Get a site

spiritualità

al focolare domestico e materno

Lo

spentolare santo

(more…)


maestri a confronto

Du bist eine Musiker!” (“Tu sei un (vero) musicista!“)
Herbert von Karajan al M° Nicola Leonardo Sgrò
Si è calcolato che, per capire tutte le sfumature e le ironie che ci sono in Topolino,  alcune persone dovrebbero avere almeno  vent’anni!
il professore universitario di Retorica e Stilistica
Ho avuto spesso la fortuna di essere molto vicino alla gente: a 40 anni ho avuto il privilegio di poter donare midollo osseo a una persona salvandogli la vita.”
Fabrizio Frizzi

La vita dà, la vita prende; i Maestri bisogna sceglierseli bene ed ascoltarli con tutta l’attenzione di cui si è capaci, finché si ha possibilità di farlo. (more…)


responsibilities of mass media

A teacher, a professor of school, reaches, throughout his entire life, some hundreds, some thousands of human beings.
An artist, a professional of Film or Television, also of the Internet, he can illuminate millions.
From such assumption, potentialities and responsibilities derive.
Un maestro, un professore di scuola, raggiunge, nell’intera sua vita, qualche centinaio, qualche migliaio di esseri umani.
Un artista, un professionista del Cinema o della Televisione, anche di Internet, può illuminarne milioni.
Da questo assunto, derivano potenzialità e responsabilità.

Rémi a confronto

Il romanzo ‘Senza famiglia’, di Hector Malot, ha ispirato molti adattamenti televisivi e cinematografici, tra i quali, probabilmente il piú conosciuto, ‘Dolce Rémi’, cartone animato trasmesso in Italia negli anni Ottanta dalla Rai, dagli anni Duemila da Mediaset.
Chi ha dimenticato, nel citato cartone, l’episodio in cui il signor Vitali è sottoposto a processo ed il piccolo Rémi, accompagnato dai fedeli cani e dall’abnegata scimmietta (more…)


spunti di riflessione (7)

  • Il fatto che esistano scorciatoie non significa che le si debba prendere per forza; la strada piú lunga è spesso piú pulita e respirabile
  • La Grandezza sa farsi piccola, la Piccolezza tenta sempre di sembrar piú grande
  • Si studia per (more…)

perché suonano le campane?

Quest’oggi in un bell’articolo su Corriere.it si trattava di campane, partendo dalla preistoria, passando dal tintinnabulum attaccato alla statua del sommo Giove, facendo una capatina dalla città di Nola, dove si ritiene che le campane siano state usate per la prima volta per richiamare i fedeli, approdando infine a Peter Pan e alla simpaticissima Campanellino.
Siamo in grado di chiosare.
Essere desti è importante e la campana, oltre ad avere valore funzionale e celebrativo, è simbolo potente di risveglio.
Ognuno di noi deve avere in sé la codifica del Bene e del male e saperla usare in ogni momento della vita.
Non possono essere altri a scegliere per noi. Non possono essere altri a (more…)


lutto

black ribbon mourning lutto

black ribbon mourning lutto

ciao, Genova


il canto di Maria Maddalena (2)

Maddalena, Maddalena, cosa c’è nel cuore tuo?
Stai cercando il tuo Signore ed il tuo Dio?
Maddalena, Maddalena, cosa cerchi intorno a te?
Il tuo Maestro, il tuo Signore tornerà!
(more…)


lazzaro felice

I Maestri hanno sempre saputo che soltanto ciò che è fuori dal tempo sopravvive al tempo.
Le manifestazioni dell’animo umano, d’altra parte, tendono a ripresentarsi, spesso in maniera identica, importa davvero poco se una situazione si sia verificata in un momento piuttosto che in un altro.
Le classi sociali sono sempre esistite e non è questa la sede per capire se siano condannate ad un eterno conflitto o in che misura sia possibile una perfetta conciliazione.
La nobiltà di un cavaliere è in grado di trascendere le differenze: ligio ai versi d’Ariosto, egli sa comportarsi con bontà e solidarietà anche col “rivale”, di fede, condizione o estrazione diversa; anche i cavalieri della Rohrwacher, infatti, “per selve oscure e calli obliqui/ insieme van senza sospetto aversi”.
Lazzaro è sempre felice, nella stessa misura in cui è ingenuo e disinteressato, alla stregua dell’Idiota di Dostoevskij.
Il suo cuore non potrebbe essere piú puro; se arriva a prendere discutibili iniziative, lo fa solo ed esclusivamente in nome dei sacri valori dell’Amicizia e della Cavalleria.


intellettualismo etico

Il male, spesso, è mancanza di ragionamento.
Nel corso della storia, le persone che si sono comportate in modo scorretto, o semplicemente hanno permesso che cose scorrette avvenissero, hanno fatto il ragionamento di chi (ancora) non usa l’intelletto.
Se solo avessero fatto qualche passaggio in piú, avrebbero capito che non è giusto danneggiare gli altri, non è giusto danneggiare l’ambiente, non è giusto recare danno alcuno a qualsiasi essere vivente.
Esiste anche, è vero, il male che nasce dall’egoismo, dai complessi da colmare e dalla fame.
Anche in questi casi, tuttavia, basterebbe (more…)


l’ora (multietnica) di religione (2)

“Chi scrive ha sempre ritenuto che la religione a scuola non andrebbe insegnata per nulla, essendo altre le sedi che possono tranquillamente farsi carico di questo compito.
Se cosí non può essere, che si riconosca, almeno, che le religioni chiamano in modo diverso un Dio che, con ogni probabilità, è lo stesso per tutti.”

il sottoscritto, in un precedente post
Non di solo cattolicesimo vive il fanciullo e a Bologna, a quanto sembra, lo sanno. Leggo* di una lodevole iniziativa posta in essere in alcune scuole del petroniano capoluogo dove, in alternativa alla religione cattolica tradizionalmente insegnata, si pone in essere un progetto dedicato alle culture religiose di tutto il mondo.
Il progetto della primaria Don Minzoni in san Donnino si chiama (more…)


buona resurrezione!

Quali che siano le coordinate spirituali o i personali convincimenti, la Pasqua e la Primavera simboleggiano la vita che rinasce e la speranza di una morte che, pur necessaria agli equilibri della natura, sempre sarà sconfitta.
Quest’anno, desideriamo formulare auguri particolarmente sentiti a chi ha perso un affetto, un parente o un amico, affinché mai abbandoni la certezza della resurrezione.

PS: Fabrizio Frizzi rideva con la lettera A; secondo alcuni studi, la vocale che usiamo per ridere rivela la nostra personalità e, nel caso, ha espresso nel migliore dei modi l’indole aperta, schietta e solare che caratterizzava il personaggio.


a Natale puoi…

Il Natale cristiano è la festa della solidarietà. È particolarmente bello, in questo periodo, ricordarsi di chi è meno fortunato e rivelare il proprio lato migliore, quello piú generoso.

La delibera di taluni sindaci recante il divieto di aiutare i mendicanti, e a questi ultimi di chiedere aiuto, è esecranda, in nessun modo giustificabile, anche perché si tratta di soggetti piú deboli, che non hanno alcun altro punto di riferimento.

Agli ordini sbagliati, d’altra parte, non si deve obbedire: forze di polizia e vigili urbani potrebbero ricordarsene.


a good Resurrection…

Disney Rapunzel and Eugene, a crucial scene


un sorriso per la sma

Spot con Checco Zalone per la ricerca contro la SMA, atrofia muscolare spinale:


idolatrie del terzo millennio (2)

Nelle epoche storiche contraddistinte dalla presenza di uno Stato Pontificio che accorpava quasi tutta l’Italia centrale, pochissimi intellettuali riuscirono, entro i suoi confini e spesso anche oltre, ad esprimere pienamente la propria indipendenza e a trasmettere liberamente il loro pensiero. (more…)


spunti di riflessione (3)

Dogmi e ipocrisia mandano il mondo indietro.
Libertà e Verità mandano il mondo avanti.


la nobiltà del cammino

Non è nella velocità
con la quale ci si muove
la nobiltà del cammino
né nello sfarzo
dei mezzi di trasporto impiegati
ma nell’onestà
dei passi
e nel traguardo onestamente raggiunto.


before to sleep…

Before going to sleep, tonight, count how many steps you did during the day, if you walked in the Good or in the evil.
It is written that, in a day, the right person sins seven times…

Prima d’andare a dormire, conta quanti passi hai fatto durante il giorno, se hai camminato nel Bene o nel male
È scritto che, in un giorno, il giusto pecca sette volte…


presepi (cine)viventi

È tempo d’alberi e presepi e anche il cinema, nel suo piccolo, fornisce un contributo. Il presepe vivente di Matera, per esempio, è stato quest’anno arricchito dalle scenografie di Cinecittà Studios, che colà trovano ulteriore vita dopo le numerose che già hanno vissuto in quei luoghi. Non bisogna dimenticare, infatti, che molti celebri film sono stati realizzati a Matera, che molti professionisti del cinema sono nati da quelle parti e che lo stesso remake di ‘Ben Hur’ è stato girato, oltre che a Cinecittà, nella Città dei Sassi, Matera, Capitale della Cultura nel 2019.
Fino a oggi, 8 dicembre, il Presepe vivente è (more…)


i successori di Pietro

La puntata di ‘Ulisse – il piacere della scoperta’ in onda il 21 novembre 2015 ha avuto a oggetto il Vaticano e la Basilica di san Pietro. Come precisato a inizio puntata, la riproposizione di tali contenuti ha inteso salutare il Giubileo della Misericordia voluto da papa Francesco, che comincerà ufficialmente l’8 dicembre prossimo venturo. Inevitabili, pur tra le inestimabili bellezze, alcuni riferimenti alla storia del papato, alla tortura di Giordano Bruno a Castel sant’Angelo e a quei pontefici che si ritiene o si sospetta possano essere stati ammazzati nell’ambito degli intrighi di palazzo (secondo Vatican Insider:

Giovanni VIII il 14 dicembre 882  fu avvelenato da uno che poi, per essere certo di essere riuscito nello scopo, gli spaccò la testa a martellate. Bonifacio VII nel 985 fu ucciso mentre fuggiva da Castel S. Angelo e il suo cadavere restò, oltraggiato dai passanti, per giorni davanti alla statua di Marco Aurelio… Bonifacio VII, nel 974 aveva fatto strangolare, sempre a Castel S. Angelo, il suo predecessore Benedetto VI, mentre Benedetto V era morto in prigione, addirittura ad Amburgo, nel 966. C’è solo da pescare: Giovanni XII (…) fu noto per i cattivi costumi, anche in occasione della sua morte violenta nel 964… Prima di lui Giovanni X, papa dal 914 al 928, muore in prigione, ma gli resta la macchia dell’accusa, probabilmente falsa, del suo legame delittuoso con la perfida imperatrice Marozia…Via via nei secoli, passando per Paolo II, veneziano, forse morto all’improvviso il 26 luglio 1471, per indigestione da melone troppo freddo…)

(http://vaticaninsider.lastampa.it/; qualcuno aggiunge Sergio III, Benedetto V, Leone V, Giovanni X, Pio III, Formoso, Pio VIII, Urbano VII, Leone XI, Stefano VI, Leone V, Gregorio V, Giovanni XIV, Giovanni XI “e molti altri ancora!“).

Il nostro pensiero va anche a Giovanni Paolo I che, in simpatica coincidenza con una profezia di suor Lucia di Fatima, morí trentatré giorni esatti dopo la salita al soglio di Pietro; suo fratello, Edoardo Luciani, nel 1998, ha rilasciato al Corriere della Sera un’intervista:

(more…)


la via lattea

Alcuni programmi televisivi (‘La strada dei miracoli’, per dire) sembrano concepiti sulla falsariga de ‘La Via Lattea’ di Luis Buñuel.

Come si ricorderà, la pellicola è una lucida ed esaustiva sintesi di tutti gli approcci che l’animo umano può nutrire verso la religione; si racconta l’itinerario di due peregrini poveri diretti a Santiago de Compostela, il comportamento dei responsabili di un lussuoso ristorante, che conoscono alla perfezione le dispute teologiche ma si comportano in modo poco cristiano nel concreto, di due giovini che si esprimono in modo ribelle contro i dogmi, di due spadaccini che si sfidano a singolar tenzone sul vero significato della Grazia, di due ragazzi alle prese con un rosario e con la santa Vergine che, distanti nell’approccio mentale, devono dormire in stanze diverse della stessa locanda perché uno dei due cita il Vangelo: “Dio non accende una fiaccola per tenerla sotto un moggio”. C’è finanche Gesú, a un certo punto.

Nel caso televisivo, di fronte ai numerosi casi di cronaca che riguardano apparizioni miracolose e statue che trasudano, da un lato è rappresentato l’atteggiamento critico, dall’altro quello fideistico. Da un lato si difende la religione ricordando come questa, quando è matura, non debba appoggiarsi al miracolistico, dall’altro si argomenta che il divino può decidere di manifestarsi in modi diversi.

(more…)


ἰχϑύς (2)

Throughout history, some men threw Pebbles in the Pond.

Upon the arrival of the Pebble, some fishes were immediately awakened, becoming active to improve the Pond.

Others will wake up soon.

Nel corso della storia, alcuni uomini hanno lanciato Sassolini nello Stagno.

All’arrivo del sasso, alcuni pesciolini si sono subito svegliati, attivandosi per migliorare lo Stagno.

Altri si sveglieranno a breve.

rileggi  ἰχϑύς


a great teaching from a little house

We start learning the minute we’re born, Laura.
And if we’re wise, we don’t stop until the Lord calls us home.
Caroline Ingalls, The Little House on the Prairie

Cominciamo a imparare nel momento in cui nasciamo, Laura.
E, se siamo saggi*, non finiamo finché il Signore non ci richiama a sé.”
Caroline Ingalls, La casa nella prateria.

 

 

 

 

It is to remember that the NBC series ‘The Little House on the Prairie

was drawn from Laura Ingalls Wilder’s books.

* Professionals of Italian TV translated ‘wise‘ with ‘humble‘; it is a closely related meaning, given that a wise person has to be aware of its limitations and what still needs to learn.


Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: