Crea sito

la settimana della memoria

Martedí prossimo, 27 gennaio, ricorre il settantesimo anniversario della liberazione dei prigionieri dal campo di concentramento di Auschwitz; quest’anno, dunque,  il tradizionale e doveroso ricordo della Shoah si arricchisce, se possibile, di un significato ancor piú evidente.

L’arte ci regala una mostra, ‘I mondi di Primo Levi – Una strenua chiarezza‘, nella Corte Medievale di Palazzo Madama, a Torino, fino al 6 aprile. 

Il cinema ci regala i suoi film, come ‘Corri ragazzo corri‘, nelle sale soltanto il 26, 27 e 28 (dal romanzo di Uri Olev, scrittore ebreo vissuto nel ghetto polacco, fuga di un bimbo che riesce a sopravvivere senza arrendersi, affrontando fame, freddo, violenza e ambiguità dell’animo umano in attesa che la guerra finisca)

nonché ‘La scelta di Barbara‘, passato al Festival di Roma nel concorso Gala, storia del ritorno alla vita di una sopravvissuta (Nina Hoss) ai campi di concentramento, in uscita in Italia con Bim entro i primi tre mesi del 2015.

La televisione ci aiuta a ricordare e a riflettere con i suoi palinsesti:


RAI (‘Per non dimenticare‘; http://www.giornodellamemoria.rai.it/):

La giornata del 27 gennaio sarà interamente dedicata alla ricorrenza, a cominciare dalla celebrazione del Giorno della Memoria in diretta dall’Aula di Montecitorio. La cerimonia sarà trasmessa a cura di Rai Parlamento dalle 11:00 alle 11:55 su Rai3, poi su Rai2 fino alle 12.30. 

Rai 1

Sabato 24 gennaio, alle 00:40, Rai 1 trasmette il film “Hotel Meina” (2007) di Carlo Lizzani all’interno di “Sabato Club”.

Domenica 25 gennaio alle 16:35 “Domenica In” ospita all’interno della puntata uno spazio dedicato al ricordo della Shoah.

Lunedì 26 gennaio Rai1 trasmette in prima serata “Max e Hélène”, un film per la tv diretto da Giacomo Battiato e liberamente ispirato al romanzo omonimo di Simon Wiesenthal, che racconta la storia realmente accaduta di un amore assoluto per quanto martoriato: quello tra Max, un promettente studente ebreo ed Hélène, la giovane figlia di un convinto antisemita. Ma è anche la storia di una caccia serrata ad un sadico criminale nazista. Nel cast, tra gli altri, Carolina Crescentini, Alessandro Averone ed Ennio Fantastichini. – Guarda il promo >>
Domenica 25 e lunedì 26 andranno inoltre in onda a tarda notte, per il Ciclo Omaggio a Primo Levi, gli sceneggiati “Il versificatore”, “La bella addormentata nel frigo” (domenica alle 03:15), “Procacciatori d’affari” e “Il sesto giorno” (lunedì alle 02:30), diretti negli anni ’70 da Massimo Scaglione e tratte dai racconti fantastici dello scrittore piemontese.
Martedì 27, infine, “Uno Mattina” (in onda dalle 06:45) dedicherà un approfondimento al Giorno della Memoria.

Rai2

Venerdì 23 gennaio alle 23:45, Rai2 trasmette il film “Süskind – Le ali dell’innocenza” (di Rudolf Van den Berg, 2012).

Sabato 24 saranno dedicati al tema “Tg2 Dossier” (23:50) e “TG2 Storie” (00:35).
Lunedì 26 gennaio, sempre in seconda serata, “Arpad Weisz, dallo scudetto ad Auschwitz”, condotto da Ubaldo Pantani. Il programma narra la storia di Arpad Weisz (documentata in un libro diMatteo Marani), che dopo aver vinto tre scudetti in Serie A come allenatore, nel 1938 lasciò l’Italia a causa delle leggi razziali varate dal governo fascista. Nel 1940, fu deportato ed ucciso ad Auschwitz con la moglie ed i figli. – Leggi i dettagli >>

Rai3
Giovedì 22 gennaio, in prima serata, La Grande storia presenta il documentario “In nome della razza. Auschwitz, Mengele, SS”. A seguire, alle 22:50, il film “Night Will Fall”, per la regia di André Singer, basato su materiale interamente inedito, che raccoglie le prime immagini visive degli orrori filmati dai fotoreporter all’interno dei campi di concentramento (in particolare del campo tedesco di Bergen-Belsen) all’indomani dell’armistizio. – Vai alla locandina del film e guarda il promo >> 

“Il tempo e la Storia” presenta due puntate dedicate all’argomento: la prima, in onda venerdì 23 alle 13:10 dal titolo “Leggi razziali” e la seconda, martedì 27 gennaio alla stessa ora, su “La Shoah e gli italiani”.
Sempre martedì 27, dalle 10:30 alle 11:55, diretta dalla Camera dei Deputati della Celebrazione del Giorno della Memoria, a cura di Rai Parlamento. La linea passerà poi su Rai2 fino alla conclusione dell’evento, alle 12:30.
Anche “Pane quotidiano” (in onda dalle 12:45 alle 13.10) ricorderà l’anniversario attraverso un libro dedicato alla Shoah della scrittrice Manuela Dviri. In studio, con Concita de Gregorio, il giornalista Gad Lerner.
Giovedì 29, in 1° serata, appuntamento con il film in 1^ Visione RAI “Hannah Arendt” (2014), diretto da Margarethe Von Trotta, che narra la vita della filosofa e teorica politica ebraico-tedesca Hannah Arendt, interpretata da Barbara Sukowa.

RAI CULTURA tra il 21 e il 30 gennaio, proporrà programmi e approfondimentinei suoi tre Canali (Rai Storia, Rai Scuola e Rai 5), offrendo prime serate di qualità, con eventi e dirette. Un palinsesto articolato sulle tre Reti nel corso dei dieci giorni di programmazione dedicata.

Rai5

La “settimana della memoria” di Rai5 si apre venerdì 23 gennaio con un doppio appuntamento serale: alle 21:15 il Film Doc “La pianista bambina”, di Flaminia Lubin con Matilde Ferri. Zhanna e Frina sono due sorelle ucraine che mostrano di saper suonare molto bene il pianoforte. Nel 1941 i tedeschi invadono l’Ucraina: le piccole pianiste scopriranno gli orrori della guerra. A seguire, alle 22:30, “In scena” presenta “Se questo è un uomo” (in replica domenica 25 alle 07:50 e lunedì 26 alle 16:40).

Sabato 24 alle 21:15 (e in replica domenica 25 alle 16.00  e giovedì 29 alle 10:00), Rai5 trasmette lo spettacolo teatrale “Canto del Popolo Ebraico massacrato”. Liberamente tratto dal poema di Yitzhak Katzenelson e andato in scena al Binario 21 della stazione di Milano, sede della Fondazione Memoriale della Shoah, lo spettacolo è proposto nel suo adattamento televisivo da Moni Ovadia che ricorda, con la forza della poesia, del canto e della testimonianza diretta, lo sterminio del popolo ebraico e di tutti coloro che hanno subito la deportazione, la prigionia e la morte perché ebrei, zingari, omosessuali, handicappati o perché si opponevano al regime e al folle progetto di purificazione della razza ariana. Guarda il promo >> 

Lunedì 26 gennaio alle 21:15, in diretta dall’Auditorium Parco della Musica di Roma, Rai Cultura trasmette il concerto “Tutto ciò che mi resta”, una serata-evento dedicata al miracolo della musica composta nei lager che vedrà la partecipazione straordinaria della grande cantante e attrice tedesca Ute Lemper e la voce narrante di Marco Baliani.

Martedì 27 gennaio alle 21:15 appuntamento con il film di Michael Haneke “Il nastro bianco” (2009), vincitore della Palma d’oro al 62° festiva di Cannes. La vita monotona e regolare degli abitanti di un piccolo villaggio della Germania degli inizi del secolo scorso viene turbata da alcuni piccoli e grandi incidenti. Il tutto sotto lo sguardo un po’ inquietante dei bambini del villaggio..

Infine, sabato 31 alle 18.45, “Primo Levi: Il Volto e la Voce”. Il viaggio e l’arrivo a Auschwitz, I “sommersi” e i “salvati”, I tedeschi e la “banalità del male”, il dovere della memoria e l’importanza vitale di raccontare nell’opera, il veleno del lager e il futuro dell’umanità nel volto e nella voce di Primo Levi.
Rai Movie
Domenica 25 gennaio alle 01:30 RaiMovie trasmette il documentario “Ebrei a Roma” di Gianfranco Pannone.
Martedì 27 gennaio, alle 23:30, il film “Good: L’indifferenza del bene” di Vicente Amorim (2008) con Viggo Mortensen, Jason Isaacs, Mark Strong.

Radio3

Tra gli appuntamenti principali che verranno trasmessi su Radio3, martedì 27, dalle 20.30, la serata in diretta dal Teatro delle Muse di Ancona con la proposta del melologo “Sopravvissuti ” tratto da I Cannibali di George Tabori con musiche originali di Claudio Restelli e voce recitante Elio De Capitani; la partecipazione di Gilberto Salmoni, deportato a Buchenwald, i racconti e le testimonianze di molti rappresentanti della Comunità ebraica anconetana.
Ma l’intera settimana, a partire dal 21 gennaio e fino al 27, vedrà ospitati all’interno dei programmi di Radio3 interventi dedicati alla ricorrenza. Rai Junior

Per parlare ai piú piccoli dell’Olocausto e stimolare una riflessione sul Giorno della Memoria e sul suo significato c’è anche un sito ad hoc: www.giornodellamemoria.ragazzi.rai.it. Contributi video, schede di libri e film, spiegazioni su alcune parole chiave, interviste ad esperti, studiosi e scrittori: un sito destinato ai più giovani, ma anche a genitori e insegnanti, che vi possono trovare spunti per avviare un dialogo sul tema con i loro figli e i loro studenti.“Vorrei che i giovani si interessassero a questa storia per pensare, oltre a quello che è successo, a quello che potrebbe succedere, e sapere opporsi a violenze del genere” (Giorgio Perlasca)

History Channel declinerà in chiave il suo intero palinsesto del 27, in ricordo delle persecuzioni subite da ebrei, rom, omosessuali, oppositori politici:

Mi butterò nella tomba con un sorriso, sapendo di avere la morte di milioni di ebrei sulla coscienza”. Così parlava Adolf Eichmann, che da semplice burocrate divenne direttore operativo della “soluzione finale”. A settant’anni dalla liberazione dei prigionieri di Auschwitz, History (canale 407 di Sky) dedica l’intera giornata del 27 gennaio al ricordo delle vittime della persecuzione nazista: ebrei, rom, oppositori politici, omosessuali. Alle 21.00 il canale trasmetterà in prima visione assoluta Gli apostoli di Hitler, documentario che passa in rassegna le vicende dei più stretti seguaci del leader del nazismo, gli ideologi del regime, i pubblici ufficiali che diedero il proprio contributo al suo progetto di sterminio. Un vero e proprio network del male che rese possibile le atrocità naziste: dagli intellettuali che diedero legittimità e diffusero le idee hitleriane presso l’opinione pubblica tedesca ai burocrati, che smistarono senza batter ciglio le direttive dedicate allo sterminio e provenienti dall’alto, fino alla “bassa manovalanza”, che le mise in pratica sulla pelle di milioni di innocenti. Tra i diversi “apostoli di Hitler” emerge Hermann Goering, che ebbe un ruolo significativo nella stesura delle leggi contro gli ebrei, mentre Joseph Goebbels, scrittore fallito, decise di mettere il suo antisemitismo e la passione per la narrativa a servizio della propaganda nazista, realizzando film, scrivendo opuscoli, organizzando roghi di libri ritenuti pericolosi. Heinrich Himmler, capo delle SS, si concentrò nello sviluppo di metodi che rendessero lo sterminio di massa più efficiente, veloce e meno impegnativo per i soldati coinvolti Reinhard Heydrich, capo della Gestapo e soprannominato la “bestia bionda”, fu il responsabile della scomparsa di ebrei e oppositori politici che venivano arrestati, brutalmente interrogati, torturati e, in molti casi, uccisi nonché uno dei principali artefici della conferenza di Wannsee, durante la quale si dette il via libera alla “soluzione finale”.  Vanno poi ricordati i coniugi Koch, Karl ed Ilse: comandante prima del campo di concentramento di Buchenwald e poi di quello di Majdanek, Karl li diresse insieme alla moglie come se fossero dei feudi personali. I due impiegavano le guardie tedesche per scopi privati, toglievano denaro, gioielli e denti d’oro ai prigionieri e sceglievano i detenuti con i tatuaggi più belli per trasformarne la pelle in paralumi, pantofole, guanti o copertine di libri.  La programmazione del Giorno della memoria:

Gli ultimi segreti del Terzo Reich – stagione 1

  • Alle 6.00, Hitler in famiglia
  • Alle 6:55, Il tesoro di Hitler
  • alle 7:50, Gli scheletri di Himmler
  • Alle 8:45, Il lato oscuro di Rommel
  • Alle 9:40, Tutte le donne del Fuhrer
  • Alle 10:35, L’architetto dell’inganno Tzigari, una storia Rom, alle 11:30

Diario di un giovane fascista, alle 12:25

Il Vangelo di Hitler, alle 13:20

Gli ultimi segreti del Terzo Reich – stagione 2

  • Alle 15:10, Missioni impossibili

  • Alle 16:05, Il medico di Hitler

  • Alle 17:00, Il relitto fantasma

  • Alle 18:00, Il tesoro perduto

  • Alle 19:00, Il mistero di Rudolf Hess

Gli apostoli di Hitler, alle 21.00

Olocausto: la fabbrica del male, alle 22:00

Mediaset dedica alla commemorazione – memento della Shoah parte del palinsesto di Rete 4 e di Iris, partendo, però, dal 27 stesso per arrivare fino a sabato 31.

Lunedí 26, su Retequattro, va in onda il documentario ‘Rinascere in Puglia’, di Toni Capuozzo , basato sul ritrovamento di un diario che rivela a tre donne alcune pagine della storia delle loro famiglie e le spinge a tornare da Tel Aviv in Italia per ricostruire tutto.

Martedí 27 alle 21.15 Retequattro trasmetterà ‘Il bambino con il pigiama a righe‘, film diretto e sceneggiato da Mark Herman, adattamento del best seller di John Boyne. A seguire, l’attesissimo e inedito documentario in bianco e nero di Alfred Hitchcock  ‘Memory of the Camps – Memoria dei campi’, rimasto celato per sessant’anni negli archivi militari britannici.

La settimana della memoria di Iris vivrà sotto l’etichetta ‘Se questo è un uomo‘, dal romanzo di Primo Levi, e sarà strutturata in quattro prime serate di grande cinema:

mercoledí 28 andrà in onda ‘Il pianista‘,  di Roman Polański con Adrien Brody; a seguire, ‘Il servo ungherese‘ di Massimo Piesco e Giorgio Molteni;

giovedí 29 sarà trasmesso ‘Senza destino-Fateless‘, di Lajos Koltai, ispirato al libro di Imre Kertész; a seguire, ‘Noi due senza domani‘,tratto invece dal romanzo di Georges Simenon “Il treno”, con Jean-Louis Trintignant e Romy Schneider;

venerdí 30 sarà dato spazio a ‘Defiance-I giorni del coraggio‘, con Daniel Craig e Liev Schreiber; a seguire, ‘La 25ª ora’, con Anthony Quinn e Virna Lisi;

sabato 31 un classico, l’eptapremiato agli Oscar ‘Schindler’s List‘, di Steven Spielberg.

SKY E CIELO

Lunedí 26 gennaio, alle 21.10, Sky Cinema 1 HD (canale 301) ci regala, in prima visione televisiva, ‘Storia di una ladra di libri‘, il film  tratto dal romanzo di Markus Zusak, ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale. La giovane Liesel Meminger ruba dei libri al nobile fine di condividerli con Max, un ragazzo ebreo che si deve nascondere in uno scantinato. Il film è poi replicato il 27, alle 15.25.

Il medesimo canale manda in onda martedí 27 gennaio, dopo la replica de ‘Storia di una ladra di libri‘, un altro film, ‘La chiave di Sara’, ambientato durante il rastrellamento al Velodromo d’inverno. Alle 19.25 andrà in onda ‘Il bambino con il pigiama a righe’ mentre, alle 21, sarà trasmesso in prima visione ‘Anita B.’, di Roberto Faenza, racconto di una sedicenne sopravvissuta ad Auschwitz che tenta di costruirsi una nuova vita. Alle 22.45, ‘Black Book’, di Paul Verhoeven, sulla Resistenza in Olanda.

Cielo manderà in onda lunedì 26 alle 21.10 il film ‘The Believer’, di Henry Bean, scritto con la collaborazione di Mark Jacobson.  Presentato al Sundance Film Festival e al Noir in Festival, tratto da un’opera teatrale scritta dallo stesso Bean, è ispirato liberamente alla vita di Daniel Burros, membro attivo dell’American Nazi Party, nato in famiglia ebraica, circonciso ma antisemita convinto; nel film diventa Daniel Balint ed è interpretato da Ryan Gosling.

Diva Universal (canale 133) prevede la trasmissione, il 27 gennaio alle 21, di ‘The Lady in Nuber 6: Music saved my life, il film che nel 2014 vinse il premio Oscar come Miglior Corto Documenario (rileggi 110 vissuti intensamente).

Alle 21.50, il film biografico ‘Il coraggio di Irena Sendler‘, storia dell’infermiera polacca che salvò la vita di 25oo bambini ebrei.

Sky Arte HD (canale 120 e 400 di Sky) martedí alle 18.50 trasmetterà il documentario ‘Hollywood e l’Olocausto’, sui rapporti tra arte cinematografica e orrori del nazismo. In seconda serata, alle 23.50, verrà proposto ‘L’ultimo degli ingiusti’, di Claude Lanzmann, documentario che indaga la figura del rabbino Benjamin Murmelstein, costretto dai nazisti a organizzare la vita dei deportati, poi accusato di collaborazionismo. La trasmissione del film sarà introdotta da un’intervista che Lanzmann ha rilasciato in esclusiva a Sky Arte HD.

National Geographic Channel (canale 403) martedí, alle 19.55,trasmetterà il documentario ‘Nazisti intercettati’ che, un po’ nel medesimo ambito di ‘The Imitiation Game‘, tratta delle registrazioni segrete dei nazisti raccolte dall’Intelligence britannica nel 1939. Alle 20.55 andranno in onda due episodi de ‘Apocalypse. L’ascesa di Hitler’.

Giovedí 29 gennaio, alle 20.55, ‘Lager: in fuga dalla morte’, storie e vicissitudini dei prigionieri ebrei fuggiti dal campo di Sobibor, in Polonia.

Sky offre comunque la possibilità di fruire questi contenuti anche con Sky Go e Sky On Demand, facendo accesso ai menu Cinema e Documentari e selezionando l’apposita collezione dedicata al Giorno della Memoria.

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: