festival a confronto (89)

  • Aggiornamento ulteriore: si terrà dal 23 settembre al 2 ottobre il Lucca Film Festival. Tra gli ospiti Peter Greenaway, regista, sceneggiatore, montatore, pittore e scrittore gallese, che alcuni ricordano per aver diretto Giulio Maria Berruti in ‘Goltzius and the Pelican Company’, ma anche Gaspar Noè, Giuseppe Tornatore, Paolo e Lina Taviani, Saskia Boddeke (insieme con Greenaway), Paolo Virzí e Luca Miniero. Proiezioni, anteprime, mostre, musica, incontri; soprattutto, il conferimento per la prima volta nella storia del Premio Dante Alighieri Cinema Award, nato nel 2021 in occasione del settecentesimo anniversario dalla morte del Sommo Poeta, che sarà attribuito al citato Greenaway. Questo il sito ufficiale della kermesse.
  • Aggiornamento 22 settembre: presentato oggi il cartellone della XVII Festa del Cinema di Roma, che vivrà nella Città eterna dal 13 al 23 ottobre 2022. Nell’ambito del concorso “Progressive Cinema – Visioni per il mondo di domani” sono in gara: ‘Alam’, di Firas Khoury, (Francia, Tunisia, Palestina, Arabia Saudita, Qatar); ‘El caso Padilla’ (the Padilla Affair), di Pavel Giroud (Spagna, Cuba); ‘Causeway’, di Lila Neugebauer, Stati Uniti; ‘Foudre’ (Thunder), di Carmen Jaquier, Svizzera; ‘Houria’, di Mounia Meddour, Francia; ‘In einem Land, das es nicht mehr gibt’ (In a land that does not exist), di Aelrun Goette, Germania; ‘Janvāris’ (January), di Viesturs Kairišs, Lettonia, Lituania, Polonia; ‘Jeong-sun’, di Jeong Ji-hye, Corea del Sud; ‘Lv Guan’ (The Hotel), di Wang Xiaoshuai, Hong Kong; ‘Ramona’, di Andrea Bagney, Spagna; ‘Raymond & Ray’, di Rodrigo García, Stati Uniti; ‘Sanctuary’, di Zachary Wigon, Stati Uniti; ‘Shttl’, di Ady Walter, Francia, Ucraina; ‘La Tour’ (Lockdown Tower), di Guillaume Nicloux, Francia.
  • Grandi, grandissimi nomi al Matera Film Festival, previsto nella città dei Sassi dal 1° all’8 ottobre. Patty Jenkins, per esempio, regista di Wonder Woman‘ (il cui primo episodio è stato girato a Matera) e impegnata nel 2023 su importanti progetti DisneyStar Wars. Ma anche Robin Wright, protagonista della serie tv ‘House of Cards’, nonché, nel loro piccolo, Violante Placido e Claudio Santamaria. Ci sarà il magistrato Nicola Gratteri, che parlerà di legalità e ci sarà Piers Handling, direttore esecutivo e CEO del Festival del Cinema di Toronto, già giurato a quello di Venezia. Un concerto di Beppe Servillo e uno di Paolo Vivaldi sviluppano la sezione musicale del progetto, mentre ad animare il ‘salotto del libro’ ci saranno personaggi come Allegra Gucci, Mariolina Venezia e Francesca Barra. Continuando a coltivare il filone narrativo ‘cinema e fumetto’ il festival ha realizzato nel Museo nazionale di Matera un’importante mostra per celebrare i sessant’anni di Diabolik”.
  • Si svolge dal 22 al 26 settembre l’XI edizione del Trevignano FilmFest. “Si comincia giovedì 22 con “Una storia d’amore e di desiderio”, di Leyla Bouzid, protagonisti due ragazzi d’origine nordafricana che vivono a Parigi, lei più disinibita, lui timido e impacciato, e si finisce la sera di lunedì 26 con “Apples” di Christos Nikou che racconta di Aris, colpito da un misterioso morbo che fa perdere la memoria, nel suo tentativo di ricostruirsi una vita. Tredici film, belli e nuovissimi, attorno al tema “le ferite di Adamo – Il cinema racconta le fragilità maschili”. L’undicesima edizione del Trevignano FilmFest sta per scattare al cinema Palma della cittadina sul lago di Bracciano e, come negli anni scorsi, il pubblico che viene da fuori potrà lasciare l’auto nel grande parcheggio gratuito vicino al cimitero e troverà mezz’ora prima di ciascuna proiezione una navetta gratuita che lo condurrà al cinema. Tra gli ospiti, il regista francese Stéphane Brizé, autore del film “Un altro mondo” che verrà presentato la sera di sabato 24 settembre, l’attore siriano Yahya Mahahyni (nella foto) protagonista de “L’uomo che vendette la sua pelle” di Kaouther Ben Hania, che sarà proiettato la sera di venerdì 23 settembre, il regista Marco Simon Puccioni, che ha diretto “Il filo invisibile”, in programma nel pomeriggio di domenica, la professoressa Umberta Telfener, psicologa clinica e della salute, e lo psicologo Jacopo Piampiani, dell’Associazione LUI.” (⇐dal sito). È opportuno ricordare che il Trevignano FilmFest due anni fa si sottotitolava “La versione di Eva”, e rifletteva sulle battaglie delle donne, mentre nel 2021 ha trattato le problematiche dei giovani della “Generazione Zeta”, dal presente e dal futuro incerto. A questo link il programma completo.
  • Esordisce quest’oggi, 21 settembre, nella Capitale, il “Festival del Cinema Ibero-Latino Americano – da Trieste a Roma”. Canto del cigno della stagione estiva della Casa del Cinema, la tre giorni presenta una selezione di film provenienti dall’edizione 2021 dello storico festival triestino (FestCILATS); s’inizia alle 18.30 con il documentario spagnolo ‘Ángeles con espada’, di Javier Rioyo Jambrina, sul rapporto tra Francisco Franco e la Valle dei Caduti, vanaglorioso monumento realizzato per inneggiare alla sua gloria. Altri titoli: il dominicano ‘Malpaso’ di Héctor Valdez; lo spagnolo ‘Buñuel, un cineasta surrealista’, di Javier Espada; la co-produzione ispano-cubano-colombiana ‘Entre perro y lobo’, di Irene Gutiérrez; ‘La mirada incendiada’, di Tatiana Gaviola; l’argentino-messicano-norvegese ‘Mapa de sueños latinoamericanos’, di Martín Weber. I film sono in versione originale, con sottotitoli in italiano curati dal Festival del Cinema Ibero-Latino Americano di Trieste, grazie alla collaborazione con le Università di Trieste e di Udine. L’ingresso alle proiezioni è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. L’iniziativa è promossa da Roma Culture ed è parte del programma di Estate Romana 2022; è debitrice, non di meno, della collaborazione tra l’APCLAIA – Associazione per la Promozione della Cultura Latino Americana in Italia, della Casa del Cinema e della Fondazione Treccani. Per maggiori informazioni www.casadelcinema.it
  • Vive in Emilia Romagna, tra Bologna e Modena, dal 21 al 25 settembre, la XXII edizione del Future Film Festival, prima rassegna italiana dedicata ai film d’animazione, agli effetti speciali, alle arti digitali, che quest’anno pone la sua attenzione verso il “retrofuturo”, “il futuro che ci siamo lasciati alle spalle”. Oltre al concorso principale, dedicato a pellicole provenienti da ogni parte del mondo, faranno bella mostra di sé due retrospettive cinematografiche, una dedicata a Cronenberg, realizzata dalla Cineteca di Bologna in collaborazione con il Festival, l’altra al citato “retrofuturo”, con titoli come ‘Delta Space Mission’, ‘Akira’, ‘Blade Runner‘. Non mancano mostre, possibilità d’incontro e promozione di progetti, anteprime, laboratori per bambini, da ultimo l'”Insert Coin”, con conversazioni tra docenti, esperti e creativi. Commendevole l’impegno per il sociale: per ogni biglietto venduto, infatti, 1 euro sarà devoluto all’Istituto Ramazzini, a sostegno della sua attività di prevenzione e ricerca nella lotta contro il cancro.
  • Si snoderanno invece a Milano, dal 22 al 30 settembre, “Le vie del cinema”, manifestazione dedicata ai grandi festival internazionali promossa da AGIS Lombardia in collaborazione con Fondazione La Biennale di Venezia e sale cinematografiche meneghine. Nove giorni all’insegna del cinema d’autore, con ospiti internazionali, approfondimenti con giornalisti e critici, quindici sale coinvolte e una selezione di ventinove film, in anteprima e in lingua originale sottotitolata, provenienti dalla LXXIX Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, dal LXXV Locarno Film Festival e dal LXXV Festival di Cannes. Ventidue i lungometraggi reduci da Venezia, di cui ben otto dal Concorso internazionale, da ‘All the Beauty and the Bloodshed’ di Laura Poitras (Leone d’Oro) a ‘Saint Omer’, di Alice Diop (Leone d’Argento, Gran Premio della Giuria e Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima Luigi De Laurentiis)), a ‘No Bears’, di Jafar Panahi (Premio Speciale della Giuria) a ‘Tár’, di Todd Field, Coppa Volpi come miglior attrice a Cate Blanchett. Completano le proposte del Concorso ‘Argentina, 1985’ di Santiago Mitre, ‘Les enfants des autres’ di Rebecca Zlotowski, ‘Monica’ di Andrea Pallaoro e ‘The Whale’ di Darren Aronofsky. Cinque i titoli Fuori Concorso: ‘Call of God’, di Kim Ki-duk, ‘Don’t Worry Darling’, di Olivia Wilde, ‘Siccità’, di Paolo Virzí, ‘When The Waves Are Gone’, di Lav Diaz, ‘Nuclear’, di Oliver Stone. Sei i film della sezione Orizzonti, tra i quali ‘Bread and Salt’, di Damian Kocur, e tre le proposte delle Giornate degli Autori con ‘Dirty Difficult Dangerous’ di Wissam Charaf, Premio Label Europa Cinemas . Arrivano da Locarno ‘Regra 34’, di Julia Murat (Pardo d’Oro) e ‘Gigi la legge’, di Alessandro Comodin, insignito a Locarno del Premio della Giuria; da Cannes i Premi per il miglior attore e la miglior attrice “Le Buone Stelle – Broker” di Hirokazu Kore-eda e “Holy Spider” di Ali Abbasi. Gli spettatori potranno acquistare le cinecard da sei e dodici ingressi (al costo di 36 e 48 euro), in prevendita su lombardiaspettacolo.com dalle ore 14.00 di venerdì 16 settembre, oppure i singoli biglietti (8.50 euro) disponibili sempre su lombardiaspettacolo.com dalle ore 14.00 di martedì 20. “le vie del Cinema” aderisce a Cinema in Festa; per la sola giornata di domani, giovedí 22 settembre, gli spettatori potranno sia utilizzare la cinecard online, sia acquistare i singoli biglietti a tariffa agevolata, online e alle casse dei cinema. “le vie del Cinema” è promossa dall’AGIS lombarda con il sostegno del MiC (Ministero della Cultura) e del Consolato Generale della Svizzera a Milano, con il patrocinio della Regione Lombardia e del Comune di Milano, in collaborazione con Fondazione La Biennale di Venezia, il Locarno Film Festival, il Corriere della Sera; gli organizzatori ringraziano Filmidee, LongTake, MYmovies.it, le sale cinematografiche e le case di distribuzione.
  • Vivrà a Napoli, all’Istituto Francese, dal 26 settembre al 1° ottobre, la XXIII edizione del Napoli Film Festival. Film d’apertura sarà, in anteprima nazionale, ‘La ligne -la linea invisibile’, di Ursula Meyer, con Valeria Bruni Tedeschi; prima della proiezione, la regista franco-svizzera farà una presentazione della pellicola, già in concorso a Berlino, né mancherà un concerto della pianista Elena Soresi. Ospiti del NFF anche Marco D’Amore (Incontro ravvicinato il 30 settembre), Renato Carpentieri, Andrea Renzi (con ‘Santa Lucia’, esordio nel lungometraggio di Marco Chiappetta), i campioni di canottaggio Giuseppe e Carmine Abbagnale protagonisti del documentario ‘Due con…’, di Felice Valerio Bagnato e Gianluca De Martino. Un omaggio a Jean Luc godard è previsto per il 30 settembre, con la proiezione restaurata di ‘Bande a Part’ versione restaurata 4k. Tra i fuori Concorso del cortometraggio “Dura Lex” di Maurizio Braucci, frutto di un laboratorio di sceneggiatura con detenuti del carcere minorile di Airola (BN). Nella serata finale sarà proposto ‘La pantera delle nevi’, di Marie Amiguet e Vincent Munier, presentato quest’anno a Cannes e vincitore del premio César come miglior documentario. Per Schermo Napoli Corti sono 28 le opere in concorso. Il festival assegna il Vesuvio Award alla regia, targhe per la migliore interpretazione maschile e femminile.
  • È in essere già dal 15 settembre, per concludersi il 14 dicembre, la XXV edizione del festival ‘Cinema! Italia’ È organizzato ogni anno da “Made in Italy”, con il contributo del MiC (Ministero della Cultura), in collaborazione con la casa di distribuzione Kairos-Filmverleih di Gottinga, dell’Ambasciata e degli Istituti di Cultura e dei Consolati italiani in Germania. Il programma propone cinque film di recente produzione: ‘Ariaferma’ di Leonardo Di Costanzo, ‘Calcinculo’ di Chiara Bellosi, ‘Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di Morto’ di Riccardo Milani, ‘Il Legionario’ di Hleb Papou e ‘Welcome Venice’ di Andrea Segre, cui si affianca un omaggio a Monica Vitti ad un anno dalla sua morte, con la presentazione in versione restaurata di ‘Deserto Rosso’, di Michelangelo Antonioni. È interessante ricordare che, ad ogni proiezione, viene consegnata agli spettatori una cartolina con cui esprimere il proprio gradimento sui film; al termine della tournée, il titolo piú votato sarà premiato a Berlino, ottenendo la distribuzione in Germania, in virtú di un accordo tra la società Kairos-Filmverleih e la già citata “Made in Italy”. Il sito ufficiale è www.associazionemadeinitaly.org

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d bloggers like this: