Crea sito

festival a confronto (21) (+ Efa)

  • Come anticipato in altre sedi, il trentacinquesimo Torino Film Festival (TFF) avrà luogo dal 24 novembre al 2 dicembre 2017; si è saputo in queste ore che, tra i titoli fuori concorso, ci saranno ‘Napalm’ di Claude Lanzmann, girato senza permesso in Corea del Nord, ‘Animal pensivité’ di Christine Baudillon, ‘9 Doigts’ di F.J. Ossang e ‘Animal Cinema’ di Emilio Vavarella; nel concorso “Italiana.corti” ‘Sogno d’amore’ di Francesca Noto e del cantautore Andrea Laszlo De Simone, ‘Robhot’, di Donato Sansone. Tema-focus del TFFdoc è il viaggio.
  • Sempre a Torino ma dal 10 al 12, è organizzato il quarto Festival di documentari cinesi ‘Luci dalla Cina‘, manifestazione nata a Parigi nel 2009 che presenta sette documentari in anteprima e coinvolge otto diverse città tra Spagna, Belgio, Grecia, Finlandia, Francia e Italia. Obiettivo della rassegna è quello di promuovere un’immagine della Cina lontana dagli stereotipi e dalle ovvietà cui siamo abituati. Promuovono il festival Finestre sul Cortile e BabyDoc Film, in collaborazione con il Museo del Cinema e con l’Istituto Confucio dell’Università di Torino.
  • A Roma, dal 9 novembre al 17 dicembre, rivivono gli anni Quaranta. Dopo lo straordinario successo di Cine70, Cine60 e Cine50, infatti, è il turno di trentasei capolavori rimasti negli annali del cinema, firmati da registi quali De Sica e Rossellini, Germi e De Santis, Visconti e Blasetti: ‘I due orfanelli’, ‘Gioventú perduta’, ‘Ti conosco, mascherina!’, ‘Ladri di biciclette’, ‘Roma città aperta’, ‘Sciuscià’, ‘L’onorevole Angelina’, ‘Riso amaro’. Promossa da Azienda Speciale Palaexpo e da Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, ‘Cine40’ vive al Palazzo delle Esposizioni di Roma; i film sono riproposti rigorosamente in pellicola 35mm e a ingresso libero, fino ad esaurimento posti.
  • Sempre a Roma, ma dal 10 al 18 novembre, si può prendere in considerazione anche una capatina al MedFilm Festival, giunto alla ventitreesima edizione. Il tema di quest’anno è il Mediterraneo nello sguardo delle donne; sono in programma novantotto film da trentaquattro Paesi, con due ospiti d’onore, l’Algeria e la Tunisia. Cinque degli otto film in gara nel concorso ufficiale lungometraggi – Premio Amore e Psiche- sono stati candidati dai rispettivi Paesi all’Oscar 2018 come miglior film straniero: ‘Until the birds return’, di Karim Moussaoui (Algeria),’ Wajib’, di Annemarie Jacir (Palestina), il catalano ‘Summer 1993’, di Carla Simon (Spagna), ‘Razzia’, di Nabil Ayouch (Marocco), ‘Men don’t cry’, di Alen Drljevic (Bosnia). Il premio alla carriera andrà al grande regista algerino Merzak Allouache, protagonista anche di una masterclass, mentre Emma Bonino riceverà il premio Koiné 2017. Pellicola d’apertura sarà ‘La bella e le bestie’ di Kaouther Ben Hania che, lungi dal trattare ancora una volta la celeberrima fiaba, racconta la vicenda effettivamente vissuta da una studentessa tunisina; presentato in anteprima italiana, il film sarà in sala nel 2018 con Kitchen Film.
  • Quanto al Reggio Calabria Film Festival 2018, stando alle ultime comunicazioni, si dovrebbe tenere dal 12 al 18 marzo; le sedi saranno il Museo Archeologico, i saloni del Miramare, l’Accademia delle Belle Arti e la Pinacoteca civica di Reggio nonché il castello Ruffo di Scilla. È on line sul sito ufficiale un avviso pubblico per la ricerca di sponsor.
  • Sebbene non strettamente legato ai festival, vogliamo rendere conto, da ultimo, dell’elenco delle candidature relative alla trentesima edizione degli European Film Awards, la cui cerimonia di premiazione si svolgerà il 9 dicembre a Berlino.
    European Film 2017: ‘120 battiti al minuto’ (‘120 battements par minute’, Francia, scritto e diretto da Robin Campillo); ‘Loveless’ (Nelyubov, Russia, Belgio, Germania, Francia diretto da Andrey Zvyagintsev, scritto da Oleg Negin e Andrey Zvyagintsev); ‘On Body And Soul’ (‘Testről és lélekről’, Ungheria, scritto e diretto da Ildikó Enyedi); ‘L’altro volto della speranza’ (‘Toivon tuolla puolen’, Finlandia, Germania, scritto, diretto e prodotto da Aki Kaurismäki); ‘The Square’ (Svezia, Germania, Francia, Danimarca, scritto e diretto da Ruben Östlund).
    Documentario Europeo 2017:’Austerlitz’, Germania, scritto, diretto e prodotto da Sergei Loznitsa: ‘Communion’ (‘Komunia’, Polonia, scritto e diretto da Anna Zamecka); ‘La chana’ (Spagna, Islanda, USA, scritto e diretto da Lucija Stojevic); ‘Stranger In Paradise’ (Paesi Bassi, scritto e diretto da Guido Hendrikx); ‘The Good Postman’ (Finlandia, Bulgaria, diretto da Tonislav Hristov, scritto da Tonislav Hristov, Lubomir Tsvetkov).
    Regista Europeo 2017: Ildikó Enyedi (‘On Body And Soul’); Aki Kaurismäki (‘L’altro volto della speranza’); Yorgos Lanthimos (‘The Killing Of A Sacred Deer’); Ruben Östlund (‘The Square’); Andrey Zvyagintsev (‘Loveless’).
    Attrice Europea 2017: Paula Beer (‘Frantz’); Juliette Binoche (‘Bright Sunshine In’); Alexandra Borbély (‘On Body And Soul’); Isabelle Huppert (‘Happy End’); Florence Pugh (‘Lady Macbeth’).
    Attore Europeo 2017: Claes Bang (‘The Square’); Colin Farrell (‘The Killing Of A Sacred Deer’); Josef Hader (‘Stefan Zweig’ – ‘Farewell To Europe’); Nahuel Pérez Biscayart (‘120 battiti al minuto’); Jean-Louis Trintignant (‘Happy End’).
    Sceneggiatore Europeo 2017: Ildikó Enyedi (‘On Body And Soul’); Yorgos Lanthimos e Efthimis Filippou (‘The Killing Of A Sacred Deer’); Oleg Negin e Andrey Zvyagintsev (‘Loveless’); Ruben Östlund (‘The Square’); François Ozon (‘Frantz’).

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: