Crea sito

per grandi e per piccini (8)

  • La dodicesima edizione del Festival internazionale del Giornalismo si terrà a Perugia dall’11 al 15 aprile: oltre trecento eventi, cinque giornate di confronti, interviste, workshop, documentari, musica, oltre settecento speaker da 44 Paesi diversi, in quattordici diverse ambientazioni del capoluogo umbro. Il tutto rigorosamente a ingresso libero e in live streaming. Gli argomenti dell’edizione 2018 saranno la disinformazione, il cambiamento climatico, l’intelligenza artificiale, le crisi umanitarie, il reddito di base e le molestie sessuali sul luogo di lavoro.
  • ‘American Idol’, il format al quale va probabilmente riconosciuto il merito d’aver inaugurato il filone dei talent show basati sulla musica, è stato oggetto di una serie d’interessanti accordi tra Fremantle Media International e alcuni operatori internazionali, per delle nuove stagioni da distribuire in 150 Paesi: CTV (Canada), Foxtel (Australia), Canal Sony (America latina), MNET (Africa), SIC (Portogallo e Paesi africani di lingua portoghese), Intervision (Grecia), Three (Nuova Zelanda, Fjarskipti (Islanda), Novalifε (Grecia), Sia All Media (Lituania), Marjan Television (Medio Oriente e nord Africa di lingua farsi), beIN (Medio Oriente e Nord Africa tout court), beIN Series Home & Entertainment (Turchia), Amazon Prime Video (Regno Unito, dove andrà in onda il giorno successivo agli Stati Uniti). Ci piace ricordare che ‘American Idol’ ha totalizzato 57 candidature agli Emmy, vincendone otto, incluso il prestigioso Governors Award nel 2016; gli artisti scoperti dal programma hanno vinto tredici Grammys, due Golden Globe, un Academy Award e numerosi altri attestati. Il programma è prodotto da FremantleMedia Nord America e Core Media Group’s 19 Entertainment.
  • Come si ricorderà, MediaPro ha acquisito i diritti per la trasmissione televisiva del calcio italiano. Nei giorni scorsi ha finalmente pubblicato il bando per l’assegnazione che, come prevedibile, è diviso in (sette) pacchetti: MediaPro, invito.
  • ‘Black Panther’ film dedicato al supereroe nero della Marvel, si è posizionato al terzo posto nella storia degli incassi cinematografici statunitensi di tutti i tempi, con 659,3 milioni di biglietti venduti lo scorso venerdí. È scalzata, pertanto, la posizione di ‘Titanic’ e rimarrebbero da spodestare i soli ‘Star Wars – the Force Awakens’, che primeggia dall’alto dei 936 milioni di dollari incassati, e ‘Avatar’, medagli d’argento con 760 milioni.
    Che dire, ‘Black Panther’: #boxofficesoblack…
  • Il Teatro Valle è aperto di nuovo, affidato al Teatro di Roma, con un’installazione di Mimmo e alcuni tabelloni per ricordare la storia del redivivo teatro, con la ricostruzione di un camerino con gli arredi rimasti. Quattro anni fa si concludeva il periodo d’occupazione, durante il quale era stato dichiarato “bene comune”, due anni fa era passato alla gestione del Comune di Roma. Sono previste nei prossimi mesi una mostra dedicata ai pirandelliani “Sei personaggi in cerca d’autore”, che vissero proprio al Valle la loro tumultuosa prima assoluta nel 1921, poi la mostra multimediale “Paolo Poli è”, con oggetti, documenti, costumi, scene e quaranta   monitor in cui riscoprire le tracce dell’arte e la creatività dell’artista. Poi ancora visite guidate animate, incontri-spettacolo sui grandi attori che hanno lavorato su quel palcoscenico, appuntamenti e laboratori musicali, infine, in condivisione con il Teatro India, il festival multidisciplinare ‘”Dominio pubblico -under 25”. Il teatro Valle è il piú antico teatro di Roma ancora in attività ed è uno dei piú bei teatri storici italiani; inaugurato nel 1727, cinque anni prima del Teatro Argentina, è ormai vicino a compiere trecento anni.
  • Sarà in sala dal 12 aprile ‘Il prigioniero coreano’, di Kim Ki-duck, storia vera di un uomo buono, onesto e coraggioso che fa il pescatore in Corea del Nord e si ritrova in Corea del Sud per un banale inidente tecnico. Riuscirà il pescatore a convincere le forze di sicurezza sud-coreane di non essere una spia? Riuscirà il pescatore Ma soprattutto riuscirà Nam, dopo il proprio faticoso rilascio, a convincere il potere nord-coreano di non essersi lasciato contaminare dal capitalismo?
  • Amazon ha strappato a Netflix e Hbo i diritti per trasporre ‘Il Signore degli Anelli’ in una serie televisiva, di cui sono già in programma cinque stagioni. L’operazione è costata 250 milioni di dollari per l’accordo con gli eredi di Tolkien, la casa editrice HarperCollins e i produttori New Line Cinema, divisione della Warner Bros. Con ogni probabilità, la serie racconterà quello che è avvenuto prima che Bilbo consegnasse l’anello a Frodo, sarà una sorta di prequel dei film di Peter Jackson. Quanto ai costi, aggiungendo le spese di produzione, adattamento e distribuzione, si dovrebbe arrivare al miliarduccio di dollari, la cifra piú alta mai investita per un programma televisivo.
  • Quanto a Cannes, rispetto a quanto già scritto, si deve aggiungere che ‘2001 – Odissea nello spazio’ sarà riproposto nell’originale 70 mm ristampato per l’occasione, e che ‘Solo: A Star Wars Story’, ultimo capitolo di ‘Star Wars’, sarà proiettato in anteprima. Il film, diretto da Ron Howard e scritto da Lawrence e Jonathan Kasdan, è uno spin-off della saga ed è inserito nella selezione ufficiale; si sa soltanto che il giovane Han Solo, interpretato da Alden Ehrenheich, bazzicava già nei locali piú malfamati della galassia in compagnia del fedele Chewbecca e del suo mentore Beckett molti anni prima d’incontrare Luke Skywalker e il Maestro Jedi Obi-Wan Kenobi (che potrebbe, peraltro, essere il terzo spinoff della saga). Sono state comunicate, inoltre, alcune nuove regole: la stampa vedrà i film in anteprima la sera, mai prima del pubblico invitato con il cast; i selfie sul red carpet sono vietati, attrici e attori inclusi; i film in gara dovranno obbligatoriamente avere una distribuzione in in Francia, nelle sale, senza evitare alcun passaggio della filiera. Scrive Variety che Netflix vuol ritirare tre titoli, evidentemente pre-selezionati: ‘Norvegia’ di Paul Greengrass, ‘Hold the Dark’ di Jeremy Saulnier, ‘The Other Side of the Wind’, l’ultimo film di Orson Welles, rimasto incompiuto nel 1985 alla morte dell’autore, ora completato e considerato da molti cinefili la pellicola piú importante del festival. Per l’elenco dei film in competizione si può fare riferimento a un post piú recente.
  • Cinecittà si Mostra di nuovo. Per quattro fine settimana, dal 7 al 28 aprile, c’è la possibilità di profittare dell’iniziativa ‘Cinecittà Segreta’, visitare gli Studios di via Tuscolana e curiosare nei luoghi degli addetti ai lavori, per scoprire come nasce un film, scoprire il Cinegarden con visite guidate, la falegnameria e l’attrezzeria scenica. Alle visite sono abbinati laboratori creativi, grazie ai quali i bambini potranno sperimentare la propria manualità con le attività del cinema.
  • La già citata Amazon Prime Video ha concluso accordi anche con la Rai, Radio Televisione italiana, e offrirà ai clienti una serie di prodotti di sicuro interesse, come ‘I Medici’, ‘Rocco Schiamone’, ‘Il Cacciatore’, ‘Non Uccidere’, ‘Il Giovane Montalbano’, ‘Sotto Copertura’, ‘I Bastardi di Pizzofalcone’, ‘La Mafia Uccide Solo d’Estate’ – La Serie, ‘L’allieva’, ‘Boris Giuliano’, ‘Non Mi Arrendo’, ‘Il Sistema’, ‘Narcotici: Caccia al Re’, ‘Sfida al Cielo’. Altre serie Rai di successo come L’Ispettore Coliandro,Braccialetti Rossi, Il Paradiso delle Signore e Grand Hotel sono già incluse nel catalogo Prime Video. Sul versante cinematografico, il catalogo Prime Video include il meglio della recente produzione di Rai Cinema come ‘Ammore e Malavita’, ‘Chi m’ha visto’, due dei film della saga ‘Smetto quando voglio’, ‘Beata ignoranza’, ‘La tenerezza’, ‘Lasciati andare’, ‘Tutto quello che vuoi’, ‘Non è un paese per giovani’, ‘Questione di karma’, ‘Silence’, ‘Rosso Istanbul’, ‘The start up – accendi il tuo futuro’, ‘Aspettando il Re – A hologram for the King’, ‘Human Flow’, ‘Parliamo delle mie donne’, ‘Miss Sloane’, ‘Dove non ho mai abitato’, ‘Nico 1988’, ‘Brutti e cattivi’, ‘Una questione privata’, ‘Addio fottuti musi verdi’, ‘Amori che non sanno stare al mondo’ e ‘I Figli Della Notte’. Per quanto riguarda i programmi dei ragazzi, gli abbonati ad Amazon Prime potranno vedere contenuti quali come ‘Pimpa’, ‘Topo Tip’, ‘Extreme Football’ e ‘Cuccioli’.
  • Il regista Giancarlo Soldi e Bizef Produzione, in collaborazione con Archivio Crepax, hanno lanciato su Ulule una campagna di crowdfunding per realizzare gli effetti speciali del docufilm ‘Cercando Valentina – Il mondo di Guido Crepax’, documentario che nasce con l’obiettivo di far conoscere da vicino l’artista milanese attraverso le testimonianze di Milo Manara, Tinto Brass, Mario Martone, Jacques Glenat, Josè Munoz e tanti altri. Il crowdfunding si concluderà il 28 maggio.
  • Isao Takahata, co-fondatore dello Studio Ghibli con Hayao Miyazaki nonché direttore artistico del celebre cartone animato ‘Heidi, la ragazza delle Alpi”, è morto a Tokyo all’età di 82 anni. Autore e produttore di numerosi film di respiro internazionale, come ‘Nausicaa della Valle nel vento’, ‘Pom Poko’ e ‘La storia della principessa splendente’. A nove anni, Takahata, durante i bombardamenti statunitensi, era scappato di casa in pigiama e a piedi nudi, e ha raccontato questa brutta esperienza nel film ‘Una tomba per le lucciole’.
  • ‘Trollhunters’ è il fortunato esito dell’incontro tra DreamWorks e Guillermo del Toro. Basato sull’omonimo racconto di Del Toro e Daniel Kraus, un po’ alla stregua di ‘Dragon Hunters’, ‘Trollhunters’ è una serie d’animazione in ventisei episodi che narra le vicende di un ragazzo, Jim Lake, che scopre casualmente un mondo straordinario, quello dei Troll, proprio sotto i suoi piedi, grazie ad un magico amuleto. I detti episodi, già andati in onda su Netflix, cominceranno ad andare in onda in anteprima esclusiva in chiaro su K2, canale del gruppo Discovery Italia (canale 41) lunedí 9 aprile alle 19.55, poi a striscia da martedí17 aprile, martedí e venerdí alle 20.10. La colonna sonora è composta dal premio Oscar Alexandre Desplat (The Grand Budapest Hotel, Argo, The Imitation Game) e realizzata dalla London Symphony Orchestra.
  • Come ognun sa, la città di Matera sarà Capitale della Cultura nell’anno 2019; già da adesso, però, il 19 d’ogni mese un appuntamento ci accompagnerà alla cerimonia inaugurale. Lo ha reso noto l’ufficio stampa della Fondazione Matera Basilicata 2019, che ha precisato che il 19 aprile, ad esempio, avrà luogo un evento dedicato al poeta lucano Rocco Scotellaro. Il 19 maggio si darà spazio al teatro per i bambini, il 19 giugno minibasket in piazza e una mostra per i centovent’anni della Figc; il 19 luglio concerti rock e il 19 agosto opera lirica, con un’anticipazione della ‘Cavalleria Rusticana’ nei Sassi, che sarà rappresentata nel 2019 in collaborazione con il teatro San Carlo di Napoli.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: