Crea sito

Posts tagged “Destra

reincarnazioni politiche

Ci sono persone

che hanno bisogno di iscriversi a tutti i partiti politici

che esistono su questo pianeta

per capire a quale partito iscriversi

in un’eventuale reincarnazione.


la politica delle competenze

Quando si smetterà di usare categorie obsolete come (centro)Destra e (centro)Sinistra?

Quando si abbandoneranno ideologie e fazioni

e si concepirà la politica come il regno delle competenze personali?

Quando nascerà il partito dei professionisti digitali?

E quello di chi insegna?

E di chi opera nel sociale?


contenitore e contenuto

Le Istituzioni sono contenitori che acquisiscono significato e personalità in virtú del loro contenuto, dunque delle persone che entrano ad operarvi.

Quando il contenuto –istituzione si comporta in modo difforme dai suoi compiti, come si fa ad averne fiducia?

L’Italia non è una monarchia ma una repubblica parlamentare ed il Parlamento sembra talvolta un “Convalidamento” piú che un’assemblea che discute in modo critico. A volte non viene nemmeno consultato.

Certe scelte non possono rimanere nel chiuso dei palazzi, alla stessa stregua del pallone che, in una partita di calcio truccata, passa da un giocatore all’altro secondo regole pattuite clandestinamente, con il pubblico che paga i biglietti silente e passivo sugli spalti.

Forse a qualcuno sfugge la barbarie che c’è dietro certe decisioni, che non tengono conto del popolo sovrano ma constano di semplici rimpasti tra gattopardi che mai rinuncerebbero ai loro privilegi. Non possono essere due proprietari di ovini a decidere per conto delle pecore dei propri e degli altrui recinti né, ancor prima di questo, possono essere considerati pecore gli elettori stessi.

La democrazia oggi è internet, la libera condivisione delle idee e delle opinioni; i partiti tradizionali, nati agli albori dell’età moderna, non la rappresentano piú e sembrano, appunto, contenitori ormai vuoti.


geometria politica

CIÒ CHE È VERTICALE VALORIZZA IL MERITO

MA PUÒ PORTARE ALLA TIRANNIDE.

CIÒ CHE È ORIZZONTALE VALORIZZA L’UGUAGLIANZA

MA PUÒ CADERE NEL DISORDINE.


del gattopardo e altri demoni

Il libro ‘Operazione Gattopardo – Come Visconti trasformò un romanzo ‘di destra’ in un successo ‘di sinistra‘, di Alberto Anile e Maria Gabriella Giannice, è stato premiato dal Sindacato dei Giornalisti Cinematografici Italiani come Libro di Cinema dell’anno, conquistando l’Efebo 2013.

La cerimonia di premiazione del saggio, edito dalla casa editrice ‘Le Mani’, avverrà ad Agrigento il prossimo 26 ottobre, nell’isola in cui Tomasi di Lampedusa ambientò il suo romanzo. Il giorno prima, inoltre, avrà luogo un convegno sui cinquant’anni del Gattopardo cinematografico di Luchino Visconti.L’evento sarà aperto dai dodici minuti di scene tagliate nel 1963 dallo stesso Visconti ; tema dell’incontro “Nello specchio del Gattopardo la Sicilia 50 anni dopo fra coraggio e paure”.

È fin troppo facile riprendere la trita citazione “bisogna che tutti cambi affinché niente cambi”; il merito dei due scrittori sarà stato quello di trascendere le letture piú ovvie.

Si vuol concludere con una citazione della Regina di Picche, da ‘Alice attraverso lo specchio‘ di Lewis Carrol:

Che razza di Paese! — disse la Regina. Qui invece, per quanto si possa correre si rimane sempre allo stesso punto. Se si vuole andare in qualche altra parte, si deve correre almeno con una velocità doppia della nostra.

Piace molto a Lella Costa.. Forse, non solo a lei.

Due altre notizie in breve:

  • sabato prossimo, alle Giornate del Cinema muto di Pordenone, verrà proiettato in versione integrale l’unico adattamento cinematografico del primo Novecento dei ‘Promessi sposi’ di Alessandro Manzoni, risalente al 1913;

  • il film ‘Il giardino dei Finzi Contini‘, di Vittorio De Sica, tratto dall’omonimo romanzo di Giorgio Bassani, è stato scelto per commemorare i settant’anni dalla deportazione romana degli Ebrei, nell’ambito della mostra ‘Storie del ‘900 – Il giardino dei Finzi Contini‘, al Museo Ebraico di Roma.


questione di poli (2)

Dove sta scritto che due poli sono meglio di tre? Non è forse il Tre il numero perfetto?

Al di là delle valutazioni di merito, sembra che ad alcuni dia fastidio piú la frattura del duopolio piuttosto che il risultato di questa o quella coalizione.

I mercati non hanno capito e stanno reagendo all’impazzata, è vero. Una democrazia, però, in cui Destra e Sinistra sono equivalenti e il Tertium datum dimostra entusiasmo e voglia di fare, in cosa è criticabile? Peggio, “ingovernabile”?

Sfugge forse ai gattopardeschi voleri di chi vorrebbe stringere a sé tutto il potere possibile?

Sfugge forse alla mentalità ottusa di chi fa gli interessi del proprio orticello?

A detta di molti, anzi, la deflagrazione avrebbe potuto essere anche peggiore e sono stati alcuni target a salvare certe realtà preesistenti.

La Destra, come sempre, ha dimostrato buona capacità mediatica.

La Sinistra, come sempre, ha dimostrato mediocre capacità mediatica e incapacità di coesione (in un contesto in cui Destra e Sinistra dovrebbero già essere categorie antiquate…).

Grillo ha dimostrato la forza delle piazze e di quelli che una volta si chiamavano media alternativi (internet, social network), facendosi sapiente psicagogo del generale malcontento.

Exit poll e sondaggi si sono rivelati fasulli; forse la gente ha deciso solo al seggio o non ha dichiarato la reale intenzione di voto. Forse sono anche gli strumenti a essere obsoleti.

Se si tornasse a votare a breve, secondo il mio modesto avviso, a qualcuno andrebbe perfino peggio perché la rabbia già emersa da queste consultazioni sarebbe addirittura maggiore.


spunti di riflessione

SE INCONTRI UN UOMO DI SINISTRA,

VERIFICA CHE LA SUA NON SIA FALSA UGUAGLIANZA.

SE INCONTRI UN UOMO DI CENTRO,

VERIFICA CHE NON DICA DI CREDERE IN DIO SOL PERCHÉ NON HA ALTRO DI CUI PARLARE.

SE INCONTRI UN UOMO DI DESTRA,

VERIFICA CHE NON SI SENTA UN DIO EGLI STESSO.

Giuseppe Garibaldi, 
per bocca dell’attore Emanuele Montagna

nell’ambito del convegno

 “1861 – 2011

UNITÀ D’ITALIA

DOPO 150 ANNI

PER RESTARE INSIEME”

Reggio Calabria

18 giugno 2011


essere o non essere?



Essere di Destra o di Sinistra è ancora una scelta di campo, o è ormai semplice astrazione filosofica?

Chi appartiene ad un determinato schieramento politico, lo fa per convinzione ideologica o calcolo d’interessi?

E l’ideologia stessa, le eterne categorie che rimandano ai due approcci, che attualità rivestono?


Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: