maestri a confronto (21)

  • Come si ricorderà, nel programma della LXXVII edizione del festival di Cannes si è previsto di riconoscere allo Studio Ghibli ed al Maestro Hayao Miyazaki le dovute attenzioni. Non solo la prima Palma d’Oro onoraria ad un intero studio di produzione ma anche, ed è successo ieri pomeriggio, la proiezione di quattro cortometraggi, tre dei quali mai usciti dal Giappone: ‘Mei e l’autobus dei cuccioli di gatto’ (2002, un mini sequel inedito del classico ‘Il mio vicino Totoro’); ‘Caccia alla casa’ (2006); ‘Mr. Dough e la principessa dell’uovo’ (2010) e ‘Boro il bruco’ (2018). Al Grand Théâtre Lumière sono andati il figlio di Miyazaki, Gorō, ed il vicepresidente Kenichi Toda, in rappresentanza di tutto lo Studio Ghibli, compreso il Museo Ghibli, Mitaka ed il Parco Ghibli. Quanto ad Hayao, nonostante le precedenti dichiarazioni riguardo al canto dell’airon…, pardon, del cigno, pare stia lavorando al suo prossimo film…
  • È stata squisitamente commerciale l’ultima fatica di Martin Scorsese. In attesa di metter mano al film su Gesú e alla serie ‘The Saints’, il maestro italoamericano ha diretto Timothée Chalamet nello spot del profumo Bleu de Chanel, ambientato in una New York iper-realistica. Grande successo, peraltro, aveva ottenuto il primo spot per questo profumo, che aveva per protagonista Gaspard Ulliel.
  • CG Entertainment ha annunciato una nuova rassegna dedicata a Pedro Almodóvar, dal titolo “Almodóvar – Corpi in prestito”, nelle sale italiane, in versione restaurata, dal prossimo 10 giugno: ‘Kika – Un corpo in prestito’ (1993), ‘Il fiore del mio segreto’ (1995), ‘Parla con lei’ (2002), ‘La mala educación’ (2004), ‘Volver’ (2006).
  • Vivrà dal 24 al 26 maggio 2024, presso la Pelanda del Mattatoio e la Città dell’Altra Economia di Testaccio, a Roma, la decima edizione di “ARF”, “la festa di chi ama, scrive, disegna, legge e respira fumetti“. Nove mostre inedite tra cui ‘O partigiano, portami via’ per celebrare la carriera di Baru, padre nobile del graphic novel francese, voce delle classi operaie, degli immigrati, dei disgraziati e degli ultimi. Baru, assieme a Vittorio Giardino, sarà anche protagonista di una lectio magistralis. A questo link, il programma completo della rassegna.
  • Dal 29 maggio al 13 gennaio, invece, la mostra “Movie Icons. Oggetti dai set di Hollywood”, organizzata dal Museo Nazionale del Cinema con Theatrum Mundi, curata da Domenico De Gaetano, direttore del Museo del Cinema di Torino, e da Luca Cableri, direttore della galleria Theatrum Mundi di Arezzo, allestita all’interno della Mole Antonelliana. Dalla piuma di Forrest Gump alla bacchetta magica di Harry Potter, dal casco degli Stormtrooper di Guerre stellari fino alla pallottola di Matrix: nell’ambito della mostra ben 117 oggetti originali di scena, costumi e memorabilia, provenienti dai set cinematografici hollywoodiani.
  • Lux in fundo, Vittorio Storaro e le “Giornate della Luce”, (altro…)

festival di Cannes 2024

Aggiornamento 14 maggio. In sede d’apertura, il nostro Pierfrancesco Favino, membro della Giuria che assegnerà le Palme, ha dichiarato:

«Cannes è uno spazio libero del cinema, uno dei pochi rimasti. Si vedono film da tutto il mondo, ci si confronta, si cambia idea.. Affronto l’esperienza della giuria con l’idea di cercare la bellezza e l’umanità. Cosí come inseguiamo il bello, potremmo inseguire la pace!»

La LXXVII edizione del Festival di Cannes vivrà dal 14 al 25 maggio 2024. Si preannuncia come un’edizione piena di mostri sacri, da George Lucas a Kevin Costner, da George Miller alla Columbia Pictures (che celebra i suoi primi 100 anni), ad Hayao Miyazaki ed al suo Studio Ghibli. (altro…)

#Academy100: un secolo di premi Oscar

Nel 2028 l’Academy compirà 100 anni

Si è tenuta ieri , 10 maggio, a Roma, una conferenza stampa congiunta di Cinecittà e dell’Academy of Motion Pictures Arts and Sciences, l’istituzione che, come ognun sa, conferisce ogni anno gli Academy Awards®, anche noti come “premi Oscar”. Tale commendevole istituzione celebrerà il suo primo secolo di vita nel 2028 ed è già in essere la campagna celebrativa “Academy100”, con una raccolta internazionale che punta a 500 milioni di dollari.
Sono previsti eventi e celebrazioni a Buenos Aires, Cannes, Johannesburg, Kyoto, Lagos, Londra, Los Angeles, Marrakesh, Melbourne, Città del Messico, Mumbai, New York, Roma, San Francisco, Seoul, Toronto, Toruń e Venezia. Sito ufficiale dell’iniziativa è https://www.academy100.org/.

Per quanto riguarda l’Italia, (altro…)

David di Donatello e Oscar

Anche i Curatoli, nel loro piccolo, possono avere problemi personali ed è per questo che le vincitrici ed i vincitori dei David 2024 non sono stati salutati con la consueta puntualità.
Crediamo sicuramente anche noi, tuttavia, che, almeno quest’anno, alcuni David siano stati piú belli di taluni Oscar.
Per la completezza dell’informazione l’elenco completo delle candidature e dei vincitori lo proponiamo comunque, qui di seguito: (altro…)

festival a confronto (113)

  • Aggiornamento 7 maggio: prende oggi il via l’VIII edizione del Riviera International Film Festival, a Sestri Levante fino a domenica 12. Queste le dichiarazioni degli organizzatori: «Il Riviera International Film Festival è Rebel Independent cinema. Che significa? Siamo un festival indipendente che crede che il grande cinema debba avere un impatto importante sulla società. Proiezioni, un concorso per giovani registi da tutto il mondo e molto altro. E lo facciamo in un posto stupendo: la Baia del Silenzio a Sestri Levante.» A questo link, invece, il programma.
  • Vive dal 4 al 12 maggio la XVIII edizione del Nonantola Film Festival. Organizzato nella ridente cittadina emiliana, il Nonantola è la festa del cinema e dei cortometraggi, con il dichiarato intento di proporre opere di autrici e autori che hanno avuto scarsa visibilità in sala “a causa di una miopia distributiva che non ha creduto sufficientemente in loro“; il cartellone di quest’anno si compone di dodici film italiani, tra opere prime e seconde, proiettati al cinema teatro ‘Troisi’. Per la verità, ieri, 2 maggio, al teatro comunale di Bomporto c’è stata un’anteprima, con Matteo Righi ed il suo ‘Il vento soffia dove vuole’. La prima giornata, quella del 4, sarà tutta al femminile, con ‘Billy’, opera prima di Emilia Mazzacurati, ‘Tano da morire’ (1997) di Roberta Torre, e ‘Mur’ di Kasia Smutniak, che racconta la sua Polonia parlando di profughi e d’immigrazione. Gli altri titoli in programma: ‘Marcel!’ di Jasmine Trinca, ‘Patagonia’ di Simone Bozzelli, ‘Primadonna’ di Marta Savina, l’opera seconda di fiction di Ciro Formisano ‘L’anima in pace’, l’elevated horror ‘Piove’ di Paolo Strippoli, la dolceamara commedia corale ‘Settembre’ di Giulia Louise Steigerwalt. Venerdì 10 maggio due appuntamenti con il film riservato alle scuole ‘Mary e lo spirito di mezzanotte’, di Enzo D’Alò. Cuore pulsante del festival è ‘4 Giorni Corti’, una sfida che si rinnova ogni anno, in cui i professionisti che vi prendono parte devono produrre un cortometraggio della durata di 4 minuti, in soli quattro giorni, con gli elementi obbligatori indicati dall’organizzazione – che quest’anno sono uno stampo per cubetti di ghiaccio, una corda con manici per saltare, la frase “Non lascio mai un lavoro a metà” – e con le caratteristiche del genere cinematografico scelto. La masterclass, in programma domenica 12 maggio, dal titolo ‘Il cinema oltre il genere’, ha per protagonista il regista cinematografico e teatrale Andrea Adriatico, fondatore di Teatri di Vita.
  • La XXXIII edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL si tiene invece già da oggi, 3 maggio, per concludersi domenica 12, nelle sale cinematografiche di Milano e in streaming in tutta Italia, su MYmovies.it. Dieci giorni di proiezioni, incontri con gli autori, eventi speciali sul cinema e le culture dei tre continenti che si terranno al Cinema Godard della Fondazione Prada, alla Cineteca Milano Arlecchino e all’Auditorium San Fedele.
    Queste le principali sezioni: (altro…)

corti d’Argento (2024)

Selezionati anche quest’anno dal sindacato giornalisti i titoli in competizione ai Nastri d’Argento nella sezione Cortometraggi.
Oltre duecentotrenta i corti di finzione visionati, venticinque quelli d’animazione, in lizza per l’assegnazione che avrà luogo il 6 maggio, al cinema Caravaggio, a Roma:

(altro…)

Wonder Twins: what about?

The world of superheroes, both Marvel and DC, is going through a delicate phase and many categories are being redefined. In this post we do not want to paint a picture of the state-of-the-art of the two universes; rather, our goal is to remember two characters (three with the monkey) who, in our very modest opinion, have some potential: the Wonder Twins!
After some sporadic appearances (for example in the ‘Smalville’ series), a film all about them was announced in 2022, directed by Adam Sztykiel and starred by KJ Apa and Isabel May, for the HBO Max platform. That film was subsequently cancelled but, in our humble opinion, Zan and Jayna could appear in the next DC films, as collaborators with Batman, Superman and Wonder Woman, for example.
Hereafter, however, a brief explanation of their history and their merits. (altro…)

Giffoni Shock

Aggiornamento 20 aprile: Claudio Gubitosi, fondatore e direttore di Giffoni. alla chiusura di Giffoni Shock, ha dichiarato che #Giffoni54, dal 19 al 28 luglio a Giffoni Valle Piana (Salerno), sarà “una grande edizione, nelle nostre intenzioni davvero memorabile, più forte e più intensa di sempre.” Si comincerà “‪martedì 23 aprile con i sorteggi delle giurie, la carica dei circa cinquemila giurati, provenienti da tantissime città e paesi d’Italia e da quarantacinque nazioni estere. Seguirà la selezione dei 250 ragazzi che animeranno una delle sezioni più importanti, la Impact. Si è sempre in attesa che il Governo e la Regione Campania firmino l’accordo di programma relativo ai Fondi di Sviluppo e Coesione ma è chiaro come uno dei più grandi eventi, tra i più attesi in Campania, in Italia e nel mondo, non poteva che essere ufficialmente confermato.” “Desidero ringraziare il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, per aver dimostrato grande attenzione nei nostri riguardi, garantendo sostegno e collaborazione per la realizzazione di #Giffoni54“, ha concluso Gubitosi.

Ben prima della LIV edizione del Giffoni Film Festival (19 – 28 luglio), la ridente cittadina campana ci propone ‘Giffoni Shock’:

Dal 16 al 20 aprile 2024Giffoni Shock apre le porte ai giovani talenti, dai 18 ai 35 anni, invitandoli a costruire un futuro che nessuno ancora ha avuto l’audacia di immaginare. Non un semplice festival ma un’occasione concreta per giovani talenti. Lo Shock di Giffoni è un’onda di energia che farà crollare malintesi, interpretazioni superficiali e stereotipi sulla nuova generazione, creando spazio per esplorare nuove forme e linguaggi dell’espressione artistica.

Ecco il comunicato completo: (altro…)

festival a confronto (112)

  • Secondo la ricerca “Cinema oggi. Spettatori di domani”, svolta da AFIC – Associazione Festival Italiani di Cinema ed Ergo Research con Cinetel/CinExpert, i festival cinematografici all’industria del cinema fanno davvero bene. Nel periodo marzo 2023 – febbraio 2024, infatti, sulla scorta di ventiseimila interviste somministrate, la stima degli “atti di visione” “inclusi nella programmazione di un festival” è di oltre due milioni, a fronte di un totale generale Cinetel di 72,7 milioni di admissions tra film visti sia “nella programmazione del cinema” sia “nell’ambito di una rassegna (ciclo di film) proposta da un cinema”. Lo scopo della ricerca era proprio questo, indagare il complesso rapporto tra logiche di mercato, programmazione festivaliera e pubblico, sia per il loro ruolo in termini di educazione all’immagine, di capacità di implementare percorsi di coesione del pubblico e nella promozione, sia per la valorizzazione dell’identità culturale italiana attraverso le scelte artistiche di programmazione.
  • Vive dall’11 al 14 aprile, nondimeno, la XIV edizione de Lo Spiraglio Film Festival della salute mentale, diretto dallo psichiatra Federico Russo per la parte scientifica e da Franco Montini per quella artistica, organizzato da Roma Capitale e dal Dipartimento Salute Mentale della ASL Roma 1 in collaborazione con il MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo. Questa XIV edizione cade in concomitanza con la nascita di Franco Basaglia, la cui legge sancí, nel maggio 1978, la chiusura dei manicomi. Questi gli otto lungometraggi in gara: ‘Vite Sottili’, di Maite Carpio: adolescenti e anoressia nella storia di tre famiglie e il loro percorso di cura; ‘Felicità’, di Micaela Ramazzotti, storia di una famiglia disfunzionale; ‘Sull’Adamant – Dove l’impossibile diventa possibile’, di Nicolas Philibert, Orso d’Oro a Berlino 2023, descrizione di un centro diurno che accoglie adulti affetti da disturbi mentali; ‘Anna’, di Marco Amenta, storia di una ragazza bella e selvaggia, che gestisce una fattoria in un angolo incontaminato della Sardegna; ‘Kripton’, di Francesco Munzi, che indaga la vita sospesa di sei ragazzi ricoverati in due comunità psichiatriche. Tra i cortometraggi, ‘La neve coprirà tutte le cose’, di Daniele Babbo, interpretato da Barbara Ronchi; ‘Indipendenza da gioco. Storia di Luca’, di Benedetto Alessandro Sanfilippo, sulla ludopatia e sulle sue cause; l’iraniano, pluripremiato ‘Black Seed’, di Amirhoman Khosravani; il greco ‘Wings’, di Fivos Imellos; L’accesso alle proiezioni è gratuito fino a esaurimento posti, presso il MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo.
  • Vivrà invece dal 16 al 21 aprile, al cinema Massimo di Torino, la XXXIX edizione del Lovers Film Festival, la rassegna piú antica sui temi Lgbtq+, con la direzione di Vladimir Luxuria, madrina Maria Grazia Cucinotta e ospite della serata di chiusura Nancy Brilli.. Ci sarà Rupert Everett, Stella della Mole, con due film fra cui ‘Another Country’; ci sarà BigMama, che affronterà anche le tematiche del body shaming e body positive; una lezione di tuca tuca con Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo; la dedica dell’evento a Sandra Milo… Cinquantatré film, soprattutto, con quattro anteprime mondiali, tre europee e 28 italiane, tre sezioni di concorso, lungometraggi, corti e documentari, con giurie presiedute rispettivamente da Roberta Torre, Luca Bianchini e dal direttore del Rio Lgbtqia+ International Film Festival, Alexander Mello, cinque premi collaterali. Film d’apertura ‘Duino’ di Juan Pablo Di Pace, di chiusura ‘Te estoy amando locamente’ di Alejandro Marín. Fra gli ospiti, il direttore del Torino Film Festival Giulio Base, la drag queen Tekemaya, la presidente nazionale Arcigay, Natascia Maesi, l’attrice e comica Annagaia Marchioro, il direttore della Mostra del cinema di Venezia, Alberto Barbera, con Fabio Canino per il premio Riflessi nel buio. Fra gli eventi attesi, il ritorno del controverso regista Bruce LaBruce con un adattamento di ‘Teorema’ di Pasolini e l’unica proiezione italiana del documentario sul rapper afro americano Lil Nas X.
  • Nella terra di Pessoa e Luís Vaz de Camões, invece, dal 12 aprile al 28 maggio, in oltre venti città (Lisbona, Porto, Coimbra, Funchal, l’Algarve…), la XVII edizione della Festa do Cinema Italiano. Manifestazione tra le piú commendevoli, la Festa do Cinema Italiano è il principale evento in Portogallo dedicato al nostro cinema e alla nostra cultura ed è sostenuto da Cinecittà, Ambasciata d’Italia, Istituto Italiano di Cultura di Lisbona, in collaborazione diverse istituzioni portoghesi e imprese private, tra cui Fiat e Generali. L’edizione di quest’anno presenterà oltre cinquanta titoli, tra lungometraggi, documentari e cortometraggi, la maggior parte dei quali proiettati in anteprima nazionale. L’apertura è stata affidata a ‘C’è ancora domani’, di Paola Cortellesi, la chiusura a ‘Confidenza’, di Daniele Luchetti, con Elio Germano; tra gli altri film in programma, ‘L’Ombra di Caravaggio’, di Michele Placido, ‘Enea’, di Pietro Castellitto, ‘Il Vangelo secondo Maria’, di Paolo Zucca, ‘Comandante’, di Edoardo De Angelis, ‘Misericordia’, di Emma Dante, ‘Finalmente L’Alba’ di Saverio Costanzo, ‘Rapito’ di Marco Bellocchio, ‘Adagio’ di Stefano Sollima, le commedie ‘Romeo è Giulietta’ di Giovanni Veronesi e ‘Santocielo’ di Francesco Amato e i documentari ‘Milano – The Inside Story of the Italian Fashion’ di John Maggio e ‘Paolo Conte alla Scala’ di Giorgio Testi. Nella sezione competitiva dedicata alle opere prime e seconde saranno in competizione l’esordio alla regia di Micaela Ramazzotti, ‘Felicità’, Alain Parroni con il ‘Una sterminata domenica’, ‘Disco Boy’, di Giacomo Abbruzzese (già a Berlino ’23), ‘Enea’ di Pietro Castellitto (già a Venezia), ‘Stranizza d’Amuri’ di Giuseppe Fiorello. Jasmine Trinca, vincitrice della passata edizione della Festa do Cinema Italiano con la sua prima opera (‘Marcel!’), sarà protagonista quest’anno con i ruoli di Maria Montessori in ‘La Nouvelle Femme’ di Léa Todorov e Ida Ramundo nella serie ‘La Storia’. Ospiti musicali Colapesce & Dimartino. La giuria è composta quest’anno da Francesco Giai Via, direttore del Festival del Cinema Italiano di Annecy, il regista João Pedro Rodrigues e la famosa coreografa Olga Roriz. La Festa do Cinema Italiano, dopo il Portogallo, toccherà anche l’Africa lusofona (Angola, Mozambico e Capo Verde), seguirà a Timor Est e raggiungerà a giugno il Brasile per un grande evento di chiusura. Sito ufficiale: www.festadocinemaitaliano.com 
  • Quanto al LXXVII festival di Cannes, (altro…)
DarkLight