Get a site

lady Oscar, non sempre le rose appassiscono…

“Lady Oscar non è esistita nella storia*
ma le sue vicende sono state calate con grandissima abilità
nell’intrico di quanto effettivamente accaduto in Francia tra 1767 e 1789.”

dalla tesi di laurea (adatt.)

Era il 10 ottobre 1979 quando ベルサイユのばら (‘Berusaiyu No Bara’, ‘le Rose di Versailles’, da noi nota come ‘Lady Oscar’) faceva la sua comparsa nella televisione giapponese.
Basato sul manga omonimo, di Riyoko Ikeda, prodotta dalla Tokyo Movie Shinsha, diretta da Tadao Nagahama e Osamu Dezaki, dimostrazione ennesima della passione che in Oriente si nutre per la cultura occidentale e per altre umane categorie, ‘Berusaiyu No Bara’ arrivava in Italia nel 1982 diventando ‘Lady Oscar’, uno dei piú grandi successi della televisione commerciale del nostro Paese. Le rose citate nel titolo originale erano tre: Maria Antonietta, Lady Oscar ed il conte di Fersen, sulla base di una biografia scritta da Stefan Zweig e utilizzata dalla Ikeda.
Non è questa la sede per affrescare, pur velocemente, il fenomeno legato a questo anime. Ci va di riflettere, piuttosto sulle categorie che, a quarant’anni di distanza, lo rendono ancora attuale, probabilmente eterno, sicuramente un classico.

  • La meravigliosa colonna sonora, con oltre settanta brani settanta composti da Kouji Makaino. Nel 2016 è uscito un album della Universal Music Japan,  un bellissimo box da tre CD contenenti centouno brani, tutti rimasterizzati in digitale. Il brano forse piú conosciuto è ‘Le rose appassiscono in bellezza’.
  • I disegni, del mitologico Shingo Araki. Quantunque già salito ai Campi Elisi, Araki è probabilmente il disegnatore che ancora oggi piú amiamo; con riguardo ad Oscar, per esempio, come dimenticare i cavalli al galoppo, la rincorsa tra quello di Oscar e quello di Maria Antonietta, i fregi della regia di Versailles, i giochi d’acqua delle fontane, eccetera. Giusto i protagonisti della storia, concepiti in modo piú attuale dai disegni di Shingo Arachi e Michi Himeno
  • La fedeltà della ricostruzione, con il famigerato processo della collana e tanto di collana riprodotta fedelmente. Se non fosse per l’aggiunta di Oscar e André, tutto sarebbe tal quale quanto effettivamente avvenne.
  • Nella puntata di ‘Ulisse – il piacere della scoperta’ del 5 ottobre 2019 si è parlato di Maria Antonietta d’Asburgo – Lorena e a noi sembra d’aver visto, in una veloce carrellata sui tributi che le sono stati tributati dal mondo dei mezzi di comunicazione, anche una pagina del fumetto ‘Versailles no bara’.
    Che sia stata anche lei, Lady Oscar, a dare un contributo alla riuscita del programma?

* a limite si parla di un certo François Augustin Reynier de Jarjayes, generale fedele fino alla fine alla Corona francese; Ryoko Ikeda lo trasformò nel padre di Oscar.

One Response

  1. Ci sovviene d’aver citato il cartone animato di Lady Oscar anche nel nostro ‘Codice Peyo’ e si perdonerà una breve citazione:

    Quanto a voi, Dandy Strabone, potrete penetrare nel mio boudoir ogniqualvolta vi sembrerà opportuno!
    (Maria Antonietta d’Asburgo – Lorena)

    16/10/2019 at 10:56

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: