Crea sito

a volte ritornano (12)

  • ‘Lucifer’, serie televisiva Fox trasposizione dell’omonimo fumetto della Vertigo, è tornata in onda anche in Italia, con la seconda serie. Si può gustare su Mediaset Premium Action (HD e +24), vedere in streaming su Premium Play, sull’app dedicata e su Premium Play on Demand.
  • Secondo molte indiscrezioni e intenzioni per la verità già dichiarate, la televisione italiana potrebbe ospitare nuovamente la ‘Corrida’ di Corrado. Stavolta, però, la condurrebbe Carlo Conti e andrebbe in onda su Rai 1, già dalla prossima primavera. Nel caso, il conduttore toscano rinuncerebbe allo storico ‘i Migliori Anni’ per condurre una trasmissione cult, nata in radio nel 1968 da un’idea di Luciano Rispoli (forse) e Corrado, da quest’ultimo portata al successo anche in televisione, su Canale 5, dove è stata condotta anche da Gerry Scotti e Flavio Insinna. Sarebbe, in un primo assaggio, un esperimento di cinque puntate, targato Corima – Magnolia; se baciato dal favore del pubblico, tornerebbe in autunno, facendo slittare anche ‘Tale e Quale Show’.
  • S’appropinqua, nel frattempo, anche l’atteso ritorno in televisione di Massimo Giletti. Il sabaudo, profittando di un fan club ufficiale su Facebook, ha dichiarato che tornerà di mercoledí, non di domenica, ovviamente in prima serata. Testualmente: «Per ora mercoledí, poi si vedrà».
  • Beh, se c’è un cantante che ci ritorna spesso in mente, è Lucio Battisti. È uscito venerdí 29 settembre, a cinquant’anni dalla celeberrima canzone eseguita dall’Equipe 84, il cofanetto ‘Masters’, una raccolta di sessanta brani in tre versioni, da quattro CD, in versione deluxe con otto LP in pasta colorata ed un booklet di dodici pagine ricco di foto e testimonianze, oppure anche in cofanetto triplo LP da ventisei tracce. L’intento è quello di proporre un Lucio Battisti ‘mai ascoltato prima’, con una rimasterizzazione presentata a Milano da Stefano Patara, general manager per il catalogo di Sony Music: i nastri analogici originali contenenti tutti i master sono stati recuperati dagli archivi in Germania, puliti e restaurati separando i tre strati del nastro e quindi digitalizzati con una conversione allo standard di alta definizione 24 bit / 192 kHz. Fra i brani raccolti è opportuno ricordare ‘Un’avventura’, ‘29 settembre’, ‘Balla Linda’, ‘Io vivrò senza te’, ‘Nel cuore, nell’anima’, ‘Acqua azzurra, acqua chiara’, ‘Fiori rosa, fiori di pesco’, ‘Il tempo di morire’, ‘Mi ritorni in mente’, ‘Emozioni’, ‘Dieci ragazze’, ‘Anna’, ‘7 e 40’, ‘La collina dei ciliegi’, ‘Pensieri e parole’, ‘Il mio canto libero’, ‘Il nostro caro angelo’, ‘La luce dell’est’, ‘I giardini di marzo’, ‘Io vorrei… non vorrei… ma se vuoi’, ‘Innocenti evasioni’, ‘E penso a te’, ‘La canzone del sole’, ‘Dio mio no’, ‘Ancora tu’, ‘Amarsi un po’, ‘Una donna per amico’, ‘Nessun dolore’, ‘Sí, viaggiare’, ‘Con il nastro rosa’, ‘Respirando’.

  A questo primo cofanetto farà seguito la riedizione dell’intera discografia battistiana, che avrà inizio già in  ottobre con ‘Una giornata uggiosa’ e ‘Lucio Battisti, la batteria, il contrabbasso, eccetera’ e proseguirà per due anni con uscite trimestrali. Per volere della vedova, gli inediti non possono essere toccati. Fino al 5 ottobre, è anche allestito un temporary store presso il negozio ‘Vinile’ in via Tadino, 17 a Milano, dove si esibiranno molti artisti italiani. Come ricordavamo in altra sede, il prossimo anno ricorrono peraltro i vent’anni dalla scomparsa del cantante.

  • Torna anche ‘Blow – Up’, di Michelangelo Antonioni. A dieci anni dalla scomparsa del maestro ferrarese, la Cineteca di Bologna porta nelle sale la versione restaurata del film, vincitore cinquant’anni fa del festival di Cannes. Un’anteprima ha già avuto luogo giovedí 28 a Ferrara mentre, da lunedí 2 ottobre e per tutto il mese, ‘Blow-Up’ toccherà ottanta sale su tutto il territorio nazionale, nell’ambito del progetto ‘Il Cinema Ritrovato. Al cinema’. Il restauro di ‘Blow-Up’ è realizzato da Cineteca di Bologna, Istituto Luce-Cinecittà e Criterion, in collaborazione con Warner Bros. e Park Circus, i laboratori Criterion di New York e L’Immagine Ritrovata di Bologna, con la supervisione di Luca Bigazzi, uno dei piú importanti direttori della fotografia del cinema italiano contemporaneo.

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: