Get a site

Posts tagged “Oscar

il Cielo (italiano) degli Oscar e quello (inglese) dei Thrones

Il prossimo 22 febbraio, a partire dalle 22.50 (ora italiana) sarà possibile seguire l’87a cerimonia di consegna dei premi Oscar sia su Sky Cinema Oscar Hd che su Cielo, in digitale terrestre free (diretta simultanea).

È omaggio tra i piú graditi, che la piattaforma di Murdoch regala ai propri telespettatori, che siano sfegatati cinefili o soltanto curiosi e appassionati.  La conduzione della maratona italiana è affidata a Francesco Castelnuovo, Gianni Canova e Denise Negri; nel suo piccolo, a condurre dal Dolby Theatre di Los Angeles ci sarà Neil Patrick Harris (scaletta dopo il salto).

Sky Atlantic HD, invece, trasmetterà la prima mondiale della quinta stagione di Game of Thrones, che si terrà il 18 marzo in Inghilterra, in quella famosa Tower of London patrimonio dell’umanità, concepita nel 1078 come fortezza, poi diventata polveriera, palazzo reale, prigione, custodia dei gioielli della Corona nonché, visti i recenti sviluppi, location per eventi televisivi. 

Ecco, infine, la scaletta degli Oscar per come l’evento sarà trasmesso in Italia:
(more…)


animazione: nuove notti, nuovi giorni…

L’Oscar alla carriera ad Hayao Miyazaki vuol essere il La di questo post, con il quale si tenterà di gettare un affresco su alcune notizie di sicuro interesse per gli amanti dell’animazione.

Proprio a voler cominciare da Miyazaki, il Maestro ha comunicato che, contrariamente a quanto era sembrato di capire e a quanto egli stesso aveva dichiarato, farà film d’animazione fino alla morte. Ha ritirato la preziosa statuetta sabato scorso, ai Governors Awards, e ha dichiarato:

“Ho intenzione di lavorare fino al giorno della mia morte. Sono andato in pensione dai lungometraggi ma non dall’animazione. (…) È diventato difficile per me concentrarmi per tutto il tempo che ci vuole a realizzare un lungometraggio. Amavo realizzare film d’animazione da mostrare nei cinema, e ho pensato di passare questo compito alle nuove generazioni. Uno dei lati positivi di realizzare corti animati è che non devo preoccuparmi del successo finanziario. Le persone che vengono al museo sono costrette a vederli quando entrano nel piccolo teatro che c’è lì. Anche se è un po’ noioso, dovranno per forza sedersi e guardarlo, senza lamentarsi troppo. Sono molto felice. “Continuerò a realizzare film d’animazione per il resto della mia vita.”

Farà cortometraggi, dunque, si dedicherà probabilmente anche al mini-teatro in fase di realizzazione presso lo Studio Ghibli. Continuerà a dirigere, scrivere, sollevare mondi.

Ne riceverà ancora, peraltro, di preziose statuette, visto che ‘La Storia della Principessa Splendente’ (Kaguya-hime no monogatari), ultimo capolavoro fabbricato dalle premiate officine Ghibli, è nella lista di venti titoli candidati a entrare nella rosa dei film tra i quali sarà scelto il vincitore dell’Oscar 2015 per l’animazione.

La lista definitiva sarà di dominio dei comuni mortali solo il 15 gennaio, le statuette saranno consegnate il 22 febbraio ma al momento si può contemplare la citata lista provvisoria: (more…)


Oscar 2015, Best Foreign Language Film: films & countries

Italy has purposed Paolo Virzí’s ‘Il Capitale umano‘ as the Best Foreign Language Film at Oscars 2015; what about other countries?

Well, 83 different countries submitted a film to the attention of Academy of Awards and they are to await next January 15, 5.30 pm for the official communication, at Samuel Goldwyn Theater.  Nominees will definitively know if they are the winners of Oscars 2015 on February 22, at Hollywood Dolby Theater, live broadcasting by ABC Television and in more than 225 countries all around the world.

Hereafter the entire list; please note that Kosovo, Malta, Mauritania and Panama participate for the first time.  (more…)


12 years a slave – 12 anni schiavo

’12 years a slave’ is definitely a well-deserved Oscar.

It was the target of my attention last Monday, rather than TV or other less interesting stuff, and filled my evening with heartfelt sympathy, both cultural and emotional.

Cultural because it deals with a shame that will never be washed away from the history of mankind.

Emotional because it is really difficult not to be moved by the true story of the protagonist, a free-born and well educated black man, kidnapped in order to be enslaved  by some scoundrels.

In the novel ‘Beloved’, by the Nobel laureate writer Toni Morrison, which is also set in the slavery of America in 19th century, it is spoken of some “cherry trees” but, as easy to  imagine, they are rather unusual cherry because they were created by human beings to other human beings, by using the whip.

There are many cherry trees, in ’12 years a slave’.

Some of them deserved the Oscar.

’12 anni schiavo’ è veramente un Oscar ben meritato.

È stato oggetto delle mie attenzioni lunedí sera, 

preferito alla televisione o ad altre occupazioni meno interessanti;

ha riempito la mia serata di sincera partecipazione, culturale ed emotiva.

Culturale perché riprende una vergogna che mai sarà lavata dalla storia dell’umanità.

Emotiva perché è davvero difficile non rimanere commossi dalla storia vera del protagonista, nero nato libero e di buona cultura, sequestrato per essere reso schiavo da dei farabutti.

Nel romanzo ‘Amatissima’, della scrittrice premio Nobel Toni Morrison, anch’esso ambientato nell’America schiavista dell’Ottocento, si parla di “alberi di ciliegie” si tratta, come intuibile, di ciliegi alquanto singolari perché creati dall’uomo su un altro uomo, con l’uso della frusta.

Ce ne sono molti, alberi di ciliege, in ’12 anni schiavo’.

Alcuni da Oscar.

(Of course, we must remember that the book that gave the original subject of the film was ‘Twelve years slave‘, by  Solomon Northup)


Oscars 2014: la grande bellezza

Yesterday, in the ruins of Pompeii, the Temple of Venus and the wall of a tomb at Porta Nucera necropolis suffered some crashes (emergency meeting organized for tomorrow).

Our hope is Paolo Sorrentino’s ‘La grande bellezza’ and its well-deserved Oscar (congratulations!!!!) could remember our politicians how important is Italian beauty.

By the way, hereinafter the entire list of winners (congratulations to everybody!):

(more…)


110 vissuti intensamente

Si è spenta a Londra, a 110 anni, Alice Herz-Sommer, la donna ebrea sopravvissuta ai lager nazisti arrivata piú in là negli anni.

La sua storia, raccontata anche nel film documentario ‘The Lady In Number 6: Music Saved My Life‘, in corsa per i premi Oscar il prossimo 2 marzo, è di raro interesse e comincia a Praga, dove Alice nacque nel 1903 e visse la prima parte della sua vita, conoscendo anche lo scrittore Franz Kafka.

Durante l’orrore nazista, venne confinata nel campo di Theresienstadt, dove sopravvisse grazie alla sua bravura nell’arte di suonare il piano.

Nuovamente a Praga alla fine della guerra, si trasferì nel ’49 a Gerusalemme, dove lavorò come insegnante di musica.

Viveva a Londra, nella zona di Hampstead, dal 1986; l’annuncio della scomparsa è stato dato dal nipote, che ha ricordato come la nonna abbia molto amato e abbia condiviso coi suoi cari la passione per la musica.


la fuga dei tacchini (candidati all’Oscar)

Negli Stati Uniti il Giorno del Ringraziamento è festeggiato con il tradizionale tacchino ripieno, almeno da quando i Padri Pellegrini del Mayflower arrivarono nel Nuovo Mondo dall’Europa (1621). I tacchini di ‘Free Birds -Tacchini in fuga‘, però, non hanno punto voglia di essere cucinati e, per tale comprensibile motivo, progettano nei minimi dettagli una fuga non da Alcatraz ma dalla fattoria che li ospita (in maniera forse assimilabile a quanto già visto in ‘Galline in fuga’). Uscito nelle sale ieri, in trecento copie, il film è in 3D ed è stato realizzato da Adler Entertainment.

La pellicola peraltro, figura nella rosa di titoli dalla quale saranno scelti i candidati al premio Oscar 2014 nella categoria “Miglior film d’animazione”:

  1. Piovono polpette 2, 
  2. I Croods,
  3. Cattivissimo me 2, 
  4. Epic, 
  5. Ernest & Celestine, 
  6. The Fake, 
  7. Free Birds, 
  8. Frozen
  9. Khumba,
  10. The Legend of Sarila, 
  11. A Letter to Momo, 
  12. Monsters University, 
  13. O Apóstolo, 
  14. Planes,
  15. Puella Magi Madoka Magica the Movie – Rebellion, 
  16. Rio: 2096 A Story of Love and Fury, 
  17. I Puffi 2
  18. Turbo
  19. The Wind Rises.

L’Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha comunicato la lista il 12 novembre ultimo scorso; la premiazione avrà luogo il 2 marzo presso il Dolby Theatre dell’Hollywood & Highland Center.


l’Italia pensa agli Oscar…

Il prossimo 25 settembre una commissione presieduta da Nicola Borrelli voterà per il film italiano da segnalare all’Academy Award per l’Oscar 2014 come miglior film straniero; i film che si sono iscritti e partecipano pertanto alla selezione sono:

  1. La grande bellezza di Paolo Sorrentino;

  2. Miele di Valeria Golino;

  3. Razzabastarda di Alessandro Gassman;

  4. Salvo di Antonio Piazza e Fabio Grassadonia;

  5. Viaggio sola di Maria Sole Tognazzi;

  6. Viva la libertà di Roberto Andò;

  7. Midway – tra la vita e la morte’, un horror di John Real.

 A proposito di Oscar, si deve ricordare che il grande costumista Piero Tosi, il cui nome è legato a pellicole quali Morte a Venezia’, ‘Rocco e i suoi fratelli’, il Gattopardo, il prossimo 16 novembre sarà insignito del premio Oscar alla carriera, dopo aver ricevuto ben cinque candidature nel corso della lunga e brillante carriera. 

Il premio si chiama Honorary Governors Awards e sarà consegnato nell’ambito di una cerimonia all’Academy of Motion Picture Arts and Science assieme a Steve Martin, Angela Lansbury ed Angelina Jolie; i premiati saranno invitati anche alla serata del 2 marzo per la serata ufficiale dei premi Oscar.

AGGIORNAMENTO DEL 25 SETTEMBRE:

A RAPPRESENTARE IL NOSTRO PAESE AGLI OSCAR

SARÀ ‘LA GRANDE BELLEZZA’, DI PAOLO SORRENTINO


Oscars 2013: the winners

BEST PICTURE Argo (Grant Heslov, Ben Affleck and George Clooney Producers)

ACTOR IN A LEADING ROLE Daniel Day – Lewis (Lincoln)

ACTRESS IN A LEADING ROLE Jennifer Lawrence (Silver Linings Playbook)

ACTOR IN A SUPPORTING ROLE Christoph Waltz (Django Unchained)

ACTRESS IN A SUPPORTING ROLE Anne Hathaway (Les Misérables)

ANIMATED FEATURE FILM Brave (Mark Andrews and Brenda Chapman)

CINEMATOGRAPHY Life of Pi (Claudio Miranda)

COSTUME DESIGN Anna Karenina (Jacqueline Durran)

DIRECTING Life of Pi Ang Lee

DOCUMENTARY FEATURE Searching for Sugar Man (Malik Bendjelloul and Simon Chinn)

FILM EDITING Argo (William Goldenberg)

FOREIGN LANGUAGE FILM Amour (Austria)

MAKEUP AND HAIRSTYLINg Les Misérables (Lisa Westcott and Julie Dartnell)

MUSIC ORIGINAL SCORE Life of Pi (Mychael Danna)

MUSIC ORIGINAL SONG  “Skyfall” from Skyfall (Music and Lyric by Adele Adkins and Paul Epworth)

PRODUCTION DESIGN Lincoln :Rick Carter (Production Design); Jim Erickson (Set Decoration)

SHORT FILM ANIMATED Paperman (John Kahrs)

SHORT FILM LIVE ACTION Curfew (Shawn Christensen)

SOUND EDITING Skyfall (Per Hallberg and Karen Baker Landers)

SOUND MIXING Les Misérables (Andy Nelson, Mark Paterson and Simon Hayes)

VISUAL EFFECTS Life of Pi (Bill Westenhofer, Guillaume Rocheron, Erik-Jan De Boer and Donald R. Elliott)

WRITING Argo

WRITING RIGINAL SCREENPLAY Django Unchained (written by Quentin Tarantino)


Oscars 2013: the nominations

No Italians but Dario Marianelli, for the music of Anna Karenina.

Best picture

Amour
Argo
Beasts of the Southern Wild
Django Unchained
Les Miserables
Life of Pi
Lincoln
Silver Linings Playbook
Zero Dark Thirty

Best director

Michael Haneke, Amour
Ang Lee, Life of Pi
David O. Russell, Silver Linings Playbook
Steven Spielberg, Lincoln
Benh Zeitlin, Beasts of the Southern Wild

Best actor

Bradley Cooper, Silver Linings Playbook
Daniel Day-Lewis, Lincoln
Hugh Jackman, Les Misérables
Joaquin Phoenix, The Master
Denzel Washington, Flight

Best actress

Jessica Chastain, Zero Dark Thirty
Jennifer Lawrence, Silver Linings Playbook
Emmanuelle Riva, Amour
Quvenzhané Wallis, Beasts of the Southern Wild
Naomi Watts, The Impossible (more…)


Cesare deve vincere

Cesare deve morire‘, dei fratelli Taviani è ufficialmente il candidato italiano agli Oscar 2013, come miglior film straniero. La pellicola aveva già conquistato la 62/ma edizione del Festival di Berlino.

rileggi Cesare deve morire


i magnifici dieci

Il prossimo 26 settembre una commissione sceglierà il candidato italiano agli Oscar 2013 e la scelta avrà luogo tra i seguenti titoli:


Uggie & Homo

Agli Oscar 2012 ha vinto il cinema muto.

Ebbene, uno dei film migliori di quell’epoca era dedicato proprio al nostro amico, piú volte salutato in questo blog,  Gwynplaine, l’Uomo che ride (si intitolava ‘The Man who laughs’, 1928, di Paul Leni, con Conrad Veidt nel ruolo del protagonista).

C’è,peraltro un’analogia narrativa. In ‘The Artist’, il cagnolino Uggie riesce a salvare il padrone dalla morte. In ‘The Man who laughs’, come nel romanzo da cui è tratto, il lupo Homo salva la vita di Gwyn, almeno la prima volta.

Potrebbe essere una citazione, chissà…

Silent Films were the real winners of Oscar 2012.

Well, one of the best movies of ‘Silent Era’ was right dedicated to our friend, often greated in this blog, Gwynplaine, ‘the Man who laughs’ (1928, directed by Paul Leni, with Conrad Veidt in the leading role).

There is, moreover, an analogy in narration. In ‘The Artist’, the dog Uggie manages to save his master’s life. In ‘The Man who laughs’, as in the novel from which it was taken, the wolf Homo saves  Gwyn’s life, at least the first time.

It could be a quote, who knows…

ALSO INTERESTING ‘THE MAN WHO LAUGHS, DISNEY QUOTATIONS’

(PLEASE NOTE I’VE FOUND OTHER QUOTATIONS, IN CARTOONS AND MOVIES… EVEN IN THE SIMPSONS…)


#Oscars

Non vedevamo l’ora di conoscere l’assegnazione degli Oscar 2012 ed il momento è infine arrivato. Grandi congratulazioni alla coppia Ferretti – Lo Schiavo, che ha portato in Italia il premio per la migliore scenografia (Hugo Cabret) e a tutti i vincitori:
FILM: The Artist
– REGIA: Michel Hazanavicius (The Artist)
-ATTORE PROTAGONISTA: Jean Dujardin (The Artist)
-ATTRICE PROTAGONISTA: Meryl Streep (The Iron Lady)
-ATTORE NON PROTAGONISTA: Christopher Plummer (Beginners)
-ATTRICE NON PROTAGONISTA: Octavia Spencer (The Help)
– FILM D’ANIMAZIONE: Rango
– FILM STRANIERO: Una Separazione (Iran)
-SCENEGGIATURA ORIGINALE: Woody Allen (Midnight in Paris)
-SCENEGGIATURA NON ORIGINALE: Alexander Payne, Nat Faxon e Jim Rash (Paradiso Amaro)
-CORTO D’ANIMAZIONE: The Fantastic Flying books of Mr. Morris Lessmore
– FOTOGRAFIA: Robert Richardson (Hugo Cabret)
– SCENOGRAFIA: Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo (Hugo Cabret)
– COLONNA SONORA ORIGINALE: Ludovic Bource (The Artist)
– SONORO: Tom Fleischman e John Midgley (Hugo Cabret)
– MONTAGGIO SONORO: Philip Stockton ed Eugene Gearty (Hugo Cabret)
– TRUCCO: Mark Coulier e J. Roy Helland (The Iron Lady)
– COSTUMI: Mark Bridges (The Artist)
– CORTO DOCUMENTARIO: Saving Face
– CORTOMETRAGGIO: The Shore
– DOCUMENTARIO: Undefeated
– EFFETTI VISIVI: Rob Legato, Joss Williams, Ben
Grossman ed Alex Henning (Hugo Cabret)
-MONTAGGIO: Kirk Baxter e Angus Wall (Uomini che odiano le donne)
– CANZONE ORIGINALE: Bret McKenzie (I Muppet)

 

We have been loooking forward to Oscars 2012 and the moment has finally arrived. Best congratulations to the couple Ferretti – Lo Schiavo, who brought to Italy the award for the best background (Hugo Cabret) and to all the winners:
 -BEST FILM: The Artist
– DIRECTING: Michel Hazanavicius (The Artist)
-ACTOR IN A LEADING ROLE: Jean Dujardin (The Artist)
-ACTRESS IN A LEADING ROLE: Meryl Streep (The Iron Lady)
-ACTOR IN A SUPPORTING ROLE: Christopher Plummer (Beginners)
-ACTRESS IN A SUPPORTING ROLE: Octavia Spencer (The Help)
– ANIMATED FEATURED FILM: Rango
– FOREIGN LANGUAGE FILM: A Separation (Iran)
– WRITING (ORIGINAL SCREENPLAY): Woody Allen (Midnight in Paris)
– WRITING (ADAPTED SCREENPLAY): Alexander Payne, Nat Faxon and Jim Rash (The Descendants)
– SHORT FILM (ANIMATED): The Fantastic Flying books of Mr. Morris Lessmore
– PHOTOGRAPHY: Robert Richardson (Hugo Cabret)
– BACKGROUND: Dante Ferretti and Francesca Lo Schiavo (Hugo Cabret)
– MUSIC (ORIGINAL SCORE): Ludovic Bource (The Artist)
– SOUND: Tom Fleischman e John Midgley (Hugo Cabret)
– SOUND EDITING: Philip Stockton ed Eugene Gearty (Hugo Cabret)
– MAKE UP: Mark Coulier e J. Roy Helland (The Iron Lady)
– COSTUMES: Mark Bridges (The Artist)
– DOCUMENTARY SHORT: Saving Face
– SHORT: The Shore
– DOCUMENTARY: Undefeated
– VISUAL EFFECTS: Rob Legato, Joss Williams, Ben Grossman and Alex Henning (Hugo Cabret)
– EDITING: Kirk Baxter and Angus Wall (Men who hate women)
-ORIGINAL SONG: Bret McKenzie (The Muppets)

tre italiani candidati all’Oscar

Il prossimo 26 febbraio saranno soltanto tre gli italiani in lizza per la mitica statuetta:

  • Dante Ferretti (production design per ‘Hugo Cabret’, di Martin Scorsese);
  • Francesca Lo Schiavo (set decoration del medesimo film);
  • Enrico Casarosa, regista de ‘La Luna’, prodotto dalla Pixar, nella categoria del miglior cortometraggio d’animazione (Casarosa ha già lavorato in film come ‘Cars’, ‘Ratatouille’ e ‘Up’).

Quanto al miglior film in assoluto, al di là dell’italico orgoglio, lo scontro piú interessante sarà tra ‘Hugo Cabret’,  che vanta ben undici candidature, e ‘The Artist’, film muto e in bianco e nero di Michael Hazanavicius, che ne ha “soltanto” dieci.

Dopo il salto, l’elenco delle nomination piú importanti: (more…)


Terraferma candidato agli Oscar

Delle otto pellicole in lizza per la candidatura italiana all’Oscar ce l’ha fatta ‘Terraferma‘, di Emanuele Crialese.

Il regista di  ‘Nuovomondo‘, ‘Respiro‘ e ‘Once we strangers‘ che, nel 2002, si era visto soffiare la candidatura dal ‘Pinocchio’ di Benigni, saprà in via definitiva se la sua creatura sarà in odore di Oscar il prossimo 24 gennaio.

Per vedere le altre candidature, si rilegga il post dedicato.


nove motivi d’orgoglio

  • Miss Italia 2011, tale Stefania Bivone, è nata a Reggio Calabria ed è a tutt’oggi residente nella medesima provincia.

Sono otto, poi, i film scelti dall’Anica per la candidatura all’Oscar come miglior film in lingua non inglese:

  • Corpo Celeste, di Alice Rohrwacher;

  • Habemus Papam, di Nanni Moretti;

  • Nessuno mi può giudicare, di Massimiliano Bruno;

  • Noi Credevamo, di Mario Martone;

  • Notizie dagli scavi, di Emidio Greco;

  • Tatanka, di Giuseppe Gagliardi;

  • Terraferma, di Emanuele Crialese;

  • Vallanzasca – Gli angeli del male, di Michele Placido.


dubbio patriottico

Aggiornamento 17 gennaio 2012: Rai 1 dedicherà due serate ad Ana Maria de Jesus Ribeiro da Silva, nota a tutti come Anita Garibaldi, moglie di Giuseppe e di lui fedele compagna anche nella pugna (in realtà tutte le donne del Risorgimento andrebbero riscoperte e approfondite).
Anita è interpretata da Valeria Solarino, essendo Giorgio Pasotti nei panni dell’Eroe dei due mondi.

Si cominciano a delineare le strategie della prossima stagione televisiva ma mi attanaglia un dubbio inquietante su quella appena conclusa:

Perché (Why? Picché?) nel 2011, anno di celebrazione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, non una fiction è stata dedicata al nostro Risorgimento?

AGGIORNAMENTO:

in data 12 luglio si è saputo che, forse con l’intento di colmare questa lacuna, Rai 3 manderà in onda in autunno  ‘Noi credevamo’, il film di Mario Martone sul Risorgimento italiano. Doveva andare su Rai 1 in due puntate ma Paolo Ruffini lo ha chiesto al coordinamento del palinsesto.

Martone, che, nel frattempo, è stato scelto come uno dei giurati alla prossima mostra del cinema di Venezia, ha accolto positivamente la notizia.

È inoltre partita una campagna per candidare ‘Noi credevamo‘ agli Oscar, ovviamente in rappresentanza dei nostri colori.


The Colin’s Speech


Oscar 2008, the results…

(from a Portuguese website…)


news dai media

Come forse saprete, una sentenza della Corte di Cassazione ha deliberato che il download di file dalla rete è perseguibile non solo se è “a fini di lucro”, ma semplicemente “per trarne profitto”. Sembra una quisquilia formale, ma vuol dire tanto.

Presentato al Future Film Festival di Bologna l’attesissimo “Arthur e il popolo dei minimei”, raffinato film d’animazione in 3D che dimostra ancora una volta come l’Europa e i suoi professionisti abbiano molto da dire anche in un campo che i non addetti ai lavori considerano un feudo orientale o americano.

Per il momento accontentiamoci delle nomination all’Oscar, che dimostrano come il cinema d’animazione stia diventando sempre più importante!

 


Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: