Crea sito

Il cinema veste placement. Una volta anche di piú.

Il product placement, cioè l’inserimento di riferimenti commerciali, fisici, verbali o visivi in produzioni cinematografiche e televisive, pur presente in gran parte della nostra storia audiovisiva, ha ottenuto una ratifica formale nel Decreto Ministeriale del 30 luglio 2004, noto come Decreto Urbani e sottotitolato come: “Modalità tecniche di attuazione del collocamento pianificato di marchi e prodotti nelle scene di un’opera cinematografica product placement”. Il Decreto firmato nel 2004 da Giuliano Urbani ammette la presenza di marchi e prodotti all’interno di film, a patto che sia “palese, veritiera e corretta” nonché “coerente con il contesto narrativo“. C’è stata poi una direttiva comunitaria, la 2007/65/CE, recepita in Italia nel 2008, che, modificando la precedente 89/552/CE, ha consentito agli Stati membri dell’Unione di ammettere il product placement a determinate condizioni. Quanto alla televisione, il decreto legislativo 44/2010 vuole che all’inizio di un programma e ad ogni ripresa dopo gli spazi pubblicitari sia specificata la presenza di spazi promozionali e che, a fine programma, siano indicati tutti i brand e i prodotti presenti.

È uscito nelle scorse settimane lo studio ‘Dieci anni di product placement cinematografico Made in Italy’, che il Branded Content Lab dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, nella persona di Roberto Nelli, ha dedicato all’argomento, prendendo in esame l’evoluzione del fenomeno nel decennio intercorso tra il 2004 e il 2013; la testata Prima on line consente il download completo dello studio e, introducendolo, commenta:

“In questo decennio l’Università Cattolica di Milano ha condotto numerosi studi su questa forma di ‘comunicazione d’impresa’. Il più rilevante è costituito dall’analisi sistematica dell’esperienza maturata in Italia con riferimento ai film nazionali prodotti dal 2004 al 2013. Una ricerca che consente di delineare le tendenze in atto e formulare alcune interessanti considerazioni di carattere generale sulle strategie adottate dalle principali marche nel corso del decennio. In particolare, dalla ricerca ‘Dieci anni di product placement cinematografico Made in Italy’ (condotta dal Branded Content Lab dell’ateneo milanese e curata da Roberto Nelli) emerge che, delle 416 marche inserite a titolo di product placement nei 144 ‘top film’ campioni di incassi dal 2004 al 2013, solo 12 hanno adottato un approccio strategico continuativo (almeno 300 secondi di placement in totale distribuiti in almeno 5 film nel decennio considerato) e soltanto alcune hanno valorizzato la loro presenza nei film attraverso l’impiego integrato di un mix di comunicazione interna ed esterna.”

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, inoltre, il product placement non è oggi piú diffuso o invasivo di quanto fosse in passato ed il grafico che rappresenta il suo ciclo di vita è il seguente:

Product placement - ciclo di vita

Product placement: ciclo di vita relativo alla durata media dell’inserimento

Leave a Reply

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: