Get a site

spicchi d’arte tra baffi di storia (74)

  • Gli artisti, i tecnici ed i professionisti del teatro costituiscono alcune delle categorie piú colpite dalla pandemia e dalla quarantena. Oggi è possibile sostenerli anche attraverso l’“Art bonus”, il meccanismo di credito d’imposta del 65%: attualmente possono ricevere donazioni Art Bonus gli enti di spettacolo riconosciuti dal FUS (Fondo Unico dello Spettacolo) appartenenti alle seguenti categorie: fondazioni lirico-sinfoniche, teatri di tradizione, istituzioni concertistico-orchestrali, teatri nazionali, teatri di rilevante interesse culturale, festival, imprese e centri di produzione teatrale e di danza, circuiti di distribuzione, complessi strumentali, società concertistiche e corali, circhi e degli spettacoli viaggianti.
        Sul portale ufficiale sono registrate già 328 realtà con 727 raccolte fondi lanciate (su un totale di 4287). Di queste, 328 sono già chiuse perché si riferivano a stagioni musicali e teatrali passate, ma 399 sono aperte e cercano “mecenati” che desiderino sostenere istituzioni musicali e teatrali nel momento in cui la maggior parte delle produzioni sono ancora impossibili da realizzare.
        Inoltre, con la risoluzione N. 40/E del 15 luglio 2020 dell’Agenzia delle Entrate i voucher per spettacoli promossi dagli enti eleggibili all’Art bonus e annullati causa Covid-19 possono essere trasformati in erogazioni liberali a favore di quegli enti, ottenendo un credito di imposta pari al 65% dell’importo speso per l’acquisto dei biglietti. (⇐ANSA) Il tutto nella ferma convinzione che il sostegno migliore al teatro sia quello d’andarci…
  • “A pochi passi dalla Mole, in via Verdi, si trova il Museo della radio e della televisione dove sono custoditi oltre 1500 documenti e strumentazioni tecniche dall’epoca di Guglielmo Marconi alla radio moderna. Sono in libera consultazione gli archivi digitali sulla storia della RAI e i programmi radiofonici e televisivi prodotti nella sede di Torino.” Cosí recita il testo riprodotto sul sito internet del Comune di Torino. È notizia di questi giorni, invece, che il testé citato Museo, conosce adesso un nuovo allestimento, concepito e realizzato per raccontare i cent’anni di storia del nostro Paese. Tale allestimento, disegnato dallo scenografo Fabrizio Serralungo, consente allo spettatore di muoversi liberamente, senza la mediazione di vetrine o barriere di sorta tra autentici cimeli dell’audiovisivo, quali la cabina di ‘Rischiatutto’, gli arredi di ‘Arrivi e Partenze’, il trespolo di ‘Portobello’, la poltrona verde di ‘Quelli che il calcio’.  Il museo, gratuito come sempre, ha riaperto al pubblico nei giorni 26 e 27 settembre, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, con delle visite guidate.
  • Fondata nel 1978, RDS 100% Grandi Successi è oggi la principale radio italiana di flusso con oltre 5,5 milioni di ascoltatori. L’esperienza, la capacità di rinnovamento e l’evoluzione tecnologica hanno consentito a RDS di diventare oggi una vera e propria entertainment company che ospita la propria total audience su molteplici canali sfruttando a pieno tutte le opportunità di incontro, intrattenimento e coinvolgimento del pubblico. L’ultima innovazione è
    l’introduzione della RDS Social TV, una novità assoluta nel panorama mediatico che unisce lo streaming radiofonico ai contenuti social in modo organico e compatto.Il processo di digitalizzazione ha aumentato le possibilità di incontro e relazione con il pubblico creando l’opportunità di introdurre soluzioni innovative che soddisfino l’esigenza, soprattutto per millennials e generazione Z, di avere contenuti inediti disponibili ovunque si trovino. Per questo motivo, la social TV RDS è disponibile su diverse piattaforme: DTT al canale 265, TivuSat al canale 50, Sky al canale 724, App iOS e Android, Apple TV e Internet alla pagina rdstv.it. I più recenti progetti editoriali di RDS – RDS Next ad aprile 2019 e ora RDS Social TV – sono il frutto della ricerca e della continua sperimentazione dell’entertainment company e si inseriscono in un processo di trasformazione digitale (sviluppo dei social media, affermazione degli influencers, crescente personalizzazione dei contenuti, contaminazione tv – web e dicotomia audio-video) che mira ad offrire agli utenti ascoltatori un’esperienza da veri protagonisti.  L’implementazione digitale di RDS Social TV si caratterizza nella forte e coerente sinergia tra il palinsesto radiofonico ed il mondo social – commenta Alessandro Montefusco, Station Manager di RDS – con contenuti editoriali selezionati e ripresi da diversi canali e contenuti user-generated, inseriti in un sistema cross-mediale pensato per auto-alimentarsi ed essere sempre più una finestra e scoperta sulla musica e artisti 100% Grandi Successi”. “Non solo uno schermo da guardare, ma una tv interattiva e transmediale, dove ascoltare la radio, scoprire curiosità sui profili social dei conduttori di RDS 100% Grandi Successi ed artisti, interagire con la diretta tramite i messaggi, mettere like al brano che sta passando, conoscere il meteo della propria città, vedere a tutto schermo il video della canzone on air e restare sempre aggiornati sulle ultime notizie – aggiunge Massimiliano Montefusco, General Manager di RDS – L’attenzione alla ricerca e cambio di paradigma, che ha caratterizzato la vision di RDS in questi anni, ha portato a ideare un “nuovo media” coerente con le nuove esigenze multi piattaforma e a dare un beneficio sia agli utenti ascoltatori che soluzioni sempre più personalizzate ed innovative ai nostri partner commerciali”. Programmata per i prossimi mesi una campagna di lancio del valore di oltre 1 milione di euro con affissioni nei principali impianti statici e dinamici – poster, maxi digital wall e edicole, led bordocampo presso lo stadio San Siro, metropolitana, mezzi di superficie e circuito taxi – nelle città di Roma e Milano. A partire dal 12 ottobre, la campagna verrà implementata con uno spot TV – on-air sui canali di Discovery e La7 e proiettato nel circuito Cinema UCI – che vedrà protagonisti, oltre all’innovativo prodotto di RDS, i principali conduttori dell’emittente. La campagna vedrà impegnati anche tutti i canali di RDS con promo radiofonici, campagne sponsorizzate sui principali canali digital – Facebook e Google ADS – ma soprattutto contenuti editoriali sui social e sito ufficiale di RDS 100% Grandi Successi.
    (⇐com. stampa)

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: