impegnativo, scandito dalle tappe di una road map convenuta e controllata, in modo trasparente, dalla stessa Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni, Auditel ha reclutato 5.700 famiglie, pari a circa 14.000 individui, che rispondono agli stessi rigorosi criteri statistici del campione precedente e costituiscono la base solida su cui poggia la Ricerca sulla rilevazione degli ascolti. Raggiunto questo traguardo, Auditel lascia alle spalle la stagione delle misure straordinarie con le quali ha superato, alla radice, tutti i rischi potenziali legati all’incidente dell’ottobre scorso e si concentra sul percorso di sviluppo e d’innovazione che l’attende: la costruzione di un Superpanel, un sistema unico al mondo per dimensione e tempi di realizzazione, finalizzato a rispondere alla crescente frammentazione degli ascolti e dei device, e l’avvio del progetto per monitorare la TV sui nuovi device (PC, tablet e smartphone) e i servizi on demand. Già oggi Auditel, l’indagine che rileva ogni giorno, minuto per minuto, l’ascolto della televisione in Italia, vanta il campione più robusto a livello internazionale nel rapporto meter/popolazione.”

  • In attesa del 4 luglio, giornata in cui dovrebbero essere presentati ufficialmente i palinsesti autunnali di Mediaset, altre indiscrezioni del settimanale ‘Chi’ profetizzano che Simona Ventura condurrà “uno show divertente e irriverente di sei puntate” dai contenuti “top secret”. Le Iene sembra di no perché alla conduzione del programma sarebbe stata confermata Ilary Blasi, cui è stato affidato anche il Grande fratello Vip. Qualcos’altro, probabilmente un programma prodotto dalla Fascino di Maria De Filippi. Tornerà in onda ‘Zelig’, alla ventesima edizione, con Christian De Sica, Michelle Hunziker e molte novità. Possibile uno one man show con Gianni Morandi. Al Tg4, Alessandro Cecchi Paone potrebbe alternarsi con Federico Novella.
  • Chi di noi, da pargolo, non ha sognato di scoprire certi favolosi poteri urlando “Per il potere di Grayskull? Ebbene, (more…)

al centro del 2016 (forse anche prima)

Quattro film italiani particolarmente interessanti arriveranno in sala nei prossimi mesi, anzi cinque ci va di trattare: ‘Il Flauto magico’, ‘Il centro del mondo’, ‘L’ultimo teorema di Fermat’, ‘La corrispondenza’, ‘Il ragazzo invisibile 2’.
Il Flauto magico’, al momento in lavorazione, è un film di Mario Tronco e Fabrizio Bentivoglio ed è ispirato al celeberrimo capolavoro di Wolfgang Amadeus Mozart che il sottoscritto particolarmente ama, con precipuo riguardo al vocalizzo della Regina della Notte. La trama si discosta da quella dell’opera da cui trae ispirazione, l’ambientazione è a Roma, in piazza Vittorio; Omar, il guardiano, sta per chiudere i cancelli del giardinetto con catena e lucchetto quando un mondo si solleva e prendono vita tutta una serie di suggestioni e situazioni che sembrano dimostrare come l’opera di Mozart sia, secondo la sinossi ufficiale, “una favola tramandata di bocca in bocca e giunta in modi diversi a ciascuno dei nostri musicisti”.
(more…)


Gallia li disfe’, rifeceli Sicilia

Ride bene chi ride ultimo e i fenicotteri di Sorrentino, alzatisi in volo ne ‘La grande Bellezza‘, si stagliano adesso piú in alto che mai. La solatia Trinacria, nella sua Taormina, ha impalmato Paolo Sorrentino regista del miglior film italiano del 2015 (‘Youth – La giovinezza‘) né può lamentarsi Matteo Garrone che, come Sorrentino, ha ottenuto tre Nastri (e tre anche ‘Anime nere‘, di Francesco Munzi). Nastro dell’anno è ‘Il giovane favoloso’, di Mario Martone.

Per la precisione, i tre riconoscimenti dati a ‘Youth’ riguardano, oltre alla regia, la fotografia (Luca Bigazzi) ed il montaggio (Cristiano Travaglioli) mentre quelli conferiti ad ‘Anime nere‘ hanno inteso premiare la miglior produzione (Cinemaundici di Luigi e Olivia Musini), il montaggio (il già citato Cristiano Travaglioli) e la sceneggiatura (ancora Munzi con Fabrizio Ruggirello, Maurizio Braucci e la collaborazione di Gioacchino Criaco, autore del romanzo da cui è tratto il film). ‘Il racconto dei racconti’ di Garrone è stato premiato per i costumi di Massimo Cantini Parrini, il sonoro in presa diretta (Maricetta Lombardo) e le scenografie (Dimitri Capuani).

(more…)


l’oro dei globi e molto piú

  • Nelle cinquine delle candidature ai Globi d’oro 2015 figurano ben quattro titoli del listino Luce Cinecittà:
    • nella categoria Miglior documentario ci sono ‘Triangle’ di Costanza Quatriglio e ‘Gian Luigi Rondi: vita, cinema, passione’ di Giorgio Treves,
    • Vergine giurata’ di Laura Bispuri può legittimamente aspirare al Globo come Miglior opera prima
    • mentre ‘Fango e gloria’, di Leonardo Tiberi, corre il rischio di essere considerato Miglior film.

La cerimonia di consegna di questi riconoscimenti, assegnati dalla stampa estera, avverrà il prossimo 16 giugno a Palazzo Farnese; alla fine del post l’elenco completo delle candidature.

  • Giacomo Leopardi è sempre attuale, anche in virtú delle recenti riproposizioni cinematografiche; Carlo Degli Esposti, Mario Martone ed Elio Germano, rispettivamente produttore, regista e protagonista de ‘Il giovane favoloso’ saranno insigniti della cittadinanza onoraria di Recanati, città natale del poeta.
  • La tredicesima edizione dell’Ischia Film Festival (27 giugno -4 luglio) si caratterizzerà per il premio alla carriera al regista Pasquale Squitieri; il prossimo 3 luglio, contestualmente alla premiazione, saranno proiettate due sue opere: ‘Li chiamarono briganti’ ed il recente ‘L’altro Adamo’.
  • Pupi Avati, che un Ischia Film Festival lo ha vinto in passato, sta lavorando ad un film per la tv che rielabora le nozze di Cana, celebri per il miracolo dell’acqua mutata in vino; s’intitolerà ‘Le nozze di Laura’, sarà la storia di un principe del Ciad costretto a raccogliere arance ma premiato, alla fine, dal matrimonio con la figlia del proprietario del frutteto. Si tratterebbe, in realtà, del primo assaggio d’un ben piú ambizioso progetto, quello di portare in televisione il racconto dei Vangeli in chiave rivisitata, da articolarsi in diversi lavori, prodotti da DueA Film e Rai Fiction. Ci è gradito sottolineare che il film sarà girato in Calabria (e a Roma).
  • Ecco, infine, come promesso, le candidature ai Globi:

(more…)


David di Donatello 2015

Saranno consegnati il prossimo 12 giugno al Teatro Olimpico di Roma i David di Donatello 2015; come l’anno scorso, l’evento sarà seguito in diretta da Rai Movie per essere poi replicato da Rai 1 in seconda serata (con la conduzione, però, di Tullio Solenghi, che si è definito “usato sicuro”).
Il primato delle candidature spetta, senza alcun dubbio, ad ‘Anime Nere’, di Francesco Munzi (sedici) ; al secondo posto ‘Il giovane favoloso’ con quattordici, al terzo ‘Mia madre’ con dieci.
Ecco l’elenco completo delle categorie e delle candidature: (more…)


giovani favolosi

Servire quel genio di Leopardi, per Germano & Martone, è stato sicuramente un privilegio incommensurabile.

Seguirlo in tutte le pieghe dell’anima, anche in quelle recondite e meno luminose, finanche nei postriboli … aggiungere inaspettati colori ad una tavolozza che si vorrebbe di tinte solo belle e vivaci.

Come potrebbe essere altrimenti, del resto, se davvero “chi accresce il sapere aumenta il dolore” (Ecclesiaste), se la sensibilità è umiliata dalla grettezza, se l’anima si ritrova prigioniera in una gabbia di mediocrità e conformismo.

Il corpo, anch’esso una gabbia ma – si badi, ed è il Poeta a ben dirlo – che non dal fisico derivano le convinzioni, ma dall’intelletto.

L’accuratezza; il riferimento preciso a tale Pier Silvestro Leopardi, a causa del quale si ritenne il poeta coinvolto nei moti rivoluzionari.

Il visionario: la Natura matrigna che gli si manifesta davanti, come una gigantesca statua, che lo respinge col soffio ma accenna un movimento con la mano che, per qualche fotogramma, sembra preludere (o illudere?) a migliori destini.

Primo tempo da Oscar. Qualche appunto al secondo…


la notte di Leopardi

Ha luogo in queste ore, a Recanati, La notte del giovane favoloso, interamente dedicata a Giacomo Leopardi.

Mentre Fabio Fazio, nel suo piccolo, ospitava Elio Germano in televisione per presentare il film di Mario Martone prossimamente nelle sale, la cittadina marchigiana, nelle persone degli amministratori comunali e dell’Amat, organizzava una simpatica celebrazione rievocativa del suo cittadino piú illustre. Previsto un ritorno al passato in piena regola, in quell’Ottocento che vide l’esperienza spirituale e umana del Recanatese, con intrattenimenti ricostruiti in modo filologico, musiche, giochi per grandi e piccini, come la palla al bracciale.

Quanto al citato film ‘Il giovane favoloso’, di Mario Martone, sarà oggetto di proiezione in anteprima nazionale domani pomeriggio, domani sera e lunedí, alla presenza del regista e degli attori.


Venezia 2014

La settantunesima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, presentata oggi in conferenza stampa, avrà luogo dal 27 agosto al 6 settembre 2014.
La selezione ufficiale consterà di quattro diverse sezioni (Venezia ’71, Fuori Concorso, Orizzonti, Venezia Classici); previste anche quest’anno, poi, le due sezioni autonome Settimana della critica e Giornate degli autori. (more…)


festival d’estate e d’autunno

La bella stagione, almeno dal punto di vista astronomico, è nel pieno del suo farsi ma già s’intravedono alcuni appuntamenti che i cinefili attendono in autunno; per la verità l’estate stessa porta con sé manifestazioni di sicuro interesse, come Giffoni o il Magna Graecia Film Festival ma parlare del prossimo Festival di Venezia, del Roma Fiction Fest o del Festival internazionale del Film di Roma richiede sicuramente maggiore impegno.

La conferenza ufficiale di presentazione del festival di Venezia (27 agosto – 6 settembre) avrà luogo il 24 luglio, lo stesso giorno che vede l’apertura del parco di Cinecittà World, ma le (pre)visioni fioccano a iosa. È già stato pubblicato il manifesto ufficiale,  ispirato al finale de ‘I quattrocento colpi’ di François Truffaut, e sembra sicura l’apertura, affidata a ‘Birdman (o Le imprevedibili virtú dell’ignoranza)’, di Alejandro G. Iñárritu, con Michael Keaton, Zach Galifianakis, Edward Norton, Andrea Riseborough, Amy Ryan, Emma Stone e Naomi Watts. Proiettato in prima mondiale, regolarmente in concorso, il film è una black comedy che racconta la storia di un attore in declino (interpretato da Michael Keaton), ai tempi interprete di un famoso supereroe, che spera di risalire la china grazie ad uno spettacolo di Broadway che lui stesso deve organizzare; uscirà nelle sale cinematografiche del Nord America il 17 ottobre, nel resto del pianeta all’inizio del 2015.

Al termine della proiezione, ci sarà la cerimonia di apertura condotta da Luisa Ranieri. Quanto agli altri film in concorso, i migliori cavalli sui quali i bookmaker si stanno scatenando sembrano essere ‘Il giovane favoloso‘, di Mario Martone, con Elio Germano nel ruolo di Giacomo Leopardi, ‘Torneranno i prati‘,  di Ermanno Olmi, ambientato durante la Prima Guerra Mondiale, ‘Pasolini‘, di Abel Ferrara, con Willem Dafoe, Riccardo Scamarcio che interpreta Ninetto Davoli e Davoli stesso nei panni di Eduardo De Filippo, ‘Un ragazzo d’oro’, di Pupi Avati, con Sharon Stone, Riccardo Scamarcio e Cristiana Capotondi, sembra in bilico tra Venezia e il festival intenazionale del Film di Roma, ‘Anime nere’ di Francesco Munzi .
Altri titoli caldeggiati dagli scommettitori sono

  • ‘Inherent Vice’, di Paul Thomas Anderson, con Joaquin Phoenix, Josh Brolin, Owen Wilson, Reese Witherspoon e Benicio Del Toro,
  • ‘A Pigeon Sat On A Branch Reflecting On Existence’, di Roy Andersson, con Holger Andersson e Nisse Vestblom,
  • ‘The Cut’ di Fatih Akin con Tahar Rahim, George Georgiou e Akin Gazi,
  • ‘Big Eyes’ di Tim Burton, interpretato da Amy Adams, Christoph Waltz, Terence Stamp, Jason Schwartzman, Krysten Ritter, Danny Huston.

Il Roma Fiction Fest si svolgerà nella Capitale, presso l’Auditorium Parco della Musica dal 13 al 18 settembre, per la direzione artistica di Carlo Freccero, noto professionista della televisione, già dirigente e saggista.

La manifestazione è sempre stata vista come un momento importante per aggregare le energie che si esprimono nel mondo dell’audiovisivo ed è organizzata dall’Associazione Produttori Televisivi (Apt) insieme a Sviluppo Lazio, promossa dalla Regione Lazio e dalla Camera di Commercio di Roma.

Con riguardo ad alcune polemiche scaturite in seguito all’intervista rilasciata da Freccero al Corriere della Sera, TvBlog ha riportato oggi una nuova intervista, con la quale il direttore artistico del RomaFictionFest intende precisare la sua posizione: (more…)


Zagor, Leopardi & Potter

Zagor, l’eroe nato nel 1961 dalla fantasia di Sergio Bonelli passa dal mondo dei fumetti a quello del cinema, dall’ottava alla settima arte. È stato Riccardo Jacopino, infatti, a dirigere ‘Noi, Zagor‘, film che arriverà nelle sale italiane il 22 e 23 ottobre prossimi, per la gioia di chi ha amato ed ama tuttora l’eroe dall’ascia da indiano e la pistola da bianco. Distribuito da Microcinema, il film è prodotto da Arcobaleno Segnali di Senso, in collaborazione con Microcinema e  Sergio Bonelli Editore .

Altro cult è, però, Harry Potter. La brava JK Rowling, scrittrice ormai navigata, si cimenta adesso nella sceneggiatura ed ha in cantiere proprio il ritorno del maghetto. Il titolo del film, ricavato da un libro di teso ufficialmente adottato nella scuola, sarà ‘Fantastic Beasts and where to find them’ (Gli animali fantastici: dove trovarli) ed il protagonista sarà Newt Scamander, uno dei professori di Hogwarts.

 Un mito della letteratura, adesso; cominciano il 16 settembre le riprese de “Il giovane favoloso“, di Mario Martone, con Elio Germano nel ruolo del poeta italiano piú famoso nel mondo dopo Dante, che tutti abbiamo amato a scuola e riamato, in misura non minore, nelle riletture personali (ehm).

Il film, che sarà girato sicuramente a Recanati e nelle Marche ma anche in altre regioni, sarà prodotto da Carlo Degli Esposti per Palomar in collaborazione con Rai Cinema e nasce sotto l’egida (ma anche il contributo) di Regione Marche, Fondazione Marche Cinema Multimedia- Marche Film Commission e del Ministero dei beni e delle attività culturali

La realizzazione della pellicola prevede, tra l’altro, una ricostruzione filologica di Recanati nell’Ottocento, con una scenografia particolarmente curata e un casting nell’ambito del quale sono stati provinati centoventi bambini.


the winners

Ha avuto luogo ieri a Roma la cerimonia di premiazione dei David di Donatello 2011:

MIGLIOR FILM DELL’UNIONE EUROPEA: IL DISCORSO DEL RE;

MIGLIOR FILM STRANIERO: HEREAFTER;

MIGLIOR FILM: NOI CREDEVAMO;

MIGLIORE REGISTA: DANIELE LUCHETTI PER LA NOSTRA VITA;

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE: ROCCO PAPALEO PER BASILICATA COAST TO COAST;

MIGLIORE SCENEGGIATURA: GIANCARLO DE CATALDO — MARIO MARTONE PER NOI CREDEVAMO;

MIGLIORE PRODUTTORE: CLAUDIO BONIVENTO — TILDE CORSI — GIANNI ROMOLI PER 20 SIGARETTE;

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA: PAOLA CORTELLESI PER NESSUNO MI PUÒ GIUDICARE;

MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA: ELIO GERMANO PER LA NOSTRA VITA;

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA: VALENTINA LODOVINI PER BENVENUTI AL SUD;

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA: GIUSEPPE BATTISTON PER LA PASSIONE;

MIGLIORE DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA: RENATO BERTA PER NOI CREDEVAMO;

MIGLIORE MUSICISTA: RITA MARCOTULLI — ROCCO PAPALEO PER BASILICATA COAST TO COAST;

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE:  “MENTRE DORMI” – (GAZZE’ – SANTUCCI- GAZZE’)’ PER BASILICATA COAST TO COAST;

MIGLIORE SCENOGRAFO: EMITA FRIGATO PER NOI CREDEVAMO;

MIGLIORE COSTUMISTA: URSULA PATZAK PER  NOI CREDEVAMO;

MIGLIORE TRUCCATORE: VITTORIO SODANO PER  NOI CREDEVAMO;

MIGLIORE ACCONCIATORE: ALDO SIGNORETTI PER NOI CREDEVAMO;

MIGLIORE MONTATORE: ALESSIO DOGLIONE  PER 20 SIGARETTE;

MIGLIORE FONICO DI PRESA DIRETTA: BRUNO PUPPARO PER LA NOSTRA VITA;

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI VISIVI: REBEL ALLIANCE PER 20 SIGARETTE;

MIGLIOR DOCUMENTARIO DI LUNGOMETRAGGIO: È STATO MORTO UN RAGAZZO. FEDERICO ALDROVANDI CHE UNA NOTTE INCONTRÒ LA POLIZIA;

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO: JODY DELLE GIOSTRE;

DAVID GIOVANI: AURELIANO AMADEI PER 20 SIGARETTE;

DAVID SPECIALE: CLAUDIO BONIVENTO — ETTORE SCOLA;

DAVID SPECIALE AI 150 ANNI DELL’UNITÀ D’ITALIA: GIORGIO NAPOLITANO.


i candidati al David

Il prossimo 6 maggio si saprà il vincitore del David di Donatello, la piccola, grande statuetta che costituisce motivo di vanto per i professionisti del nostro cinema.

Noi credevamo‘, di Mario Martone sembra aver ottenuto la parte del leone nelle nomination al David di Donatello 2011, in ben tredici categorie: miglior film, miglior regista, migliore sceneggiatura, miglior produttore, miglior direttore della fotografia, miglior musicista, migliore scenografo, miglior costumista, miglior truccatore, miglior acconciatore, miglior montatore, miglior fonico di presa diretta e David Giovani.

Né può lamentarsi il campione d’incassi ‘Benvenuti al Sud‘,  di Luca Miniero, che ottiene ben dieci nomination:  miglior film, miglior regista, miglior produttore, migliore attrice protagonista (Angela Finocchiaro), migliore attore protagonista (Claudio Bisio, che dovrà però vedersela con Kim Rossi Stuart, Elio Germano, Antonio Albanese e Vinicio Marchioni), migliore attrice non protagonista (Valentina Lodovini), migliore attore non protagonista (Alessandro Siani), migliore musicista, migliore scenografo e, anch’esso, David Giovani.

Grande risultato anche per Rocco Papaleo: ‘Basilicata coast to coast‘ ha ottenuto otto nomination, a pari merito con ‘20 sigarette‘ di Aureliano Amadei e ‘La nostra vita“, di Daniele Lucchetti (in quest’ultimo caso, l’eventuale David come miglior fonico di presa diretta a Bruno Pupparo avrà un significato particolare, perché il professionista è mancato poco tempo fa).

Nella categoria documentari c’è già il vincitore : ”È stato morto un ragazzo‘,  di Filippo Vendemmiati, sulla morte di Federico Aldovrandi.

Quella che si avvia alla conclusione sarà sicuramente ricordata come ottima per il nostro cinema, per la qualità ma anche anche per i riscontri di botteghino.

Curioso osservare, però, che c’è un forte discrimine tra quest’ultimo dato e la presenza nelle nomination al David:

  1. Il primatista del box office,  ‘Che bella giornata‘ (43.3 milioni di euro) ha fruttato a Checco Zalone solo la nomination per la canzone originale (‘L’amore non ha religione‘);
  2. la medaglia d’argento ‘Benvenuti al Sud‘ (29.8 milioni), come abbiamo già scritto, otto;
  3. il terzo classificato,  ‘La Banda dei Babbi Natale’ (21.4), nemmeno una!

Dopo il salto, l’elenco completo di titoli e nomination:  (more…)


la completezza dell’informazione

Per completare la notizia riportata ieri sul cartone di Frammartino, mi corre l’obbligo di gettare un pur rapido affresco sul Festival “La Primavera del Cinema Italiano – Premio Federico II”, che si tiene ogni anno a Cosenza.

A vincere l’edizione 2010 della manifestazione è stato il film di Ferzan OzpetekMine Vaganti“. A ritirare il premio, assegnato in virtù di democratica consultazione, è stato Alessandro Preziosi, che si è visto fregiare anche del riconoscimento come migliore attore non protagonista. Intervistato da Rai regione, ha confermato di avere un feeling molto positivo con la Calabria, anche in virtù delle performance teatrali che ha fatto a Rende (io aggiungerei il memorabile Amleto di Reggio).

Il red carpet della serata è stato di primissimo livello. 

Stefania Sandrelli, che festeggerà l’anno prossimo il mezzo secolo di carriera ed è stata accolta da una standing ovation, ha ritirato il premio come migliore attrice protagonista. 

Migliore attore protagonista Elio Germano per “La nostra vita (ve l’ho detto, recita come Dio comanda…).

Il Germano ha portato bene anche ad alcuni suoi compagni d’avventura: Isabella Ragonese, di lui compagna in “La nostra vita” ha ottenuto il premio come migliore attrice non protagonista, Filippo Timi, che ha lavorato con lui in “Come Dio comanda” (appunto), ha ritirato il premio attore dell’anno.

A Isabella Ferrari è stato assegnato il Telesio d’argento. Riconoscimento come migliore regista a Sergio Rubini.

Ad Adriano Panatta è stato assegnato il premio speciale “Sport e Cinema”, ma il premio è stato ritirato dal regista Mimmo Calopresti, autore del documentario “La maglietta rossa” che racconta la vicenda di Panatta durante la finale della Coppa Davis del 1976 in Cile.

Infine Premio Giovani alle nuove promesse del cinema italiano Andrea Montovoli, Eros Galbiati, Chiara Mastalli e Chiara Martegiani.


i casi del(la nostra vita)

Sono andato a vedere ‘La nostra vita’ ieri sera, proprio mentre Elio Germano veniva insignito della Palma come migliore attore protagonista (va detto, l’attore recita come Dio comanda…). Coincidenza altrettanto simpatica è che mi abbiano invitato a vederlo sabato e che, proprio sabato, del tutto casualmente, abbia intercettato un’intervista di Germano & Luchetti!

Le quattro volte, poetica creatura di Michelangelo Frammartino, si è invece distinto per il suggestivo simbolismo. Il cane Vuk ha ottenuto l’originale riconoscimento del Palm Dog, facendosi beffe dei quadrupedi che compaiono in Robin Hood e Tamara Drew. Va ricordato che il film è stato realizzato da vivo Film/ Essential Filmproduktion/ Invisible Film/ ventura film con il supporto, tra gli altri, di fondazione Calabria Film Commission ed in collaborazione con ZDF/ARTE, RSI Televisione svizzera e Cinecittà Luce.


Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: