Get a site

festival a confronto (67)

  • Ha avuto luogo oggi la presentazione ufficiale, con programma definitivo, del Taormina Film Festival 2021, cui s’accennava anche in altra sede. Da oggi sappiamo qualcosa in piú. L’ambizione di quest’anno è quella di “celebrare il ritorno della magia al cinema” (cit.) e, a questo link, è finanche possibile capirne i motivi.
  • Anche al Prix Italia abbiamo fatto riferimento in un altro post.
  • In un’ottica di “festival a confronto”, nondimeno, non possiamo non plaudire all’iniziativa di Luigi Gubitosi, patron del Giffoni Film Festival. Egli, sulla scorta di un’analisi che ha censito oltre 1300 tra rassegne e festival in tutta Italia, ha pensato d’invitare un po’ tutti ad incontrarsi, nella Multimedia Valley e nella Cittadella del Cinema, per avviare una nuova e solida collaborazione.  Dall’11 al 13 giugno, circa duecento partecipanti a nome di oltre cento festival e rassegne cinematografiche italiane si sono incontrati a Giffoni Valle Piana (Salerno) per confrontarsi, riflettere e costruire nuovi orizzonti progettuali nell’era postCovid. A questo link la sintesi. L’iniziativa si è inserita, peraltro, nell’ambito del cinquantennale del Giffoni Film Festival, la cui prossima edizione vivrà dal 21 al 31 di luglio, con partenza da Bergamo.
  • Dal 19 al 27 giugno è invece prevista l’edizione 2021, la diciottesima, del Sa.Fi.Ter -Salento Finibus Terrae- Film Festival Internazionale Cortometraggio. Quattro giorni tra proiezioni, dibattiti e incontri, per un’iniziativa della Regione Puglia – Assessorato Cultura e Turismo prodotta da Apulia Film Commission, per la direzione artistica del regista Romeo Conte, con il patrocinio dei Comuni di San Severo (Foggia), Sammichele (Bari), San Vito dei Normanni (Brindisi) e, tra gli altri, l’associazione Egnathia di Fasano.
  • Il trentottesimo Lovers Film Festival, al cinema Massimo di Torino dal 17 al 20 giugno, proporrà quaranta film, provenienti da tutto il mondo, di cui trentadue in anteprima nazionale. La direzione artistica è affidata a Vladimir Luxuria per il secondo anno consecutivo; Sandra Milo sarà la madrina per l’inaugurazione, Malika Ayane per la chiusura. Tema conduttore dei film scelti è l’identità di genere e il superamento di ogni barriera; tra i tanti incontri ce ne sarà anche uno con Alessandro Zan per fare il punto sul percorso politico del suo disegno di legge.
  • Nella suggestiva cornice della Nuova Zelanda si muoverà invece la sesta edizione di Studio Italia Italian Film Festival, da quest’oggi, 15 giugno, fino al 22. Organizzato con il contributo e il sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura di Sidney, curato dal direttore artistico Paolo Rotondo, il Festival proporrà un pacchetto di venti film nelle sale di due isole neozelandesi a Dunedin, Napier, Arrowtown, Nelson, Masterton, Palmerston North, Taupo, Matakana, The Bridgeway Auckland, Monterey Takapuna, Christchurch, Wellington, New Plymouth, The Capitol, Silky Otter, Tauranga, Havelock North, Whakatane, Waiheke Island. ll programma del Festival unisce produzione contemporanea con alcuni capolavori classici del cinema italiano; due, in particolare, saranno presentati dall’Istituto: ‘Il gattopardo’ (1963), di Luchino Visconti, e ‘La ciociara’ (1960), di da Vittorio De Sica. Obiettivo dichiarato quello di promuovere e rinsaldare i rapporti tra Italia e Nuova Zelanda.
  • Particolarmente sensibile alle tematiche del lavoro si presenta invece il Premio Cipputi, ispirato, come evidente, all’omonimo operaio inventato dal fumettista Altan. Lascia Torino e arriva a Bologna per i suoi primi venticinque anni, per due serate: sabato 3 luglio con un classico, ‘La classe operaia va in Paradiso’, diretto nel 1971 da Elio Petri, domenica 4 luglio con la consegna del Premio Cipputi 2021 e la proiezione del film vincitore. Sarà lo stesso Altan a consegnare il Premio.
  • Nella nobile terra di Trinacria, oltre a Taormina, risplende anche Messina. Anche altro, se per quello, ma non è la sede. È proprio in quel di Messina, a Santa Teresa di Riva, che avrà luogo, dal 22 al 25 luglio, la sesta edizione dello Zabut Festival. Ideato dall”associazione Taglio di Rema, il festival prevede quest’anno oltre duemila film, provenienti da 106 Paesi del mondo, in lizza per i riconoscimenti al miglior cortometraggio, la miglior colonna sonora, il premio del pubblico e il premio esterno assegnato dal Cinit-Cineforum Italiano dedicato al cortometraggio che “meglio rappresenta i valori della solidarietà e dell’inclusione“.
  • Dal 29 luglio all’1 agosto a Montecatini Terme (Pistoia) vivrà invece Italia film Fedic, il festival del cinema organizzato dalla Federazione italiana dei cineclub. In occasione dell’edizione 2021 – la 71/a – sarà assegnato il premio alla carriera al regista Bruno Bozzetto, maestro del cinema d’animazione, di cui sarà proiettato il cortometraggio ‘Tapum! La storia delle armi’ e un altro della serie ‘Il signor Rossi’. Uno speciale omaggio sarà poi dedicato a Nino Manfredi, attraverso il ricordo del figlio Luca e la presentazione del suo libro ‘Un friccico ner core. I 100 volti di mio padre Nino‘ (Rai Libri). Il festival, con la direzione artistica di Gianluca Castellini e Paolo Micalizzi, è articolato in due concorsi nazionali, Fedic short e Fedic scuola: il primo è dedicato a cortometraggi di qualsiasi genere (fiction, animazione, doc, sperimentale), con durata fino a 30 minuti, prodotti dopo il 1 gennaio 2019, il secondo riguarda progetti video con il coinvolgimento di scuole di ogni ordine e grado al fine di agevolare il linguaggio cinematografico all’interno del sistema scolastico per sensibilizzare le nuove generazioni a forme culturali di valore socio educativo.
  • La diciottesima edizione del Magna Graecia Film Festival di Catanzaro presenterà alcune novità. oltre alla consueta ricerca di cinema emergente, oltre all’abituale offerta di opere prime e seconde, ci saranno due nuove sezioni, rispettivamente dedicate agli esordi internazionali e ai documentari. A firmare la selezione dei giovani autori più interessanti del panorama mondiale ci sarà Silvia Bizio, produttrice, consulente e storica corrispondente per Repubblica e L’Espresso da Los Angeles; a curare la sezione dedicata agli esordi nel documentario e al cinema del reale sarà il giornalista Antonio Capellupo, responsabile della programmazione presso lo storico Cineclub Arsenale di Pisa. Gli incontri e le proiezioni si svolgeranno dal 31 luglio all’8 agosto in più sedi, abbracciando tutta la città di Catanzaro, dal Porto fino al centro storico, con il Complesso monumentale del San Giovanni e Villa Margherita.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: