per grandi e per piccini (34)

Si terrà oggi, 11 dicembre, alle ore 18, al cinema City Life Anteo di Milano, la proiezione in anteprima di ‘Sapiens’, la piú recente fatica di Bruno Bozzetto. Cortometraggio autorale, prodotto da Studio Bozzetto in collaborazione con Rai Kids, ‘Sapiens’ è stato realizzato in animazione 2D/3D CGI, da un’idea originale di Bozzetto.
In ventitré emozionanti minuti si susseguono tre diversi momenti: (altro…)

Giornate del cinema muto; in prima mondiale un documentario sull’Amazzonia

È in corso la XLII edizione delle Giornate del Cinema Muto, come sempre a Pordenone.
Oggi, martedí 10 ottobre, spicca, tra gli altri appuntamenti, la proiezione, in prima mondiale, del film ‘Amazonas, maior rio do mundo’, di Silvino Santos, uno straordinario documentario girato in Amazzonia nel 1918, a lungo considerato perduto.
Il regista, Silvino Santos, pur con le tecnologie dell’epoca, fu in grado di mettere in risalto con efficacia le risorse e l’immensa ricchezza naturalistica di quell’area, che si estende per quasi sette milioni di chilometri quadrati ed è universalmente considerata il polmone del nostro pianeta: (altro…)

nostra maxima culpa

Quando noi esseri umani danneggiamo Madre Natura danneggiamo noi stessi.
Laddove il mito di Erisittone non fosse sufficiente, risulterebbe forse di maggiore efficacia lo studio pubblicato sulla rivista dell’Accademia americana delle scienze (Pnas) da Gerardo Ceballos, ricercatore senior presso l’Istituto d’Ecologia dell’Università autonoma del Messico, e da Paul Ehrlich, professore emerito di Studi sulla popolazione presso la Stanford School of Humanities and Sciences nonché presidente, sempre a Stanford, negli Stati Uniti, del Center for Conservation Biology.
Fino ad oggi, si è ragionato in termini di specie estinte; Caballos ed Ehrlich, invece, hanno sollevato il campo d’indagine al rango tassonomico superiore, quello dei generi, raccogliendo informazioni sullo stato di conservazione di 5.400 generi di animali vertebrati che vivono sulla terraferma, per un totale di 34.600 specie, basandosi su diver banche dati, come quelle dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn) e del Birdlife International.
Secondo lo studio, noi esseri umani abbiamo causato l’estinzione di massa di interi “rami” dell’evoluzione, formati da piú specie imparentate tra di loro: settantatré (73), infatti, sono i generi d’animali vertebrati già scomparsi, per colpa nostra, dalla faccia della Terra. Con un tasso d’estinzione dei generi dei vertebrati che, dal 1500 ad oggi, risulta superiore di trentacinque (35!) volte a quello dell’ultimo milione di anni*. La classe che ha subito i danni piú pesanti è quella degli uccelli, con quarantaquattro generi scomparsi; a seguire mammiferi, anfibi e rettili.
 Caballos ed Ehrlich parlano di un vero e proprio “sterminio biologico”.
È stato mutilato l’albero della vita.
E la mutilazione è ancora in corso, si badi, a causa della deforestazione, dell’inquinamento e del riscaldamento globale.
Un’estinzione di massa di generi, sottolineano gli esperti, può causare molti problemi, sia peggiorando il cambiamento climatico sia favorendo la diffusione di malattie infettive. Un primo assaggio lo abbiamo già avuto con l’aumento della diffusione della malattia di Lyme, trasmessa dalle zecche dei topi dai piedi bianchi che sono aumentati a dismisura per il declino dei loro competitori e predatori.
Il vostro blogger preferito è in grado d’aggiungere, complice l’ascolto di una provvidenziale conferenza, che finanche il proliferare d’alcuni virus è stato, ed è tuttora favorito, dalla deforestazione e dal cambiamento climatico.
Per prevenire questa disastrosa cascata di eventi, gli esperti chiedono che si (altro…)

giornata mondiale dell’ambiente 2023

  • In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente il Direttore Generale dell’UNESCO, Irina Bokova, ha ricordato che le tematiche ambientali sono riflesse in varie iniziative dell’UNESCO, quali le Riserve della Biosfera, i Geoparchi ed i siti naturali del Patrimonio Mondiale. Lo spirito che guida queste attività dell’UNESCO nasce dalla considerazione che tanto più stretto è il rapporto tra le persone e l’ambiente naturale che le circonda tanto più viene apprezzata l’importanza della natura e della biodiversità. (⇐Unesco.it)
  • Questo il link alle iniziative internazionali del World Environment Day.
  • Istituita dalle Nazioni Unite nel 1972 per diffondere e promuovere, a livello globale, l’importanza di preservare gli ecosistemi, il 5 giugno si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente. Nel giorno della ricorrenza, lunedì 5 giugno, Rai dedica parte dei palinsesti a servizi, approfondimenti, film e documentari, in tv, radio e sul web, per sensibilizzare sulle tematiche ambientali.  (altro…)

#milluminodimeno (2023)

Con la conversione del Decreto Legge n. 17/2022, il Parlamento italiano ha istituto la Giornata Nazionale del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili, riconosciuta dalla Repubblica. A onor del vero, la Giornata Giornata Nazionale del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili era stata concepita già nel 2005; è da allora che ‘Caterpillar’, rubrica di Radio 2 tra le piú garbate, puntualmente la ripropone, per diffondere la cultura della sostenibilità ambientale e del risparmio delle risorse.
Tutti sono invitati a partecipare.
Le informazioni legate all’iniziativa sono disponibili sul sito milluminodimeno.rai.it: (altro…)

riscaldamento globale, energia, Lucca Comics

Ancora storditi dal cambiamento tra ora legale ed ora solare, ancora domandandoci perché la politica non vi rifletta, in un contesto di crisi energetica diffusa e bollette dalla pagabilità viepiú complicata, apprendiamo che il meteorologo Luca Mercalli è diventato un fumetto.
Profittando di quell’encomiabile iniziativa nota come Lucca Comics, il laboratorio Tatai (Tatai Lab) ha presentato in anteprima nazionale il fumetto “Il mio clima – Istruzioni per l’uso”, nel quale il meteorologo, climatologo e divulgatore scientifico Luca Mercalli, ingraziosito ed armato del proverbiale cravattino a farfalla, dialoga con una fanciulla che si chiama Gaia, come la dea della terra, proponendole ed illustrandole le sue teorie sul clima e le buone prassi che tutti dobbiamo prendere per migliorare la salute di noi esseri umani, degli altri esseri viventi, di tutto il pianeta che ci ospita.
Il vostro blogger preferito non ha ancora (altro…)

spicchi d’arte tra baffi di storia (94)

  • Aggiornamento 25 maggio, la nota trasmissione televisiva comunica sulla sua pagina Facebook quanto segue:
    Revocato il decreto di perquisizione nei confronti di Paolo Mondani. Le operazioni presso l’abitazione del giornalista e presso la redazione di Report erano iniziate ieri mattina alle sette. 📍L’ incarico di perquisizione era stato emesso dalla d.d.a. di Caltanissetta in previsione della messa in onda dell’inchiesta “La bestia nera”, trasmessa da #Report nella puntata di lunedì 23 marzo (trentesimo anniversario della strage di Capaci): il documento ufficiale👇(segue documento ufficiale del Ministero dell’Interno, Dipartimento di pubblica sicurezza, Direzione investigativa antimafia).
  • All’indomani della trasmissione dell’inchiesta ‘La bestia nera’, nell’ambito del programma ‘Report’, la Direzione investigativa antimafia, su mandato della Procura di Caltanissetta, ha effettuato una perquisizione nella redazione del programma e nell’abitazione dell’inviato Paolo Mondani. Sigfrido Ranucci, conduttore della storica testata di Rai 3, ha scritto su Facebook che «il motivo sarebbe quello di sequestrare atti riguardanti l’inchiesta di ieri sera sulla strage di Capaci, nella quale si evidenziava la presenza di Stefano delle Chiaie, leader di Avanguardia nazionale, sul luogo dell’attentato di Capaci. Gli investigatori cercano atti e testimonianze anche su telefonini e pc». Il procuratore Salvatore De Luca ha specificato che la perquisizione eseguita nei confronti di «un giornalista che non è indagato» «non riguarda in alcun modo l’attività di informazione svolta dal giornalista, benché la stessa sia presumibilmente susseguente ad una macroscopica fuga di notizie, riguardante gli atti posti in essere da altro ufficio giudiziario» e punta piuttosto a «verificare la genuinità delle fonti». Il procuratore ha precisato che “Alberto Lo Cicero sia nel corso delle conversazioni intercettate, che nel corso degli interrogatori da lui resi, al pubblico ministero e ai carabinieri, non fa alcuna menzione di Stefano Delle Chiaie”; Sigfrido Ranucci ha ricordato che, tuttavia, «il decreto di perquisizione riporta la data del 20 maggio, cioè tre giorni prima della messa in onda del servizio». Solidarietà alla trasmissione è stata espressa da Fnsi, Assostampa, ma anche Cnog e UsigRai. Nel nostro piccolo ci permettiamo di ricordare che la trasmissione è interamente recuperabile su RaiPlay.
  • Rai Cinema ha siglato ieri un accordo con Aeroporti di Roma (società del Gruppo Atlantia); l’accordo ed il progetto sono stati presentati al festival di Cannes, all’Italian Pavillion, dall’amministratore delegato di Rai Cinema, Paolo Del Brocco, e da Veronica Pamio, Vice President External Relations e Sustainability di ADR. Il primo progetto è la movie lounge in costruzione all’interno dell’Aeroporto di Roma Fiumicino “Leonardo Da Vinci”, che permetterà a tutti i passeggeri e alla comunità aeroportuale di usufruire di una vera e propria programmazione cinematografica e sarà strutturata con circa venti postazioni e sarà attiva già dal mese di ottobre 2022; le proiezioni riguarderanno cortometraggi su temi di attualità e a sfondo sociale, docufilm inediti ma anche esperienze di realtà virtuale, grazie a dieci visori di ultima generazione. Una selezione di contenuti sarà accessibile a utenti non udenti, ciechi ed ipovedenti attraverso sottotitoli, audiodescrizione e linguaggio dei segni.
  • Il prossimo 2 giugno, in quel di Verona, venti cantanti ricorderanno Lucio Dalla a dieci anni dalla scomparsa, nell’evento ‘DallArenaLucio’: tra gli altri, Marco Mengoni, Il Volo, Alessandra Amoroso, Samuele Bersani, Ron, Gigi D’Alessio, Noemi, Marco Masini, Stadio, Francesco Gabbani, Arisa, Tosca, Pierdavide Carone, Ornella Vanoni. Lo spettacolo, condotto da Carlo Conti e Fiorella Mannoia, sarà trasmesso da Rai 1 in differita.
  • Il Teatro San Carlo di Napoli è ufficialmente “On”. Dacché, almeno, è “On” il canale televisivo digitale che, primo al mondo, costituisce una sorta di palcoscenico virtuale di quanto è rappresentato fisicamente in scena e si propone, nondimeno, di valorizzare il patrimonio artistico e culturale di Napoli e della Campania, come motore di attrazione dei flussi turistici internazionali; la registrazione è gratuita, con contenuti e approfondimenti disponibili gratuitamente, oltre al noleggio di contenuti premium; nello specifico, la sezione Opera al costo di 4 euro e 90 centesimi, la sezione Ballet al costo di 2 euro e novanta, la sezione Concert al costo di un euro e novanta, l’acquisto di eventi dal vivo in streaming a nove euro e novanta.
  • Tornerà dal 20 al 24 luglio il Milazzo Film Festival. curato dall’Associazione non-profit “L’Altra Milazzo”. La prima edizione del Milazzo Film Festival risale al 2006.; l’edizione 2022 riproporrà la rassegna cinematografica, il cui programma di proiezioni ed eventi culturali omaggerà alcune delle numerose ricorrenze di quest’anno, ed il Concorso Internazionale di Cortometraggi, che nella scorsa edizione ha raccolto partecipazioni da ben sedici diversi Paesi del mondo. La scorsa settimana si sono aperte le candidature al Concorso, al quale è possibile iscriversi online fino al 20 maggio seguendo le istruzioni riportate sul sito internet www.milazzofilmfestival.it. Il tema del Concorso è come sempre libero e sono ammessi tutti i generi (fiction, documentario, animazione, sperimentazione e videoclip).
  • Si è tenuta quest’oggi, 24 maggio 2022, la conferenza stampa di presentazione del 25° festival CinemAmbiente (5 – 12 giugno), la kermesse che coniuga la sensibilità verso l’ecologia nelle coordinate della Decima Musa. Che è, peraltro, ben propensa ad accogliere ogni forma di lecita sensibilità. Nelle sedi ufficiali (sito, comunicati) è infatti ricordato quanto segue: (altro…)

M’illumino di meno: spegnere le luci, aiutare l’ambiente

Si rinnova nel 2022 l’appuntamento con ‘M’illumino di meno’, la campagna promossa da Caterpillar e Rai Radio2 con Rai per il Sociale, per la “Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili”. Lo slogan “Spegnere, Pedalare. Rinverdire. Migliorare!” esprime con rara efficacia gli intenti della manifestazione: invitare tutti a spegnere le luci non necessarie, riducendo gli sprechi e l’inquinamento elettrico, riscoprire la bicicletta e le altre modalità di movimento non dannose per l’ambiente, aumentare il verde intorno a noi, migliorare noi stessi e quanto ci circonda.
Dal sito ufficiale:

Quando nel 2005 Caterpillar, dai microfoni di Rai Radio2, ebbe l’idea di coinvolgere il pubblico in una grande festa degli stili di vita sostenibili, immaginando con l’aiuto di alcuni scienziati un decalogo sul risparmio energetico attuabile nelle vite di tutte e tutti, l’ambientalismo era un tema ancora di nicchia. Dopo 18 anni, i temi posti dalla campagna sono diventati l’asse portante delle politiche governative a livello nazionale, europeo e globale. Nel frattempo, si è ampliato il mercato della green economy, ovvero di coloro che producono beni, tecnologie e servizi per la tutela dell’ambiente, dimostrando che la transizione ecologica conviene da tutti i punti di vista. Il silenzio energetico simbolico, quel semplice gesto di spegnimento della luce che decine di migliaia di individui, istituzioni, associazioni, negozi hanno messo in pratica in questi 18 anni di campagna, è stato accompagnato negli ultimi anni da altre azioni che contribuiscono a una radicale transizione energetica. Tra queste, nell’edizione “della maturità”, la campagna mette al centro il ruolo propositivo e trasformativo della bicicletta e delle piante, perché entrambe hanno dimostrato di poter concretamente migliorare l’esistente. L’invito di quest’anno, oltre agli spegnimenti simbolici quanto mai necessari nei mesi dell’aumento dei prezzi dell’energia, è a pedalare, rinverdire e in generale migliorare. Si possono migliorare i propri stili di vita sprecando meno risorse, si può diminuire l’impatto ambientale delle proprie abitazioni tramite l’efficientamento energetico, si può passare alle fonti di energia rinnovabili. Oggi più che mai rompere la dipendenza dal gas e investire sulle rinnovabili è un gesto di pace. Le scuole di ogni ordine e grado e le università, ma anche i Comuni e le associazioni, sono invitati a partecipare a M’illumino di Meno 2022 adottando uno o più alberi nell’ambito del progetto Un albero per il futuro. Tra gli alberi che si possono richiedere ci sono anche le talee dell’Albero di Falcone, un ficus piantato in memoriam davanti alla casa di Giovanni Falcone e Francesca Morvillo.

Il ministero dell’Istruzione ha poi diramato una circolare a tutte le scuole di ogni ordine e grado. L’intento è quello di coinvolgere gli istituti scolastici italiani nella realizzazione del primo bosco diffuso di “M’illumino di Meno”, tramite il progetto Un albero per il futuro, organizzato in sinergia con l’Arma dei Carabinieri e gestito dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità.
Ecco il testo della circolare: (altro…)

festival a confronto (74)

  • Si tiene dal 1° all’11 ottobre, in presenza ma anche online, l’edizione 2021 del “Lucca Film Festival e Europa Cinema”. La kermesse prevede quest’anno un’attenzione speciale al cinema delle Donne, con un parterre di tutto rispetto di ospiti e volti noti, anche a livello internazionale: Silvio Orlando, Alba Rohrwacher, i registi Aleksandr Sokurov e Michelangelo Frammartino, la troupe del film ‘Mediterraneo’ a trent’anni dall’uscita in sala. Si renderà omaggio, nondimeno, al centenario dalla nascita di Nino Manfredi, al quale è peraltro dedicata la locandina del festival.
  • In programma dal 1° al 6 ottobre, al Cinema Massimo di Torino, la ventiquattresima edizione di CinemAmbiente, il festival del Cinema a tematica ambientale. Oltre tremila i titoli iscritti quest’anno, fra i quali sono stati scelti gli 89 film, provenienti da trenta Paesi, che saranno proiettati nella settimana di festival per le due sezioni competitive internazionali: documentari, con dieci pellicole in anteprima italiana, e cortometraggi, con 20 film in concorso. Per la prima volta c’è anche una sezione non competitiva “Made in Italy”, dedicata al cinema ambientale italiano, con quaranta film e un panel sul cinema ambientale oggi e sul suo ruolo nella transizione ecologica. Slogan di quest’anno: “Time for Change”. Novità di quest’anno: la possibilità di seguire in streaming.
  • Tornano anche le Giornate del Cinema Muto, alla quarantesima edizione, nell’ambito del Pordenone Silent Film Festival. La rassegna piú grande al mondo di cinema muto va in scena da oggi, 2 ottobre, fino al 9, “alla scoperta degli anni ruggenti del cinema”!
  • È in programma da lunedí 4 a domenica 10 ottobre, a Bologna, la quindicesima edizione del ‘Terra di Tutti Film Festival’, la manifestazione che dà voce agli “invisibili”, con proiezioni ed eventi, riflessioni e dibattiti sui diritti umani, parità di genere, cambiamento climatico, conflitti e migrazioni. È ospitato da cinque sale cinematografiche (Europa, Vag, Odeon, Galliera e Lumière) ma può essere fruito anche online, in virtú di alcuni appuntamenti in streaming. Gli eventi fuori sala dedicati alla solidarietà e alla cooperazione, su tematiche che vanno dalla Siria all’Afghanistan e alle sfide globali come quella del Climate Change, si terranno invece al Das, il Dispositivo Arti Sperimentali, in via del Porto 11/2. L’edizione 2021 ha visto 612 candidature ai vari bandi di concorso: tra loro, 24 titoli tra lunghi e cortometraggi, documentari e fiction sociali sono stati selezionati per concorrere ai cinque premi in palio, tra cui il Premio Giovanni Loporto, dedicato all’operatore ucciso nel 2015 al confine tra Afghanistan e Pakistan da un drone armato statunitense, e la Menzione DamsLab assegnata ogni anno dagli studenti del corso ‘analisi dei film’ di Unibo.
    Il TTFF – Terra di Tutti Film Festival è organizzato da Cospe, organizzazione non governativa che lavora in 25 Paesi con progetti per lo sviluppo equo e sostenibile, il rispetto dei diritti umani, la pace e la giustizia tra i popoli, e WeWorld, organizzazione che da cinquant’anni anni difende i diritti di donne, bambini e comunità locali in 25 Paesi, Italia inclusa.
  • Ultimo, ma non ultimo, il glorioso Matera Film Festival (2 – 10 ottobre). “A Matera sono stati girati più di 40 film: da Pier Paolo Pasolini ai fratelli Taviani, da Francesco Rosi a Roberto Rossellini, passando per Lina Wertmüller, Giuseppe Tornatore e Gianni Amelio fino a colossal internazionali come The passion of Christ di Mel Gibson, Ben Hur di Timur Bekmambetov, Wonder Woman di Patty Jenkins e la 25ª pellicola della saga di James Bond, (altro…)

David 2020, Greta e altri demoni

  • È iniziata ieri, 12 novembre, per concludersi il 3 dicembre, la sedicesima edizione del Mobile Film Festival. Rassegna tra le piú innovative, è dedicata ai cortometraggi che vantano una durata inferiore al minuto, particolarmente facili alla fruizione da smartphone e dispositivi mobili in generale. La selezione ufficiale prevedeva cinquanta film ma sono stati portati a sessanta in considerazione dell’alta adesione; gli organizzatori di chiarano infatti d’aver ricevuto 1130 film da 101 Paesi, il 57% realizzati da donne. I titoli italiani sono quattro: ‘Hot mess’, di Erica Muni, ‘Metti le scarpe’, di Beatrice Simonetti, ‘C’era una notte’, di Elettra Pierantoni e ‘Why my name?’, di Giansalvo Pinocchio. Temi principali sono il corpo delle donne, l’uguaglianza, l’identità, la libertà, la violenza contro le donne; alcune opere sono ambientate nel mondo professionale. Sottotitolati in francese, inglese, spagnolo e italiano, tutti i film sono pubblicati su YouTube, Twitter, Facebook, Instagram e LinkedIn.
  • Il David di Donatello si apre alle piattaforme. Viste le particolarità del transeunte, la Presidente Piera Detassis ed il Consiglio Direttivo dell’Accademia del Cinema Italiano all’unanimità hanno deciso che, esclusivamente per l’anno in corso, siano considerati eleggibili per le candidature dei Premi David di Donatello 2020/21 tutti i film italiani la cui uscita era stata prevista in origine per la sala e che invece, a causa dell’emergenza epidemica e della chiusura dei cinema in diversi periodi dell’anno, sono stati diffusi attraverso le piattaforme streaming e VOD (video on demand). In una nota, si legge testualmente che “L’Accademia, come esplicitato nell’Articolo 2 del regolamento, si allinea per questa edizione alle deroghe stabilite dai decreti ministeriali, assecondando criteri di ammissione al concorso più ampi ed inclusivi” con lo scopo, si legge anche, “di non penalizzare ulteriormente la nostra industria cine-audiovisiva e il tanto lavoro creativo dei talenti che la animano e ne determineranno certamente la ripresa. Il David, che rappresenta tutti i lavoratori, i mestieri, le categorie e le associazioni del cinema intende così esprimere vicinanza a tutti coloro che stanno affrontando con ansia, ma anche inesausta energia, modalità distributive restrittive inedite e più che mai complesse“.
  • Anche Greta Thunberg, nel suo piccolo, approda al cinema. On demand, a causa della pandemia, ma approda. Ancora quindicenne, la coraggiosa guerriera riuscì a riportare l’attenzione del mondo sul clima, sul riscaldamento globale, sullo sfruttamento indiscriminato delle risorse del pianeta. Diciassettenne, ha corso il rischio di vincere il Nobel per la Pace e ha liquidato con un “Donald, rilassati” le istanze dell’ex presidente americano. Come intuibile, Greta ha appoggiato Biden. Il film che la riguarda e ne tratteggia la figura è stato diretto da Nathan Grossman; già presentato alla Mostra del cinema di Venezia, sarà fruibile a partire da domani, 14 novembre, su Sky Primafila, Google Play, Infinity, Timvision, Chili, Rakuten TV, oltre a MioCinema e IoRestoInSala.
  • Efa in fundo, (altro…)

festival a confronto (57)(+ dimore storiche)

  • Vive dal 1° al 4 ottobre la ventitreesima edizione del festival “CinemAmbiente” di Torino. Al cinema Massimo, uno dei templi della cinematografia nella città sabauda, ma anche on line, saranno proposti 65 film provenienti da 26 diversi Paesi, molti preceduti da presentazioni e incontri a tema in streaming da tutto il mondo. Tra tutti, ‘Rebuilding Paradise’, del Premio Oscar Ron Howard, è basato sugli incendi che, nel 2018, hanno raso al suolo la cittadina californiana di Paradise in sole tre ore. Il neo-confermato presidente del Museo del Cinema di Torino, Enzo Ghigo, ha dichiarato: « Con i nostri festival vogliamo portare al pubblico i grandi temi che deve affrontare la nostra società, come l’ambiente, i diritti umani e lgbt, le istanze dei giovani ».
  • Le Giornate del Cinema Muto di Pordenone (3 – 10 ottobre), 11 programmi con lungometraggi, cortometraggi e contenuti speciali dell’epoca piú gloriosa del cinema, sono interamente on line, fruibili sul sito MyMovies, all’indirizzo https://www.mymovies.it/ondemand/giornate-cinema-muto/.
  • A Videocittà s’è accennato in altra sede; il programma di “Lucca Film Festival e Europa Cinema 2020” è consultabile a questo link.
  • Domenica prossima, 4 ottobre torna la giornata nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane. Quella di quest’anno è la decima edizione ed è arricchita dal supporto e dalla collaborazione della Federazione italiana Amici dei musei (Fidam) e dell’Associazione nazionale Case della Memoria. Apriranno gratuitamente al pubblico oltre 300 tra rocche, parchi, ville, castelli e giardini dislocati in tutta Italia. Tra i tanti siti degni d’attenzione, vale la pena di segnalare almeno la Tenuta di Floriano sull’Appia antica, Villa Borghese Bell’Aspetto fra Nettuno e Anzio, la casa natale di Michelangelo Buonarroti a Caprese, il giardino di Villa Torrigiani di Camigliano a Lucca. A causa dell’emergenza Covid-19, la prenotazione è di particolare importanza: https://www.associazionedimorestoricheitaliane.it/visite_giornata_nazionale.php
  • Al pari di quella primaverile, anche l’edizione autunno 2020 del Romics, la rassegna internazionale su fumetto, animazione, videogiochi, cinema e intrattenimento in programma ad ottobre, è stata annullata a causa delle restrizioni per il coronavirus. L’annuncio è arrivato, illo tempore, dagli stessi organizzatori: (altro…)

#EarthDay2020

Update: as for Italy, 7 hours of streaming on April 22, since 3 PM to 10 PM, via National Geographic Channel, Ansa, Gedi Gruppo Editoriale, and Sky TG24. Please consider watching ‘Cosa ci dice la Terra’ (‘What the Earth is actually telling us’): https://www.youtube.com/watch?v=jXc2LG8iftM

  • Earth Day is April 22 of every year. April 22, 2020 will mark 50 years of Earth Day.

  • The theme for Earth Day 2020 is climate action. The enormous challenge — but also the vast opportunities — of action on climate change have distinguished the issue as the most pressing topic for the 50th anniversary. Climate change represents the biggest challenge to the future of humanity and the life-support systems that make our world habitable.

  • (…) On Earth Day 2020, we seize all the tools and actions that we have, big and small, to change our lives and change our world, not for one day, but forever.While the coronavirus may force us to keep our distance, it will not force us to keep our voices down. The only thing that will change the world is a bold and unified demand for a new way forward.We may be apart, but (altro…)

DarkLight