Crea sito

Posts tagged “ecologia

la follia di Erisittone

Quando l’uomo danneggia la natura fa del male a se stesso ed il mito di Erisittone (Ἐρυσίχθων, Erysíchthōn) lo dimostra con rara efficacia.
Gli Antichi sapevano tutto, d’altra parte, è arcinoto.
Era, Erisittone, (more…)


Desalination: saline water for human consumption

We live in times of aridity and global warming. All the possibilities to increase the amount of drinkable water must be considered and desalination, in my humble opinion, deserves our best attention. As for the subject we want to treat here, desalination is the procedure of extracting minerals from saline water (seas, oceans…) in order to obtain water suitable for human consumption or irrigation. (There also is, e.g., soil desalination, but it is a definitely different issue). (more…)


Leo, what must we do to save the Earth?

‘Please, don’t take this planet for granted!’
Leonardo DiCaprio, at the Oscars
‘Every day, we receive alarming news on the environment, and situation does not do but to get worse, year after year. It is the moment to get rid of reticence, excuses, infinite searches. We represent the last hope for the Earth. It is our duty to protect her, or will the end for us and for all the living beings who populate it. I just want to know how far we’ve gone, how much damage we’ve done, and if there’s anything we can do to stop it!’
Leonardo DiCaprio, presenting the film

On October 30, 2016, National Geographic Channel will broadcast in 171 Countries and in 45 languages ‘Before the Flood’, Leonardo DiCaprio’s docufilm, directed by Fisher Stevens* and produced, among others, by Martin Scorsese; Italian title sounds ‘Punto di non ritorno’ and will be on air on the National Geographic Channel, at 8.55 PM, at the positions 403, 404, 452 of Sky, and on Tv8 at 11.30 PM. It will be also on Amazon Video, Hulu, Facebook, Twitter, YouTube, iTunes apps, Google Play, and many other websites and platforms. (Release in American theatres was on October 21).
DiCaprio’s sensitivity toward global warming, environment and nature is well known. This is why he is so involved in such important issues and is commonly considered the most environmentalist star in Hollywood. He also is UN Peace Ambassador delegated to the weather.
What are the reasons of global warming? Are we able yet to turn it round? Leonardo did (more…)


#overshootday: a watershed date

“Please, don’t take this planet for granted!”

Leonardo DiCaprio

“On August 8, 2016, we will have used as much from nature as our planet can renew in the whole year.”

www.overshootday.org

August the 8, 2016, is a definitely waterspread date for our planet: it is the “Earth Overshoot Day”, previously known as “Ecological Debt Day”.
What does it mean? (more…)


Earth Hour 2016: Worldwide and in Italy

Earth Hour is an important initiative for giving the Earth a help; climate changes are a problem we must be aware of and, as Leonardo DiCaprio remembered, we cannot take this planet for granted , we have just this one.
Thus, worldwide, for the entire day of March 19th, at 20.30 o’clock according to the different time zones, a “shining shadow” will cover the world, starting in the Pacific Ocean and stopping on the Atlantic coasts. For an hour, people and public institutions will turn off the lights of houses and buildings to say stop to the climate change. The initiative was launched by Wwf in 2007, this year it sounds particularly strong thanks to the climate agreement obtained at Paris’ meeting in December.
It has been calculated that 366 monuments and symbolic places will be turned off, such as Empire State Building in New York, Opera House in Sydney, Eiffel tower in Paris.
As for Italy, (more…)


i giardini pensili di Milano (2)

“Il Bosco Verticale” è un complesso di due grattacieli di 80 e 112 metri (rispettivamente 19 e 27 piani), che vanta l’importante valore aggiunto di ospitare ottocento alberi. Sí, ottocento magnifici alberi, tra i tre e i nove metri d’altezza, si spera sempreverdi per regalare ossigeno anche d’inverno. Anche ammesso che non siano magnifici, sono sempre alberi.

Il complesso, che insiste nel quartiere Porta Nuova di Milano, ha vinto ieri l’International Highrise Award 2014; il progettista Stefano Boeri ha commentato:

‘Il premio rappresenta un riconoscimento all’innovazione nell’ambito dell’architettura. Il Bosco Verticale è una nuova idea di grattacielo in cui alberi e umani convivono’ (ANSA)

La necessità di aumentare il numero di alberi e piante a Milano e in tutte le città italiane è una questione della massima importanza, nei confronti della quale, in passato, mi è anche capitato d’esprimermi.

Aggiornamento novembre 2015: il Bosco Verticale si è aggiudicato anche il premio come Migliore Architettura del mondo 2015 assegnato dal Council on Tall Buildings and Urban Habitat e promosso dall’Illinois Institute of Technology di Chicago, battendo concorrenti come il One World Trade Center di New York.

Rileggi I giardini pensili di Milano

e, giusto per la completezza, I giardini pensili di Chicago


when I am dead, my dearest (2)

In un precedente articolo si dava qualche indicazione di massima di sapore testamentario, con particolare riguardo alla possibilità di trasformare le ceneri in diamanti. Alternativa piú che valida sembra adesso provenire da “Urna Bios”, simpatica iniziativa che ci consentirà, una volta trapassati, di diventare alberi.

Novelle Dafne, ci sarà consentito mutarci in piante d’alloro?

Novelle Lisabette da Messina, ci sarà possibile mettere la testa dell’amato nel vaso del basilico?

Quasi. Le nostre ceneri, deposte in apposito contenitore, daranno nutrimento ad un seme di pino che crescerà e, una volta “biodegradato” il contenitore, diventerà un albero vero e proprio, che restituirà alla natura un essere vivente vegetale in luogo dell’umano che se n’è andato.

Si badi, anche il pino ha significati profondi; è un sempreverde e gli antichi attribuivano valenze magiche alle sue fronde, tant’è che una delle possibili etimologie di Pinocchio è legata proprio alla parola pino.

A onor del vero, pare che oltre al pino, si possano usare anche altre piante, magari anche alberi da frutto; dopo il salto, attingendo direttamente al sito ufficiale, il funzionamento preciso della procedura.

(more…)


Earth Day 2014 – Green cities

“Every year on April 22, over a billion people in 190 countries take action for Earth Day. From San Francisco to San Juan, Beijing to Brussels, Moscow to Marrakesh, people plant trees, clean up their communities, contact their elected officials, and more—all on behalf of the environment. Like Earth Days of the past, Earth Day 2014 will focus on the unique environmental challenges of our time. As the world’s population migrates to cities, and as the bleak reality of climate change becomes increasingly clear, the need to create sustainable communities is more important than ever. Earth Day 2014 will seek to do just that through its global theme: Green Cities. With smart investments in sustainable technology, forward-thinking public policy, and an educated and active public, we can transform our cities and forge a sustainable future. Nothing is more powerful than the collective action of a billion people.”

from the official website

Earth Day is every year, on April 22.

In 2014 it is the time of ‘Green Cities‘.

For the Italian Association, click here.


balli a Napoli e non muori

Il giovane del video sottostante ha usato il linguaggio della danza per sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema che attanaglia l’antico e nobile capoluogo della Campania:

i rifiuti.

Comincia a danzare da solo, in mezzo alla spazzatura ma anche alle bellezze di Napoli, e riesce ben presto a coinvolgere gli altri, dimostrando quanto la solidarietà e la sensibilizzazione siano importanti:

 

 


il potere del Sole

Mi fa ridere chi sottovaluta la potenza dell’energia solare!

Il Centro congressi ed eventi che verrà inaugurato a Milano il prossimo maggio nel luogo dove sorgeva il Milano Convention Center sarà dotato di un impianto fotovoltaico in grado di fornire energia a tutto il quartiere meneghino che ospiterà la struttura.

Il MIT (Massachusetts Institute of Technology) ha inoltre creato la foglia artificiale.

Grande quasi quanto una carta da gioco, questa cella è in grado di riprodurre la fotosintesi clorofilliana delle piante, trasformando la luce e l’acqua in energia. Solo che ne produce dieci volte tanta!

Secondo gli studiosi che hanno lavorato al progetto, un suo ulteriore sviluppo potrebbe mettere le persone nelle condizioni di riscaldare le loro abitazioni autonomamente e molti Paesi del Terzo mondo potrebbero trarne inimmaginabili vantaggi!


Adrano e l’Etna

Il vulcano Etna è legato a molti miti.

Zeus e Athena schiacciarono sotto la sua massa il gigante ribelle Encelado.

Efesto e i Ciclopi operavano nelle sue magmatiche viscere. Secondo Eschilo anche Tifone venne confinato colà. Vi finirono dentro, per motivi diversi, il filosofo Empedocle e re Teodorico.

Chi abita da quelle parti conosce anche la storia di Adrano, il dio che viveva proprio in prossimità del cratere. Aveva dei cani, i fedeli cirnechi, che accompagnavano fedelmente al tempio quanti vi accorrevano con devozione, mettendo in fuga i ladri e i malintenzionati (a tutt’oggi c’è una razza di cani che si chiama “cirneco dell’Etna”).

Helios, per rimanere sul mitologico, ha sempre regalato caldi raggi ricchi d’energia per gran parte dell’anno,  dal suo cocchio dardeggiando instancabile.

Non per niente, il comune di Adrano, dove ricordo d’essere stato in gita scolastica nel 1988, ospita una centrale per la produzione di energia solare concepita proprio per mettere a frutto la generosità del Sole.

In questi giorni si parla nuovamente di energia nucleare, che presenterebbe qualche vantaggio ma anche numerosi problemi in termini di costi, rischi e tempi.

Helios dardeggia generoso non solo sulla Sicilia ma su gran parte del Paese. Perché non preferirlo?

Ops… dimenticavo Eolo…


la spazzatura secondo Paperino

Capita, talvolta, che le grandi letture formative dell’adolescenza (e dell’infanzia) rivelino a distanza di tempo la loro attualità.

Da fanciullo non ho mai disdegnato le vicende di Topolino, Paperino & Co. e, scorrendo distrattamente gli scaffali della mia giovinezza, ho trovato qualcosa che, come si dice, sta come il cacio sui maccheroni. Meglio, come la spazzatura nel cassonetto.

Nel pubblicare questo post spero solo che la Disney non mi denunci per lesione del copyright e che le persone che effettivamente vivono certe problematiche non si offendano nella loro sensibilità. (more…)


Allarme del WWF: un pianeta non basta!

Leggo su Repubblica.it un interessante articolo, nel quale viene presentato l’ultimo rapporto del WWF riguardo le condizioni di salute del pianeta Terra.
Gli ecosistemi si stanno danneggiando irrimediabilmente, la biodiversità corre il rischio di diventare una parola priva di significato, e lo sfruttamento dissennato delle risorse metterà il pianeta in ginocchio. Non è una profezia di Nostradamus,
sono le conclusioni del “Living Planet Report 2006“, presentato stavolta dalla Cina, il paese che sta conoscendo la fase di sviluppo più rapida.
In trent’anni le specie terrestri si sono ridotte del 31%, quelle di acqua dolce del 28% e quelle marine del 27%. Il peso dell’impatto umano sulla Terra è più che triplicato nel periodo tra il 1961 e il 2003, ha già superato nel 2003 del 25% la capacità bioproduttiva dei sistemi naturali da noi utilizzati per il nostro sostentamento.
Il nostro apporto di CO2 in atmosfera è cresciuto di nove volte dal 1961 al 2003.
Noi italiani figuriamo al 29° posto nella non invidiabile hit parade delle nazioni scialacquatrici (mai aggettivo fu più azzeccato, dato che proprio l’acqua è una delle risorse a rischio…).
Mi permetto di pensare che taluni black out che abbiamo conosciuto di recente siano, almeno in parte, un tragico memento di quanto sta accadendo.
Se va avanti così, avremo bisogno ben presto di cambiare pianeta…

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: