brevi dai media (104)

  • Amedeo Umberto Rita Sebastiani, noto come Amadeus, direttore artistico di Sanremo 2022, ha rivelato al Tg1 i nomi dei cantanti “big” che si esibiranno nella popolare kermesse di febbraio: Emma, Achille Lauro, Michele Bravi, Iva Zanicchi, Rkomi, Fabrizio Moro, Mahmood e Blanco, Giusy Ferreri, Irama, Giovanni Truppi, Aka 7even, Elisa, Dargen D’amico, Gianni Morandi, Ditonellapiaga con Rettore, Noemi, Highsnob e HU, Le vibrazioni, Sangiovanni, Massimo Ranieri, La Rappresentante di Lista, Ana Mena.
  • Sony Interactive Entertainment Italia è lieta di annunciare quest’oggi la propria partecipazione, nella veste di partner, al programma di accelerazione “Cinecittà Game Hub” promosso da Cinecittà, Regione Lazio e Ministero della Cultura. Questo nuovo programma prevede il supporto, l’avviamento e lo sviluppo di dieci start-up innovative italiane appartenenti all’industria del videogioco nella nostra penisola. SIE Italia fornirà il proprio contributo, in termini di esperienza e know-how, durante il programma di accelerazione. Metterà inoltre a disposizione un kit di sviluppo PlayStation e un investimento a fondo perduto, destinati a supportare una delle 10 start-up nell’implementazione del progetto videoludico elaborato nel corso dei tre mesi di attività dell’acceleratore. La selezione della start-up avverrà a seguito della partecipazione di SIE Italia al demo day, giornata in cui ciascuna start-up presenterà il proprio prototipo avanzato ad un pubblico di publisher, investitori e addetti ai lavori.
    Ecco le dieci start-up selezionate e i loro progetti:
    Adalot Networks con “SATAN JR”, un’avventura grafica a fumetti piena di puzzle da risolvere, enigmi improbabili e dark humour.
    Baryonyx Games  con “Der Marsch”, che racconta come durante l’epica battaglia di Stalingrado  un gruppo di soldati dell’Asse, guidati da un giovane tenente, si ribella agli ordini e smette di combattere.
    Codemount Studio con “Mega Chickens”, un gioco multiplayer di carte collezionabili online basato su un’ambientazione ironica e unica. Il gioco si avvale anche della possibilità di produrre e acquistare NFT legati ai personaggi.
    Ghostshark con “TOPO.B”, un action/adventure in pixel art e stile retrò, che dà al giocatore reminiscenze dei classici anni ’80 e ’90.
    Keiron Interactive con “Movin Force”, un fitness casual VR game capace di far divertire il giocatore e contemporaneamente fargli bruciare calorie.
    Mad Pumpkins con “Movierooms”, un gioco gestionale per PC e Mac OS, dove il giocatore deve gestire il proprio cinema-teatro dagli albori del Novecento facendolo evolvere fino ai giorni nostri.
    Mav Reality con “Sephirot – il Gioco”, basato su drammaturgie ipertestuali, algoritmiche e procedurali con attori e giocatori che condividono uno stesso spazio digitale.
    Overdroid con “Hexarchia”, un videogioco di guerra e strategia a turni in tempo reale ispirato agli scacchi. Le più importanti civiltà della storia si scontrano in battaglie tutti contro tutti per il dominio del mitico mondo in cui il gioco è ambientato.
    Rednoy con “Caracoles”, un running game multiplayer (locale e online) atipico, di una lentezza esilarante ma che sa essere insospettabilmente competitivo e ricco di colpi di scena.
    Sedleo con “1348 (working title)”, un action-adventure (AA) in terza persona ambientato nell’Italia medievale.”

(⇐Comunicato stampa)

  • DeAPlaneta e Planeta Junior, entrambe aziende del Gruppo Planeta/De Agostini, si sono riunite sotto il marchio DeAPlaneta Entertainment. L’attività di questa neonata integrazione si svilupperà su tre grandi aree: contenuti di fiction, contenuti per bambini e famiglie, prodotti interattivi. Ignacio Segura, direttore generale di DeAPlaneta Entertainment, ha dichiarato:

«L’industria dell’intrattenimento è un settore in crescita e in continua evoluzione. DeAPlaneta Entertainment è un’azienda preparata per competere nei mercati internazionali con una concezione globale. (…) Attualmente, l’utente cerca esperienze liquide (audiovisive, fisiche e digitali) che combinino creatività, tecnologia e innovazione. La nuova azienda ha un’esperienza di oltre vent’anni nella produzione e distribuzione di contenuti, da film e serie di fiction e animazione, a prodotti con licenza fino a spettacoli dal vivo, tornei di videogiochi e, più recentemente, sviluppo di Nft e presenza nel metaverso»

  • Alessandro Araimo, amministratore delegato di Discovery Italia, ricorda che il suo gruppo seguirà le Olimpiadi invernali di Pechino in chiaro, almeno parzialmente:

«È in corso una trattativa con la Rai per la trasmissione in chiaro gratuitamente, anche in streaming, di una parte dell’evento come la scorsa estate. Non c’è alcuna certezza ancora, ad oggi non c’è nessun accordo con alcun broadcaster, in particolare con la Rai. Se non dovessimo chiudere l’accordo con la Rai, per noi resta l’ipotesi di trasmettere sul canale Nove. Si parla di circa cento ore di Olimpiadi che il CIO chiede di mandare in onda gratuitamente.»

Come si ricorderà, nel 2015 il Comitato olimpico internazionale ha assegnato ad Eurosport/Discovery i diritti televisivi per quattro edizioni dei giochi, due invernali e due estive, dal 2018 al 2024.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: