brevi dai media (54)

Aggiornamento ed edizione straordinaria: ‘La Gatta Cenerentola’, di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone è nella rosa dei ventisei film tra i quali saranno scelti i cinque che si contenderanno il premio Oscar 2018 come miglior film d’animazione. L’Academy of Motion Picture Arts and Sciences, infatti, ha annunciato l’elenco completo dei magnifici ventisei da cui sarà ricavata la magica cinquina; oltre alla ‘Gatta’, in tale elenco figurano ‘Cattivissimo me 3’, ‘Baby Boss’, ‘Cars 3’, ‘The Emoji movie’, ‘I Puffi 3: Viaggio nella foresta segreta’, ‘Capitan Mutanda’, ‘Ferdinand’, ‘The star’, ‘Lego Batman’, ‘Lego Ninjago’, ‘Coco’, ‘The breadwinner’, ‘Loving Vincent’, ‘The Big Bad Fox & Other Tales’, ‘Birdboy: The Forgotten Children’, ‘Ethel & Ernest’, ‘The Girl Without Hands’, ‘In This Corner of the World’, ‘Mary and the Witch’s Flower’, ‘Moomins and the Winter Wonderland’, ‘My Entire High School Sinking into the Sea’, ‘Napping Princess’, ‘A Silent Voice’, ‘Sword Art Online: The Movie – Ordinal Scale’,  ‘Window Horses: The Poetic Persian Epiphany of Rosie Ming’. La consegna della preziosa statuetta è fissata per domenica 4 marzo 2018.

  • Alcune associazioni giornalistiche hanno organizzato un sit-in davanti alla palestra Femus di Ostia, gestita da Roberto Spada. I cartelli usati nell’ambito dell’iniziativa dicevano “Con le mani siete bravi, vediamo come ve la cavate col microfono, vi aspettiamo”, “Insistere è il nostro lavoro”… Davanti alla palestra, peraltro, sono stati distribuiti anche volantini della rete #nobavaglio e uno striscione, scritto dalla Federazione nazionale stampa italiana e dell’Unione nazionale cronisti italiani, con scritto “No alla censura sulla stampa, no ai bavagli. No a leggi liberticide”. Sembra doveroso anche a noi, in questa sede, esprimere solidarietà a Davide Piervincenzi e al suo operatore, vittime di un’aggressione rozza e balorda nonché, piú in generale, a tutti i professionisti di ‘Nemo – Nessuno escluso’.
  • Fabrizio Frizzi si sta riprendendo, per la gioia di alcune professoresse, dei telespettatori e dei suoi cari. In un tweet, il popolare presentatore ha scritto: “Cari amici, sono felice di potervi scrivere per dirvi che combatto per riprendermi. Grazie a tutti per i messaggi che piano piano leggerò e che mi daranno forza per superare questa brutta avventura. Grazie anche a chi mi ha pensato con affetto senza potermi raggiungere. Prima di tutto devo ringraziare infinitamente i medici dell’Umberto 1° che mi hanno ripreso per i capelli, poi i medici del Sant’Andrea che mi hanno rimesso in piedi e rapidamente sono stati capaci di capire da cosa il guaio era stato generato. Insieme a loro devo gratitudine eterna ai loro infermieri. Naturalmente ringrazio gli amici dell’Eredità e il medico della Dear per la rapidità del soccorso… la Rai intera, il direttore generale ORFEO per la costante vicinanza. Eppoi il fratello Carlo Conti per tutto!“.
  • Ricordate le ultime sulla Disney, sulla decisione d’abbandonare Netflix, sulla piattaforma streaming proprietaria che nascerà nel 2019 e sulla possibilità di acquisizione della 21st Century Fox? Ebbene, le ultimissime sono che, su tale piattaforma, arriveranno le serie tv di ‘Star Wars’, una nuova serie tv Marvel, un adattamento di ‘Monsters & Co.’ e di ‘High School Musical!’.
  • Ricordate la decisione di considerare i videogiochi specialità olimpiche, da noi citata in altra sede? Ebbene, gli ammiratori di eSport, adesso cosí si chiamano, possono soddisfare la loro passione grazie al nuovo canale GINX ESports TV, posizionato al numero 219 di Sky. In lingua inglese, diffuso in 41 Paesi del mondo, il canale è interamente legato al fenomeno del momento e milioni d’ammiratori lo seguono per tenersi aggiornati a FIFA 18, ELeague, Dota 2, League of Legends Call of Duty World League, con competizioni, scontri in diretta tra giocatori, informazioni, documentari, interviste ai giocatori, alle squadre in gara, ai videoblogger e agli streamer piú famosi della community di eSport.  È prevista una lunga lista di programmi live, da Daily Download, The Bridge, passando per First Hour Top 10, con la possibilità di fruizione anche su Sky On Demand. Luca Revelli, Senior Director Partner Channels & Digital di Sky Italia, ha dichiarato: “In un contesto in cui la nuova cultura digitale sta ridefinendo il mondo in cui viviamo e modificando in maniera sempre più evidente le abitudini e gli interessi delle giovani generazioni, Sky si apre all’accattivante universo degli eSports, proprio nel momento in cui questi si stanno rivelando un trend globale nel mercato dell’intrattenimento. Come Sky Italia, siamo davvero contenti di lanciare GINX Esports TV, il primo canale di questo genere nel nostro paese, proprio nel momento in cui il CIO sta valutando la possibilità di includere gli eSports nelle future edizioni dei Giochi Olimpici. Stiamo lavorando con GINX al fine di fare di questo canale TV la destinazione d’elezione per gli amanti del genere”. Nato in UK nel 2007, GINX ESports TV nelle ultime settimane è stato lanciato in Austria, Sud Africa ed Israele; da giugno 2016, grazie a una partnership con Sky e ITV, il canale ha confermato la sua presenza in Europa, Sud-est asiatico e Canada con una programmazione di 700 ore di copertura in diretta. In Italia, la pubblicità sarà raccolta da Sky Media.
  • È uscito venerdí 10 novembre ‘Duets – Tutti cantano Cristina’, interessante esperimento che ha visto la cantante idolatrata da grandi e piccini, primatista mondiale di sigle per cartoni animati, duettare con cantanti di musica leggera per adulti, in una collaborazione Crioma- Warner Music. Ecco i sedici duetti: ‘Pollon, Pollon combinaguai’ (con J-Ax), ‘Nanà Supergirl’ (con Giusy Ferreri), ‘L’incantevole Creamy’ (con Francesca Michielin), ‘Occhi di gatto’ (con Loredana Bertè), ‘Kiss me Licia’ (con Baby K), ‘Magica, magica Emi’ (con Arisa), ‘Mila e Shiro due cuori nella pallavolo’ (con Annalisa), ‘Jem’ (con Emma), ‘I Puffi sanno’ (con Michele Bravi), ‘Siamo fatti cosí’ (con Elio), ‘È quasi magia, Johnny!’ (con La Rua), ‘Una spada per Lady Oscar’ (con Noemi), ‘Che campioni Holly e Benji’ (con Benji & Fede), ‘Sailor Moon’ (con Chiara)’, ‘Piccoli problemi di cuore’ (con Ermal Meta), ‘All’arrembaggio!’ (con Alessio Bernabei). Alla nostra elefantesca memoria sembra di ricordare che anche un altro cantautore, diverso da quelli citati, abbia dichiarato, in passato, di voler cantare ‘L’incantevole Creamy’…
  • Sono sedici, non dodici, i finalisti di ‘Sarà Sanremo’, in onda in diretta da Villa Ormond venerdì 15 dicembre alle 21.15 su Rai1. Solo sei di loro, cui si aggiungeranno i due artisti provenienti dalla selezione di Area Sanremo, saranno le Nuove Proposte di Sanremo 2018 e si contenderanno la vittoria. Dopo le audizioni dal vivo che si sono tenute nella sede della Dear a Roma, infatti, la commissione musicale capitanata da Baglioni e composta da alcuni dei professionisti che realizzeranno la 68/a edizione, Claudio Fasulo, Massimo Giuliano, Duccio Forzano, Massimo Martelli e Geoff Westley, ha selezionato Mudimbi (vero nome Michel Mudimbi, nato il 17/10/1986); Santiago (vero nome Marco Muraglia, nato il 12/8/1984); Mirkoeilcane (vero nome Mirko Mancini, nato il 06/5/1986); Lorenzo Baglioni (nato il 22/9/1986); Ultimo (vero nome Niccolò Moriconi, nato il 27/1/1996); Dave Monaco (nato il 13/3/1996); Jose Nunes (vero nome Jose Kahack Nunes, nato il 15/11/1987); Davide Petrella (nato il 06/8/1985); Nyvinne (vero nome Mirella Nyvinne Pinternagel, nata il 06/3/1997); Iosonoaria (vero nome Ilaria Ceccarelli, nata il 10/3/1983); Giulia Casieri (nata il 23/6/1995); Carol Beria (vero nome Carolina Beria, nata l’11/4/1999); Luchi (vero nome Lucia Carmignani, nata il 2/9/1997); Aprile & Mangiaracina (al secolo Silvia Aprile, nata il 18/5/1987 e Sade Farina Mangiaracina, nata il 28/2/1986); Eva (vero nome Eva Pevarello, nata il 4/04/1990); Antonia Laganà (nata il 7/7/1991). Claudio Baglioni, direttore artistico del festival, ha dichiarato: “Quest’anno Sanremo darà grande spazio ai giovani. Ne abbiamo valutati 650 e selezionati 68, invece di 60, dopo averli ascoltati tutti dal vivo. 68 come le edizioni del Festival: ‘un numero rivoluzionario’ come il ’68, la cui eredità positiva fu l’affermazione dei diritti e dei sogni della generazione giovani. Per questo abbiamo deciso di modificare il regolamento e portare alle fasi finali di dicembre, 16 e non 12 concorrenti (un terzo in piú), di ogni tendenza e linguaggio. Scegliere è stato particolarmente difficile, perché le proposte e le voci erano tutte estremamente interessanti. Il mio augurio a questi ragazzi è che sorprendano voi, come hanno sorpreso noi“.

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: