Get a site

spettacolo alla Scala, Barbiere di Siviglia e Meryl Streep

  • Oggi, 7 dicembre, a partire dalle 16.45, andrà in scena l’inaugurazione piú originale e “popolare” che il Teatro alla Scala abbia mai offerto, con diretta televisiva su Rai 1 e RaiPlay. Se n’è ampiamente trattato in altra sede.
  • Sabato scorso, in attesa di piú eclatanti vicende, circa 660.000* spettatori hanno seguito su Rai 3 la rappresentazione del ‘Barbiere di Siviglia’ che ha inaugurato la stagione del Teatro dell’Opera di Roma. È lo stesso Teatro dell’Opera di Roma a ricordarlo, anche a sottolineare come la Bellezza e la Cultura siano davvero in grado di raggiungere molte persone e dare speranza al mondo. Lo spettacolo ora è disponibile su RaiPlay e sarà nuovamente da Rai 5 la notte di Capodanno. A dicembre la programmazione di “Teatro Digitale” proposta online dall’Opera di Roma si arricchisce peraltro di nuovi appuntamenti: una rassegna di concerti sinfonici dell’Orchestra, per la prima volta in live-streaming e diffusi gratuitamente sul canale YouTube dell’Opera: https://www.youtube.com/user/operaroma.
  • Hollywood in fundo, si vorrà convenire che Meryl Streep è sempre stata una dancing queen. Vent’anni dopo Mamma Mia’, sei dopo ‘Into the Woods’, l’attrice


    interpreta con Nicole Kidman la trasposizione cinematografica del musical ‘The Prom’, diretta da Ryan Murphy e prodotta da Netflix, in programma a partire da venerdí prossimo, 11 dicembre. È la storia vera, diventata anche romanzo, di due artiste di Broadway, Dee Dee Allen e Barry Glickman, che, ormai su quello che sembra essere il viale del tramonto, vengono a sapere di una città dell’Indiana dove ad una ragazza, tale Emma Nolan, è stato vietato di partecipare al ballo del liceo con la sua fidanzata Alyssa. Dee Dee e Barry decidono di sfruttare l’episodio di omofobia per rilanciare le proprie carriere e partono per l’Indiana con altri due artisti in declino, gli attori Angie Dickinson e Trent Olivier.

* Per la precisione, 654.000 hanno seguito il primo atto, 681.000 il secondo, per una share del 3,6 e del 4%.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: