Get a site

spicchi d’arte tra baffi di storia (30)

aggiornamento 29 aprile: Roberto Bolle ha organizzato per oggi, Giornata mondiale della Danza, un flash mob in piazza della Scala, a Milano: “Hai Fame di danza? Sfamati domenica 29 in Piazza della Scala con @robertobolle, per un grande flashmob! Dalle 15.00, portati un paio di cuffie, una maglietta senza marchi visibili e il tuo stile di danza, qualunque esso sia! Più danze siamo, più ci divertiamo! Gireremo tutti insieme un video per #OnDance” (dal profilo Facebook dell’artista). Sempre a Milano, dall’11 al 17 giugno, avrà luogo, infatti, ‘On Dance’, la Settimana interamente dedicata a Tersicore per le vie della città.

  • La Disney Italia è da sempre attenta ai fenomeni di costume e lo chef Antonio Cannavacciuolo è solo l’ultima di una lunga serie di personalità che hanno deciso di vivere qualche avventura sulle pagine di Topolino. La storia ‘Agente segreto Ciccio- Uno chef da Sogno’, di Riccardo Secchi e Nicola Tosolini, è in edicola da domani, nel numero 3257, che vede l’inedito chef Paperacciuolo anche in copertina, disegnato da Cavazzano e in un’intervista realizzata dal Toporeporter Filippo. Il numero 3257 di Topolino vuole essere anche un omaggio a Napoli, che dal 28 aprile al 1° maggio ospita Comicon, la manifestazione dedicata al fumetto che giunge quest’anno alla ventesima edizione, con una cover variant disegnata da Cavazzano che ritrae Paperino e Paperoga nelle vesti di Pulcinella. Infine, “O’ Diario ‘E Nu Maccarone”, versione napoletana del ‘Diario di una Schiappa’, con intervista all’autore Jeff Kinney e al traduttore Francesco Durante.
  • Quanto alla città di Napoli, Rupert Everett, fresco del successo di ‘The Happy Prince – L’ultimo ritratto di Oscar Wilde’ e degli Incontri cinematografici di Sorrento, ha dichiarato che girerebbe ancora volentieri nella terra di Partenope, magari raccontando la città del secondo dopoguerra, quella del romanzo ‘Naples 44’, di Norman Lewis. Lo attrae molto il periodo descritto da Curzio Malaparte ne ‘La pelle’.
  • Torna ‘Portobello’ e lo conduce Antonella Clerici. Prodotto da Magnolia, andrà in onda su Rai 1, piuttosto che su quella Rai 2 dove era condotto da Enzo Tortora, probabilmente a partire dal mese d’ottobre. (Fonte: Hit di TvBlog)
  • La città di Cascia, desiderosa di riscattarsi definitivamente dalle ferite del terremoto, nell’ambito del progetto ‘Omaggio all’Umbria’, ospiterà il M° Uto Ughi il prossimo 1° maggio, accompagnato dall’orchestra ‘I Filarmonici’ di Roma. Il concerto comincerà alle ore 17, nella sala della Pace adiacente al Santuario di Santa Rita, tra le esecuzioni ‘La Sonata a quattro’, di Gioacchino Rossini, e ‘Le Quattro Stagioni’ di Antonio Vivaldi commentate da Ughi.
  • A proposito d’Umbria, sarà, come sempre, la terra di san Francesco e santa Chiara ad ospitare ‘don Matteo 12’, a Spoleto e, forse, in alcuni altri di quei piccoli e deliziosi centri che caratterizzano il territorio. L’hanno assicurato Matilde e Luca Bernabei, rispettivamente presidente e amministratore delegato della Lux Vide, orgogliosi d’un successo che non conosce cedimenti e che, nel corso della stagione appena trascorsa, ha regalato a Rai 1 riscontri che hanno raggiunto finanche il 30% di share. Per la dodicesima edizione, si starebbe pensando ad una collezione di tv movie
  • Nel 2018 il ’68 compie cinquant’anni e la Cineteca di Bologna organizza presso il cinema Lumière una retrospettiva per ricordarlo, dal 22 aprile al 20 maggio, tra capolavori di celluloide e pellicole d’impegno politico. Fu il ’68, d’altra parte, l’anno di film quali ‘C’era una volta il West’ di Sergio Leone, ‘Il mucchio selvaggio’ di Sam Peckinpah, ‘Easy Rider’ di Dennis Hopper, ‘La notte dei morti viventi’ di George Romero, ‘Nostra Signora dei Turchi’ di e con Carmelo Bene, ‘Kes’ di Ken Loach, ‘I pugni in tasca’ di Marco Bellocchio, ‘Rosemary’s Baby di Roman Polansky, ‘Hollywood Party’, di Blake Edwards’, ‘La caduta degli dèi’, di Luchino Visconti, ‘La cinese’, di Jean-Luc Godard. Tutti previsti nella rassegna.
  • Ci ha lasciati da qualche giorno Marco Garofalo, ex ballerino e coreografo di tanti programmi televisivi di successo. Dopo un infortunio al ginocchio che distrusse i sogni legati al mondo del calcio, aveva iniziato a studiare danza a ventun anni con Enzo Paolo Turchi; dopo aver lavorato nella compagnia di Tuccio Rigano, aveva debuttato in tv nel 1978, con ‘Ma che sera’, con Alighiero Noschese e Raffaella Carrà. Dal 1989 aveva iniziato a lavorare come coreografo per la tv, da ‘Lascia o raddoppia?’ a ‘Buona domenica’, da ‘Fantastica italiana’ a ‘Ciao Darwin’, a ‘Luna Park’, ‘Re per una notte’ a ‘L’eredità’. Era stato anche insegnante e coreografo per ‘Amici’ di Maria De Filippi.
  • Si vuol concludere citando due festival dedicati al mondo della comunicazione. Si terrà dal 1° al 13 maggio, nell’Arcidiocesi di Oristano, il Festival della Comunicazione promosso dalla Società San Paolo e dalle Figlie di San Paolo, focalizzato su argomenti quali fake news e giornalismo di pace. Prevista, tra l’altro, una serata di sostegno alla ricerca sulla Sla, con la partecipazione di Paolo Palumbo e Andrea Turnu, noto come DJ Fanny.
  • È forse piú conosciuto il Festival della TV e dei Nuovi Media, in programma a Dogliani, nelle Langhe, dal 3 al 6 maggio: quattro giornate all’insegna della cultura e dello spettacolo, con quaranta incontri, 118 ospiti, workshop, momenti di formazione per giornalisti e studenti, anteprime mondiali di film documentari che andranno in onda su National Geographic e Sky: ‘E.S.17’, scritto da Diana Ligorio e Conchita Sannino, dedicato a Emanuele Sibillo, il capo della paranza dei bambini di Napoli e ‘Maradona, le verità nascoste’, prodotto da Stand By Me. Tra gli ospiti Milena Gabanelli, Rosario Fiorello, Gerry Scotti, Ilaria D’Amico e Massimo Giletti.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: